Sebastian Vettel

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Sebastian Vettel
Fórmula 1 de 2019 testa Barcelona, ​​Vettel (47200008782) .jpg
Vettel em 2019
Nacionalidade Alemanha Alemanha
Altura 176 cm
Peso 62 kg
Automobilismo Capacete Kubica BMW.svg
Categoria Fórmula 1
Função Piloto
Pelotão Aston Martin
Carreira
Carreira de Fórmula 1
Estréia 17 de junho de2007
Temporadas2007 -
Estábulos BMW Sauber 2007
Toro Rosso 2007-2008
Red Bull 2009-2014
Ferrari 2015-2020
Aston Martin 2021-
Copas do mundo vencidas 4 (2010 ,2011 ,2012 , 2013 )
GP disputou 269 ​​(268 partidas)
GPs venceram 53
Pódios 122
Pontos obtidos 3048
Primeira posição 57
Voltas rápidas 38
[[Assinatura]] por Vettel
Estatísticas atualizadas para o Grande Prêmio da Hungria de 2021

Sebastian Vettel ( IPA : [zeˈbasti̯an ˈfɛtl̩] ; escute [ ? · Informações ] ; Heppenheim , 3 de julho de 1987 ) é um piloto alemão da Aston Martin . Ele se formou 4 vezes consecutivas como campeão mundial de Fórmula 1 (2010 ,2011 ,2012 e 2013 ) com a equipe Red Bull Racing [1] .

Listado como um dos mais fortes pilotos de todos os tempos, [2] [3] detém vários recordes, incluindo ser o mais jovem piloto de Fórmula 1 a vencer um campeonato mundial [4] e ter conquistado uma pole position. [5]

Ele também detém o recorde de maior número de pole position e vitórias em uma única temporada [6] [7] , de vitórias consecutivas em grandes prêmios (9 em 2013) [8] e é o terceiro piloto em número de vitórias , atrás de Lewis Hamilton e Michael Schumacher . Seu número de corrida é 5.

Biografia

Vida privada

Vettel nasceu em Heppenheim , Hesse , filho de Norbert e Heike Vettel. Ele tem um irmão mais novo, Fabian, piloto do campeonato ADAC GT Masters, e duas irmãs mais velhas: Melanie, técnica dentária , e Stephanie, fisioterapeuta para crianças com deficiência. Vettel mora em Thurgau, na Suíça, e está noivo desde o colégio de sua amiga de infância Hanna Prater, que se casou secretamente em 21 de junho de 2019. O casal tem três filhos.

Carreira

O começo

Vettel a bordo do carro da série Euroseries de Fórmula Três em 2006.

Vettel começou a correr karts em 1995 em Kerpen, ganhando vários títulos. Em 2003 mudou-se para monopostos fazendo sua estreia no campeonato alemão de Fórmula BMW, que venceu com 18 vitórias em 20 corridas globais em 2004. Em 2005 ele pilotou pela ASL Mücke Motorsport na Fórmula 3 Euro Series , terminando na quinta posição na classificação final com 64 pontos e conquistando o prêmio de melhor estreante na categoria. Também em 2005 ele testou pela primeira vez uma Fórmula 1 , a Williams FW27 , como prêmio por ter vencido a Fórmula BMW no ano anterior.

Em 2006, na mesma série, ele terminou em segundo lugar, precedido por Paul di Resta . Ele também fez algumas aparições na Fórmula Renault 3.5 e, apesar de uma lesão, [9] corre o Fórmula 3 Masters no circuito holandês de Zandvoort , terminando na sexta posição, obtendo o terceiro melhor tempo de sempre e surpreendendo Frédéric Vasseur, o gerente da o ASM . [10]

Em 2007, Vettel participou da já comprovada Fórmula Renault 3.5, obtendo sua primeira vitória em Nürburgring . Quando foi chamado para correr o resto da temporada na Fórmula 1 com a Toro Rosso, ele liderava o campeonato.

Fórmula 1

2006-2007: a estreia com BMW Sauber

2006
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2006 .

Após o Grande Prêmio da Turquia , após a substituição de Jacques Villeneuve por Robert Kubica como piloto titular , ele se torna o terceiro piloto e piloto de testes da BMW Sauber , tornando-se assim o piloto mais jovem a ter testado um carro de Fórmula 1 em sessões de qualificação gratuitas. Sextas-feiras, aos 19 anos e 53 dias. Max Verstappen é o piloto mais jovem a competir em um Grande Prêmio de Fórmula 1 , enquanto Nico Rosberg é o mais jovem a dirigir um Fórmula 1 em testes privados.

Ele também é o piloto mais jovem a ser multado na categoria: recebeu multa de US $ 1.000 por ultrapassar a velocidade máxima no pitlane. [11] Vettel impressiona a todos nas sessões de teste, obtendo o melhor tempo na segunda sessão na sexta-feira na Turquia e recebendo elogios do próprio Michael Schumacher . [12] O jovem alemão também impressiona nas sessões de teste do Grande Prêmio da Itália , sempre terminando na primeira posição.

2007
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2007 .

Ele foi confirmado como piloto de testes da BMW Sauber em 2007, enquanto continuava a correr no campeonato World Series by Renault , onde obteve sua primeira vitória em Nürburgring . Após o grave acidente que ocorreu com Robert Kubica durante o Grande Prêmio do Canadá , Vettel substituiu o piloto polonês no Grande Prêmio dos Estados Unidos , terminando em oitavo e ganhando um ponto em sua primeira corrida na Fórmula 1 . Assim, ele estabeleceu o recorde para o piloto de Fórmula 1 mais jovem a ganhar pontos no campeonato mundial, [13] um recorde que durou até 16 de março de 2014 , quando foi quebrado por Daniil Kvjat, que ganhou pontos aos 19 anos no Grand da Austrália. Prêmio , 10 meses e 18 dias.

2007-2008: Toro Rosso e primeira vitória

2007
Vettel se envolveu com a Toro Rosso nos treinos livres para o Grande Prêmio do Brasil de 2007 .

Do Grande Prêmio da Hungria, Vettel substitui Scott Speed na Toro Rosso . Durante o Grande Prêmio do Japão , no circuito de Fuji , ele estava entre os candidatos ao pódio, sob uma chuva torrencial, antes de se envolver em um acidente com o piloto da Red Bull Mark Webber . A dinâmica do acidente, ocorrido em regime de safety car, não foi esclarecida pelas imagens televisivas; posteriormente, um vídeo lançado no YouTube [14] mostrará que a colisão de Vettel com Webber foi causada por uma desaceleração acentuada do líder da corrida Lewis Hamilton , que não foi punido pela FIA de qualquer maneira. Sebastian volta aos pits em lágrimas, mas terá a oportunidade de compensar já no próximo Grande Prêmio da China , no qual obtém um quarto lugar excepcional. Em virtude desses resultados, Vettel é confirmado pela Toro Rosso para 2008.

2008
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2008 .

Nas primeiras corridas de 2008 Vettel não brilha, colecionando quatro retiradas nas cinco corridas iniciais. Seu primeiro resultado da temporada é na Turquia , onde consegue terminar em 17º. No Grande Prêmio de Mônaco larga da última linha e graças a uma boa estratégia chega em 5º, conquistando os primeiros pontos da temporada. Na próxima corrida, que acontece em Montreal, no Canadá , ele larga dos boxes e graças a muitos acidentes e desistências, resistindo aos ataques da McLaren de Kovalainen , consegue terminar em 8º, conquistando mais um ponto no campeonato mundial.

Após a anunciada aposentadoria de David Coulthard no final de 2008, Vettel foi contratado pela Red Bull como piloto titular em 2009. O anúncio foi feito em 17 de julho de 2008, na véspera do Grande Prêmio da Alemanha . [15] Depois de um fim de semana decepcionante no Grande Prêmio da Hungria, onde teve que se aposentar devido a um superaquecimento do motor, o piloto alemão conseguiu compensar marcando o melhor tempo na primeira sessão de treinos de sexta-feira do Grande Prêmio da Europa em Valência .

Vettel em ação durante o vitorioso Grande Prêmio da Itália de 2008 .

Duas semanas depois, no circuito de Spa-Francorchamps, na Bélgica , conquistou 4 pontos ao terminar em 5º, após uma corrida com uma finalização ousada. No dia seguinte a conquistar a pole position no Grande Prêmio da Itália, ele lidera a corrida do início ao fim, apesar das condições climáticas proibitivas, tornando-se o mais jovem vencedor de um Grande Prêmio de Fórmula 1 com a idade de 21 anos e 73 dias., Um recorde que durou até 15 de maio de 2016, quando foi quebrado por Max Verstappen no Grande Prêmio da Espanha , que venceu aos 18 anos, 7 meses e 15 dias. [16] Heikki Kovalainen e Robert Kubica subiram ao pódio junto com ele, formando assim o pódio mais jovem já feito na Fórmula 1 , um recorde de idade média então batido no Brasil em 2019 pelo trio composto por Max Verstappen , Pierre Gasly e Carlos Sainz .

Vettel continua a confirmar o seu potencial no Grande Prémio seguinte, terminando em 5º na primeira edição do Grande Prémio de Singapura e em 6º no Japão , ganhando assim pontos que o levam ao 8º lugar no campeonato de pilotos com duas corridas para o fim. No Brasil , última rodada do Mundial de 2008, ele terminou na quarta posição, tirando a satisfação de ultrapassar Lewis Hamilton na 69ª volta e dando a Felipe Massa a ilusão de que poderia vencer o Mundial. Em vez disso , o brasileiro terminará a temporada em segundo lugar, já que Hamilton a 850 metros da meta poderá ultrapassar Timo Glock , retomando a quinta posição, meta mínima para a vitória do campeonato mundial. [17] No final da temporada, sua passagem para a equipe Red Bull para o campeonato de 2009 é confirmada com a assinatura de um contrato de 6 milhões de dólares. [18]

2009-2014: O sucesso do campeonato mundial com a Red Bull

2009
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2009 .
Vettel ao volante da Red Bull no Grande Prêmio da Alemanha de 2009 .

No Grande Prêmio da Austrália , após uma excelente atuação (era 2º), esbarra em Robert Kubica a apenas 3 voltas do final, o que o coloca fora do jogo; no entanto, está classificado em 13º, uma vez que percorreu mais de 90% da distância total. O alemão será posteriormente penalizado pelos comissários por causar o acidente e será forçado a retroceder 10 posições na grelha de partida na Malásia . Em 18 de abril, na China, ele deu à Red Bull a primeira pole position na história da equipe, após ter completado apenas uma volta cronometrada em todas as três sessões de qualificação. 24 horas depois, na chuva, ele consegue conquistar sua segunda vitória na carreira: a Red Bull comemora seu primeiro sucesso, com dois gols graças ao segundo lugar de Mark Webber . [19]

No Bahrein a seqüência positiva continua para o alemão, com um 2º lugar conquistado a partir da segunda linha do grid. Na Espanha , Vettel se classificou em 2º, mas cruzou a linha na 4ª posição, atrás de seu companheiro. Isto permite-lhe consolidar a sua 3ª posição no campeonato de pilotos. Em Mônaco, no entanto, o erro estratégico de colocar pneus macios na primeira passagem, após largar da segunda linha do grid, o fez diminuir consideravelmente nas primeiras voltas; após o pit stop, um erro na primeira curva causa um impacto contra as barreiras: Vettel quebra a suspensão traseira esquerda e é forçado a desistir após 15 voltas. Na Turquia obteve a segunda pole position da temporada, depois de estabelecer o melhor tempo em todas as três sessões de qualificação; um erro durante a primeira volta e a mudança para uma estratégia de três paragens obrigou-o a contentar-se com o 3º lugar. Também na Grã-Bretanha se repete conquistando a segunda pole position consecutiva; depois de uma corrida que sempre esteve no comando, ele conquistou sua terceira vitória na carreira, a volta mais rápida e deu à Red Bull a segunda dobradinha da temporada, fazendo seu primeiro hat-trick na Fórmula 1 . [20]

Na Alemanha , graças a uma qualificação não muito boa, ele não vai além do segundo lugar, precedido por seu companheiro Webber, que consegue seu primeiro sucesso na carreira. Na Hungria, ele começa da primeira linha, mas na primeira curva ele vê os McLarens e a Ferrari de Kimi Räikkönen colocados no KERS . Também há contato com o piloto da Ferrari, mas só mais tarde na corrida ele será forçado a se retirar por conta de uma falha na suspensão. Em Valência nos treinos livres quebra o motor, e na corrida arranca com o risco de anomalias no motor, o que acontece regularmente, mesmo que a sua corrida já tenha ficado comprometida devido a um pit stop infeliz. As intenções de vitória no campeonato mundial estão se esvaindo, já que agora ele tem apenas dois motores disponíveis nas seis corridas restantes e se usar um terceiro terá que partir dez posições atrás, conforme regulamento. Em Spa-Francorchamps, na Bélgica, ele conquistou o terceiro lugar, após uma série de voltas rápidas, atrás de Kimi Räikkönen na Ferrari e Giancarlo Fisichella na Force India , levando-o de volta ao 3º lugar no campeonato de pilotos. Em Monza o Red Bull não é competitivo e o relega a lutar no meio da classificação durante todo o fim de semana. No entanto, ele consegue terminar em 8º e somar um ponto mundial depois de um duelo no limite com Fisichella , e aproveitando a retirada de Hamilton na última volta. Ele parece estar se saindo melhor no Grande Prêmio de Cingapura, onde depois de ficar na primeira linha do grid de largada, ele segue Hamilton durante grande parte da corrida, antes de passar por um drive-through que o relegará para o 4º lugar. [21]

No entanto, ele encontrou a redenção na semana seguinte em Suzuka ao dominar a qualificação e vencer a corrida e, acima de tudo, ao manter a luta aberta para o campeonato mundial. Em São Paulo chega com a bandeira quadriculada em 4º lugar após largar da 16ª casa: assim sobe ao segundo lugar no campeonato de pilotos, mas se encontra em uma desvantagem insuperável de Jenson Button , que naquela corrida se tornou mundial campeão. Vettel vence a última corrida da temporada no novo circuito de Abu Dhabi , tornando-se vice-campeão mundial. [22] [23]

2010
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 2010 .
Vettel vence o Grande Prêmio de Abu Dhabi 2010 , largando da pole, e leva o título mundial.

Também em 2010 Vettel e Webber formam a dupla da equipe Red Bull , que, embora às vezes não seja muito confiável, confirmará este ano como o carro mais competitivo. Na primeira corrida da temporada, o Grande Prêmio do Bahrein , o alemão larga da pole position e permanece na liderança boa parte da corrida, até que um problema no escapamento do carro o obriga a desacelerar e recuar, desistindo do posições para seus oponentes e chegando em quarto lugar. Situação semelhante ocorre na Austrália , a próxima corrida, mas com resultados piores: depois de largar da pole position, e ter dominado por 26 voltas, ele é forçado a se retirar. Inicialmente, pensa-se em um problema com o sistema de freio, mas depois descobre-se que a causa da falha foi uma porca prendendo a roda dianteira esquerda. No terceiro Grande Prêmio da temporada, disputado na Malásia , Vettel, largando da terceira posição do grid de largada, ganhou a liderança da corrida, queimando tanto Nico Rosberg quanto o companheiro de equipe Mark Webber na largada . Neste Grande Prêmio, seu carro continua sem falhas, alcançando a linha de chegada na frente do próprio Webber. Graças a este resultado, na classificação dos pilotos, consegue chegar à terceira posição, empatada em pontos com o piloto da Ferrari Fernando Alonso . Depois de um sexto lugar obtido no Grande Prêmio da China , quarta corrida do campeonato, de volta à Europa, no Grande Prêmio da Espanha acusa problemas nos pneus que o obrigam a um inesperado pit stop, fechando a corrida na 3ª posição, atrás de seu companheiro de equipe vitorioso. No prestigioso Grande Prêmio de Mônaco , ele larga do terceiro lugar, atrás do Renault de Robert Kubica , mas consegue ultrapassá-lo na largada, terminando em 2º, novamente atrás de seu companheiro de equipe Mark Webber , vencedor da corrida.

No Grande Prêmio da Turquia , o alemão enquanto está na 2ª posição atrás de Webber, na tentativa de ultrapassá-lo, colide com seu carro, saindo da pista: Vettel é forçado a se retirar, enquanto Webber , de volta à pista, fecha o terceira corrida. Na corrida seguinte, no Canadá , em um circuito não particularmente favorável aos Red Bulls , Vettel coloca-se ao pé do pódio, em 4º lugar. No Grande Prêmio da Europa, em Valência , obteve sua segunda vitória da temporada, auxiliado por um Safety-Car que bloqueia os carros que o perseguem, permitindo-lhe uma administração confortável. No Grande Prêmio da Inglaterra , devido a um pneu quebrado nas primeiras voltas devido a um contato com Lewis Hamilton , ele obteve a 7ª colocação, enquanto seu companheiro de equipe, Webber, venceu a terceira corrida da temporada. No GP de casa obteve o 3º lugar, após ser ultrapassado na largada por Massa e Alonso. No Grande Prêmio da Hungria , Vettel consegue sua 4ª pole position consecutiva, sem usá-la na corrida: ele deixa muito espaço entre ele e o carro à sua frente (de Webber) sob o regime de Safety-Car e, conforme regulamentos, é penalizado com um drive through. Termine a corrida na 3ª posição.

Ao retornar das férias de verão, ele não conseguiu chegar aos pontos no Grande Prêmio da Bélgica : na volta 18, enquanto estava em terceiro atrás dos dois pilotos da McLaren , Hamilton e Button , ele tentou ultrapassar este último, causando uma colisão que os ingleses saíram do jogo; Vettel é penalizado e acaba na parte de trás do grupo, onde tem um novo acidente com Liuzzi : o furo resultante não lhe permite deslocar a classificação, apesar da forte chuva nas últimas voltas parecer favorecer os pneus de chuva. Na corrida seguinte, o Grande Prémio de Itália , obteve o sexto lugar da grelha de partida, o seu pior resultado de qualificação da temporada. Depois de ter feito uma corrida difícil devido a alguns problemas com o sistema de travagem, conseguiu terminar em quarto lugar, graças sobretudo a uma estratégia ousada com apenas uma paragem nas boxes, efectuada na penúltima volta da corrida. No Grande Prêmio de Cingapura , Fernando Alonso arrebata sua pole position por alguns milésimos. Num circuito onde é muito difícil ultrapassar, Vettel mantém-se constantemente atrás do piloto da Ferrari, rodando nos seus próprios tempos e chegando à linha de chegada a apenas 2 décimos dele, na segunda posição.

No Grande Prêmio do Japão o domínio da Red Bull é claro: dobrar tanto na qualificação quanto na corrida (ambas disputadas no domingo, devido à chuva que inviabilizou a pista no sábado), com o alemão à frente de Webber. Mas no Grande Prêmio da Coreia que se seguiu, apesar da enésima potência excessiva de seu carro, ele foi forçado a desistir algumas voltas do final, quando liderava a corrida, devido à súbita falha do motor. Na penúltima corrida, no Brasil ele conquista a segunda posição do grid e a vitória. Graças a este resultado, e em segundo lugar para Mark Webber , a Red Bull conquistou o título de construtores do campeonato de2010 . No último grande prêmio da temporada, em Abu Dhabi , apesar das previsões de conquista do título de pilotos serem todas favoráveis ​​ao líder mundial Fernando Alonso , ele se sagrou campeão mundial sem nunca ter estado no topo da classificação: Vettel na fato vence a corrida e, graças ao modesto sétimo lugar obtido por Alonso (resultado de uma estratégia de corrida errada na parede da Ferrari ) e oitavo (na mesma estratégia do espanhol), Webber conseguiu conquistar o título por apenas 4 pontos sobre seu rival. Com seus 23 anos, ele se tornou o mais jovem campeão mundial da história da Fórmula 1 , quebrando o recorde britânico de Lewis Hamilton por apenas 6 meses. [24] [25]

2011
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2011 .

Em 2011, a Red Bull começa com a favor das previsões. Vettel, sempre flanqueado por Webber , começa o campeonato com o pé direito: vence a primeira corrida do Grande Prêmio da Austrália , dominando a corrida após conquistar a pole position, à frente da McLaren de Lewis Hamilton e do surpreendente russo Vitaly Petrov . Até no Grande Prêmio da Malásia ele se repete, conquistando a pole position e a vitória. No Grande Prêmio da China, ele desperdiçou sua terceira pole da temporada com uma largada lenta, alcançando a linha de chegada atrás do piloto britânico da McLaren Lewis Hamilton . No Grande Prêmio da Turquia , ele largou pela quarta vez da pole position e conquistou a terceira vitória no campeonato, à frente do companheiro de equipe Mark Webber e do piloto da Ferrari Fernando Alonso . No Grande Prêmio da Espanha , ele vence a quarta corrida de cinco, fortalecendo sua liderança na classificação. Em 29 de maio, ele também venceu o Grande Prêmio de Mônaco .

Em 12 de junho, ele terminou em segundo lugar no espetacular Grande Prêmio do Canadá ; depois de várias interrupções e depois de dominar por 69 voltas e meia, pressionado por Jenson Button , ele errou a curva e deu ao inglês uma vitória inesperada. Duas semanas depois, em Valência , ele venceu o Grande Prêmio da Europa, elevando sua vantagem sobre Button e Webber para 77 pontos. Em 11 de setembro, ele venceu o Grande Prêmio da Itália , obtendo também a Copa do 150º aniversário da unificação da Itália . Ele se tornou campeão mundial pela segunda vez consecutiva em sua carreira com apenas 24 anos de idade no Japão, terminando em terceiro atrás de Button e Alonso . [26] Na história da categoria ele se tornou o bicampeão mais jovem. [27] No Grande Prêmio da Índia, ele triunfou novamente e venceu o décimo primeiro Grande Prêmio da temporada partindo da pole. Ao longo do ano, quase sempre usou capacetes com diferentes cores, especialmente pintados por Jens Munser.

2012
Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 2012 .
Sebastian Vettel no pódio após sua vitória no Grande Prêmio do Bahrein de 2012 .

A temporada de 2012 começa de forma flutuante para o alemão, o RB8 não mostra de imediato a sua velocidade e Vettel termina em 2º na Austrália . Na Malásia, ele toca no carro de Narain Karthikeyan , furando seu pneu e terminando em 11º. Na China, ele vem em 5º, mesmo atrás de seu companheiro de equipe. No Bahrein ele consegue o chamado Hat Trick , vencendo a corrida e obtendo a pole position (a primeira da temporada) e a volta mais rápida; Ele também retorna ao topo do ranking mundial com 53 pontos à frente de Lewis Hamilton (49) e seu companheiro de equipe Mark Webber (48). As seguintes corridas são oscilantes: após a vitória no Bahrein, o alemão, devido às performances maçantes, não sobe ao pódio há 4 corridas consecutivas, perdendo espaço para Alonso, líder do campeonato, e Webber. Atrás de seu companheiro vitorioso também na Grã-Bretanha , na Alemanha Vettel ficou em primeiro lugar atrás de Alonso, mas por uma ultrapassagem irregular contra Button ele foi rebaixado para a quinta posição.

Após quase 6 meses, Seb está de volta para vencer o Grande Prêmio de Cingapura ; Mas o fator decisivo é a aposentadoria de Hamilton, o governante indiscutível da corrida até aquele momento. [28] Os próximos dois grandes prêmios, Japão e Coréia , são dominados por Sebastian. No Japão, ele consegue seu segundo Grand Chelem (pole position, volta mais rápida, vitória e liderança do início ao fim). [29] Na Coreia, ele largou na 2ª posição, mas imediatamente passou na frente de todos, ultrapassando seu companheiro de equipe Mark Webber , com suspeita de problemas em Kers. Além disso, ele retorna à liderança do campeonato de pilotos com +6 pontos atrás de Fernando Alonso . [30]

No Grande Prêmio da Índia ele largou na primeira posição e lá permaneceu durante toda a corrida, alcançando assim sua quarta vitória consecutiva e a quinta da temporada. Também aumenta a diferença de Fernando Alonso , alcançando +13 pontos com três corridas para o fim. Nos treinos cronometrados do Grande Prêmio de Abu Dhabi, obteve a terceira vez, mas, devido a irregularidades na quantidade de gasolina a bordo no final da qualificação (sobrou menos de um litro de gasolina no tanque, limite mínimo imposto pela Federação), foi rebaixado para o último lugar. Vettel e Red Bull decidem trocar a caixa de câmbio, partindo assim do pit lane, na penúltima posição à frente de Pedro de la Rosa , que também largou dos boxes. Nonostante due contatti nelle prime fasi di gara che lo costringono anche a un pit-stop anticipato per sostituire l'ala anteriore, danneggiata nello scontro con un cartello di polistirolo, ea seguito di un contatto con Bruno Senna , Sebastian riesce a rimontare e, grazie anche al duplice ingresso della safety car , a pochi giri dal termine sorpassa Jenson Button e si classifica in terza posizione. [31] Riesce pertanto a limitare i danni nel Mondiale: il suo rivale Fernando Alonso arriva davanti a lui, in seconda posizione dietro al finlandese Kimi Räikkönen , guadagnando solo 3 punti sul tedesco, che mantiene un vantaggio di 10 punti a due gare dal termine. Nel Gran Premio degli Stati Uniti parte in pole-position davanti a Lewis Hamilton e Mark Webber . [32]

Alla partenza scatta e mantiene la prima posizione fino al giro 46 dove un doppiaggio (la HRT di Narain Karthikeyan ) non gli permette di avere piena accelerazione sul rettilineo. In questo modo Hamilton può sfruttare il DRS e sorpassarlo. Vettel giunge 2º al traguardo, davanti a Fernando Alonso , portando a +13 il distacco sul secondo in classifica iridata. Nell'ultima gara in Brasile giunge solo sesto dopo un testacoda in partenza, con il rivale Alonso che conquista il secondo gradino del podio. Tuttavia, Vettel riesce ad aggiudicarsi il suo terzo titolo mondiale con 3 punti di vantaggio sullo spagnolo, a soli 25 anni di età. [33]

2013
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2013 .

Anche nel 2013 la Red Bull si conferma tra le vetture più competitive, pur non risultando inizialmente superiore alle rivali come era accaduto nel 2011. Nella gara d'apertura in Australia Vettel giunge al traguardo in terza posizione dopo essere partito dalla pole position. Nel successivo Gran Premio della Malesia il pilota tedesco conquista la prima vittoria stagionale. A fine gara, però, Vettel viene coinvolto in una polemica con il suo compagno di squadra Mark Webber, che lo accusa di averlo sopravanzato nonostante la scuderia avesse imposto ai piloti di mantenere le posizioni congelate dopo l'ultimo cambio gomme. [34]

Portatosi in testa alla classifica generale grazie a questa affermazione, vi rimane nelle gare successive. Nuovamente vittorioso in Bahrein , Vettel consolida il suo primato con un quarto posto in Spagna e un secondo a Monaco , conquistando poi il terzo successo stagionale a Montréal . Nel Gran Premio di Gran Bretagna , invece, il pilota tedesco è costretto al ritiro per un problema meccanico, vedendo ridursi il suo vantaggio sugli avversari.

Nelle gare successive, però, Vettel domina nettamente, cogliendo sette vittorie in otto Gran Premi e aggiudicandosi il quarto titolo mondiale consecutivo in occasione del Gran Premio d'India , tre corse prima della fine del mondiale. Il pilota tedesco raggiunge così Alain Prost nella classifica dei piloti più vincenti di sempre, alle spalle dei soli Michael Schumacher e Juan Manuel Fangio .

Nel finale di stagione Vettel continua la sua striscia di successi, arrivando a otto vittorie consecutive nel Gran Premio degli Stati Uniti e battendo il record di sette successi consecutivi che apparteneva ad Alberto Ascari e Michael Schumacher . Il pilota tedesco si migliora ulteriormente nel conclusivo Gran Premio del Brasile , cogliendo la nona vittoria consecutiva. Grazie a questo successo Vettel chiude il campionato con 397 punti, battendo il suo stesso record di punti conquistati in una stagione (392 nel 2011), record battuto da Lewis Hamilton nel 2018 (408 punti). [35]

2014: l'ultimo anno
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2014 .
Sebastian impegnato durante il Gran Premio di Cina 2014 .

Il 2014 inizia in maniera molto più problematica per il quattro volte campione del mondo, questa volta affiancato da Daniel Ricciardo . Con l'introduzione dei nuovi V6 turbo , infatti, la Red Bull - Renault non è più la monoposto di riferimento, venendo nettamente soppiantata dalla Mercedes. Nei test invernali Vettel fatica ad accumulare chilometri, fermato a più riprese da problemi di affidabilità. Anche nell'inaugurale Gran Premio d'Australia il pilota tedesco deve ritirarsi nelle prime fasi di corsa per un problema tecnico.

Vettel si rifà già nel successivo Gran Premio della Malesia , conquistando il terzo posto alle spalle di Lewis Hamilton e Nico Rosberg . Nel prosieguo della stagione, però, il quattro volte campione del mondo risulta meno efficace del compagno di squadra (che conquista tre vittorie), facendo segnare solo un altro terzo posto nel Gran Premio del Canada e un secondo posto nel Gran Premio di Singapore , sua miglior gara della stagione con la problematica RB10. [36]

Durante il pre-qualifica del Gran Premio di Suzuka , Vettel annuncia il suo addio alla Red Bull al termine della stagione, affermando che rivelerà al più presto i piani sul proprio futuro; [37] chiuderà la stagione in 5ª posizione. Ad Abu Dhabi vengono confermate le voci che lo volevano successore di Fernando Alonso in Ferrari per il campionato2015 a fianco di Kimi Räikkönen . [38]

2015-2020: Ferrari

2015
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2015 .
Vettel sale sul podio vittorioso nel Gran Premio della Malesia 2015 .

Il 20 novembre 2014 viene annunciato il suo passaggio alla Ferrari per la stagione 2015. [39] Il 29 novembre prova per la prima volta una Ferrari , testando a Fiorano la F2012 . Il 1º febbraio porta al debutto la nuova Ferrari SF15-T sul circuito di Jerez de la Frontera, nella prima sessione di test invernali pre-stagionali. L'11 marzo annuncia di aver scelto "Eva" come nome per la sua Ferrari. [40] La stagione inizia con dei risultati positivi per il pilota tedesco, che, dopo aver concluso il Gran Premio d'Australia al terzo posto, coglie la prima vittoria in Ferrari nel successivo Gran Premio della Malesia e nel Gran Premio della Cina ottiene un altro podio, classificandosi terzo. In Bahrein , dopo un 2º posto in qualifica, chiude 5º, dopo aver accusato problemi all'ala anteriore in seguito a un'uscita di pista. Vettel torna sul podio nei successivi appuntamenti in Spagna ea Monaco, dove chiude rispettivamente in terza e seconda posizione. In Canada per problemi al motore si qualifica solo in 16ª posizione, venendo poi arretrato in 18º per aver effettuato un sorpasso in regime di bandiera rossa durante le prove libere. In gara riesce a rimontare fino al 5º posto, piazzandosi dietro di una posizione da Räikkönen, e una posizione davanti a Massa, partito 15º. In Austria, partito in terza posizione, termina quarto per un problema ai box (fissaggio della posteriore sinistra). Nel Gran Premio di Gran Bretagna, partito in sesta posizione, si ritrova nono dopo poche curve, ma grazie alla pioggia e alla perfetta gestione della corsa riesce ad agguantare il terzo posto. Torna alla vittoria nel Gran Premio d'Ungheria , dove rimane in prima posizione per tutta la gara, dopo aver sopravanzato le Mercedes di Hamilton e Rosberg che lo precedevano sulla griglia di partenza. Nel Gran Premio del Belgio partendo 8º è costretto, quando era terzo, al ritiro, causato dall'esplosione della gomma posteriore destra. Nel Gran premio successivo , quello di Monza, riesce a classificare la sua Ferrari sul podio, alle spalle di Lewis Hamilton, su quello che lo stesso Vettel dichiarerà essere il più bel podio della sua carriera. La gara fu viziata tra l'altro dal giallo gomme della casa di Stoccarda. Infatti prima della partenza i tecnici Pirelli rilevarono su entrambe le Mercedes dei valori di pressione degli pneumatici inferiori rispetto a quelli consigliati dalla casa milanese. Nel Gran Premio di Singapore Sebastian Vettel centra la prima pole position con la casa di Maranello, risultato che mancava da ben 61 GP, addirittura dal Gran Premio di Singapore 2010 se si considerano condizioni meteo di asciutto. Durante la gara, nonostante le due entrate della safety car, riesce a dominare il Gran Premio dall'inizio alla fine. Nelle successive tre gare in Giappone , Russia e Stati Uniti conquista un secondo e due terzi posti, mentre in Messico si ritira a causa di un urto contro le barriere. Nell'ultimo appuntamento del mondiale al Emirati Arabi arriva quarto, dopo essere partito in 16ª posizione in qualifica per incomprensioni ai box. Riesce a rimontare aiutando il suo compagno di scuderia Raikkonen per il podio. È in assoluto il primo pilota ad aver ottenuto ben 13 podi nell'anno d'esordio alla Ferrari, record assoluto in queste circostanze. Si conclude così la sua prima stagione in Ferrari in 3ª posizione nella classifica piloti. [41]

Vettel alla guida della Ferrari durante il Gran Premio del Messico 2015 .
2016
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2016 .
Vettel alla guida della Ferrari durante il Gran Premio d'Australia 2016 .

Il 22 febbraio porta al debutto la nuova SF16-H sul Circuito di Catalogna , nella prima sessione di test invernali pre-stagionali. Nel Gran Premio d'Australia bissa il risultato dell'anno precedente arrivando 3º, dopo aver condotto la gara fino al secondo pit stop [42] . In Bahrain , a causa di un problema tecnico al motore avuto durante il giro di formazione, è costretto al ritiro. In Cina nonostante un contatto in partenza con il compagno di squadra Kimi Räikkönen e una lunga e pericolosa rimonta riesce ad arrivare secondo, preceduto dal connazionale Nico Rosberg. In Russia fa segnare il secondo tempo in qualifica, ma parte settimo causa la penalità per la sostituzione del cambio [43] . Al via, viene urtato due volte da Daniil Kvjat , ritirandosi dopo poche centinaia di metri. Nel Gran Premio di Spagna segna solo il sesto tempo in qualifica, ma in gara conquista la 3ª posizione dopo una gran lotta con Daniel Ricciardo , che forando una gomma a due giri dal termine, arriverà alle sue spalle, in quarta posizione. Nel successivo Gran Premio di Monaco si piazza 4º in qualifica, dietro alle due Mercedes e alla Red Bull di Daniel Ricciardo , che sembrano adattarsi meglio alle caratteristiche del circuito. Il giorno successivo, in una gara disputata prevalentemente sul bagnato, i piloti partono dietro la safety car, che rimane in pista per i primi dieci giri. La posizione al suo arrivo non varia, arrivando sempre 4º dietro a Sergio Pérez , che riesce ad approfittarsene di un'ottima strategia del suo team, per riuscire a mantenersi davanti al ferrarista fino alla fine.

Due settimane dopo, in Canada , la Ferrari porta delle modifiche al turbocompressore e all'ala posteriore, che permettono alla vettura di sfruttare le alte velocità raggiungibili nel circuito [44] . Queste evoluzioni avvicinano notevolmente Sebastian agli avversari della Mercedes, riuscendo a conquistare un terzo posto in qualifica, proprio a pochi decimi dai piloti della scuderia di Stoccarda. La domenica Vettel si rende protagonista di un'ottima partenza, che lo porta immediatamente in prima posizione, davanti a Lewis Hamilton e Nico Rosberg . La vettura si mostra molto competitiva nelle mani del pilota tedesco, ma la strategia a due soste avallata dal muretto Ferrari, sfruttando il rallentamento in pista provocato da una virtual safety car, non basta per mantenere la prima posizione. Infatti Lewis Hamilton vince la corsa, riuscendo a sfruttare una strategia a una sosta e amministrando con successo i suoi copertoni fino alla fine, con il ferrarista costretto ad accontentarsi del secondo posto finale, non riuscendo a colmare il divario che lo separava dal suo avversario, proprio a causa dell'eccessivo consumo delle sue gomme.

Nel Gran Premio d'Europa , dopo essere scattato dalla terza piazza, chiude secondo alle spalle del connazionale Nico Rosberg, consolidando la terza piazza nel mondiale. Nel Gran Premio d'Austria , dopo essere stato penalizzato di 5 posizioni sulla griglia di partenza, partendo quindi dalla nona casella, con una strategia conservativa riesce presto a risalire nelle prime posizioni, ma nel corso del ventisettesimo giro, mentre è in testa (davanti a Nico Rosberg) non avendo ancora effettuato la sosta al contrario dei suoi rivali, la gomma posteriore destra scoppia, costringendolo al ritiro. In Gran Bretagna , dopo aver segnato il sesto posto in qualifica, viene retrocesso in undicesima posizione per aver sostituito il cambio. In gara la Ferrari non brilla, né con lui né con il compagno di squadra Kimi Raikkonen (che chiude quinto) e il pilota tedesco è costretto ad accontentarsi della nona posizione. In Ungheria ottiene il quarto posto, non riuscendo a sopravanzare Daniel Ricciardo nel finale. Nel Gran Premio di Germania , la Ferrari non è competitiva e il tedesco deve accontentarsi della quinta posizione. Nel Gran Premio del Belgio giunge al traguardo in 6ª posizione. Nel Gran Premio d'Italia a Monza conquista il 3º posto. Nel corso del primo giro del Gran Premio della Malesia , si scontra con il connazionale Nico Rosberg , che causa il suo terzo ritiro stagionale. In seguito ottiene due quarti posti in Giappone e Texas .

Nel Gran Premio del Messico , in gara arriva terzo, ma nel dopo gara gli vengono inflitti dieci secondi di penalità facendolo retrocedere al quinto posto. [45]

Nel Gran Premio del Brasile chiude 5º dopo un testacoda al primo giro (senza safety car), che lo fa retrocedere in quindicesima posizione e costringendolo a una lunga rimonta. Il pilota si è detto comunque soddisfatto dal risultato, visti i numerosi incidenti causati dalla pioggia che hanno anche coinvolto lo stesso compagno di squadra di Vettel, Kimi Räikkönen. Nel Gran Premio di Abu Dhabi chiude in terza posizione dopo essere scattato dalla quinta piazza. Ha chiuso alle spalle dei due della Mercedes Lewis Hamilton e Nico Rosberg, laureatosi campione del mondo proprio nel gran premio conclusivo a scapito del compagno di scuderia. Il risultato di Vettel è frutto di una buona strategia, che gli ha permesso di montare gomme morbide nel finale, infilando sia il compagno di squadra che i due piloti della Red Bull Racing .

2017
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2017 .
Sebastian Vettel al Gran Premio della Malesia 2017 .

La stagione diFormula 1 2017 inizia in modo ottimale per Sebastian e la sua Ferrari , il quale conquista la sua quarta vittoria con la scuderia di Maranello nel Gran Premio di Melbourne , imponendosi sul duo della Mercedes , composto da Lewis Hamilton e Valtteri Bottas , rispettivamente secondo e terzo. Nel Gran Premio di Shanghai chiude secondo dietro ad Hamilton. Nel Gran Premio del Bahrein , il tedesco, partito dalla terza posizione, passa in partenza Lewis Hamilton, ponendosi alle spalle di Valtteri Bottas. Balzato in testa al termine della girandola del cambio gomme, riesce a resistere dopo il restart all'attacco del finlandese; dopo quest'episodio, Vettel allunga e sul traguardo precede la coppia Mercedes. Nelle qualifiche del Gran Premio della Russia ottiene la prima pole stagionale con la Ferrari che mancava dal Gran Premio di Singapore 2015 [46] . In partenza Valtteri Bottas brucia entrambe le Ferrari, conquistando la prima vittoria in carriera. Vettel chiude secondo, staccato di soli 6 decimi. In Spagna, dopo la seconda posizione in qualifica, supera al via Lewis Hamilton, che però lo supera nuovamente al giro 44, chiudendo secondo. Nel Gran Premio di Monaco il tedesco si prende la prima fila accanto al compagno di squadra Kimi Raikkonen, che non era in pole dal Gran Premio di Francia 2008 [47] . In gara Vettel si prende il primo posto dopo il pit stop al 34º giro e lo mantiene fino alla fine, con il finlandese secondo. La doppietta alla Ferrari mancava dal Gran Premio di Germania 2010 [48] . Vettel e la Ferrari allungano nelle rispettive classifiche su Hamilton e sulla Mercedes.

Sebastian Vettel esulta dopo la vittoria al Gran Premio di Monaco 2017 .

Nel Gran Premio del Canada , qualificato secondo, Vettel arriva quarto dopo una rimonta dall'ultima posizione per un contatto alla partenza con la Red Bull di Max Verstappen. Nel Gran Premio d'Azerbaigian si qualifica quarto. Alla fine del regime di safety car, mentre era secondo, tampona il leader della gara Lewis Hamilton, reo di aver rallentato improvvisamente, e risponde affiancandolo e colpendolo con una ruotata. Il ferrarista verrà penalizzato con uno stop and go di 10 secondi, ma riuscirà a chiudere quarto davanti al rivale inglese. A seguito dell'incidente provocato Vettel sarà convocato al tribunale della FIA il 3 luglio per stabilire eventuali penalità aggiuntive oltre a quella inflitta in gara. Nel Gran Premio d'Austria torna sul podio dopo due gare, giungendo secondo alle spalle di Valtteri Bottas. In Gran Bretagna , partito terzo, perde subito la possibilità di lottare per la vittoria rimanendo bloccato dietro a Max Verstappen che l'aveva superato in partenza. Superato l'olandese grazie al pit-stop, Vettel non riesce a resistere al ritorno di Valtteri Bottas. Nelle ultime tornate entrambe le Ferrari forano la gomma anteriore sinistra: il tedesco chiude settimo, con Hamilton che si porta a un solo punto in classifica iridata. In Ungheria ottiene la seconda pole stagionale. In gara, nonostante i problemi allo sterzo [49] , riesce a condurre fino alla fine, conquistando la quarta vittoria in stagione, allungando a 14 punti su Lewis Hamilton in campionato [50] .

Vettel a bordo della Ferrari SF70H , nella pit-lane.

Nel Gran Premio del Belgio conclude al secondo posto, dietro Lewis Hamilton, dopo aver fatto segnare anche il giro più veloce in gara. Nel Gran Premio d'Italia giunge terzo dopo un fine settimana difficilissimo. Approfittando della vittoria di tappa, Hamilton balza in testa al campionato con 238 punti, contro i 235 del tedesco [51] . A Singapore nonostante i problemi alla Ferrari nelle prove libere, riesce nelle qualifiche a conquistare la terza pole stagionale, con Hamilton che parte solo quinto. Alla partenza della gara è però protagonista di un incidente con il compagno di squadra Kimi Räikkönen e Max Verstappen , in cui tutti e tre sono costretti al ritiro. Con la vittoria del rivale Hamilton, Vettel ha 28 punti di svantaggio dal britannico [52] . Nelle qualifiche del Gran Premio della Malesia a causa dei problemi alla macchina, Vettel parte ultimo, con il rivale Hamilton che invece parte in pole position. In gara è protagonista di una grande rimonta: grazie al pit stop il tedesco sorpassa Valtteri Bottas per la quarta posizione, nei giri successivi Vettel batte il record della pista che apparteneva a Juan Pablo Montoya fatto segnare nell'edizione 2004 . Verso il 45º giro il tedesco si avvicina a Daniel Ricciardo per il podio, ma l'australiano riesce a difendersi dagli attacchi del pilota del Cavallino. Dopo aver tagliato il traguardo, Vettel è protagonista di un contatto con Lance Stroll nel giro di rientro ai box.

In Giappone il tedesco scatta dalla seconda posizione in griglia (grazie anche alla penalizzazione di Bottas), ma è costretto al ritiro dopo pochi giri per problemi a una candela, perdendo così altri punti nei confronti del leader del mondiale Hamilton, che vince partendo dalla pole position [53] [54] . Negli Stati Uniti d'America , scattato dalla seconda casella, in partenza sorpassa Lewis Hamilton e si mette in prima posizione e la mantiene fino al giro 6 quando il britannico si riprende la testa della gara. Dopo il secondo pit stop Vettel si ritrova quarto, ma grazie a una buona strategia della Ferrari, negli ultimi giri sorpassa Valtteri Bottas e il compagno di squadra Kimi Raikkonen e chiude la gara in seconda posizione alle spalle di Hamilton. In Messico , conquista la quarta pole position della stagione, precedendo Max Verstappen e Lewis Hamilton . In partenza è protagonista di un contatto con Verstappen e Hamilton, che causa la rottura dell'ala anteriore della sua Ferrari e la foratura della ruota posteriore destra del britannico. Entrambi sono costretti a una sosta ai box, mentre Verstappen procede in prima posizione, che mantiene fino alla fine vincendo la gara. Vettel rimonta fino in quarta posizione facendo anche segnare il giro veloce, mentre Hamilton termina in nona posizione vincendo il titolo mondiale.

In Brasile , partito dalla seconda posizione, riesce a sopravanzare Valtteri Bottas alla partenza e prende la testa del Gran Premio, che mantiene fino al traguardo (se non per alcuni giri in cui la cede ad Hamilton, che non aveva ancora effettuato la sosta), ottenendo la quinta vittoria stagionale, incrementando a 22 punti il vantaggio sullo stesso Bottas nella lotta per la seconda posizione nella classifica piloti. Ad Abu Dhabi chiude terzo, mai in lotta per la vittoria. Chiude la stagione al secondo posto con 317 punti, con 5 vittorie, 4 pole position e 13 podi.

2018
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2018 .
Il pilota tedesco in una fase del Gran Premio d'Azerbaigian 2018 .

La stagione 2018 inizia positivamente per Vettel: nella gara inaugurale in Australia si qualifica terzo alle spalle di Lewis Hamilton e del compagno di squadra Kimi Raikkonen. In partenza i primi tre mantengono le rispettive posizioni, ma al giro 26, mentre Hamilton e Raikkonen avevano già effettuato il loro cambio gomme, sfruttando il regime di virtual safety car , Vettel effettua il pit stop e rientra di poco davanti al britannico. Dopo l'uscita della safety car riesce a mantenere la posizione e negli ultimi giri, complice i problemi accusati da Hamilton, amministra la gara fino al traguardo. Al Gran Premio del Bahrein Vettel ottiene la pole position davanti al compagno di squadra Raikkonen. In gara mantiene la testa dopo la partenza ed effettua l'unica sosta montando gomme morbide al giro 19, gestendole per le restanti tornate di gara e resistendo negli ultimi giri al ritorno di Valtteri Bottas : è la sua seconda vittoria consecutiva nel campionato e la decima con la Ferrari. Conquista la pole position pure nel Gran Premio di Cina , ancora davanti a Kimi Räikkönen, stavolta per 87 millesimi. In partenza mantiene la prima posizione, ma dopo il pit stop scende al secondo posto, scavalcato da Valtteri Bottas , che aveva effettuato la sosta un giro prima del ferrarista. Dopo la safety car viene speronato da Max Verstappen durante un tentativo di attacco. Vettel prosegue con la monoposto danneggiata, chiudendo ottavo.

A Baku conquista la terza pole consecutiva: in gara mantiene la prima posizione fino alla sosta; in testa va così Valtteri Bottas (ma con una sosta in meno), ma dopo l'incidente tra Daniel Ricciardo e Max Verstappen entra in pista la Safety Car, facendo guadagnare a Bottas la prima posizione. Alla ripartenza, il tedesco, insidiato da Hamilton, cerca di superare il finlandese, ma va lungo e perde posizioni. Finirà quarto, cedendo la testa del mondiale a Lewis Hamilton . Nel Gran Premio di Spagna si qualifica terzo dietro le due Mercedes. In partenza supera Valtteri Bottas e si pone dietro Hamilton. Durante il periodo di Safety Car va ai box per effettuare la sua seconda sosta, ma la lentezza del pit stop lo relega dietro a Max Verstappen . Il tedesco non riesce a impensierire l'alfiere Red Bull e chiude così al quarto posto. Hamilton, vincitore della gara, allunga a 17 punti in classifica iridata. Nel GP successivo si qualifica secondo dietro Daniel Ricciardo e termina la gara nella stessa posizione. Nel Gran Premio del Canada conquista la quarta pole position stagionale ottenendo anche il record del circuito. In gara è autore di una prestazione eccellente e vince la sua cinquantesima gara in Formula 1, percorrendo in testa tutti i giri della corsa. Inoltre, riporta la Ferrari alla vittoria in Canada dopo 14 anni di astinenza. L'ultimo a riuscirci prima di lui era stato Michael Schumacher [55] . In Francia si qualifica in terza posizione. In gara è autore di un incidente con Valtteri Bottas al via. Costretto a una sosta per sostituire il muso della sua Ferrari, il tedesco è costretto a una rimonta che dal quindicesimo posto lo porta fino al quinto. Il rivale della Mercedes Lewis Hamilton invece, autore della pole position, vince il Gran Premio portandosi in testa alCampionato con 14 punti di vantaggio su Vettel. Nelle qualifiche del Gran Premio d'Austria ottiene il terzo tempo, ma viene penalizzato di tre posizioni sulla griglia per aver rallentato Carlos Sainz Jr. in Q2, perdendo anche un punto dalla Superlicenza e venendo arretrato in sesta posizione [56] . In gara è autore di una rimonta arrivando terzo dietro a Verstappen e Räikkönen . Inoltre, complice il ritiro dei due piloti della Mercedes, torna in testa al Mondiale Piloti con un punto di vantaggio su Hamilton [57] . A Silverstone , la settimana seguente, il pilota Ferrari conquista la seconda piazza in qualifica, cedendo la pole a Lewis Hamilton per 44 millesimi, davanti al compagno di scuderia Kimi Räikkönen . In gara, grazie a un ottimo spunto in partenza, riesce a prendere la testa della gara. Mantiene la prima posizione finché, in regime di Safety Car, effettua la seconda sosta del gran premio, cedendo dunque la leadership a Bottas, che non si ferma. Nel finale di gara, sopravanza il finlandese e festeggia la 51ª vittoria in carriera, eguagliando così il numero delle vittorie di Alain Prost . Dietro di lui arrivano Hamilton e Raikkonen. Il successo consente a Vettel di consolidare il primo posto nel mondiale, con 8 punti di vantaggio sul rivale inglese [58] . In Germania parte dalla pole, ma al 52º giro, mentre è in testa, esce di pista a causa delle difficili condizioni meteorologiche, ed è costretto al ritiro. La gara è vinta da Hamilton che partiva 14º, il quale torna primo in classifica. Molti considerano la gara tedesca come l'inizio del declino stagionale della Scuderia in generale, e di Vettel in particolare, sebbene il 4 volte iridato sia riuscito successivamente produrre altre ottime prestazioni.

Sebastian Vettel riparte dopo un testacoda alla Parabolica durante le PL2 del Gran Premio d'Italia 2018 .

Due settimane dopo, a Budapest , il tedesco, dopo essere partito dalla quarta posizione, chiude secondo, alle spalle di Lewis Hamilton, che allunga il suo vantaggio a 24 punti. Dopo la pausa estiva, nel Gran Premio del Belgio , Vettel si qualifica secondo in una sessione caratterizzata dalla pioggia, e riesce a vincere la gara dopo aver superato Hamilton durante il primo giro del gran premio. Avendo ottenuto il tredicesimo successo in Ferrari, eguaglia le vittorie di Alberto Ascari con la scuderia di Maranello e riduce il distacco dalla vetta della classifica. Al Gran Premio di casa della Ferrari , a Monza , viene battuto dal compagno di squadra Räikkönen in qualifica. Il tedesco parte così secondo, davanti a Lewis Hamilton . Durante il primo giro della gara resta coinvolto in un contatto con Hamilton alla seconda variante, ed è costretto a una rimonta dal fondo dello schieramento. Dopo una serie di sorpassi termina la gara in quarta posizione, perdendo punti in campionato nei confronti di Hamilton. [59]

Al Gran Premio di Singapore il tedesco compie un paio di errori nell'ultimo giro di qualifica e non riesce a fare meglio del terzo posto, battuto da Lewis Hamilton e Max Verstappen. In gara Vettel conferma la terza posizione, vedendo quindi incrementare ulteriormente il distacco in classifica dal rivale. [60]

Nemmeno nelle gare successive la situazione migliora. Nel Gran Premio di Russia si qualifica e termina terzo, mentre Hamilton vince ancora. A Suzuka si qualifica solo ottavo in una sessione di qualifica disturbata dalla pioggia. In gara Vettel comincia bene rimontando subito fino al quarto posto, ma all'ottavo giro tenta il sorpasso su Max Verstappen alla Spoon e finisce in testacoda. Riesce a risalire dall'ultimo al sesto posto. Hamilton, ormai vincitore per quattro volte consecutive, incrementa il suo vantaggio a 67 punti, rendendo la conquista del mondiale da parte di Vettel e della Ferrari sempre più difficile. Nel Gran Premio degli Stati Uniti si qualifica secondo, ma viene penalizzato di tre posizioni per non aver aver rallentato a sufficienza in regime di bandiera rossa, durante le prove. In gara, Vettel ha un contatto con Daniel Ricciardo durante il primo giro, finendo in testacoda. Riesce a rimontare dal fondo dello schieramento fino al quarto posto. Una settimana dopo in Messico , si qualifica quarto, dietro le Red Bull e Lewis Hamilton . In gara chiude al secondo posto dietro al vincitore Max Verstappen , ma non basta per tenere aperta la lotta mondiale: Hamilton si laurea campione del mondo per la quinta volta in carriera terminando al quarto posto. Vettel conquista matematicamente il secondo posto nella classifica piloti. Ottiene un sesto e secondo posto in Brasile e ad Abu Dhabi .

2019
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2019 .
Sebastian Vettel sulla Ferrari SF90 al Gran Premio d'Italia 2019 , acclamato dai tifosi alla parabolica.

La nuova monoposto viene presentata il 15 febbraio 2019, [61] assieme a Charles Leclerc come nuovo compagno di squadra, arrivato al posto di Kimi Raikkonen che lo sostituisce alla neonata Alfa Romeo Racing . [62] [63] Sebastian scende in pista per la prima giornata di test pre-stagionali sul Circuito di Barcellona , il 18 febbraio, in cui il tedesco fa registrare il miglior tempo. [64] Secondo una classifica diramata dal Daily Mirror , Vettel percepisce circa £30,5 milioni come compenso per la stagione 2019, [65] diventando uno dei piloti più pagati.

La stagione non inizia bene per Vettel, che non sembra poter competere con le Mercedes . In Australia si qualifica terzo e in gara termina quarto dopo aver battagliato con Max Verstappen . In Bahrein la SF90 si dimostra la più competitiva e Vettel si qualifica secondo alle spalle del compagno di squadra Charles Leclerc . In gara, dopo aver sorpassato Leclerc in partenza viene nuovamente sorpassato dallo stesso qualche giro dopo. Durante la gara è autore di una battaglia con Lewis Hamilton , che lo porta a perdere il controllo della vettura ea finire in testacoda. Dopo la sostituzione dell'alettone danneggiato termina quinto. In Cina , Vettel si qualifica terzo ma viene superato in partenza dal compagno di squadra. Dopo alcuni giri Sebastian supera Charles grazie a un ordine di scuderia, e alla fine della gara termina terzo, conquistando il primo podio della stagione. Nel Gran Premio d'Azerbaigian , in qualifica Sebastian non riesce a fare meglio del terzo posto, conservandolo fino al termine della gara. In Spagna , partito terzo, compromette la sua gara con un bloccaggio alla prima curva, finendo quarto. A Monaco , partendo dalla quarta posizione, chiude secondo a seguito dell'incidente tra Verstappen e Bottas avvenuto nella pit lane.

Conquista la pole position nel circuito di Montréal , ma durante la gara gli viene assegnata una penalità per un rientro in pista considerato pericoloso e tale penalità gli costerà la vittoria. La decisione dei commissari genera numerose polemiche . Dopo aver terminato quinto in Francia e quarto in Austria , a Silverstone parte sesto e arriva sedicesimo dopo aver tamponato Max Verstappen durante una battaglia per la terza posizione. A causa di ciò gli viene anche inflitta una penalità di 10 secondi. A Hockenheim ha un problema al motore ed è costretto a non prendere parte alla Q1. Partito ultimo, sfruttando le condizioni variabili si rende autore d'una grande rimonta che lo porta sino al 2º posto. In Ungheria parte 5º e raggiunge il gradino più basso del podio, mentre in Belgio conclude al 4º posto. In Italia mentre occupava la quarta posizione finisce in testacoda e rientrando pericolosamente in pista finisce in contatto con Lance Stroll . A causa di questa azione pericolosa viene penalizzato di 10 secondi, concludendo solo al 13º posto; gli vengono inoltre comminati 3 punti di penalità sulla patente FIA. Nel Gran Premio di Singapore , partito 3º, riesce a effettuare un undercut sul compagno di squadra, partito dalla pole, ottenendo la sua prima vittoria stagionale a più di un anno dall'ultimo successo; grazie al 2º posto di Leclerc la Ferrari torna inoltre a fare doppietta per la prima volta dal Gran Premio d'Ungheria 2017 . In Russia si ritira mentre era al comando per un problema tecnico, [66] mentre nel Gran Premio del Giappone conquista la pole position; in gara, dopo essere partito male, si deve accontentare della seconda posizione alle spalle di Bottas. In Messico arriva nuovamente secondo, mentre nel Gran Premio di Austin si ritira per un cedimento della sospensione dopo essere partito secondo. In Brasile si ritira nuovamente a seguito di un clamoroso incidente col compagno di squadra Leclerc mentre era in lotta per il podio, ma viene comunque classificato 17º avendo coperto il 90% della gara; nell'ultima anonima gara della stagione ad Abu Dhabi chiude 5º.

Conclude la stagione al 5º posto nel mondiale con 240 punti, preceduto anche dal compagno di squadra Leclerc.

2020: l'addio
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2020 .
Sebastian Vettel alla guida della sua Ferrari SF1000, in livrea speciale per i mille Gran Premi della Scuderia, durante il Gran Premio della Toscana 2020 .

Il 12 maggio 2020, con un comunicato ufficiale da parte della Ferrari viene annunciato che, a seguito di infruttuose trattative e di comune accordo, Sebastian Vettel e la Ferrari decidono di non rinnovare il contratto per un'altra stagione. [67] Successivamente, nella prima conferenza stampa della nuova stagione (in Austria), Vettel dichiara che non gli è mai stata avanzata un'offerta di rinnovo e che la decisione di non rinnovare il contratto sia stata presa solamente dai dirigenti della Ferrari. [68] Queste dichiarazioni sono successivamente confermate da Mattia Binotto , team principal Ferrari. Nel Gran Premio inaugurale della stagione in Austria , date le difficoltà della monoposto e un contatto con Carlos Sainz Jr. che lo relega in fondo al gruppo, il pilota tedesco chiude in decima posizione; al Gran Premio successivo , svoltosi sullo stesso circuito, Vettel si ritira al primo giro, toccato dal compagno di squadra, mentre si trovava in decima posizione. Nel Gran Premio di Ungheria termina la gara al sesto posto, primo delle due Ferrari ma comunque doppiato. Nel Gran Premio di Gran Bretagna , dopo aver perso quasi interamente il venerdì di prove libere per vari problemi sulla monoposto, termina in decima posizione, senza trovare feeling con la vettura e aiutato a conquistare la zona punti dalle forature di Valtteri Bottas e Carlos Sainz Jr. Nel Gran Premio del 70º Anniversario , commette un errore alla prima curva lo relega alle posizioni di fondo e concluderà la gara solo dodicesimo. Torna a punti nel successivo Gran Premio di Spagna , dove termina settimo sfruttando una strategia a una sola sosta. Dopo aver concluso fuori dalla zona punti in Belgio e Italia (dove è costretto al ritiro), conclude decimo in Toscana . Seguono un paio di prestazioni estremamente anonime in Russia e Germania, in cui Vettel non riesce a marcare neanche un punto. A Portimao , Sebastian riesce a concludere 10°, mentre aImola , sebbene in gara stesse dimostrando un ottimo ritmo, a causa di un errore ai box durante il pit-stop da parte dei meccanici, conclude a ridosso della zona punti. Molto meglio è il risultato ottenuto in Turchia : nonostante una qualifica anonima da parte della Ferrari, in gara Sebastian ha uno scatto brillante al via, col quale riesce a guadagnare sette posizioni nel corso del primo giro; successivamente, grazie all'ottima condotta di gara, riesce a conquistare un terzo posto, primo podio della stagione, interrompendo un digiuno che durava dal Gran Premio del Messico 2019 . Nei due Gran Premi svolti in Bahrein, Gran Premio del Bahrein e Gran Premio di Sakhir , Vettel non ottiene punti, così come nell'ultimo appuntamento della stagione ad Abu Dhabi . [69]

2021-: Aston Martin

2021
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2021 .
Vettel in Aston Martin nel 2021.

Il 10 settembre 2020 la Racing Point , che dal2021 ha acquisito la denominazione Aston Martin, ufficializza l'ingaggio di Vettel a partire dalla stagione seguente. [70] L'annuncio è giunto poche ore dopo quello con il quale il messicano Sergio Peréz ha comunicato di lasciare la stessa Racing Point al termine della stagione. Il tedesco compie i suoi primi chilometri con la nuova squadra durante lo shakedown tenutosi il 4 marzo 2021 a Silverstone , con la sua nuova Aston Martin AMR21 . [71] L'esordio nei test ufficiali in Bahrain tenutisi dal 12 al 14 marzo viene compromesso da alcuni problemi meccanici, prima al cambio [72] e poi al turbo, [73] che non gli consentono di effettuare abbastanza giri durante la sua giornata e mezzo a disposizione con la nuova macchina. [74]

L'avvio di stagione non è dei migliori, infatti l'Aston Martin dimostra di aver perso la competitività mostrata l'anno precedente, [75] e al Gran Premio del Bahrein Vettel si qualifica prima al diciottesimo posto, non superando il taglio del Q1, per poi essere penalizzato di cinque posizioni in griglia, [76] venendo relegato quindi in ultima posizione. In gara è protagonista di un serrato duello con la Alpine di Alonso , ma successivamente è colpevole di un contatto con l'altra Alpine pilotata da Ocon , provocandosi così un testacoda che lo fa scivolare in quindicesima posizione al termine della gara, [77] scia negativa che prosegue anche nel successivoGran Premio dell'Emilia-Romagna , dove si ritira per un problema al cambio, ma si classifica comunque quindicesimo avendo completato il 90% della gara. [78] [79] Tuttavia, nel seguente Gran Premio del Portogallo , riesce a qualificarsi per il Q3, interrompendo un digiuno iniziato nel Gran Premio di Gran Bretagna del 2020 . [80] In gara però finisce in tredicesima posizione, perdendo la posizione sui più veloci Fernando Alonso, Daniel Ricciardo e Antonio Giovinazzi , partiti più dietro. [81] Conclude in tredicesima posizione anche il Gran Premio di Spagna . [82] Conquista i suoi primi punti stagionali al Gran Premio di Monaco : dopo essersi classificato all'ottavo posto in qualifica, in gara sorpassa all'uscita della pit-lane Hamilton e Pierre Gasly , concludendo poi la gara in quinta posizione, avendo conquistato anche la posizione sui ritirati Bottas e Leclerc, ma avendo perso la posizione su Sergio Pérez per un overcut . Al Gran Premio d'Azerbaigian Vettel, partito undicesimo, grazie ad un primo stint lungo, riesce a posizionarsi in settima posizione, guadagna poi una posizione grazie al ritiro del compagno di squadra di Lance Stroll , e alla ripartenza dietro la safety-car causata dallo stesso, supera prima Leclerc, e al giro successivo anche Gasly, ma dopo un ritiro di Verstappen che causa una bandiera rossa, ed un errore di Hamilton alla ripartenza dalla griglia, Vettel riesce ad agguantare la seconda posizione, conquistando così il primo podio stagionale per lui e per l'Aston Martin [83] . In Francia , grazie ad una strategia ad una sosta termina nono, concludendo la terza gara consecutiva a punti. Successivamente arrivano una seria di piazzamenti fuori dai punti: nei Gran Premi di Stiria e Austria , entrambi tenutisi al Red Bull Ring e in Gran Bretagna . Nel gran Premio di Austria rimane anche coinvolto in un incidente con Räikkönen all'ultimo giro mentre lo sopravanza per raggiungere la dodicesima posizione e conclude diciassettesimo. In Gran Bretagna viene provato per la prima volta il format della Qualifica Sprint. Nella sessione di qualifica classica, tenutasi il venerdì, Vettel raggiunge il Q3 e si classifica decimo e nella gara della Qualifica Sprint del sabato si classifica ottavo. Alla partenza della gara guadagna una posizione, ma alla seconda ripartenza dopo una bandiera rossa, mentre lottava con Alonso per raggiungere il sesto posto, finisce in testacoda, scivolando in fondo al gruppo, per poi successivamente ritirarsi. Nel Gran Premio d'Ungheria , dopo una gara caotica influenzata da condizioni variabili e incidenti, ottiene la seconda posizione e quindi il secondo podio della stagione, dopo essere stato per gran parte della gara all'inseguimento del vincitore Ocon. Tuttavia, viene squalificato a gara terminata perché nella monoposto di Sebastian rimaneva meno di un litro di carburante richiesto dalla FIA per eseguire alcuni controlli post-gara. [84] [85]

Risultati

Risultati nella Formula 3 Euro Series

Stagione Team Motore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Punti Pos.
2005 ASL Mücke Motorsport Mercedes HOC
Germania
PAU
Francia
SPA
Belgio
MON
Monaco
OSC
Germania
NOR
Germania
NÜR
Germania
ZAN
Paesi Bassi
LAU
Germania
HOC
Germania
57
21 5 7 11 SQ 13 18 17 5 5 2 4 11 2 2 2 3 15 13 3
2006 ASM Formule 3 Mercedes HOC
Germania
LAU
Germania
OSC
Germania
BRH
Regno Unito
NOR
Germania
NÜR
Germania
ZAN
Paesi Bassi
CAT
Spagna
LMS
Francia
HOC
Germania
75
5 1 3 6 5 14 2 7 2 Rit 1 1 24 2 1 Rit 9 9 3 12

Risultati nella Formula Renault 3.5 Series

Stagione Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 Punti Pos.
2006 Carlin Motorsport ZOL
Belgio
MON
Monaco
IST
Turchia
MIS
Italia
SPA
Belgio
NÜR
Germania
DON
Regno Unito
LMS
Francia
CAT
Spagna
28 15º
2 1 Rit NP
2007 Carlin Motorsport MNZ
Italia
NÜR
Germania
MON
Monaco
HUN
Ungheria
SPA
Belgio
DON
Regno Unito
MAG
Francia
EST
Portogallo
CAT
Spagna
74
5 3 1 6 2 4 3

Risultati in Formula 1

2007 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Europe.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
BMW Sauber [86]
Toro Rosso
F1.07
STR2
SP SP 8 16 19 18 Rit Rit 4 Rit 6 14º
2008 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Turkey.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Toro Rosso STR2B [87]
STR3
Rit Rit Rit Rit 17 5 8 12 Rit 8 Rit 6 5 1 5 6 9 4 35
2009 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Red Bull RB5 13 15 1 2 4 Rit 3 1 2 Rit Rit 3 8 4 1 4 1 84
2010 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Red Bull RB6 4 Rit 1 6 3 2 Rit 4 1 7 3 3 15 4 2 1 Rit 1 1 256
2011 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB7 1 1 2 1 1 1 2 1 2 4 2 1 1 1 3 1 1 Rit 2 392
2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB8 2 11 5 1 6 4 4 Rit 3 5 4 2 22 1 1 1 1 3 2 6 281
2013 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of South Korea.svg Flag of Japan.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Red Bull RB9 3 1 4 1 4 2 1 Rit 1 3 1 1 1 1 1 1 1 1 1 397
2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Red Bull RB10 Rit 3 6 5 4 Rit 3 Rit 5 4 7 5 6 2 3 8 7 5 8 167
2015 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF15-T 3 1 3 5 3 2 5 4 3 1 12 2 1 3 2 3 Rit 3 4 278
2016 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF16-H 3 NP 2 Rit 3 4 2 2 Rit 9 4 5 6 3 5 Rit 4 4 5 5 3 212
2017 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF70H 1 2 1 2 2 1 4 4 2 7 1 2 3 Rit 4 Rit 2 4 1 3 317
2018 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF71H 1 1 8 4 4 2 1 5 3 1 Rit 2 1 4 3 3 6 4 2 6 2 320
2019 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Russia.svg Flag of Japan.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF90 4 5 3 3 4 2 2 5 4 16 2 3 4 13 1 Rit 2 2 Rit 17 5 240
2020 Scuderia Vettura Flag of Austria.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Hungary.svg Flag of the United Kingdom.svg F1 - GP del 70º anniversario 2020.png Flag of Spain.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Tuscany.svg Flag of Russia.svg Flag of Rhineland-Palatinate.svg Flag of Portugal.svgBandiera Emilia-Romagna.svg Flag of Turkey.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Ferrari SF1000 10 Rit 6 10 12 7 13 Rit 10 13 11 10 12 3 13 12 14 33 13º
2021 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svgBandiera Emilia-Romagna.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of none.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Aston Martin AMR21 15 15 13 13 5 2 9 12 17 Rit SQ 30
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Qualifica Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Record in Formula 1

( Aggiornato dopo il Gran Premio di Abu Dhabi 2019 )

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche di Formula 1 .
Record Numero/Data
Campione del mondo più giovane [88] 23 anni, 134 giorni ( Abu Dhabi 2010 )
Maggior vantaggio sul secondo classificato nel mondiale [89] 155 (2013 )
Maggior numero di vittorie consecutive [90] 9 ( Belgio 2013 - Brasile 2013 )
Maggior numero di podi in una stagione [91] 17 (2011 ); a pari merito con Lewis Hamilton e Michael Schumacher
Maggior numero di vittorie in una stagione [92] 13 (2013 ); a pari merito con Michael Schumacher
Maggior numero di Pole Position in una stagione [93] 15 (2011 )
Pilota più giovane a realizzare una Pole Position [94] 21 anni, 72 giorni ( Gran Premio d'Italia 2008 )
Pilota più giovane a conquistare una vittoria partendo dalla Pole Position [95] 21 anni, 73 giorni ( Gran Premio d'Italia 2008 )
Pilota più giovane a conquistare un Hat Trick [96] 22 anni, 12 giorni ( Gran Premio di Gran Bretagna 2009 )
Pilota più giovane a conquistare un Grand Chelem [97] 24 anni, 119 giorni ( Gran Premio d'India 2011 )

Nomi delle monoposto

Da quando ha cominciato stabilmente la propria carriera in Formula 1 , è tradizione per Sebastian Vettel dare un nome di donna alle proprie monoposto (nello specifico al telaio).

Di seguito i nomi assegnati alle diverse auto guidate:

Design caschi

Sebastian Vettel, Casco del GP di Giappone 2010

La passione di Vettel per diversi modelli di caschi è iniziata in giovane età e già dai suoi primi giorni nel karting ha lavorato con il designer Jens Munser. A otto anni, Vettel voleva il granchio “Sebastian” del film “La Sirenetta” sul suo casco. Il casco originale di Vettel, in Formula 1 , come la maggior parte dei piloti Red Bull , è stato fortemente influenzato dal logo della società di bevande energetiche. Dall'inizio del 2008 è stata aggiunta una croce rossa sulla parte anteriore, proprio sotto la visiera in onore della regione della sua città natale Heppenheim . Dopo essere passato dalla Toro Rosso alla Red Bull nel 2009, Vettel ha iniziato a utilizzare una varietà di nuovi modelli per il suo casco. Alcune volte erano piccoli cambiamenti del design originale “RedBull”, mentre altri erano progetti completamente originali, come quello usato al Gran Premio del Giappone 2010 : Vettel aveva un particolare casco di colore bianco-rosso, con Kanji neri e hiragana . [103]

Molti dei suoi design hanno anche caratterizzato i membri del team. Nel Gran Premio d'Italia 2012 , Vettel ha celebrato il suo 50º design con un “aspetto arrugginito". Alla fine della stagione 2013 di Formula 1 , Vettel aveva usato 76 caschi differenti per tutta la sua carriera. “Sono felice di ciò” ha ammesso. [104]

Vettel ha iniziato la stagione 2013 con un nuovo design in onore di Felix Baumgartner . [105]

Sebastian Vettel, casco del 2017.

Il produttore di caschi Arai ha dichiarato che Vettel ritirava ogni suo casco dopo ogni vittoria. Dopo essersi trasferito in Ferrari , prima dell'inizio della stagione 2015 Vettel ha dichiarato che non cambierà più i modelli del casco così spesso, visto anche la regola della FIA che impone di non poter cambiare radicalmente il casco durante la stagione, e di aver cambiato il design vista la fine della partnership con Red Bull che durava da quando era bambino. [106] Il suo nuovo casco è bianco con la bandiera nazionale tedesca che va dalla parte anteriore a quella posteriore e il suo numero il 5 in cima. Nella versione 2017 al posto del numero è presente la scritta "Five", già introdotta dal Gran Premio d'Italia 2016 in lingua italiana.

Nel 2018 il casco rimane invariato ma continua a portare versioni speciali per determinati Gran Premi , in quello della Germania al posto del Cavallino rampante era presente un bersaglio con i colori della Germania . Anche nel2019 il casco rimane fedele al design scelto nel 2015, solo i caschi per il GP di Monaco e per quello di Germania presentano dei cambiamenti. Il primo è dedicato al campione austriaco Niki Lauda mentre il secondo al connazionale Bernd Schneider . [107] [108]

Per il campionato2020 la FIA torna sui suoi passi e decide di abolire la regola sui caschi introdotta nel 2015. Vettel non ha comunque deciso di cambiare radicalmente il suo casco in nessuna delle 17 gare. Tra le versioni speciali portate vanno ricordate quella dedicata a Michael Schumacher per il GP di Eifel , quella per i 1000 GP della Ferrari , quella per il GP di Turchia e Bahrain e, infine, quello per la sua ultima gara da pilota Ferrari. Il casco, che celebra la diversità, usato in Turchia e in Bahrain è stato successivamente messo all'asta dallo stesso Vettel per beneficenza e venduto per 225.000 euro. [109]

Riconoscimenti e onorificenze

Vettel è stato nominato Rookie dell'anno ai premi annuali di Autosport nel2008 . [110]

Nel2009 , gli è stato assegnato il Trofeo Lorenzo Bandini , per i successi della stagione 2008. [111]

Nel 2010, è stato votato sportivo tedesco dell'anno ( Sportler des Jahres ). [112] Nello stesso anno ha vinto per la prima volta la categoria International Racing Driver ai premi Autosport e da allora ha vinto questo premio per tre anni successivi (2010-2013). [113] [114] [115] [116]

Nel gennaio 2012, Vettel è stato premiato con l'illustre Grands Prix de l'Academie des Sports 2011 per essere diventato "bicampione di F1 consecutivamente all'età di 24 anni - vincitore di undici Grands Prix out of nineteen" e nel mese successivo, è stato ulteriormente onorato con il più alto premio sportivo in Germania, il Silberne Lorbeerblatt in riconoscimento dei suoi titoli mondiali multipli e del suo carattere esemplare. [117] [118]

È stato anche votato pilota F1 dell'anno nel 2009, 2011 e 2013 e dai team principal della F1 per il sondaggio segreto annuale, iniziato dalla rivista Autosport 2010 e 2012.

Ha inoltre vinto il premio DHL Fastest Lap nel 2009, 2012 e 2013. È diventato sportivo europeo dell'anno da PAP per 2 anni consecutivi (2012 e 2013) e anche da UEPS nel 2010.

Nel 2014 è stato nominato Sportsman dell'anno al Laureus World Sports Awards a Kuala Lumpur, Malesia. [119]

Il 4 dicembre 2017 viene inserito nella Hall of Fame della Federazione Internazionale dell'Automobile . [120]

Note

  1. ^ Ferrari, doppio annuncio: ufficiale l'addio di Alonso, arriva Vettel . URL consultato il 20 novembre 2014 .
  2. ^ Fenomeno Vettel, il migliore di sempre tra gli Under 26 , su sport.sky.it , 17 settembre 2013.
  3. ^ Sebastian Vettel, poker mondiale. , su formula1news.it , 30 novembre 2013.
  4. ^ ( EN ) Sebastian Vettel wins Formula One world championship in Abu Dhabi , su theguardian.com . URL consultato il 15 marzo 2014 .
  5. ^ Monza, Kimi e Lewis dietro! Pole di Vettel, Massa sesto , su gazzetta.it , 13 settembre 2008. URL consultato il 14 gennaio 2015 .
  6. ^ ( EN ) Brazilian Grand Prix 2012: Sebastian Vettel breaks Nigel Mansell's record to become new pole king , su telegraph.co.uk . URL consultato il 15 marzo 2014 .
  7. ^ F1: vince Vettel, terza la Ferrari di Alonso , su corriere.it , 25 novembre 2013. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  8. ^ ( FR ) Statistiques Pilotes-Victories consécutivement , su statsf1.com . URL consultato il 18 novembre 2013 .
  9. ^ ( EN ) Injury to sideline Vettel for weeks , su crash.net . URL consultato il 15 marzo 2014 .
  10. ^ Autosport magazine , 10 agosto 2006, p. 27.
  11. ^ Vettel multato per alta velocità , su gpupdate.net , f1.gpupdate.net, 25 agosto 2006. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  12. ^ Gran Premio di Turchia 2006 - Libere venerdì 2 , su formula1.com , 25 agosto 2006. URL consultato il 1º giugno 2007 .
  13. ^ GP Indy da record per Vettel , su motorsportblog.it , 19 giugno 2007. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  14. ^ Justicia para la formula uno hamilton japon , su it.youtube.com , 4 ottobre 2007. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  15. ^ Official: Vettel confirmed at Red Bull for 2009 , su pitpass.com , 17 luglio 2008. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  16. ^ Carlo Marincovich, Il lieto fine di una favola italiana , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica , 15 settembre 2008, p. 52. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  17. ^ Vettel e Glock, i piloti del destino il mondiale in due sorpassi , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica, 3 novembre 2008, p. 40. URL consultato il 15 marzo 2014 .
  18. ^ Formula 1: ecco gli stipendi dei piloti , su derapate.allaguida.it . URL consultato il 20 settembre 2015 .
  19. ^ Cina, trionfo delle Red Bull Vettel super, disastro Ferrari - Gazzetta dello Sport , su www.gazzetta.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  20. ^ Redazione, Nel 2009 Sebastian Vettel vince a Silverstone e mette le ali , su f1world.it - Amarcord , 21 giugno 2019. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  21. ^ Singapore, domina Hamilton Che sofferenza per le Ferrari! - Formula 1: notizie, risultati e classifica del mondiale F1 - La Gazzetta dello Sport , su www.gazzetta.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  22. ^ Sky Sport, F1, il fotoracconto della stagione 2009 fotogallery , su sport.sky.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  23. ^ 2009 campionato mondiale di formula 1 , su it.f1-facts.com . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  24. ^ Ferrari, è un finale atroce, Alonso 7°, Vettel campione - Formula 1: notizie, risultati e classifica del mondiale F1 - La Gazzetta dello Sport , su www.gazzetta.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  25. ^ Vettel, gioventù baciata, Così ha costruito il Mondiale - Formula 1: notizie, risultati e classifica del mondiale F1 - La Gazzetta dello Sport , su www.gazzetta.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  26. ^ Horner: «Vettel deve andare avanti» , su corrieredellosport.it . URL consultato il 15 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 31 luglio 2013) .
  27. ^ Sebastian Vettel, uomo o leggenda? A 24 anni, mai nessuno come lui , su f1web.it . URL consultato il 15 marzo 2014 .
  28. ^ Mirco Magni, Formula 1, Gran Premio di Singapore 2012: Vince Vettel, Alonso terzo , su Autoblog , 23 settembre 2012. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  29. ^ GP Giappone 2012: è Grand Chelem per Sebastian Vettel , su BlogF1.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  30. ^ Redazione, Sebastian Vettel vince anche in Corea e si porta in testa alla classifica , su f1world.it - Amarcord , 14 ottobre 2019. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  31. ^ Beastly Days : Abu Dhabi 2012 - La rimonta di Vettel , su F1Sport: News Formula 1 , 23 novembre 2017. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  32. ^ Cristian Buttazzoni, F1 Storia: GP USA 2012, Hamilton e la vendetta di Mister E , su F1Sport: News Formula 1 , 22 ottobre 2015. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  33. ^ F1, Vettel è campione del mondo 2012 , su Panorama , 25 novembre 2012. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  34. ^ Gp di Malesia, Webber tra rabbia e accuse: «Vettel non ha rispettato gli ordini dei box» , su ilmessaggero.it . URL consultato il 15 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 2 luglio 2013) .
  35. ^ F1 | 2013, l'anno della consacrazione di Sebastian Vettel , su FormulaPassion.it , 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  36. ^ Sky Sport, Da Campione a secondo pilota: il 2014 da incubo di Vettel fotogallery , su sport.sky.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  37. ^ I have decided to leave Red Bull at the end of this year , su sebastianvettel.de , 4 ottobre 2014. URL consultato il 4 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2014) .
  38. ^ Inizia l'era Vettel in Ferrari: c'è l'annuncio del triennale , su omnicorse.it . URL consultato il 20 novembre 2014 .
  39. ^ Benvenuto Sebastian – Vettel e Raikkonen la coppia del 2015 , su formula1.ferrari.com , ferrari.com, 20 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014 .
  40. ^ Vettel, ecco il soprannome: la sua Ferrari si chiamerà "Eva" , su gazzetta.it , gazzettaq.it, 11 marzo 2015. URL consultato l'11 marzo 2015 .
  41. ^ F1 | Pagelle di fine stagione 2015: Sebastian Vettel , su FormulaPassion.it , 7 dicembre 2015. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  42. ^ Formula 1, GP Australia: vince Rosberg davanti a Hamilton. Vettel 3º, Kimi ko , in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita . URL consultato il 7 settembre 2017 .
  43. ^ F1, GP Russia 2016, qualifiche: Rosberg pole, Raikkonen 3º e Vettel 7º per penalità. Hamilton 10º ed altro problema , in OA Sport . URL consultato il 14 novembre 2017 .
  44. ^ ( EN ) sponton cristiano, FUNOANALISITECNICA : GP CANADA: la Ferrari modifica anche il compressore! , in FUNOANALISITECNICA . URL consultato il 14 novembre 2017 (archiviato dall' url originale il 15 novembre 2017) .
  45. ^ F1 Gp, Messico: tolto il podio a Vettel. Ricciardo al terzo posto , in Repubblica.it , 31 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016 .
  46. ^ QuotidianoNet, Formula 1 Gp Russia, Vettel in pole position davanti a Raikkonen - QuotidianoNet , in QuotidianoNet , 29 aprile 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017 .
  47. ^ F1, GP Montecarlo 2017: Raikkonen, la rinascita passa dalla famiglia , in Automoto.it . URL consultato il 15 ottobre 2017 .
  48. ^ F1 GP Monaco: Vince Vettel, doppietta Ferrari - News Formula 1 , su f1grandprix.motorionline.com . URL consultato il 15 ottobre 2017 .
  49. ^ F1 | Vettel, trionfo sudato: "Qualcosa non funzionava" | FormulaPassion.it , in FormulaPassion.it , 30 luglio 2017. URL consultato il 13 settembre 2017 .
  50. ^ Mondiale Piloti F1 dopo GP Ungheria 2017 | FormulaPassion.it , in FormulaPassion.it , 30 luglio 2017. URL consultato il 13 settembre 2017 .
  51. ^ Mondiale Piloti F1 dopo GP Italia 2017 | FormulaPassion.it , in FormulaPassion.it , 3 settembre 2017. URL consultato il 3 settembre 2017 .
  52. ^ Mondiale Piloti F1 dopo GP Singapore 2017 - F1 Classifica Piloti - Formula 1 - Motorsport , in FormulaPassion.it , 17 settembre 2017. URL consultato il 26 maggio 2018 .
  53. ^ F1 | Una candela tradisce Vettel: "Non avevamo potenza" , in FormulaPassion.it , 8 ottobre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017 .
  54. ^ F1 | Hamilton si gode il +59: "Potevo solo sognare un vantaggio così" | FP , in FormulaPassion.it , 8 ottobre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017 .
  55. ^ Vettel, vittoria amarcord: "Negli ultimi giri ho pensato a Schumacher" - Formula 1 - Motorsport , in FormulaPassion.it , 10 giugno 2018. URL consultato l'11 giugno 2018 .
  56. ^ Pole di Bottas, Vettel penalizzato , su www.adnkronos.com . URL consultato l'8 luglio 2018 .
  57. ^ Mondiale Piloti F1 dopo GP Austria 2018 - F1 Classifica Piloti - Formula 1 - Motorsport , in FormulaPassion.it , 1º luglio 2018. URL consultato l'8 luglio 2018 .
  58. ^ Luca Manacorda, Mondiale Piloti F1 dopo GP Gran Bretagna 2018 , in FormulaPassion.it , 8 luglio 2018. URL consultato l'8 luglio 2018 .
  59. ^ Marco Bottamini, Monza: Ferrari, i troppi errori fanno sfumare il trionfo , in F1 Sport.it , 3 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018 .
  60. ^ Giulio Scaccia, F1 | Singapore: la Ferrari sbaglia strategia e la Mercedes è più lontana , in F1 Sport.it , 16 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018 .
  61. ^ Daniele Sparisci, Ferrari SF 90, ecco la nuova vettura della stagione 2019 , su Corriere della Sera , 15 febbraio 2019. URL consultato il 18 febbraio 2019 .
  62. ^ Leclerc e la nuova rossa: la Ferrari è già nel 2019. La macchina il 15 febbraio , su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita . URL consultato il 18 febbraio 2019 .
  63. ^ Svelata a Montmelo l'Alfa C38 - F1 , su Rai Sport . URL consultato il 18 febbraio 2019 .
  64. ^ Test Montmelo: è Vettel il più veloce - F1 , su Rai Sport . URL consultato il 18 febbraio 2019 .
  65. ^ Matt Maltby, F1 drivers' salaries revealed including Hamilton, Verstappen and Vettel , su Mirror Online , Daily Mirror , 9 marzo 2019. URL consultato l'11 marzo 2019 .
  66. ^ F1, GP Russia 2019: perché Sebastian Vettel si è ritirato? Problemi al motore Ferrari, era rimasto in testa per metà gara , su OA Sport , 29 settembre 2019. URL consultato il 1º aprile 2021 .
  67. ^ È ufficiale: Sebastian Vettel lascia la Ferrari a fine 2020. Binotto: “Decisione non facile”. Seb: “Grazie di tutto” , su gazzetta.it , 12 maggio 2020. URL consultato il 12 maggio 2020 .
  68. ^ F1 | Conferenza stampa GP Austria - Vettel: "Ferrari? Mai un'offerta" , su F1inGenerale , 2 luglio 2020. URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  69. ^ Pagelle di fine stagione 2020: Sebastian Vettel , su FormulaPassion.it , 29 dicembre 2020. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  70. ^ gazzetta.it , https://www.gazzetta.it/Formula-1/10-09-2020/formula-1-ora-ufficiale-vettel-correra-aston-martin-prossimo-anno-3801833532515.shtml .
  71. ^ Le foto della Aston Martin F1 in pista a Silverstone: Vettel debutta sulla AMR21 , su La Gazzetta dello Sport . URL consultato il 6 marzo 2021 .
  72. ^ F1 | Aston Martin, Vettel frenato da un problema al cambio: “Fare così pochi giri non è l'ideale” , su F1GrandPrix.it . URL consultato il 21 marzo 2021 .
  73. ^ Aston Martin, problemi al motore per Vettel , su FormulaPassion.it , 14 marzo 2021. URL consultato il 21 marzo 2021 .
  74. ^ Vettel: 'Abbiamo percorso 100 giri in meno del previsto' , su it.motorsport.com . URL consultato il 21 marzo 2021 .
  75. ^ Aston Martin e non solo, quali sono i team in difficoltà? - F1world.it , su Formula 1 news, calendario, classifiche e streaming - F1world , 20 aprile 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 .
  76. ^ Sky Sport, La griglia di partenza a Sakhir , su sport.sky.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  77. ^ Vettel penalizzato dopo incidente con Ocon , su FormulaPassion.it , 28 marzo 2021. URL consultato il 28 marzo 2021 .
  78. ^ Gp Imola, vittoria di Verstappen in una gara pazza: Hamilton 2°, Ferrari quarta e quinta , su www.ilgazzettino.it . URL consultato il 18 aprile 2021 .
  79. ^ ( EN ) Standings , su Formula 1® - The Official F1® Website . URL consultato il 18 aprile 2021 .
  80. ^ GP Portogallo, Vettel torna in top ten dopo 15 gare , su autosprint.corrieredellosport.it . URL consultato il 10 maggio 2021 .
  81. ^ GP Portogallo 2021, ordine di arrivo , su FormulaPassion.it , 2 maggio 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 .
  82. ^ Vettel: “Gara complicata che rispecchia il nostro livello attuale” , su Formula Uno Analisi Tecnica , 9 maggio 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 .
  83. ^ Sara Cigagna, GP Baku, Vettel secondo: “Abbiamo fatto qualcosa di grandioso, sono al settimo cielo!” , su f1ingenerale.com , 6 giugno 2021. URL consultato il 6 giugno 2021 .
  84. ^ F1: Vettel squalificato. Sainz sale sul podio in Ungheria , su it.motorsport.com . URL consultato il 2 agosto 2021 .
  85. ^ ( EN ) Vettel perde il secondo posto in Ungheria dopo la squalifica per problema con il campione di carburante , su formula1.com . URL consultato il 1º agosto 2021 .
  86. ^ Solo per le prove libere dei Gran Premi di Australia e Malesia e per il Gran Premio degli Stati Uniti .
  87. ^ Solo per i primi 5 Gran Premi
  88. ^ World Champions titles by age , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  89. ^ World Champions titles gap , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  90. ^ Wins Consecutively , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  91. ^ Podiums in a year , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  92. ^ Wins in a year , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  93. ^ Pole positions in a year , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  94. ^ Pole positions by age , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  95. ^ Pole position and win , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  96. ^ Misc hat trick , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  97. ^ Grand Chelem , in statsf1 . URL consultato il 25 luglio 2018 .
  98. ^ S. Mancini, Eva, la Rossa che ha tentato Vettel , in LaStampa.it . URL consultato il 13 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 14 settembre 2018) .
  99. ^ Vettel battezza la sua Ferrari, si chiama “Margherita” , su LaStampa.it . URL consultato il 19 febbraio 2019 .
  100. ^ Vincenzo Borgomeo, "Vi presento Gina": Vettel battezza la sua Ferrari F1 , in Repubblica.it , 21 marzo 2017. URL consultato il 13 settembre 2018 .
  101. ^ Stefano Mancini, Vettel battezza la sua Ferrari: “Si chiama Loria” , in LaStampa.it . URL consultato il 13 settembre 2018 .
  102. ^ Sky Sport, Il nome della nuova monoposto di Vettel. Ricordate le altre? , su sport.sky.it . URL consultato il 28 marzo 2021 .
  103. ^ ( EN ) Jens Munser Designs, Sebastian Vettel's 2010 Japanese GP helmet. More pictures on Instagram (see link in profile). #JapaneseGP #Arai #Seb5 #Vettelpic.twitter.com/70ensthPul , su @JMD_helmets , 2018T11:09. URL consultato il 5 marzo 2020 .
  104. ^ ( DE ) Michael Schmidt, Helme von Sebastian Vettel: Formel 1-Kopfschutz 76 Mal anders , su auto motor und sport , 14 gennaio 2014. URL consultato il 5 marzo 2020 .
  105. ^ Vettel relies on Felix and Heidi , su CarsGuide . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  106. ^ ( EN ) Matt Beer and Scott Mitchell, Sebastian Vettel may defy F1 ban on changing helmet designs , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  107. ^ F1 | GP Germania-Il casco di Vettel in onore di Bernd Schneider , su F1inGenerale , 26 luglio 2019. URL consultato il 5 marzo 2020 .
  108. ^ F1 | GP Monaco, Vettel omaggia Lauda con un casco celebrativo , su F1GrandPrix.it . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  109. ^ Vettel, casco all'asta per beneficenza: pagato 225mila euro , su La Gazzetta dello Sport . URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  110. ^ ( EN ) Steven English, Rookie of the Year: Sebastian Vettel - Autosport Awards - Autosport , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  111. ^ A Sebastian Vettel il glorioso "Trofeo Lorenzo Bandini" , su F1GrandPrix.it . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  112. ^ ( DE ) Sebastian Vettel beerbt Paul Biedermann , su www.t-online.de . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  113. ^ ( EN ) Jamie O'Leary, Int. Racing Driver: Sebastian Vettel - Autosport Awards - Autosport , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  114. ^ ( EN ) Sam Tremayne, AUTOSPORT Awards International Racing Driver of the Year: Sebastian Vettel , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  115. ^ ( EN ) Sam Tremayne, AUTOSPORT Awards: Sebastian Vettel wins International Racing Driver , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  116. ^ ( EN ) Sam Tremayne, AUTOSPORT Awards 2013: Sebastian Vettel wins International Driver , su Autosport.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  117. ^ ( FR ) Sebastian Vettel, Grand Prix de l'Académie des sports , su LExpress.fr , 2 aprile 2012. URL consultato il 5 marzo 2020 .
  118. ^ ( DE ) Vettel erhält Silbernes Lorbeerblatt: "Große Ehre" , su Motorsport-Total.com . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  119. ^ ( EN ) Sebastian Vettel , su Laureus . URL consultato il 5 marzo 2020 .
  120. ^ Anche la F1 ha la sua Hall of fame. Vettel: "Storia continuerà a vivere" , su la Repubblica , 5 dicembre 2017. URL consultato il 5 marzo 2020 .

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 120235751 · ISNI ( EN ) 0000 0000 7787 8795 · LCCN ( EN ) no2012112192 · GND ( DE ) 140974741 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-no2012112192