Uruguai

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Disambiguation note.svg Desambiguação - Se você está procurando outros significados, veja Uruguai (desambiguação) .
Uruguai
Uruguai - Bandeira Uruguai - Brasão de armas
( detalhes ) ( detalhes )
Uruguai - Localização
Dados administrativos
Nome completo República Oriental do Uruguai
Nome oficial República Oriental del Uruguai
Línguas oficiais espanhol
Outras línguas Italiano , portognolo
Capital Montevidéu (1.338.408 habitantes / 2009)
Política
Forma de governo república presidencial
Presidente Luis Alberto Lacalle Pou
Independência 25 de agosto de 1825 do Brasil
Entrada na ONU 18 de dezembro de 1945
Superfície
Total 176,215 km² ( 90º )
% de água 1,5%
População
Total 3 530 912 hab. (2020) ( 131º )
Densidade 18,6 habitantes / km²
Taxa de crescimento 0,24% (2012) [1]
Nome dos habitantes Uruguaios
Geografia
Continente América do Sul
Fronteiras Brasilargentina
Jet lag UTC-3
Economia
Moeda Peso uruguaio
PIB (nominal) 60 180 [2] milhões $ (2018) ( 76º )
PIB per capita (nominal) 17 164 [2] $ (2018) ( 49º )
PIB ( PPP ) $ 81 599 [2] milhões (2018) ( 91º )
PIB per capita ( PPP ) 23 274 [2] $ (2018) ( 60º )
ISU (2016) 0,795 (alto) ( 54º )
Fertilidade 2.0 (2010) [3]
Consumo de energia 2394 kWh / habitante ano
Vários
Códigos ISO 3166 UY , URY, 858
TLD .uy
Prefixo tel. +598
Autom. UY
Hino Nacional Himno Nacional da República Oriental do Uruguai
feriado nacional 25 de agosto
Uruguai - Mapa
1 é um dos 51 estados membros que fundaram a ONU em 1945 .
Evolução histórica
Estado anterior Bandeira da Argentina (alternativa) .svg Províncias Unidas do Río de la Plata
Uruguai Ditadura civil-militar uruguaia (1973 a 1985)

Coordenadas : 33 ° S 56 ° W / 33 ° S 56 ° W -33; -56

Uruguai (ou, raramente, Uruguai [4] ), oficialmente República Oriental do Uruguai (em espanhol República Oriental del Uruguai , referindo-se à posição geográfica que o território ocupava na Confederação das Províncias Unidas do Rio de la Plata [5] ) é um estado sul-americano . Possui uma área de 176.220 km² e 3.431.932 habitantes. A capital é Montevidéu .

Faz fronteira com o Brasil a nordeste e norte, Argentina a sudoeste, o Río de la Plata a sul e o Oceano Atlântico a leste. O Uruguai é uma república presidencialista , o atual chefe de estado é Luís Lacalle Pou ( Partido Branco ). O idioma oficial é o espanhol .

Supõe-se que o território do atual Uruguai foi habitado desde o 7º milênio aC por pequenos grupos de populações nômades . A primeira população assentada foram os Charrúas .

A história oficial começa em 1516 quando, segundo as crônicas espanholas , Juan Díaz de Solís chegou à foz do Río de la Plata e descobriu o país. A versão em português conta que a boca foi descoberta dois anos antes por exploradores portugueses. O primeiro assentamento permanente foi fundado em 1624 na Villa Soriano (às margens do Rio Negro ). A época seguinte foi marcada por confrontos constantes com os portugueses , que reclamavam a soberania do território. Montevidéu foi fundada em 1726 .

História

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: História do Uruguai .

Período pré-colombiano e colonização

Antes da colonização européia, a única população documentada que habitava o atual Uruguai era a dos Charrúas , uma pequena tribo empurrada para o sul pelos Guaraní do Paraguai . Sua população não ultrapassava um número entre 5.000 e 10.000 unidades [6] .

Nos locais habitados pelos Charrùas, como em Chamangà , foram encontrados antigos exemplos de arte mural , com vários tipos de representações realizadas no interior de cavernas . Ainda hoje, especialmente no contexto latino-americano, as pessoas com nacionalidade uruguaia costumam ser chamadas de charrúa ; por exemplo, a seleção uruguaia de futebol costuma ser chamada de Los Charrúas .

Os espanhóis chegaram aos territórios do atual Uruguai em 1516 , mas a forte resistência à conquista adversária da população local, junto com a aparente ausência de ouro e prata , limitaram muito os assentamentos nos séculos XVI e XVII. O Uruguai se tornou uma zona de contenção entre os impérios espanhol e português ; em 1603, os espanhóis introduziram o gado , cuja criação se tornou uma fonte muito importante de riqueza econômica [6] . O primeiro assentamento permanente foi o de Soriano , no Río Negro, fundado pelos espanhóis em 1624 , enquanto entre 1669 e 1671 os portugueses construíram um forte em Colonia del Sacramento [7] , porém a colonização pela Espanha tornou-se cada vez mais difundida, especialmente com os intenção de limitar a expansão das fronteiras portuguesas do Brasil .

Os espanhóis também fundaram Montevidéu , atual capital do Uruguai, em 24 de dezembro de 1726 . Neste período testemunhamos a contínua expansão desta cidade , cujo porto natural rapidamente se tornou um centro de comércio em competição com a capital argentina , Buenos Aires . Em 1776, as regiões do atual Uruguai foram separadas do Vice - Reino do Peru e anexadas ao Vice - Reino do Río de la Plata com o nome de Banda Oriental . A história do século XIX é caracterizada pelo aumento dos confrontos entre as forças coloniais britânicas, espanholas e portuguesas pela conquista da região composta por Argentina, Brasil e Uruguai [8] . Em 1806 e 1807 o exército inglês tentou tomar Buenos Aires durante a guerra contra a Espanha: conseqüentemente, no início de 1807, Montevidéu foi ocupada por uma unidade de 10.000 soldados ingleses, que deixaram a cidade no meio do ano para partir para Buenos Aires. Aires, com a intenção de lançar um ataque.

Luta pela independência

Batalha de Caseros.

Em 1811, José Gervasio Artigas , que mais tarde se tornaria o herói nacional do Uruguai, organizou uma revolta contra a Espanha, que teve sucesso. Dez anos depois, a Província Oriental de Río de la Plata , como era chamada o Uruguai, foi anexada ao Brasil com o nome de Província Cisplatina após a invasão luso-brasileira de 1816 . No entanto, ele se separou dele em 25 de agosto de 1825 , após vários distúrbios anteriores. O Uruguai independente formou uma federação regional com as Províncias Unidas do Río de la Plata , a atual Argentina: era uma anexação .

As Províncias Unidas de Río de la Plata, junto com a Província Oriental, lutaram contra o Brasil em uma guerra de 500 dias. Nenhum dos lados prevaleceu e, em 1828, o Tratado de Montevidéu , promovido pelo Reino Unido , tornou o Uruguai um estado totalmente independente. A primeira constituição do país foi adotada em 18 de julho de 1830 . O resto do século XIX passou sob vários presidentes com alguns conflitos com países vizinhos. Neste período houve muitas oscilações na esfera econômica e sobretudo na política, e neste período os fluxos de imigrantes, especialmente da Europa, tornaram-se cada vez maiores.

Guerra Civil (1839-1852)

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Guerra Civil Uruguaia .

A cena política permaneceu dividida entre os dois principais partidos do país, os Blancos e os Colorados . Enquanto os primeiros, liderados por Manuel Oribe , eram partidários do protecionismo e zelavam pelos interesses do campo, os segundos, chefiados por Fructuoso Rivera , fomentavam o comércio de Montevidéu. Os Blancos tinham tendências conservadoras, enquanto os Colorados eram orientados para tendências mais progressistas. Ambas as partes levaram o nome das bandanas que usavam: as dos Colorados eram azuis, mas como foram desbotadas pelo sol, substituíram esta cor pelo vermelho; ambos os partidos associados a bandos guerrilheiros da vizinha Argentina. O líder colorado, Rivera, foi presidente de 1830 a 1835 , e foi sucedido por Blanco Oribe, amigo e apoiador do ditador argentino Juan Manuel de Rosas ; os colorados, em vez disso, deram apoio aos unitaristas exilados, liberais e oponentes de Rosas, que quase todos encontraram refúgio na capital. Mas em 1838 Rivera recuperou o poder e moveu Oribe contra ele, ajudado por Rosas. O presidente Blanco tinha ficado ao lado do ditador quando os fuzileiros navais franceses bloquearam Buenos Aires em 1838. Isso levou Colorados e Unitarios a incitar os franceses contra o próprio presidente, e com um exército liderado por Rivera derrubou Oribe, que se refugiou na Argentina.

Manuel Oribe.

Os Unitarios formaram um governo no exílio em Montevidéu e Rivera, com o consentimento secreto dos franceses, em 1839 declararam guerra a Rosas. O conflito duraria treze anos e levaria o nome de Grande Guerra . Um exército de Unitarios em 1840 tentou invadir o norte da Argentina do Uruguai, mas só conseguiu parcialmente. Em 1842 as tropas argentinas, em nome de Oribe, dominaram o Uruguai e ocuparam grande parte do país, mas não conseguiram tomar a capital. Foi aí que começou o cerco de Montevidéu, que durou de 1843 a 1851 : os uruguaios sitiados pediram ajuda a estrangeiros residentes, e se formaram uma legião francesa e uma italiana , liderada por Giuseppe Garibaldi , que ensinava matemática na capital durante a guerra estourou.; ele também foi colocado no comando da Armada Nacional , a marinha uruguaia. Notável foi a obra do herói dos dois mundos, envolvido em muitas ações importantes, principalmente na batalha de San Antonio , que lhe rendeu fama internacional como grande estrategista guerrilheiro.

O cerco não entrou em vigor até que Rosas interferiu nas rotas de navegação no Río de la Plata . Mas quando o acesso ao Paraguai foi bloqueado em 1845 , a Grã-Bretanha e a França se aliaram contra a Argentina, bloqueando Buenos Aires. O ditador fez as pazes com a Grã-Bretanha e a França em 1849 e 1850 , respectivamente , e os franceses concordaram em liberar suas tropas se os argentinos deixassem o Uruguai, enquanto Oribe ainda mantinha o cerco de Montevidéu. Em 1851, o argentino Urquiza se rebelou contra Rosas e, para conseguir apoio, assinou um pacto com os Unitários e o Brasil contra o ditador. Urquiza entrou no Uruguai e derrotou Oribe, dissolvendo o cerco de Montevidéu. Em seguida, ele oprimiu Rosas em 1852 : com a derrota e o exílio do ex-ditador naquele mesmo ano, a guerra finalmente terminou. Também em 1852 a escravidão foi abolida.

Guerra da Tríplice Aliança

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Guerra da Tríplice Aliança .
Venancio Flores.

Infelizmente, a paz não durou muito e um conflito surgiu novamente entre as duas partes. Os confrontos começaram em 1855 , mas culminaram na Guerra da Tríplice Aliança , em homenagem à coalizão formada por Argentina, Brasil e Uruguai contra o Paraguai. Em 1863 , o chefe colorado Venancio Flores organizou uma revolta armada contra o presidente Bernardo Prudencio Berro , Blanco. O General dos Colorados venceu várias vezes, também graças ao precioso apoio do Brasil e da Argentina, que o ajudaram com tropas e armas. Berro então formou uma aliança com o líder paraguaio Francisco Solano López . Em 1864, o governo Berro foi derrubado com a ajuda do Brasil, e Lopez usou isso como pretexto para declarar guerra ao Uruguai. O resultado foi a Guerra da Tríplice Aliança, que viu exércitos brasileiro, argentino e uruguaio lutando contra os paraguaios. Apesar das perdas substanciais (o Uruguai, especificamente, perdeu 95% das tropas), a coalizão dos três países em 1870 venceu. Mas Flores não pôde gozar desta vitória: em 19 de fevereiro de 1868, foi assassinado por um grupo de indivíduos não identificados. Seu rival, Bernardo Berro, também foi morto no mesmo dia.

Ambas as partes estavam exauridas e decidiram em 1870 chegar a um acordo sobre as esferas de influência a serem adotadas. Os colorados teriam conquistado Montevidéu e a região costeira, enquanto os blancos teriam dominado o interior e as áreas agrícolas. Estes últimos foram indenizados em meio milhão de dólares pelo golpe de estado de 1863. Mas as hostilidades políticas, embora em uma forma muito menor, não cessaram.

Desenvolvimentos internos e econômicos após 1890

Após a Grande Guerra, houve um aumento acentuado no número de imigrantes, principalmente da Espanha e da Itália . Alguns dados mostram isso: enquanto em 1860 eles constituíam 48% da população, os imigrantes chegavam a representar 68% em 1868 . Na década de 1870 chegaram mais de 100.000 europeus, em 1879 a população total era de 438.000, um quarto da qual se concentrava em Montevidéu. Houve muitas melhorias do ponto de vista económico, mas também socialmente a situação parecia ter-se tornado mais estável: as infra-estruturas e os transportes desenvolveram-se de forma satisfatória, em 1857 foi inaugurado o primeiro banco . Os europeus introduziram novos métodos na agricultura, que foram muito importantes para o progresso do trabalho do campo. A contribuição demográfica dos imigrantes contribuiu para o notável crescimento de Montevidéu, que passou, como centro, a desempenhar um papel importante na região. Este desenvolvimento centrou-se em particular no porto natural da cidade, que passou a acolher um número crescente de navios: passou de 3 milhões de barcos em 1860 para 17 milhões oito anos depois [ sem fontes ] . Outras cidades, como Paysandrù e Salto, também cresceram muito. Os colorados ocuparam o poder, exceto por breves intervalos, até 1958 .

Século vinte

A primeira metade do século vinte

José Batlle y Ordóñez.

José Batlle y Ordóñez , presidente de 1903 a 1907 , e novamente de 1911 a 1915 , lançou as bases para o desenvolvimento político moderno do Uruguai. Ordóñez iniciou extensas reformas políticas, econômicas e sociais, como um programa de bem-estar e maior participação do governo em vários aspectos da economia. Algumas dessas reformas foram continuadas por seus sucessores. Uma nova era se abriu para o Uruguai: algumas leis desse período foram muito importantes, como a abolição da pena de morte e a introdução do divórcio. 1919 foi um ano crucial para o estado, pois a constituição de 1830 foi alterada após quase 90 anos.A nova constituição, escrita em 1916 , sancionou uma separação completa entre estado e igreja. Ainda hoje, a Igreja Católica tem muito menos influência no Estado do que nos países vizinhos. Esse importante processo foi prejudicado pela grande crise de 1929 , que foi explorada pelo presidente Terra para estabelecer sua breve ditadura em 1933 , quando dissolveu o congresso. Em 1942, uma constituição mais moderada foi promulgada e em 1945 o Uruguai declarou guerra à Alemanha e ao Japão.

A segunda metade do século

No final da década de 1950, os problemas econômicos começaram a surgir, em parte devido ao declínio geral da demanda por mão de obra no mercado mundial de produtos agrícolas. A inflação e o desemprego aumentaram a proporções preocupantes e as condições de vida dos trabalhadores uruguaios deterioraram-se drasticamente. Essa crise econômica levou a tumultos urbanos e guerras, liderados pelo movimento de extrema esquerda dos Tupamaros . Em 1965, a desvalorização da moeda causou protestos e inquietação, mas tudo foi sufocado pelo governo dos blancos. O seguinte governo do Colorado, liderado por Óscar Diego Gestido , tentou melhorar a situação econômica travando a inflação, mas sem sucesso; após a morte de Gestido, em 1967 , iniciou-se o governo de Jorge Pacheco Areco , o que gerou duros protestos por sua orientação muito conservadora.

O golpe militar e a ditadura

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tema em detalhes: golpe de Estado de 1973 no Uruguai e a ditadura civil-militar uruguaia .

A crise geral do estado tornou-se cada vez mais preocupante: com várias medidas o governo Areco tentou limitar as ações de revolta, especialmente as dos Tupamaros, mas os confrontos e a violência pareciam não ter cessado. Em 1971, um Colorado foi ao governo, Juan María Bordaberry , determinado a deter os Tupamaros. Para fazer isso, ele teve que contar com o exército e várias prisões foram feitas em 1972 para suprimir as revoltas. Em 27 de junho de 1973, Bordaberry liderou um golpe militar . Com a dissolução do parlamento e o apoio de uma junta militar , o ditador reprimiu os protestos, principalmente fomentados por sindicatos e estudantes, e baniu partidos de esquerda. A economia continuou a se deteriorar, até porque os militares, nesse período, absorveram metade dos gastos do Estado. Os Tupamaros foram isolados em prisões e submetidos a atos de tortura. Em 1976, Bordaberry foi, por sua vez, demitido pelos militares, que ocuparam o poder ocupando cargos políticos. Alberto Demicheli foi nomeado primeiro no lugar de Bordaberry, que foi deposto alguns meses depois e substituído por Aparicio Méndez . Mas o clima interno não mudou. A partir de 1976 o regime iniciou um lento declínio, um sinal claro foi a derrota no referendo de 1980 sobre a modificação da constituição : 57,2% dos votos foram contra. Isso demonstrou a impopularidade do governo militar, acentuada pelas difíceis condições econômicas.

Durante os anos da junta militar, houve muitos emigrantes, cujo número aumentou dramaticamente com o tempo. Os uruguaios começaram a buscar asilo político em vários países do mundo. Em 1981, Gregorio Álvarez assumiu a presidência, mas mesmo essa mudança não levou a um renascimento do regime, que era cada vez mais perigoso: e em 1984, após um protesto geral de 24 horas, os militares anunciaram o retorno do poder aos civis.

O retorno à democracia

Tabaré Vázquez , presidente cessante do Uruguai.

Nesse mesmo ano realizaram-se eleições nacionais, vencidas pelo candidato dos colorados Julio María Sanguinetti , presidente de 1985 a 1990 . Seu governo era de unidade nacional e voltado para a reconstrução do país. A presidência Sanguinetti promoveu importantes reformas econômicas e consolidou o processo de democratização do Uruguai, mas não faltou sombras: o presidente aprovou a anistia para as violações de direitos humanos perpetradas pelos militares durante a ditadura . Isso causou um racha com a esquerda, que propunha o cancelamento da anistia. As reformas de Sanguinetti estabilizaram a economia, que começou a crescer. As eleições de 1989 foram vencidas pelos Blancos , que permaneceram na presidência até 1995 com o seu candidato Luis Alberto Lacalle , sob o qual a economia cresceu a um ritmo acelerado, mas com oposição da população em relação a algumas medidas de privatização. E assim, em 1995, Sanguinetti saiu vencedor nas pesquisas. Seu segundo mandato focou principalmente em questões delicadas como seguridade social, educação e sistema eleitoral, além da melhoria da qualidade de vida e das condições econômicas.

As eleições de 1999 sancionaram novamente a vitória dos Colorados, unidos aos Blancos, levando o candidato Jorge Batlle à presidência; Tabaré Vázquez , o candidato da Frente Ampla , a coalizão de esquerda, foi derrotado. No entanto, este novo mandato foi caracterizado por recessão econômica e incertezas sobre o futuro. Além disso, a aliança com os Blancos logo deu sinais de enfraquecimento. Nas eleições de 2004 , a Frente Ampla conseguiu vencer pela primeira vez e Vázquez tornou-se presidente. O novo governo está empenhado em resolver os problemas econômicos do país, pretendendo deixar de seguir a linha da impunidade com os expoentes da ditadura militar, como fizeram os governos anteriores. Prova disso é a prisão de Gregorio Álvarez, acusado do desaparecimento de trinta opositores políticos, assassinado em 1978, quando era comandante em chefe do Exército [9] . Nas eleições presidenciais de 2009 , a Frente Ampla voltou a ganhar a maioria, levando o ex-tupamaro José "Pepe" Mujica à presidência, derrotando Luis Alberto Lacalle nas urnas. Ao assumir o cargo, Mujica se comprometeu a reduzir a pobreza e dar continuidade às políticas de investimento público, favorecido pelo bom crescimento econômico do país nos últimos anos, além de estreitar as relações com a Argentina .

A partir de 1º de março de 2015, Tabaré Vázquez, vencedor das eleições presidenciais de 2014 , é mais uma vez presidente.

A chegada da Frente Ampla (Frente Amplio) trouxe mudanças profundas para o país: a taxa de pobreza caiu de 40% para 8%, o salário médio aumentou em 55%, o PIB aumentou, em média, 4% ao ano e o número de pessoas com cobertura médica aumentou de 700.000 para 2,5 milhões. Diversas reformas sociais foram adotadas, como a legalização do aborto e o reconhecimento do casamento entre pessoas do mesmo sexo. [10]

As eleições de 2019, no entanto, viram derrotada a Frente Amplio, cujo candidato Daniel Martinez foi derrotado na cédula pelo candidato de Blancos, Luis Alberto Lacalle Pou (apoiado na cédula também pelos Colorados e pelo novo partido de extrema direita Cabildo Abierto ).

Geografia

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tema em detalhes: Geografia do Uruguai .

O Uruguai é o terceiro menor estado da América do Sul (depois de Trinidad e Tobago e Suriname ), tem uma área de 177.000 km² (dos quais cerca de 2.600 são águas interiores). Ao norte faz fronteira com o Brasil por 985 km e a oeste por 579 km com a Argentina.

O desenvolvimento costeiro é igual a 660 km.

Mapa físico.

Morfologia

O território do Uruguai está localizado em um cinturão de transição dos pampas argentinos às partes montanhosas do sul do Brasil. Grande parte do país está localizada em uma vasta planície com raras formações de colinas que mal chegam a 500 metros acima do nível do mar , as mais conhecidas são a Cuchilla de Haedo no norte e a Cuchilla Grande na parte oriental do país.

A oeste, ao longo do curso do Uruguai, existem grandes pântanos frequentemente inundados pelas enchentes do rio.

Na parte sudeste da costa existe uma estreita planície costeira, arenosa e caracterizada por lagoas, enquanto a costa sobranceira ao Río de la Plata é mais íngreme.

O ponto mais alto do país é o Cerro Catedral (514 m de altitude ), seguido pelo Cerro Ventana (420 m) e o Cerro Colorado (299 m). Globalmente, o país é bastante plano, apenas cerca de 10% do território ultrapassa os 200 metros acima do nível do mar.O terreno é bastante fértil e aproveitável para fins agrícolas, com áreas florestais limitadas (cerca de 5% do território).

Hidrografia

O Uruguai é um país rico em água. Suas fronteiras a leste, sul e oeste são banhadas por importantes rios ou trechos de mar.

Rios

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Rios do Uruguai .

Os sistemas fluviais do país são essencialmente três:

Rio Solís, próximo ao Río de la Plata .
  • os rios que correm para o oeste alimentam o Rio Uruguai que delimita a fronteira com a Argentina, as margens do rio Uruguai são caracterizadas por planícies periodicamente afetadas por grandes inundações. O mais importante de seus afluentes é o Rio Negro, que atravessa todo o país de nordeste a oeste antes de desaguar no Rio Uruguai, uma barreira em seu curso, perto de Paso de los Toros , criou uma bacia artificial, o Embalse del Río Negro que é o maior lago artificial da América do Sul. O principal afluente do Río Negro é o Río Yí .
  • os rios que correm para o leste deságuam no Atlântico ou nas lagoas, geralmente têm profundidade reduzida e caudal variável. Muitos deságuam nas lagoas da planície costeira, sendo que a maior delas, a Laguna Merín , marca a fronteira com o Brasil.
  • os rios em direção ao sul deságuam no Río de la Plata .

Lagos

Clima

Nella parte settentrionale del Paese il clima è subtropicale mentre a sud è mediterraneo offrendo condizioni meteorologiche molto simili a quelle di Italia e Spagna . La temperatura media annua è pari a 17,5 °C. Il mese più caldo è gennaio con una temperatura media di 21 °C mentre quello più freddo è giugno (media di 6 °C).

Le precipitazioni sono distribuite nell'anno e vanno da una media di 1000 mm/anno fino ai 1400 mm/anno nella parte settentrionale del Paese. Il semestre invernale è solitamente più asciutto di quello estivo, il mese più piovoso è marzo.

In inverno sono frequenti intensi venti freddi da sud-ovest, chiamati Pamperos , che colpiscono l'area costiera.

Popolazione

Il popolamento del territorio dell'attuale Uruguay procedette ad un ritmo molto lento, il Paese non aveva risorse minerarie tali da attrarre i conquistadores spagnoli e l'espansione demografica iniziò solo attorno alla metà del XIX secolo , sviluppandosi ulteriormente dopo l'installazione dei primi stabilimenti per la conservazione della carne che determinarono un forte flusso di immigrazione dall'Europa. Questo tipo di immigrazione proseguì per tutta la prima metà del XX secolo , stravolgendo la composizione etnica del Paese che originariamente era formata in massima parte da meticci, e in minor misura da indios e bianchi di origine iberica (chiamati criollos ).

Demografia

L'Uruguay ha una popolazione stimata di 3.431.932 abitanti (luglio 2006 ) [11] per una densità di popolazione pari a 19,7 abitanti per km².

(Fonte dei dati:) [11]

Popolazione dell'Uruguay, Dati della FAO - anno 2005 (in migliaia)

Struttura per età

  • 0-14 anni: 22,9% (maschi 399.409/femmine 386.136)
  • 15-64 anni: 63,9% (maschi 1.087.180/femmine 1.104.465)
  • oltre i 65 anni: 13.3% (maschi 185.251/femmine 269.491)

Età media

  • totale: 32,7 anni
  • maschi: 31,3 anni
  • femmine: 34,2 anni

Tasso di crescita della popolazione

  • 0,46%

Natalità

  • 13,91 nati/1.000 abitanti

Tasso di migrazione netta

  • -0,25 immigrati/1.000 abitanti

Mortalità infantile

  • totale: 11,61 morti/1.000 nati vivi
  • maschi: 12,09 morti/1.000 nati vivi
  • femmine: 10,27 morti/1.000 nati vivi

Aspettativa di vita

  • totale: 76,33 anni
  • maschi: 73,12 anni
  • femmine: 79,65 anni

Tasso di fertilità

  • 1,98 nati/donna (2010)

Etnie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italo-uruguaiani .
Plaza Independencia (Piazza Indipendenza) a Montevideo.

Attualmente la popolazione è composta prevalentemente da discendenti di immigrati di origine europea (provenienti in massima parte dall' Italia : italo-uruguaiani ). Il forte flusso migratorio dall'Europa ha influenzato cultura e architettura del Paese e di Montevideo, la capitale, una città con caratteristiche che richiamano quelle dei grandi centri europei: è stato notato come Montevideo somigli a città come Tel Aviv o Barcellona [12] . Oggigiorno quasi metà della popolazione complessiva dell'Uruguay vive nell' area metropolitana della capitale. La densità della popolazione nella parte meridionale del Paese è sensibilmente più elevata che all'interno dove invece gli insediamenti sono demograficamente meno consistenti.

Le popolazioni indigene ( charrúas , guanaes , yaros , chanaes ) che vivevano di caccia e raccolta sono state quasi del tutto sterminate dalle malattie portate dagli europei o dalla tratta degli schiavisti portoghesi del Brasile nel XVIII - XIX secolo .

La composizione etnica uruguaiana è la seguente:

Religione

In Uruguay non esiste una religione ufficiale ; Chiesa e Stato sono ufficialmente separati [14] ed è garantita la libertà religiosa .

Secondo uno studio condotto nel 2008 dall' Instituto Nacional de Estadística , il cattolicesimo è la religione prevalente (vi aderisce il 45,7% della popolazione); seguono i cristiani non cattolici (9%), gli animisti e gli umbandisti (i seguaci di una religione afro-brasiliana) e gli ebrei (0,4%). Il 30,1% della popolazione crede nell'esistenza di un dio ma non aderisce ad alcuna religione, mentre il 14% si dichiara ateo o agnostico [15] .

  • Cristiani: 54,7%
    • Cattolici: 45,7%
    • Cristiani non cattolici: 9%
  • Credenti non affiliati: 30,1%
  • Atei o agnostici: 14%
  • Altre religioni: 0,4%

Gli osservatori politici considerano l'Uruguay il Paese più laico delle Americhe [16] . La Chiesa non vi ha mai rivestito un ruolo preminente, nemmeno in epoca coloniale, osteggiata dalla fiera resistenza delle popolazioni indigene all'evangelizzazione [17] . Dopo l'indipendenza, le idee anticlericali , provenienti in particolare dalla Francia, si sono rafforzate [18] : già nel 1837 fu riconosciuto il matrimonio civile e nel 1861 lo Stato assunse la gestione dei cimiteri ; nel 1907 fu legalizzato il divorzio e nel 1909 l'istruzione religiosa fu bandita dalle scuole statali [17] . Il processo di separazione fra Stato e Chiesa fu accelerato sotto il governo di José Batlle y Ordóñez ( 1903 - 1911 ) e si concluse nel 1917 con l'emanazione dell'attuale costituzione [17] . Nel 2013 è stato legalizzato il matrimonio omosessuale .

Lingue

La lingua ufficiale del Paese è lo spagnolo nella sua variante rioplatense (vedi dialetti spagnoli ) una parlata diffusa anche nella maggior parte dell'Argentina, che presenta alcune sensibili differenze (soprattutto fonetiche) con il castigliano iberico .

Nella parte settentrionale del Paese, al confine con il Brasile , è diffusa una parlata scherzosamente definita portuñol (portognolo o portunhol), data la forte influenza del portoghese sia nella pronuncia, sia, in misura minore, nelle strutture grammaticali.

Anche la lingua italiana è molto diffusa, soprattutto tra la popolazione oriunda . Nel 1942 tramite decreto venne imposto lo studio obbligatorio dell'italiano nelle scuole superiori uruguaiane.

Ordinamento dello Stato

L'Uruguay è una repubblica presidenziale in base alla costituzione del 1967, modificata nel 1997. Il potere esecutivo è detenuto dal presidente, eletto direttamente e in carica per 5 anni, lo stesso per il vicepresidente. Il potere legislativo appartiene invece all'Assemblea Generale, composta da due camere elette ogni cinque anni: il Senato, di 31 membri, e la Camera dei deputati, di 99 membri.

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dipartimenti dell'Uruguay e Comuni dell'Uruguay .
Dipartimenti dell'Uruguay.

L'Uruguay è diviso in 19 dipartimenti ( departamentos ):

Enclavi, exclavi e basi antartiche

All'interno del territorio uruguaiano si trova un' exclave argentina, l' isola di Martín García (coordinate 34°11′S 58°15′W / 34.183333°S 58.25°W -34.183333; -58.25 con una superficie di circa 2 km² e una popolazione di circa 200 abitanti) situata nei pressi della confluenza fra il fiume Paraná e l'Uruguay un chilometro scarso all'interno delle acque territoriali del Paese, a circa 3,5 km dalla costa uruguaiana nei pressi della cittadina di Martín Chico (situata a metà strada fra Nueva Palmira e Colonia ).

Un accordo firmato dai due Paesi nel 1973 riaffermò la giurisdizione argentina sull'isola, ponendo fine ad una disputa che si trascinava da tempo. Secondo l'accordo, Martín García deve essere destinata ad essere una riserva naturale. L'isola fu rivendicata dall'Argentina al termine della Guerra Grande nel 1852.

Dal 1984 l'Uruguay ha una base in Antartide sull' isola di Re Giorgio , una delle isole dell'arcipelago delle Shetland Meridionali ( 62°11′04″S 58°54′09″W / 62.184444°S 58.9025°W -62.184444; -58.9025 ) a circa 100 km dalla penisola Antartica .

Città principali

La città più popolosa nonché porto principale del Paese è la capitale, Montevideo (circa 1.350.000 abitanti) nella quale si concentra gran parte dell'attività industriale ed economica del Paese. Montevideo ha un ruolo di rilievo nella politica del Sudamerica, è sede dell' ALADI e del segretariato generale del Mercosur .

Di seguito la lista della città con oltre 10.000 abitanti. La tabella riporta i dati degli ultimi quattro censimenti e il dipartimento di appartenenza.

Città dell'Uruguay
N. Città Abitanti Dipartimento
Cens. 1975 Cens. 1985 Cens. 1996 Cens. 2004
1. Montevideo 1.173.254 1.251.647 1.303.182 1.269.648 Montevideo
2. Salto 71.881 80.823 93.117 99.072 Salto
3. Ciudad de la Costa 19.578 34.483 66.596 83.399 Canelones
4. Paysandú 62.412 76.191 74.568 73.272 Paysandú
5. Las Piedras 53.983 58.288 66.584 69.222 Canelones
6. Rivera 49.013 57.316 62.859 64.426 Rivera
7. Maldonado 22.159 33.536 48.936 54.603 Maldonado
8. Tacuarembó 34.152 40.413 45.891 51.224 Tacuarembó
9. Melo 38.260 42.615 46.883 50.578 Cerro Largo
10. Mercedes 34.667 36.702 39.320 42.032 Soriano
11. Artigas 29.256 35.119 40.244 41.687 Artigas
12. Minas 35.433 34.661 37.146 37.925 Lavalleja
13. San José de Mayo 28.427 31.827 34.552 36.339 San José
14. Durazno 25.811 27.835 30.607 33.576 Durazno
15. Florida 25.030 28.445 31.594 32.128 Florida
16. Treinta y tres 25.757 28.117 26.390 25.711 Treinta y Tres
17. Rocha 21.672 24.015 26.017 25.538 Rocha
18. San Carlos 16.883 19.878 24.030 24.771 Maldonado
19. Pando 16.184 19.797 23.384 24.004 Canelones
20. Fray Bentos 19.569 20.135 21.959 23.122 Río Negro
21. Colonia del Sacramento 16.895 19.101 22.200 21.714 Colonia
22. Trinidad 17.598 18.372 20.031 20.982 Flores
23. La Paz 14.654 16.209 19.547 19.832 Canelones
24. Canelones 15.938 17.325 19.388 19.631 Canelones
25. Delta del Tigre 8.831 9.618 14.120 17.457 San José
26. El Pinar 1.874 3.479 10.383 17.221 Canelones
27. Carmelo 13.631 14.127 16.658 16.866 Colonia
28. Santa Lucia 14.101 14.951 16.764 16.425 Canelones
29. Lomas de Solymar 1.266 3.974 10.843 16.018 Canelones
30. Solymár 3.527 6.607 13.942 15.908 Canelones
31. Progreso 8.257 11.244 14.471 15.775 Canelones
32. Young 11.080 12.249 14.567 15.759 Río Negro
33. Dolores 12.771 12.914 14.784 15.753 Soriano
34. Camino Maldonado 8.346 10.082 13.349 15.057 Canelones
35. Paso de Carrasco 8.592 10.278 12.174 15.028 Canelones
36. Juan Antonio Artigas(Barros Blancos) 8.311 10.585 13.464 13.553 Canelones
37. Río Branco 5.697 9.035 12.215 13.456 Cerro Largo
38. Paso de los Toros 13.178 12.826 13.315 13.231 Tacuarembó
39. Juan Lacaze 11.133 12.574 12.988 13.196 Colonia
40. Bella Unión 7.778 12.238 13.537 13.187 Artigas
41. Chuy 4.472 8.257 9.804 10.401 Rocha
42. Nueva Helvecia 8.598 8.768 9.650 10.002 Colonia

Istituzioni

Università

Tra le università dell'Uruguay ricordiamo l' Universidad de la República Uruguay , fondata il 18 luglio 1849 .

Forze Armate

Forze Armate dell'Uruguay

Le Forze Armate dell'Uruguay sono controllate dal Ministro della Difesa, a sua volta subordinato al presidente. Dopo l'offerta di incentivi per il ritiro anticipato, le Forze Armate sono state riordinate fino a giungere all'attuale numero di 14.500 unità per l'esercito, 6.000 per la marina e 3.000 per l'aeronautica. Stando a dati del febbraio 2003, l'esercito ha più di 2.500 soldati impegnati in 12 missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite . I gruppi maggiori di militari uruguaiani sono in Repubblica Democratica del Congo e ad Haiti . Nel 2006 le spese militari hanno assorbito l'1,6% del PIL. In tempi di pace l'arruolamento è volontario, ma in casi di emergenza il governo ha l'autorità di rendere obbligatoria la leva. Per ogni attività militare, volontaria o obbligatoria che sia, bisogna avere compiuto almeno i 18 anni di età.

Le Forze Armate nazionali sono organizzate in:

Politica

Politica interna

Fin dall'indipendenza la scena politica interna dell'Uruguay è stata dominata fondamentalmente da due partiti, quello dei Blancos e quello dei Colorados . Mentre i primi mantenevano un certo grado di influenza nelle zone agricole e campagnole dell'interno, i secondi controllavano la zona costiera e Montevideo, che era al centro di numerose attività portuali e commerciali. Ma la rivalità ei contrasti tra queste due fazioni non videro al centro solo la semplice contesa del potere, bensì differenze politiche che col passare del tempo sono diventate molto relative (come si vedrà, i due partiti sono entrambi di destra e si sono addirittura presentati insieme a delle recenti elezioni). Ma le differenze si vedevano anche nei rapporti politici: inizialmente i Blancos appoggiavano il dittatore argentino Rosas e quello paraguaiano López, al contrario i Colorados strinsero rapporti con Francia , Gran Bretagna e Paesi vicini come il Brasile e l' Argentina del dopo-Rosas. Tuttavia proprio i Colorados si dimostrarono meno corretti, rovesciando ben due presidenti della fazione avversaria. Dopo la fine della Guerra della Triplice Alleanza (vedi storia) i Colorados riuscirono a mantenere il potere fino al 1958, solo con brevi intervalli. Proprio nel 1958 vinsero a sorpresa i Blancos. Nel 1973 ebbero inizio i bui anni della dittatura militare.

Il clima adatto al regime era stato preparato dalla crisi economica, che aveva portato ad una sempre più grave inflazione, e soprattutto da una crisi sociale e politica. Il peggioramento della qualità della vita dei lavoratori aveva causato ampie proteste e scioperi, fino ad azioni di vera e propria guerriglia, spesso organizzate e messe in atto dal violento gruppo di estrema sinistra dei Tupamaros . Come se non bastasse, iniziò proprio allora un periodo di instabilità politica, con la successione rapida di diversi governi che non riuscirono a placare la pericolosa situazione interna di rivolta. Nel 1973 il potere fu preso da Juan María Bordaberry , un Colorado, la cui dittatura di estrema destra si fece notare non solo per la repressione interna dei rivoltosi e degli oppositori, ma anche per un accentramento delle cariche politiche e istituzionali in mano militari. Dopo la destituzione di Bordaberry nel 1976 una serie di capi di Stato scelti dai militari si successero senza riuscire a risolvere i problemi del Paese. Quando, dopo estesissime proteste nazionali, nel 1984 il potere tornò ai civili, incominciò un nuovo periodo politico.

Nel 1985 venne democraticamente eletto presidente Julio María Sanguinetti , Colorado. Cominciò un'opera di ricostruzione, normalizzazione e democratizzazione del Paese, portata avanti da un governo di unità nazionale. Tuttavia la riluttanza se non il rifiuto di perseguire gli esponenti della dittatura militare costituiscono una macchia per l'opera di Sanguinetti. Proprio per questo si staccò dal governo unitario il Fronte Ampio, coalizione di sinistra. A quel punto restarono insieme Blancos e Colorados, ma questi ultimi si staccarono presentandosi da soli alle elezioni del 1989, che vinsero. Tuttavia cinque anni dopo Sanguinetti ottenne un altro mandato, ei Colorados tornarono così a governare il Paese, mentre il Fronte ampio restò una forza minoritaria. Col tempo i Blancos si sono dimostrati più conservatori ei Colorados più liberali, i primi sono da considerarsi di destra ei secondi di centro. I due partiti si presentarono nuovamente insieme nel 1999 con il candidato Jorge Batlle. Batlle aveva manifestato la sua intenzione di fare luce sugli anni del regime dei militari, e aveva denunciato esplicitamente l'eccessiva presenza di corruzione e privilegi nel Paese. Ma la recessione economica contò sull'esito delle successive elezioni. E così nel 2004 ha vinto il Fronte ampio, e per la prima volta è andato al governo il centro-sinistra. Le condizioni economiche dell'Uruguay sono in miglioramento, e si può dire che il Paese abbia un sistema democratico consolidato e politicamente stabile.

Nell'indice della libertà di stampa stilato dai Reporter senza frontiere , l'Uruguay risulta 32º su 179 Paesi analizzati nel 20112012 [19] . Secondo la classifica dell' Economist Intelligence Unit , "Democracy Index", l'Uruguay risulta al 17º posto su 167 Paesi analizzati, essendo uno dei due Paesi dell'America Latina che vengono considerati "full democracies" nel 2011. Tale classifica è stilata basandosi su 60 criteri, riassunti in cinque grandi punti: libere elezioni, libertà civili, cultura politica, partecipazione politica e governo funzionale [20] . L'Uruguay può vantare una tradizione di libertà civili e conquiste sociali: la giornata lavorativa di 8 ore fu infatti introdotta un anno prima che negli Stati Uniti e 4 anni prima che in Francia ; il divorzio ben 70 anni prima della Spagna ; il voto alle donne e il suffragio universale 14 anni prima che in Francia; l'istruzione gratuita e obbligatoria e la separazione fra Stato e Chiesa risalgono ai primi anni del secolo scorso. Nel novembre 2007 inoltre l'Uruguay è divenuto il primo Paese dell'America Latina a legalizzare le unioni omosessuali [21] , mentre nel dicembre 2013 è stato il primo Paese del mondo a legalizzare la produzione e la coltivazione privata di cannabis. L'aborto su richiesta è stato legalizzato nel 2012 mentre nel 2013 è stato legalizzato il matrimonio e l'adozione per le coppie dello stesso sesso.

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni Uruguay-Venezuela .
Il presidente dell'Uruguay Tabaré Vázquez , a destra, con il presidente del Brasile Lula da Silva

Tradizionalmente l'Uruguay ha ed ha avuto stretti legami politici e culturali con i Paesi europei, ai quali si sente molto vicino: ha origini europee circa il 90% degli Uruguaani. Per via della globalizzazione e dei problemi economici del Sud America, i rapporti con gli Stati Uniti si sono fatti più forti, ma non sempre con il consenso della popolazione: JP Areco , presidente del Paese dal 1967 al 1972 , fu aspramente criticato a livello nazionale per la sua politica filostatunitense. Negli anni sessanta l'Ufficio di Pubblica Sicurezza statunitense ha aiutato l'Uruguay nell'addestramento degli ufficiali di polizia, e l'agente italoamericano dell' FBI Daniel Mitrione insegnò i metodi di tortura utilizzati contro la popolazione civile e contro i Tupamaros . [ senza fonte ]

L'Uruguay è un forte sostenitore della democrazia costituzionale, del pluralismo politico e delle libertà individuali, pilastri che vennero negati dal regime e ai quali il Paese è particolarmente attaccato dopo la normalizzazione nazionale. Le relazioni internazionali storicamente sono state guidate dalla neutralità , dal multilateralismo nelle più delicate questioni internazionali, dal rispetto della sovranità territoriale e dalla fiducia nel ruolo della legge per risolvere delle dispute. Tutto questo si riflette nella volontà di cercare mercati per le esportazioni e investimenti esteri.

Lo Stato è uno dei membri fondatori del MERCOSUR , che nel giugno 1991 siglò con gli Stati Uniti il Rose Garden Agreement . Tale accordo economico non fu però operativo fino al 24 settembre 2001 , quando il Mercosur invitò gli USA per discutere le negoziazioni riguardo ad un più flessibile accesso al mercato da parte dei membri dell'associazione sudamericana. L'esito dell'incontro è stato la creazione di quattro gruppi di lavoro sul commercio legato all'industria, sull'agricoltura e sugli investimenti. Inoltre il Paese è membro del Gruppo Rio , un'organizzazione di stati dell' America Latina che si occupa dell'assistenza reciproca per questioni delicate come la sicurezza, nonché della Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR).

L'Uruguay è uno degli stati aderenti alla Banca del Sud , partecipando al suo capitale.

Economia

Campo uruguaiano
Agricoltura a Bella Unión
Turismo a Punta del Este
World Trade Center di Montevideo

L'Uruguay ha un sistema economico ben sviluppato, che grazie alla stabilità politica e all'opera di ricostruzione nazionale seguenti la dittatura dei militari, è riuscito a crescere notevolmente. La qualità della vita è relativamente alta e sicuramente superiore rispetto alla media dell' America Meridionale . Il PIL nominale pro capite nel 2012 è di 14.767 dollari (nominale), ma questo reddito discreto è distribuito non molto equamente. Dopo anni di crescita alla fine degli anni novanta la crescita del PIL è entrata in recessione: all'inizio la decrescita è stata contenuta, ma nel 2003 è esplosa con un -10,5%. Nel 2004 l' economia ha incominciato a riprendersi, dapprima lentamente, poi in modo sempre più rapido, tanto da recuperare il terreno perso: nel 2005 il PIL è cresciuto del 10,2% e nel 2006 del 7%, facendo apparire la crisi del tutto superata. Anche altri dati economici sono migliorati: l' inflazione , che nel 2003 era vicina al 20%, è caduta al 6,5% del 2007. Il nuovo governo del Fronte Ampio, sebbene si sia impegnato a continuare a pagare il debito estero [22] , ha anche promesso di intraprendere un Piano di Emergenza per combattere i diffusi problemi di povertà e disoccupazione [23] .

Ma non mancano ombre che destano preoccupazione: la disoccupazione , benché anch'essa in netta diminuzione, è ancora pesante e si attesta al 10,8%. La povertà è in aumento: colpisce il 27% degli abitanti, nel 2007, mentre nel 1999 appena il 6%. La situazione economica uruguaiana è molto strana: da una parte la crescita economica è rapida e sia l'inflazione che la disoccupazione diminuiscono fortemente, eppure dall'altra una percentuale sempre più consistente di cittadini vive sotto la soglia di povertà. La stranezza di questo dato è testimoniata anche dall'Indice di Sviluppo Umano, misuratore della qualità della vita, che ha subito un notevole incremento negli ultimi anni. Nonostante l'economia sia fondamentalmente in mano a privati, lo Stato ancora oggi ricopre un ruolo importante. Inoltre, secondo Transparency International l'Uruguay è il Paese meno corrotto del Sud America dopo il Cile [24] . Il coefficiente di Gini , che misura le disuguaglianze all'interno degli Stati del mondo, in Uruguay è di 44,8: nell'indice, 100 indica assoluta disuguaglianza, e 0 una perfetta uguaglianza tra ricchi e poveri [25] . Pesano in questo senso le differenze tra uomini e donne: nel 2002 il reddito di una donna è pari al 71,8% di quello di un uomo per la stessa attività svolta [26] .

Veduta di Montevideo

L'economia si basa in buona parte ancora sull' agricoltura : il settore primario occupa il 9,3% della forza lavoro, che col tempo si sta spostando sempre più verso i settori secondario e terziario. Le maggiori colture sono quelle dei cereali , in particolare frumento , riso , il mais , l' orzo e il sorgo . Le altre coltivazioni sono quelle di patate , vite , agrumi e in generale frutta . Di rilievo le colture industriali, che alimentano appunto l'apparato industriale e le esportazioni: le principali sono quelle dell'olio: lino , girasole , arachidi e soia . Altre produzioni di questo tipo sono quelle di canna , barbabietole da zucchero e tabacco ; per quanto riguarda lo zucchero, il Paese è autosufficiente. Modestissimo il patrimonio forestale, che copre poco più del 3% del territorio nazionale e fornisce circa 3,2 milioni di m³ di legname.

Prati e pascoli rappresentano all'incirca i tre quarti del territorio dell'Uruguay, il cui allevamento conta su un patrimonio zootecnico abbondante: l'allevamento ovino e quello bovino sono i più sviluppati; quello ovino assicura una buona produzione di lana . L'allevamento è spesso gestito da grandi aziende, dette estancias , che dominano questo comparto produttivo. Notevoli sono i progressi recenti della pesca .

Il sottosuolo è del tutto privo di minerali energetici: l'Uruguay deve ricorrere alle importazioni per compensare la loro mancanza. Tuttavia, sono calati molto i consumi di petrolio grazie al crescente sfruttamento del potenziale idroelettrico nazionale. Il 9 maggio 2016 per la prima volta il fabbisogno energetico nazionale è stato coperto interamente da energie rinnovabili [27] [28] . Le risorse minerarie sono nel complesso varie ma modeste per quantità, e risultano secondarie per lo sviluppo economico. Le principali sono: quarzo , rame , graniti e talco , oro , ferro , gemme , marmo , zinco , piombo , manganese .

Il settore industriale, quasi completamente concentrato a Montevideo, impiega il 16% della popolazione attiva; la produzione industriale è cresciuta del 12,6% nel 2006. Gli stabilimenti lavorano i prodotti agricoli e ittici, ma è abbastanza consistente la presenza di industrie chimiche e tessili; è attiva la raffinazione di petrolio.

Il 70% degli occupati lavora nei servizi, tuttavia il terziario è poco dinamico, benché cresca il numero dei suoi addetti. Però è vivace il turismo, che è in aumento. Gli arrivi, provenienti soprattutto dall' Argentina , assicurano un buon afflusso di valuta estera e l'attività turistica è in discreta espansione. La capitale Montevideo chiama un numero notevole di visitatori. Notevoli sono stati gli sforzi per incentrare il terziario verso le tecnologie informatiche, tanto che l'Uruguay è diventato in America Latina il primo esportatore di software [29] .

Moneta

L'unità monetaria attuale dell'Uruguay è il Peso , con tagli di 1 Peso, 2 Pesos, 5 Pesos, 10 Pesos, 20 Pesos, 50 Pesos,100 Pesos, 200 Pesos, 500 Pesos, 1000 Pesos e 2000 Pesos.

Esportazioni e importazioni

Per quanto riguarda il commercio estero, la bilancia commerciale è abbastanza altalenante, nel 2006 è in passivo. Le esportazioni di prodotti agricoli ed energia elettrica non compensano infatti le importazioni di beni strumentali e petrolio greggio, il cui peso per l'energia è in forte diminuzione.

RussiaGermaniaCinaMessicoArgentinaStati UnitiBrasile
NigeriaCinaParaguayStati UnitiBrasileArgentina

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Uruguay .

Ferrovie

Le ferrovie dell'Uruguay [30] contano circa 2900 km di linee, tutte di scartamento da 1435 mm, trazione diesel, e solo 11 km di binario doppio. La metà della rete è dismessa, mentre transitano solo treni merci nelle tratte di Montevideo-Rivera-Livramento, Piedra Sola-Tres Arboles, Sayago-Minas, Verdum-Planta ANCAP, Carnelli-La Teja, Chamberlain-Paysandu-Salto-Concordia e Algorta Fray Bentos. Attualmente si lavora alla riapertura della tratta 25deAgosto-San José-Ombucitos, mentre è avvenuta la riapertura della tratta fino a San Josè per il traffico passeggeri nel dicembre del 2006.

I servizi passeggeri si fanno in tre tratte suburbane partendo da Montevideo verso Nord (25deAgosto, 63 km), Ovest (san Josè, 96 km condividendo i 63 km della tratta per 25deAgosto) e nordest (Ing. Victor Sudriers, 44 km, condividendo i primi 8 km con le altre due) Dal 1º marzo del 2003 i treni passeggeri partono e arrivano ad una nuova stazione 500 metri a nord della Stazione Centrale di Montevideo, la quale è chiusa da allora. Questo ha significato la perdita di più di 100.000 passeggeri [31] .

La Administración de Ferrocarriles del Estado è l'attuale società amministratrice della rete e dei movimenti dei treni. È permessa la circolazione di materiale di altre aziende e istituzioni, di cui varie hanno i loro vagoni e locomotive (ANCAP, AUAR, CEFU, CUCP).

Dati sui trasporti merci per ferrovia

  • ANNO 2000: Tonnellate 1:321.338, Tonnellate-Kilometro 238:686.674
  • ANNO 2001: Tonnellate 1:191.154, Tonnellate-Kilometro 219:166.926
  • ANNO 2002: Tonnellate 822.745, Tonnellate-Kilometro 178:135.295
  • ANNO 2003: Tonnellate 881.056, Tonnellate-Kilometro 187:595.062
  • ANNO 2004: Tonnellate 1:220.046, Tonnellate-Kilometro 296:546.835

Dati sui trasporti passeggeri (biglietti venduti e abbonamenti, non sono compresi i treni speciali):

  • ANNO 2000: 277.073
  • ANNO 2001: 244.427
  • ANNO 2002: 383.339
  • ANNO 2003: 547.550
  • ANNO 2004: 464.449
  • ANNO 2005: 532.747
  • ANNO 2006: 695.607

Ambiente

La costituzione del Ministero per l'ambiente ( Ministerio de Vivienda, Ordenamiento Territorial y Medio Ambiente ) risale al 1991. I maggiori rischi ambientali sono legati all'inquinamento dei fiumi, all'erosione dei terreni e alla mancanza di una politica di riciclaggio dei rifiuti. La costruzione pianificata di due cartiere sul corso del fiume Uruguay ha portato a numerose manifestazioni e trattative diplomatiche con l'Argentina.

L'1% del territorio è protetto, lo 0,1% è parzialmente protetto.
L'Uruguay ha sottoscritto i seguenti trattati: Ramsar , CITES , rifiuti tossici (Basilea), emissioni CFC ( Protocollo di Montréal ), biodiversità (CBD), effetto serra ( Protocollo di Kyōto ).

L'Uruguay ha sviluppato molto lentamente il tema delle aree protette e non sempre è riuscito a organizzarne una gestione efficiente. L'amministrazione delle aree ricade infatti su organismi diversi e non sempre coordinati, condizione che si ripercuote sulle possibilità di valorizzare il ricco patrimonio naturale a disposizione. Parque Anchorena Fondato da Aaron de Anchorena, ricco argentino che è riuscito a convertire gli aspri e spogli precipizi che costeggiano il Rio de la Plata in boschi lussureggianti dove convivono specie esotiche e autoctone; è uno dei parchi più importanti per la ricchezza storica e geografica, oltre che per la fauna e la flora. Parque Nacional Santa Teresa Parco costiero a sud di Chuy, è costituito da 3000 ha di foresta, con una ricca varietà di specie vegetali. Al suo interno, oltre alla fortezza che i portoghesi hanno iniziato a costruire nel 1762, si trova anche la Valle della Luna, una radura di sabbia circondata dal bosco dove nelle notti limpide si riflette la luce della luna. Humedales del Este 2000 ha di paludi, lagune, canali che costituiscono un vasto ecosistema dichiarato Riserva di biosfera dall'UNESCO. Comprende la Laguna de Rocha, la Laguna Castillos e la Laguna Negra.

Cultura

Letteratura

Poeticamente, nel Settecento e nell'Ottocento i componimenti furono perlopiù di stile accademico, ma è degna di nota l'opera di poeti come Bartolomé Hidalgo , le cui opere ricordavano il mondo gaucho. Nonostante la notevole diffusione del romanticismo nel Paese, non vi furono scrittori di rilievo nell'Ottocento, tranne Juan Zorrilla de San Martín , che scrisse il poema Tabaré . Il modernismo invece riuscì ad annoverare nel Paese notevoli esponenti, non solo nella prosa ma anche nella poesia : poeti modernisti importanti furono Emilio Frugoni e Alvaro Armando Vasseur . Molti movimenti letterari hanno influenzato l'Uruguay: la corrente surrealista si mescolò con l'erotismo nelle liriche di Delmira Agustini , fondamentale rappresentante uruguaiana dell'avanguardia di fine Ottocento e inizio Novecento. Nel secolo passato va ricordata la figura poliedrica di Mauricio Rosencof , nato in Uruguay da genitori sfuggiti da una Varsavia ostile agli ebrei, noto e apprezzato per la spontaneità della scrittura e dello stile, autore principalmente di opere teatrali ispirate a personaggi realmente esistiti, che popolavano il quartiere Palermo di Montevideo e la sua infanzia. Ha scritto anche novelle per bambini, narrativa, romanzi e poesie e l'opera a quattro mani Memorias dal calabozo , elaborata tra il 1987 e 1988 con il compagno e vicino di cella Eleuterio Fernández Huidobro, e pubblicata l'anno successivo. Nel testo descrive l'esperienza all'interno dei Calabozos, luoghi di detenzione degli ostaggi utilizzati per i prigionieri politici durante la dittatura. Le sue opere, il suo stile, il suo messaggio cambiano e si evolvono insieme ai cambiamenti della sua storia personale e della sua crescita politica nel Movimento Tupamaro. Un vivaio di poeti ha caratterizzato la ricchissima letteratura locale nella prima metà del Novecento: il folclore cominciò ad essere presente come tema fondamentale di numerosi componimenti, specie quelli di Emilio Oribe e Ildefonso Pereda Valdés . Quotidianità e sperimentalismo poetico hanno caratterizzato moltissimi poeti del Novecento della letteratura dell'Uruguay: i più importanti sono stati Fernando Pereda e Mario Benedetti . Tra i grandi maestri della narrazione va anche inserito Felisberto Hernández , indicato come fonte di ispirazione tra gli altri da Gabriel García Márquez , Italo Calvino e Julio Cortázar . Inoltre, il racconto "Il morto", di Jorge Luis Borges , è in parte ambientato in Uruguay.

Altro scrittore di rilievo a livello internazionale, nel corso del XX secolo, fu Juan Carlos Onetti e tra le scrittrici e poetesse spicca Juana de Ibarbourou .

Molti poeti furono esiliati durante la dittatura , e finita questa poterono tornare finalmente in patria. Fu il caso, ad esempio, di Mario Benedetti , che in Andamios tratta il tema dell'esilio e del successivo ritorno in patria.

Da notare il ruolo determinante delle donne nella poetica uruguaiana: poetesse di rilievo sono Amanda Berenguer , Isabella Russell , Idea Vilariño , Marosa di Giorgio , Cristina Carneiro e tante altre.

È da ricordare, nel contesto letterario, anche la figura dello scrittore e sociologo José Pedro Varela [32] .

Patrimoni dell'umanità

L'Uruguay possiede due siti inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Musica

In campo musicale nel XX secolo ricordiamo la figura di Alfredo Zitarrosa .

Da ricordare anche Jorge Drexler , interprete della canzone Al otro lado del río , Oscar alla migliore canzone originale 2005.

Cinema

Tra il XX e il XXI secolo, tra le personalità del cinema uruguaiano, spicca China Zorrilla .

Scienza e tecnologia

L'Uruguay nello spazio

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina uruguaiana .

La cucina uruguaiana è caratterizzata soprattutto dalla fusione delle cucine spagnola, italiana e creola; si basa principalmente sull'uso della carne.

Ricorrenza nazionale

  • 25 agosto : Día de la Independencia : Giorno dell'indipendenza dal Brasile, nel 1825

Sport

Calcio

Lo sport più popolare in Uruguay è il calcio . La Celeste (così è chiamata dai tifosi la nazionale uruguaiana ), è una delle più prestigiose squadre nazionali del mondo, avendo vinto 2 titoli mondiali , nei mondiali casalinghi del 1930 in finale con l'Argentina (prima edizione assoluta) e nel 1950 in casa dei rivali brasiliani , contro il Brasile. Ha vinto anche due ori olimpici nel 1924 e nel 1928, quando ancora non esisteva il mondiale di calcio. Nel mondiale del 1954 in Svizzera, in quello del Messico nel 1970 ed in quello in Sudafrica del 2010 l'Uruguay è arrivato quarto, perdendo sempre nella finale terzo-quarto posto, nel primo caso contro l'Austria e negli ultimi due contro la Germania. Vanta inoltre il record condiviso di vittorie della Coppa America , avendo trionfato 15 volte, tante quante quelle dell' Argentina ; l'ultima l'ha vinta nel 2011 in finale con il Paraguay.

Un posto di primo piano tra i calciatori uruguaiani spetta a Juan Alberto Schiaffino , diciassettesimo posto nella classifica Migliori calciatori del XX secolo IFFHS e ancora Alcides Ghiggia , José Leandro Andrade , Héctor Scarone , Enzo Francescoli e Óscar Tabárez , (oggi allenatore), mentre il capocannoniere della Nazionale dell'Uruguay è Luis Suárez , con ben 63 reti.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Uruguay ai Giochi olimpici .

La prima medaglia d'oro olimpica per l'Uruguay è stata conquistata dalla Nazionale di calcio dell'Uruguay , ai Giochi olimpici di Parigi 1924.

L'Uruguay, inoltre, alle Olimpiadi, ha conseguito discreti risultati, totalizzando 2 medaglie d'oro, 2 medaglie d'argento e 6 medaglie di bronzo.

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  2. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 19 maggio 2019 .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  4. ^ Bruno Migliorini et al. , Scheda sul lemma "Uruguay" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  5. ^ Il termine Oriental si riferisce al fatto che, prima dell'indipendenza del Paese, il territorio attualmente costituente l'Uruguay era provincia del Vicereame del Río de la Plata con il nome di Banda Oriental , in quanto posto ad est rispetto al fiume Uruguay .
  6. ^ a b ( EN ) Uruguay , in Enciclopedia Britannica , Encyclopædia Britannica, Inc.
  7. ^ ( EN ) Colonia del Sacramento , in Enciclopedia Britannica , Encyclopædia Britannica, Inc.
  8. ^ History Of Uruguay
  9. ^ Attualità Italiana ed Estera: Cronaca, News e Gossip su Blogosfere
  10. ^ https://www.lemonde.fr/international/article/2019/10/25/l-uruguay-un-ovni-stable-riche-et-de-gauche-en-amerique-latine_6016927_3210.html
  11. ^ a b CIA Factbook Archiviato il 13 febbraio 2007 in Internet Archive .
  12. ^ Introduction
  13. ^ Copia archiviata , su www2.factum.edu.uy . URL consultato il 18 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  14. ^ Bureau of Western Hemisphere Affairs, Background Note: Uruguay , su state.gov , US Department of State. URL consultato il 23 febbraio 2011 .
  15. ^ Encuesta Continua de Hogares 2008 – Religion , su ine.gub.uy , Instituto Nacional de Estadística. URL consultato il 2 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2010) .
  16. ^ UMM | Latin American Area Studies – Countries , su morris.umn.edu . URL consultato il 26 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2010) .
  17. ^ a b c Religion – Uruguay , su countrystudies.us , Library of Congress Country Studies. URL consultato il 23 febbraio 2011 .
  18. ^ Explore Uruguay – About Uruguay Government , su explore-uruguay.com , Explore Uruguay. URL consultato il 23 marzo 2011 .
  19. ^ ( EN ) Reporters Without Borders Worldwide Press Freedom Index 2006 Archiviato il 1º novembre 2006 in Internet Archive .
  20. ^ The Economist , The world in 2007, A Pause in democracy's march Page 93
  21. ^ ( EN ) Uruguay Passes Civil-Union Law at San Francisco Bay Times (December 6, 2007).
  22. ^ Michael Fox, Uruguay's Frente Amplio: From Revolution to Dilution Archiviato il 24 febbraio 2008 in Internet Archive ., June 19, 2007. Retrieved August 11, 2007.
  23. ^ http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/americas/country_profiles/1229360.stm (See leaders, President Tabare Vazquez 'On taking office he announced a $100m emergency plan to help the poor '
  24. ^ Transparency.org Archiviato l'8 luglio 2008 in Internet Archive ..
  25. ^ http://hdr.undp.org/reports/global/2003/indicator/indic_126_2_2.html
  26. ^ Copia archiviata ( PDF ), su ine.gub.uy . URL consultato l'11 gennaio 2008 (archiviato dall' url originale il 14 dicembre 2007) .
  27. ^ SEG Ingeniería on Twitter , su Twitter . URL consultato il 18 maggio 2016 .
  28. ^ In Uruguay 100% dell'energia da rinnovabili , su Ecoblog.it . URL consultato il 18 maggio 2016 .
  29. ^ Diego Stewart, Building out: Uruguay exports architectural services to India and Latin America Archiviato il 25 giugno 2008 in Internet Archive .," in Latin Trade , May 2005. Retrieved August 11, 2007.
  30. ^ Ferrocarriles del Uruguay , su lfu1.tripod.com .
  31. ^ Grupo de Pasajeros en defensa de la Estación Central
  32. ^ https://uruguayeduca.anep.edu.uy/efemerides/192
  33. ^ https://space.skyrocket.de/doc_sdat/antelsat.htm

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 129569873 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2238 4648 · LCCN ( EN ) n50000647 · GND ( DE ) 4062186-8 · BNF ( FR ) cb118658308 (data) · BNE ( ES ) XX4575385 (data) · NDL ( EN , JA ) 00574054 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50000647
Uruguay Portale Uruguay : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Uruguay