Imola

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Disambiguation note.svg Desambiguação - Se você estiver procurando outros usos, consulte Imola (desambiguação) .
Imola
comum
Imola - Brasão de armas Imola - Bandeira
Imola - Ver
A cidade vista da fortaleza Sforza
Localização
Estado Itália Itália
região Region-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia Romagna
cidade metropolitana Cidade metropolitana de Bolonha - Stemma.svg Bolonha
Administração
prefeito Marco Baskets ( PD ) de 22/09/2020
Território
Coordenadas 44 ° 21'11 "N 11 ° 42'53" E / 44,353056 ° N 11,714722 ° E 44,353056; 11,714722 (Imola) Coordenadas : 44 ° 21'11 "N 11 ° 42'53" E / 44,353056 ° N 11,714722 ° E 44,353056; 11,714722 (Imola)
Altitude 47 m de altitude
Superfície 205,02 km²
Habitantes 70.499 [1] (31/08/2020)
Densidade Ab./ 343,86 km²
Frações Càsola Canina, Fechamento, Fábrica, Linaro, Piratello, Ponticelli, San Prospero, Sasso Morelli, Sesto Imolese, Zello. Localização: Balia Sesto Imolese, melão , Garden, Montecatone, Selva, Sweeps Sassatelli.
Municípios vizinhos Argenta (FE), Bagnara di Romagna (RA), Borgo Tossignano , Casalfiumanese , Castel Bolognese (RA), Castel Guelfo di Bologna , Conselice (RA), Dozza , Massa Lombarda (RA), Medicine , Mordano , Riolo Terme (RA) , Solarolo (RA)
Outra informação
Código postal 40026
Prefixo 0542
Jet lag UTC + 1
Código ISTAT 037032
Código Cadastral E289
Placa BO
Cl. sísmico zona 2 (sismicidade média) [2]
Cl. climático Área E, 2292 GG [3]
Nomeie os habitantes Imola
Patrono San Cassiano ,
São Pedro Crisólogo ,
Madonna del Piratello
Feriado 13 de agosto (para San Cassiano)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Imola
Imola
Imola - Mapa
Localização do município de Imola na cidade metropolitana de Bolonha
Site institucional
Mapa de Imola de Leonardo da Vinci

Imola (Jômla em Romagna , Forum Cornelii em latim ) é uma cidade italiana de 70.499 habitantes [1] da cidade metropolitana de Bolonha, em Emilia-Romagna .

É a maior cidade subterrânea mais comum e a segunda mais populosa depois de Bolonha . É a sede administrativa do Novo Meio Ambiente Ímola .

Geografia física

Território

Imola está situada ao longo da Via Emilia , no ponto onde o vale dos Apeninos do rio Santerno deságua no vale do . A área municipal é predominantemente plana, exceto por uma área montanhosa na parte sul.

Clima

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Estação Meteorológica de Imola .

História

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: História de Imola .

«As cidades de Lamone e Santerno
conduz o lïoncel do ninho branco,
que muda parte do estado para o inverno. "

( Dante Alighieri , Inferno , Canto XXVII )

Antiguidade

A cidade já foi chamada de Forum Cornelii , depois que o ditador romano Sulla a fundou por volta de 82 aC A cidade se tornou um centro de agricultura e comércio.

Segundo o diácono Paulo , o 412 Imola foi palco do casamento de Ataulfo , rei dos visigodos , com Gala Placídia , filha do imperador Teodósio, o Grande .

Meia idade

O nome atual deriva da frase "Castrum Imolae", usada pela primeira vez no século VII para indicar o povoado do Monte Castellaccio; posteriormente, o nome passou para a própria cidade.

Na Guerra Gótica (535-553) e após a invasão dos lombardos , a cidade foi governada alternadamente por bizantinos e lombardos. Com o ' Exarca de Ravena , Imola passou sob a autoridade papal. No século IX foi corajosamente defendido contra sarracenos e húngaros por Fausto Alidosi . No século X, a família Troilus Nordiglio adquiriu grande poder.

Nos primeiros séculos após o Mille seguiram-se as guerras contra o povo de Ravenna, Faenza e Bolonha, bem como lutas internas entre os habitantes do Fórum Cornelii, os Imolae Castrum e Sancassianesi (Castrum Sancti Cassiani). No mesmo período foi elaborado o primeiro estatuto municipal da cidade.

Na disputa entre o papa e o imperador, Imola era geralmente gibelino , embora frequentemente retornasse ao papa (por exemplo, em 1248 ). Diversas vezes os senhores locais tentaram obter o controle da cidade (os Alidosi em 1292 , Maghinardo Pagani em 1295 ). O Papa Bento XII deu a cidade e seu território a Lippo II Alidosi, que também recebeu o título de vigário papal . O poder permaneceu na família Alidosi até 1424 , quando o comandante Angelo della Pergola, “Capitão” de Filippo Maria Visconti , a levou à força para caçar os Alidosi.

Em 1426, a cidade foi anexada novamente aos Estados Papais ; o legado papal Domenico Capranica inaugurou um novo regime nas relações públicas.

Mais tarde foi conquistada por vários líderes, incluindo Visconti , de onde derivam várias fortalezas fronteiriças. Em 1434, 1428 e 1470, Imola foi governado pelos Lordes Sforza de Milão . A cidade foi colocada sob a autoridade papal quando foi dada como dote a Caterina Sforza , esposa de Girolamo Riario .

Caterina Sforza

A condessa, filha de Galeazzo Maria Sforza , marcou um período da história de Imola.
O pai havia tomado a cidade por Taddeo Manfredi , vassalo papal. Quando Catarina ainda não tinha completado 10 anos, ele decidiu casá-la com Girolamo Riario, sobrinho do Papa Sisto IV . Imola fazia parte do dote de casamento de Caterina.

Girolamo Riario recebeu o domínio sobre o Principado de Forlì e Imola. Isso trouxe vários benefícios para a cidade, que ficou embelezada com belos edifícios, muitos deles projetados pelo famoso Melozzo da Forli , e locais de arte. De facto, "durante o seu senhorio em Ímola Girolamo Riario mandou construir vários palácios. Para alguns deles a execução das obras foi confiada a Giorgio Fiorentino e seus filhos Cecco e Antonio; por outro do mesmo período, mas não propriedade dos Riario, isto é o palácio Calderini-Paterlini, o responsável pela obra foi Francesco Fuzzi da Dozza. Estes edifícios em Imola, como os do Palazzi Riario em Roma e Forlì , foram projetados por um grande pintor que também foi arquiteto e até então Roman em familiaridade com Girolamo: Melozzo da Forlì. De fato, um observador atento não pode escapar que a linha é sempre a mesma. O Prof. Fausto Mancini, diretor, alcançou esta brilhante e feliz intuição após cuidadosos estudos, validados por evidências convincentes. da biblioteca do museu e arquivo histórico da cidade de Imola " [4] .

Depois de apenas quatro anos Girolamo foi assassinado, em Forlì , em 14 de abril de 1488 por uma conspiração. A própria Catherine foi presa, mas então habilmente conseguiu se libertar. Conseguiu assim recuperar tanto o governo de Forlì como o de Imola, graças ao apoio de seu tio Ludovico il Moro , sempre interessado em assegurar assim uma certa influência na região da Romagna , para contrariar a presença de Veneza . Em 30 de abril de 1488, Catarina iniciou seu governo em nome de seu filho mais velho, Otaviano, o herdeiro legítimo do principado.

Em 1494, ele estourou um conflito entre o Ducado de Milão e o Reino de Nápoles . Catherine inicialmente permaneceu em uma posição neutra. Então ela escolheu apoiar o rei de Nápoles, mas foi traída pelos napolitanos, que não a defenderam no primeiro ataque dos franceses. Ele então se aliou ao rei da França, dando a seu exército luz verde para alcançar e conquistar o reino de Nápoles.

O Papa Alexandre VI decidiu retomar o governo direto dos territórios papais na Romagna. Para este fim, ele contratou Cesare Borgia , que deu a liderança de um exército. Em 24 de novembro de 1499 , Cesare Borgia chegou a Imola. Para evitar saques, as portas da cidade foram abertas pelos habitantes e ele conseguiu apoderar-se delas (25 de novembro), após ter conquistado a fortaleza onde o castelão resistiu vários dias. Caterina, situada em Forlì, não pôde deixar de comparecer aos eventos.

Com a morte de Alexandre VI (18 de agosto de 1503), Cesare Borgia perdeu todo o seu poder. Catarina reivindicou o senhorio de Imola e Forlì no novo Papa Pio III . O pontífice foi favorável à restauração do duque de Riario de Imola e Forlì, mas a população das duas cidades declarou-se majoritária contra o retorno da condessa, de modo que o estado passou a Forli Antonio Maria Ordelaffi , que se instalou em 22 de outubro de 1503 . Mas as disputas pelo controle da cidade não terminaram, como evidenciado pela acirrada disputa entre as famílias Vaini e Sassatelli.

Era moderna

Em 1797, as forças revolucionárias francesas instalaram um governo provisório. Após o domínio austríaco (1799), em 1800, Imola foi anexada à República Cisalpina . Com a Restauração voltou sob os Estados Pontifícios , na Legação de Ravenna . Em 1859 , após o plebiscito de anexação ao Reino da Sardenha , foi anexada ao Reino da Sardenha .

Após a criação do Reino da Itália , as Legações foram abolidas, substituídas pelas províncias. A cidade, com os países do vale do rio Santerno, foi levada para Ravenna para ser anexada à Província de Bolonha , à qual pertence hoje.

Símbolos

Imola-Stemma.png
Imola-Gonfalone.png

«Festa: na primeira de azul, à faixa prateada, carregada com a palavra" LIBERTAS "em maiúsculas romanas pretas; na segunda, em vermelho, para o grifo de coroa dourada, segurando uma espada de prata colocada em um mastro com a frente direita. Chefe da Anjou. Ornamentos Exteriores da Cidade "

(Descrição heráldica do emblema [5] )

"Tecido feito de vermelho e azul ..."

(Descrição do banner heráldico [5] )

"Tecido feito de vermelho e azul ..."

(Descrição heráldica da bandeira [5] )

O brasão foi concedido por decreto especial do Chefe do Governo de 6 de agosto de 1928 [5] .

Honras

Imola está entre a cidade condecorada pelo valor militar na guerra de libertação . Em 12 de junho de 1984, ela foi condecorada com a Medalha de Ouro de Valor Militar pelos sacrifícios de seu povo e sua participação na luta partidária durante a Segunda Guerra Mundial :

Medalha de ouro para valor militar - fita para uniforme comum Medalha de ouro por bravura militar
“Fortes tradições populares e democráticas, deu origem logo após o ' 8 de setembro de 1943 a um excedente de movimento de resistência constituindo as primeiras unidades partidárias das montanhas. Apesar das perdas iniciais e das duras represálias nazi-fascistas, a população de Imola orgulhosamente continuou a luta, reivindicando, com o sangue derramado pelas suas mulheres indomáveis, a paz e a liberdade e defendendo a herança agrícola e industrial das suas terras. Departamentos da 36ª Brigada Garibaldi "Alessandro Bianconcini" constituíram uma ameaça contínua atrás de um inimigo e, durante a ofensiva anglo-americana contra a Linha Gótica, cederam a importantes posições estratégicas aliadas. Alcançado pela linha de fogo, Ímola sofreu, durante cinco meses, o martírio dos bombardeios aéreos e terrestres, assédio inimigo, deportações e massacres. Em 14 de abril de 1945 , partidários das brigadas Grupos de Ação Patriótica (GAP) e Equipes de Ação Patriótica (SAP), guarneceram a cidade, entregaram aos aliados, enquanto lutavam nos grupos de batalha do novo Exército Italiano "Cremona" e "Thunderbolt ", seus outros filhos continuaram a luta até a libertação do ' norte da Itália '
- Imola 8 de setembro de 1943 - 14 de abril de 1945 [6]

Em 2 de junho de 1971 , Ímola foi condecorado com a medalha de ouro por ilustres escola, cultura e arte:

Medalha de ouro pelos méritos da escola, cultura e arte - fita para o uniforme comum Medalha de ouro pelos méritos da escola, cultura e arte
- 2 de junho de 1971 [6]
Título da cidade - fita para uniforme comum Título da Cidade
“Decreto do Presidente da República [7]
- 20 de outubro de 1990
imagem da fita ainda não está presente Medalha de ouro por bravura militar por atividade partidária

Monumentos e locais de interesse

Rocca Sforzesca
  • Rocca Sforzesca
  • Palácio de Machirelli
  • Bem-vindo a casa do Rambaldi
  • Teatro Municipal
  • Complexo de San Francesco
  • Palazzo Monsignani [8]
  • Farmácia hospitalar
  • Palazzo Della Volpe
  • Complexo dos Santos Nicolò e Domenico
  • Galeria Municipal de Arte
  • Muralhas de Port'Appia
  • Palácio Calderini
  • Palácio Pighini
  • Prefeitura
  • Palácio Sersanti
  • Casa Gandolfi
  • Palácio Tozzoni
  • Palácio vacchi
  • Casa Vacchi-Suzzi
  • Palácio episcopal
  • House Of The Fox
  • Porta Montanara [9]
  • Aldeia rústica de Pieve di Sant'Andrea do século XII, metade incluída no município de Casalfiumanese, com uma torre "Alidosi" do século XV
  • Tozzoni Park.

Um monumento simbólico da cidade é o relógio monumental. Localizada na torre da prefeitura, foi construída em 1838 com fundos doados por François Guichard, um oficial chegou a Imola na esteira de Napoleão e aqui se estabeleceu. Eles realizaram o trabalho dos mestres Domenico e Stanislaus Cavina de Civitella di Romagna . As engrenagens e mecanismos que compunham o motor original foram substituídos pela primeira vez pelo City em 1976. Finalmente, em 2002, o motor foi substituído por um dispositivo automático.

Igrejas

O centro religioso mais importante da cidade medieval e medieval era a ' Abadia de Santa Maria in Regola .
Os edifícios religiosos de Imola são:

  • Catedral Basílica de San Cassiano mártir
  • Igreja da Cruz Coberta
  • Igreja do Espírito Santo
  • Igreja de San Domenico
  • Igreja do Suffragio Pio
  • Igreja de Santa Maria dei Servi
  • Igreja de Santa Maria em Regola
  • Igreja de Santa Maria em Valverde [10]
  • Igreja de Nossa Senhora de Fátima
  • Igreja dos Capuchinhos
  • Igreja de Sant'Agata
  • Igreja de Sant'Agostino
  • Igreja de Santa Caterina
  • Igreja de San Giacomo dei Filippini
  • Igreja de San Giacomo Maggiore del Carmine
  • Igreja de San Lorenzo
  • Igreja de San Pio
  • Igreja de Santo Stefano
  • Igreja de San Francesco
  • Convento da Observância
  • Santuário da Beata Vergine del Piratello
  • Santuário da Beata Vergine di Ghiandolino
  • Santuário da Beata Vergine della Coraglia
  • Capela do Novo Hospital Civil
  • Capela da Câmara Municipal
  • Capela de Santa Bárbara
  • Capela do Instituto das Pequenas Irmãs do Menino Jesus
  • Oratório da Bem-Aventurada Virgem do Rosário
  • Oratório do Antigo Hospital Civil
  • Oratório de San Macario
  • Oratório de San Rocco
  • Oratório da Madonna conhecido como "della Marconcina", no povoado de Balia.

Áreas naturais

Parque Aquático Mineral

Inclui uma grande área além do rio Santerno , ao redor do Monte Castellaccio, uma das primeiras colinas que dominam a cidade. As origens do parque remontam ao parque em 1830, quando ao pé de quatro nascentes minerais foram descobertas, que continham duas de ferro e duas de enxofre [11] . O parque foi criado no início do século XX . As fontes de "águas minerais" (águas sulfurosas com propriedades curativas) permaneceram utilizáveis ​​até o ano de 1988 , quando foram fechadas (pela presença excessiva de sulfeto de hidrogênio ).

Parque Tozzoni

Situado em uma vasta área de colinas na orla da área urbana, o parque está aberto ao público a partir de 1 de abril de 1978 . Os Condes Tozzoni [12] adquiriram a área em 1882 e a utilizaram como reserva de caça, dando-lhe o nome de "Parque do Monte". O último herdeiro da família o vendeu para a cidade em 1975 . Adjacente ao parque está a reserva natural regional da floresta de Frattona .

Sociedade

Evolução demográfica

Censo populacional [13]

População

Variação da população residente em Imola de 2006 a 2010.

Encontro Habitantes Variação Italianos Variação Estrangeiros Variação
31-12-2006 66 658 63 251 3 407 (5,1%)
31-12-2010 69 116 + 3,7% 62 932 - 0,5% 6 184 (8,9%) + 81,5%

Fonte, dados da Istat em 31 de dezembro de 2010 .

Etnias e minorias estrangeiras

De acordo com dados do ISTAT a 31 de dezembro de 2019, a população estrangeira residente era de 7 450 pessoas, o equivalente a 10,7% da população. As nacionalidades mais representadas em relação à população estrangeira foram:

  1. Romênia , 2270 (30,5%)
  2. Marrocos , 1110 (14,9%)
  3. Albânia , 1076 (14,4%)
  4. Ucrânia , 428 (5,7%)
  5. Tunísia , 290 (3,9%)
  6. Paquistão , 251 (3,8%)
  7. Polônia , 237 (3,2%)
  8. Moldávia , 214 (2,9%)
  9. China , 181 (2,4%)
  10. Nigéria , 181 (2,4%)

Religião

A Catedral de Imola.

Imola é o lar de uma diocese da Igreja Católica. As freguesias do território do Concelho podem ser divididas em três grupos:

  • Centro da cidade: S. Cassiano (catedral), S. Agata (San Giovanni Vecchio), S. Agostino, S. Giacomo Maggiore del Carmine (que, no entanto, incorpora a área próxima à Casa del fanciullo e também a área industrial chamada "Pasquala "), S. Giovanni Battista (San Giovanni Vecchio), S. Lorenzo diácono, S. Maria in Regola e S. Maria in Valverde :.
  • Subúrbios: Cruz Coberta, Croce in Campo, Nossa Senhora de Fátima, S. Francesco d'Assisi (localizada na nova grande igreja de S. Pio da Petrelcina), S. Giovanni Evangelista no distrito de Zolino, S. Giovanni Nuovo e S. Spirito
  • Aldeias: Balia, Bergullo, Casola Canina, Closing, Ghiandolino, Giardino-Sasso Morelli, Linaro-Ponticelli, Mezzocolle-Ponticelli, Poggiolo-Ponticelli, Montecatone, Ortodònico, Pediano, Pieve di Cantalupo, Pirso Morelli, Pontesanto, S. Prospero, Saselli , Sellustra, Sesto Imolese, Sweeps Sassatelli [14] e Zello.

Devoção mariana

No território de Imola existem muitos locais de devoção mariana.

Na cidade
  • Igreja de Santa Maria dei Servi: Existe uma antiga imagem venerada de Nossa Senhora, com o título de Nossa Senhora Salus infirmorum. É invocado para libertar a cidade de pragas, fomes, eventos naturais calamitosos e guerras. Seu aniversário cai em 2 de julho.
  • Igreja de Santa Maria in Regola: é venerada a imagem de Maria mais antiga existente em Imola, o Véu da Virgem. É invocado para libertar a cidade de pragas, fomes, eventos naturais calamitosos e guerras. Sua festa cai na segunda - feira e 15 de agosto.
  • Santuário de Nossa Senhora da Graça (no Convento da Observância ): encontra-se a venerada imagem de Nossa Senhora da Graça, do início do século XV . É invocado para libertar a cidade de pragas, fomes, eventos naturais calamitosos e guerras. Seu aniversário cai em 4 de agosto.
Na previsão
  • Santuário de Nossa Senhora de Piratello : a imagem, atestada entre 1483 e 1489 , localizava-se originalmente em um pilar de tijolos, colocado em um nicho. Uma cópia foi colocada lá hoje; o original está protegido dentro do Santuário. É invocado para curar enfermidades e ferimentos sofridos em acidentes ou atos sangrentos (roubos). É comemorado durante as celebrações religiosas de maio. O mosteiro era adjacente à igreja, agora é o Cemitério Piratello , inaugurado em 1821.
  • Igreja da Assunção da Virgem Maria (a Pontesanto): a imagem, datada de 1580 , é um baixo-relevo de gesso encontrado além de uma ponte de madeira sobre o riacho Correcchio. Hoje é guardado dentro da igreja. É invocado para libertar a cidade de pragas, fomes, eventos naturais calamitosos e guerras. Seu aniversário cai em 15 de agosto.
  • Santuário de Nossa Senhora de Coraglia: a imagem, em faiança de cor esmaltada, foi encontrada em 1784 por um jardineiro numa vala ao longo da estrada de Coraglia. O santuário foi então construído no local. É invocado para libertar a cidade de pragas, fomes, eventos naturais calamitosos e guerras. É celebrado durante o tríduo de Pentecostes .
  • Santuário Ghiandolino: a imagem, um fragmento de tecido, foi encontrada em 1868 por uma camponesa, Margherita Galoni, em Sangiorgi (1831-1894), em sua casa, situada na localidade de Ghiandolino. Logo se tornou um local de peregrinação. Não muito longe dali, o santuário primitivo foi construído. A devoção à imagem sagrada continuou mesmo depois que a família Sangiorgi se mudou da freguesia de Ghiandolino para a de Pediano. Em 1915 o Bispo de Imola Paolino Tribbioli aprovou oficialmente a devoção e em 1948 Benigno Carrara coroou a imagem sagrada. Desde 1972 encontra-se na nova igreja paroquial de Pediano (a cerca de 7 km de Imola) [15] . Ela é invocada para a cura de doenças e alívio em caso de acidentes. Seu aniversário cai no primeiro domingo de maio e no dia 15 de agosto.

Institutos religiosos

Congregações
Mosteiros e Conventos

Na cidade existe um mosteiro e um convento:

  • Mosteiro de Santo Estêvão (freiras da Ordem das Clarissas ). Abadessa: Madre Maria Daniela Donato (desde 2012 );
  • Convento dos Frades Capuchinhos . Foi fundada em 1595 no mesmo local onde se encontra hoje. A partir de 1975 eles estão baseados no convento Imola obras das missões e da imprensa da Província de Emilia-Romagna. Há também o Museu Missionário Indiano-Africano.

Órgãos e instituições

Hospital psiquiátrico "Luigi Lolli"
Pátio principal do hospital psiquiátrico central de Imola (finais do século XIX ).
Luigi Lolli (1818 - 1896), fundador e diretor do hospital psiquiátrico de Imola.

O primeiro hospital psiquiátrico de Imola (e Romagna ) [17] foi construído em 1844 por iniciativa de Dom Giovanni Maria Mastai Ferretti . Nesse ano o director do hospital da cidade, «S. Maria a escada ", o médico Cassian Tozzoli, abriu em um pavilhão que abriga o manicômio [18] . Em 1847, ele se tornou "asilo mental" e foi capaz de acomodar pacientes de todas as dioceses de Romagna. A capacidade da estrutura atingiu a notável cifra de 800 leitos. Em 1862, Tozzoli deixou a gestão do hospital psiquiátrico para Luigi Lolli (nascido em 1818 em Riolo Terme ). Nomeado "diretor permanente" em 1º de janeiro de 1863, Lolli decidiu separar o asilo do hospital e mandou construir um novo prédio. As obras começaram em 1869 sob a direção do arquiteto romano Antonio Cipolla e terminaram em 1880. Todos os 800 pacientes foram transferidos para a nova estrutura, denominada "Asilo Central". Em poucos anos, mesmo os 800 leitos presentes se mostraram insuficientes para as solicitações que vieram de todas as regiões da Itália. Lolli planejou a construção de um segundo prédio. O projeto previa que as duas estruturas desempenhassem duas funções distintas: o Asilo central (rebatizado de "Villa dei Fiori") deveria abrigar os pacientes agudos e tratáveis, enquanto os pacientes "incorrigíveis" ou portadores de patologias iriam para o novo edifício. crônico mental. Lolli encontrou um terreno a apenas 500 metros do manicômio existente e comprou-o: era uma área limítrofe ao convento “Observância” . As obras de construção do segundo asilo duraram de 1881 a 1890, quando foi concluído o Asilo da Observância. O novo complexo, tal como o Asilo central, foi concebido com uma estrutura de pavilhão: seis destinados à internação de doentes e os restantes utilizados como serviços (lavandaria, estendal, oficinas de artesanato, cozinha, vestiário), clínica médica e alojamento de pessoal e de o diretor [19] .

O hospital psiquiátrico Imola tornou-se modelo arquitetônico e terapêutico, tanto que foi escolhido como sede do primeiro Congresso Nacional da Sociedade Italiana de Freniatria (ramo da psiquiatria ), realizado de 22 a 29 de setembro de 1874 . Exposição Internacional em Bruxelas em 1876, o asilo de Imola ficou em terceiro lugar; o de Torino de 1884 ele ganhou a medalha de ouro. Lolli foi diretor da instituição administrativa e científica até 1891 [20] e diretor científico até pouco antes de sua morte em 1896 . No final do século XIX, os pacientes ultrapassavam os mil [21] [22] .

Após a morte de Lolli, o hospital central foi colocado à venda. O comprador foi a Província de Bolonha (1898). O Asilo central (Villa dei Fiori) recebeu o nome de "Asilo Provincial de Bolonha em Imola". A estrutura destinava-se a acomodar pacientes somente da província de Bolonha. Foi dirigido, sucessivamente, por Raffaele Brugia, Giulio Cesare Ferrari e Luigi Baroncini. O "Hospital Psiquiátrico da Observância", por outro lado, permaneceu nas mãos da Congregação da Caridade. A estrutura continuou abrigando enfermos de outras províncias. Foi dirigido por Raffaele Baroncini.

As duas estruturas mantiveram essa função até 1978 , quando a lei Basaglia sancionou a suspensão das internações em um hospital psiquiátrico. O encerramento formal de dois hospitais psiquiátricos ocorreu em 31 de dezembro de 1996 . Villa dei Fiori foi demolida em 2011 .

Istituto «Santa Caterina»

Fondato per assistere gli orfani imolesi della Prima guerra mondiale , l'Istituto Artigianelli (intitolato a Santa Caterina) nasce il 2 luglio 1915 , pochi mesi dopo l'entrata dell'Italia nel conflitto. I locali furono forniti dal cardinale Francesco Salesio Della Volpe , che donò in morte un fabbricato sito sulla via Emilia. Con il vescovo Paolino Tribbioli prese contatto con il sacerdote don Angelo Bughetti , che avviò l'opera. Don Bughetti dedicò gli ultimi cinque anni della sua esistenza al completo servizio dell'istituto.
L'istituto ha continuato la sua attività assistenziale per tutto il resto del XX secolo . A partire dal XXI secolo la sua struttura si è modificata da orfanotrofio-collegio a casa d'accoglienza. Una delle attività che ha caratterizzato tale trasformazione è l'oratorio-doposcuola, che accoglie tutti i bambini dai sei anni d'età in poi.

Montecatone Rehabilitation Institute

Istituto ospedaliero specializzato nella cura e nella riabilitazione di pazienti con lesioni spinali e cerebrali . La vita dell'istituzione può essere suddivisa in tre fasi ( foto dell'ingresso ):

  • Sanatorio: viene fondato sui colli di Montecatone (una delle prime pendici dell'Appennino che sovrasta la città) e inaugurato nell'ottobre del 1936 . Ospita ammalati con lesioni midollari, tipologia a quel tempo incurabile (e scomoda per tutte le altre strutture ospedaliere);
  • Ospedale: negli anni settanta è nominata al vertice della struttura la dott.ssa Maria Antonietta Vannini. Il nuovo direttore sanitario rimette in sesto la struttura, che nel dopoguerra non ha beneficiato di nessun ammodernamento, e le ridà nuova vita come centro di riabilitazione. Montecatone diventa un ospedale d'eccellenza: in pochi anni la sua fama valica i confini della regione e diventa un centro noto in tutt'Italia.
  • Istituto: nel 1998 l'Ospedale viene trasformato in una società per azioni a gestione mista pubblica-privata. Tre anni dopo viene nominato il successore della dott.ssa Vannini [23] , Mauro Menarini. Il nuovo direttore migliora ulteriormente gli elevati livelli di organizzazione interna raggiunti dall'istituto. Oggi il «Montecatone Rehabilitation Institute» mantiene il primato tra gli istituti ospedalieri italiani nel suo settore. I degenti (dato del 2014) sono circa 750 all'anno, che si alternano sui 158 posti letto disponibili. Di questi, il 60% proviene da altre regioni (il primato è della Campania , con 100 permanenze annuali) [24] . Nel 2011 la Regione ha acquistato, tramite l'Ausl di Imola, le quote dei privati (oggi il 99,44% della società per azioni è dell'Ausl di Imola, il restante 0,56% è del Comune imolese). Nel 2017 è stato avviato un nutrito programma d'interventi di ampliamento e ristrutturazione; nel luglio 2018 è stata inaugurata una nuova struttura, tre piani da 400 metri quadri ciascuno, collegata all'edificio storico. Dal 19 dicembre 2018 il direttore dell'istituto è Mario Tubertini.

All'interno dell'area ospedaliera ha sede la casa di accoglienza “Anna Guglielmi” [25] , una struttura dotata di 46 camere e 82 posti letto che accoglie i familiari dei pazienti ricoverati.

Cultura

Biblioteche

La Biblioteca comunale è nata in seguito alla confisca napoleonica della biblioteca [26] del convento dei frati minori conventuali , presenti a Imola dal XIV secolo [27] . La biblioteca è stata aperta al pubblico l'11 gennaio 1799 ; dal 1802 è di proprietà del comune. Nel XX secolo fu diretta per quarant'anni da Romeo Galli (Imola, 1872 - ivi, 1945), il fondatore della SACMI .
Durante i due secoli di vita, il patrimonio librario si è arricchito grazie alle donazioni di privati cittadini, tra cui il fondo di Giovanni Codronchi Argeli (1843), l'archivio Sassatelli (1923) [28] e il fondo Andrea Ponti (1957). Oggi la biblioteca comunale gestisce anche l'Archivio storico della città. Il patrimonio librario totale è di 480 000 volumi. Gli iscritti totali al prestito sono 11 880 [29] . Sedi decentrate della biblioteca comunale sono situate nelle frazioni di Ponticelli, Sasso Morelli e Sesto Imolese.

Nel 1990 è stata fondata «Casa Piani», la biblioteca comunale per ragazzi. È una delle prime biblioteche in Italia completamente dedicata ai bambini e ai ragazzi. Nel 2010 ha raggiunto il numero di 3 300 giovani lettori iscritti. Casa Piani ha due sedi decentrate, denominate "Pippi Calzelunghe" e "Zigo Zago".

Altre biblioteche di Imola aperte al pubblico sono:

Musei

I musei di Imola sono sette, di cui quattro civici e uno diocesano.

I quattro musei civici, oltre ad ospitare esposizioni permanenti, sono anche luoghi attorno a cui ruotano attività, mostre e iniziative. L'elenco comprende:

  • Museo di San Domenico e Pinacoteca. Sono allestiti nei locali dell'ex convento dei Domenicani , risalente al XIII secolo , requisito dallo Stato durante il periodo napoleonico. Il museo offre ai visitatori due percorsi di visita:
    • Collezione d'Arte della città: completata nel 2011 comprende 600 pezzi tra dipinti, sculture, disegni, monete e medaglie. L'esposizione ricostruisce per temi una storia per immagini di Imola. Tra le opere vi sono un capolavoro di Lavinia Fontana , famosa pittrice del Cinquecento, ma anche opere di autori contemporanei come Bertozzi & Casoni ;
    • Collezione " Giuseppe Scarabelli ". Fondata nel 1857 dallo scienziato assieme ad altri tre studiosi imolesi come «Gabinetto di Storia naturale», raccoglie ben 25.000 reperti che variano dall'archeologia alla geologia, alla storia naturale. Chiusa l'istituzione nel 2006, tutta la collezione (oltre 25 000 reperti) è stata trasferita al Museo di San Domenico. L'attuale allestimento è stato inaugurato nel 2013 . Il piano terreno del museo è dedicato alle mostre temporanee ea spazi per la didattica musicale;
  • Palazzo Tozzoni ;
  • Collezioni di armi e ceramiche della Rocca Sforzesca ;
  • Museo del Risorgimento .

Il Museo diocesano è intitolato a Papa Pio IX , che fu vescovo di Imola dal 1832 al 1846.

Gli altri musei di Imola sono:

  • Centro Studi Naturalistici;
  • Museo del CIDRA , denominato "Mostra della Resistenza e del Novecento";
  • Museo della Cooperativa Ceramica di Imola.

Istituti di istruzione superiore

I quattro istituti di istruzione superiore presenti a Imola sono:

  • l'istituto F. Alberghetti, con liceo scientifico opzione scienze applicate, istituto tecnico industriale e istituto professionale per l'industria e l'artigianato;
  • l'istituto G. Scarabelli - L. Ghini, con istituto tecnico agrario e istituto tecnico chimico;
  • l'istituto L. Paolini - Cassiano, con istituto tecnico amministrazione finanza e marketing, istituto tecnico costruzione ambiente e territorio, istituto professionale per i servizi commerciale e istituto professionale per i servizi socio - sanitari;
  • il liceo B. Rambaldi - L. Valeriani - A. da Imola, con liceo classico, scientifico, linguistico, delle scienze umane e delle scienze umane opzione economico - sociale.

Università

Dal 1997 Imola è una delle sedi romagnole dell' Università di Bologna . Oggi ospita sette corsi di laurea, sei master e un dottorato, principalmente nelle Facoltà di Agraria, Farmacia e Medicina. Dal 2008 la sede imolese dell'ateneo è palazzo Vespignani [30] .
Sono circa un migliaio gli studenti della sede romagnola. Dal 1º novembre 2018 Imola è sede anche di un dottorato di ricerca ("Salute, sicurezza e sistemi del verde").

Associazioni culturali

Il più antico e illustre sodalizio culturale imolese è l'«Associazione per Imola Storico-Artistica» (AISA). Fondata nel 1938 per iniziativa di Luigi Orsini (letterato), Gianluigi Poggiali (ingegnere) e Rezio Buscaroli (critico d'arte, zio di Piero ), l'associazione ha come scopo la valorizzazione del patrimonio storico e artistico di Imola e del suo territorio. Il suo primo presidente fu Luigi Orsini (1938-1942), seguito da Rezio Buscaroli (1943-1946). L'attuale presidente è, dal 2000 , lo storico Andrea Ferri.

Il più antico circolo cittadino imolese tuttora esistente è il «Silvio Pellico», nato nel 1911 a Palazzo Monsignani [31] . Fu fondato da don Angelo Bughetti come centro di ritrovo e di crescita per i giovani dai 15 anni in su. Oggi il circolo (che dal 2008 ha sede all'ex convento dell'Osservanza ) rappresenta un punto di riferimento nel panorama educativo e culturale cittadino.

Associazioni musicali

L'associazione musicale più antica è la «Banda Musicale Città d'Imola». Fondata nel 1823 come «Filarmonica Imolese», l'associazione, oltre ad essere presente nelle manifestazioni più importanti della vita pubblica imolese, svolge un'intensa attività di educazione musicale nelle scuole cittadine. Nel 2011 contava 150 iscritti, di cui 100 sono componenti effettivi della Filarmonica della Banda.

L'Accademia Pianistica "Incontri col Maestro", fondata dal pianista e docente Franco Scala , è un istituto di perfezionamento musicale, in particolare pianistico , nel quale oggi sono attivi otto insegnamenti ( pianoforte , violino , viola , chitarra , violoncello , flauto , composizione e musica da camera) [32] . Nata nel 1981 come associazione, nel 1989 avviene la fondazione come accademia vera e propria; in quell'anno trova sede all'interno della Rocca Sforzesca . Dal 1994 ha a disposizione anche una parte del piano nobile di palazzo Monsignani.
Il 24 giugno 2014 l'Accademia è stata insignita del prestigioso Premio nazionale Presidente della Repubblica [33] . L'Accademia è sostenuta, tra gli altri, dal Ministero dei Beni Culturali ed è riconosciuta scuola d'eccellenza [34] . Nel 2019 i titoli rilasciati dall'Accademia sono stati equiparati alle lauree triennali e magistrali, cioè sono stati riconosciuti dal Ministero dell'Istruzione come titoli accademici. L'istituzione imolese è stata la prima realtà nazionale in campo musicale ad aver ottenuto questo riconoscimento [35] [36] . Nel 2018 è stata tra i fondatori dell'Associazione italiana formazione delle arti (Aifart); nel 2020 è stata tra i fondatori della Federazione accademie musicali italiane di tradizione (Famit) [37] .

Per quanto riguarda la musica tradizionale romagnola, Imola ha dato i natali a una delle più celebri formazioni del settore: il «Gruppo canterini e danzerini romagnoli "Turibio Baruzzi"». Fondato con il nome di "Camerata dei canterini romagnoli di Imola" nel 1927 , nacque dall'idea di Pietro Tarabusi (Imola, 1895 - ivi, 1975) e dei dirigenti del Circolo degli artigiani di Imola, con l'aiuto del noto musicista Francesco Balilla Pratella [38] . Nel 1928, grazie all'interessamento del compositore lughese, la direzione della corale fu assunta dal maestro fontanese Turibio Baruzzi (1893-1944), che fece dei canterini imolesi una delle formazioni più prestigiose di tutta la Romagna [39] . Il repertorio del sodalizio è costituito dalle cante popolari romagnole [40] . Nel secondo dopoguerra il coro è stato affiancato da un ensemble di tre orchestrali, poi da un gruppo di ballerini. Dal 1954 il nome ufficiale del gruppo è passato da «Canterini romagnoli "Turibio Baruzzi"» a quello attuale [38] . Il corpo di ballo propone danze tradizionali romagnole del XIX secolo . Nel 2002 , in occasione del 75º anniversario della fondazione, il gruppo imolese ha ricevuto la Medaglia d'argento del presidente della Repubblica [41] .

Media

Radio

Nel passato Imola è stata sede di diverse radio indipendenti. Radio Imola , fondata nel 1974 , è stata la principale radio imolese. Trasmetteva informazioni, musica rock e leggera. Nel 2006 l'emittente è stata ceduta e le frequenze sono passate a Radio Bruno di Modena. Altre radio imolesi esistite nel passato: Radio Grifone Stereo , Radio Alba , Teleradio Centrale , Radio logica .

Teatro

A Imola hanno sede tre teatri:

  • Teatro comunale Ebe Stignani (il teatro principale della città);
  • Teatro comunale Osservanza;
  • Teatro Lolli (con spettacoli di teatro contemporaneo e di avanguardia).

Cinema

Vincitori del Premio Città di Imola

La prima sala permanente di Imola fu il Cinema Marconi, aperto nel 1907 . Dagli anni venti fu conosciuto come Cinema Modernissimo. Poi in successione aprirono il «Centrale» (1925), il «Cristallo» (1960), il «Jolly» e (nel quartiere Pedagna) l'«Astoria». Alla fine degli anni trenta fu avviata la realizzazione di un cinema sotterraneo nel centro cittadino. I lavori furono interrotti con l'entrata dell'Italia nella Seconda guerra mondiale e poi non furono più ripresi [42] .

Nel 1959 il Circolo del Cinema ideò il «Premio Città di Imola», riservato al miglior film italiano presente alla Mostra del cinema di Venezia (in concorso o meno). Il film prescelto veniva premiato con il Grifone d'oro (l'animale mitologico è presente nel gonfalone della città). La giuria, tutta composta da critici cinematografici , era appositamente nominata dai soci del Circolo. Il premio fu assegnato fino al 1968 , quando - nel vivo della contestazione, fu dapprima sospeso e poi soppresso. Nel 1980 nacque il cineforum presso il cinema-teatro "Cappuccini" [43] .

Fino ai primi anni novanta esistevano a Imola cinque cinema di prima visione. Oggi sono attivi quattro cinema: il «Cristallo», il «Centrale» (che dopo anni di chiusura ha riaperto nel settembre 2011 ) e due sale parrocchiali: il «Don Fiorentini», riaperto nel 2002 ed intitolato alla memoria del sacerdote imolese don Romano Fiorentini, e il «Pedagna», nell'omonimo quartiere, inaugurato nel 2017 [44] .

Dal 1994 al 2016 si è tenuto in città il «Corto Imola Festival», un festival del cortometraggio d'autore. I premi assegnati: miglior corto italiano e miglior corto internazionale.

Manifestazioni

  • Mostra nazionale d'arte figurativa - Fu ideata e organizzata dal pittore Anacleto Margotti . La prima edizione si tenne nel 1946; la XVI e ultima nel 1978. Negli anni il pubblico ha potuto esaminare le opere dei maggiori pittori figurativi italiani. Retrospettive furono dedicate a: Achille Funi , Domenico Rambelli , Giuseppe Romagnoli , Fausto Pirandello , Alfredo Romagnoli , e Giovanni Brancaccio e Antonio Corazza ;
  • Fiera agricola del Santerno, nata nel 1947 come Fiera del Santerno. Ogni anno richiamava 40 000 persone, con 200 (in media) espositori. Per Statuto la fiera era presieduta dal sindaco della città. Dopo l'edizione del 1992 svoltasi alla Rocca sforzesca, la manifestazione fu sospesa [45] . Nel 2011 la fiera è stata ripresa. Si svolge nell'area attorno alla scuola "Sante Zennaro" [46] (zona sud di Imola) e intende essere la continuazione della manifestazione originale [47] [48] .
  • CRAME (Club Romagnolo Auto e Moto d'Epoca), dal 1966: mostra-scambio di auto e moto d'epoca. La manifestazione è allestita all'interno dell'autodromo alla metà di settembre [49] [50] ;
  • Imola Summer Piano Festival. A partire dall'estate 2012 l'Accademia Pianistica "Incontri col Maestro" di Imola organizza un festival pianistico estivo, nelle ultime due settimane di luglio. L'evento è in concomitanza con una scuola estiva per giovani pianisti, organizzata dalla stessa Accademia, con alunni provenienti da tutte le parti del mondo, i migliori dei quali sono premiati nella cornice del festival con il Premio Città di Imola. I concerti pianistici e cameristici si tengono all'aperto e sono ad ingresso libero per il pubblico [51] [52] ;
  • Fino al 2007 Imola ha ospitato l' Heineken Jammin Festival .

Economia

Dalle dichiarazioni Irpef del 2011 (basate sui redditi del 2010) emerge che, rispetto all'anno precedente, aumentano coloro che dichiarano più di 100 000 euro (da 500 a 519); peraltro sono aumentati anche coloro che dichiarano meno di 1 000 euro annui (da 290 a 400). Facendo una media, gli imolesi hanno dichiarato 23 946 euro. Tale cifra fa di Imola la città più ricca della Romagna, davanti a Rimini [53] .

Industria

Il territorio imolese ha una vasta e articolata gamma di tipicità di imprese: cooperazione industriale, cooperazione sociale, piccola e media impresa, terziario.

La peculiarità della struttura economica imolese è la forte presenza di cooperative industriali. Il "padre fondatore" della cooperazione imolese è considerato Giuseppe Bucci. Titolare, assieme al fratello Angelo, di una fabbrica di stoviglie e maioliche nata nel Settecento, il 22 giugno 1874 cedette l'azienda agli operai costituiti nella Società Cooperativa Ceramica Imola (SCC) [54] , allo scopo di contribuire “al progresso dell'industria e al miglioramento economico dei suoi lavoratori” [55] . Fu la prima cooperativa di produzione e lavoro fondata in Italia. Lo Statuto prevedeva il conseguimento della pensione dopo 30 anni di attività e l'apertura di una scuola serale di alfabetizzazione per i figli degli operai [56] . Nel corso della seconda metà dell'Ottocento nacquero nel territorio imolese numerose altre cooperative.

All'inizio del XX secolo furono avviate le prime sinergie. Romeo Galli fondò il “Magazzino Generale Cooperativo di Consumo”. Il 21 maggio 1911 16 delle 20 cooperative esistenti crearono la “Federazione Circondariale delle Cooperative di Imola”, sotto la presidenza dello stesso Galli. Imola si mosse in anticipo rispetto al capoluogo di provincia, Bologna. Successivamente nacquero le altre principali cooperative industriali imolesi. In ordine cronologico di fondazione furono: la 3elle (infissi in legno, fondata nel 1908 ), la SACMI (impianti per l'industria ceramica e del packaging, fondata il 2 dicembre 1919 da Romeo Galli e Giulio Miceti) e la CTI (nel 1930 ). Il 4 marzo 1932 fu fondata la «Cooperativa Elettricisti Fontanieri Lattonieri e Affini» (CEFLA). Tra il 1939 e il 1940 aprirono a Imola le prime fabbriche belliche: la Cogne (produzione di: cannoni e proiettili anticarro; proiettili per l'artiglieria marina e l'artiglieria antiaerea) [57] e la Caproni (apparecchiature per l'aviazione e la marina).

Nel secondo dopoguerra Imola crebbe ulteriormente sviluppando un solido tessuto industriale. Negli anni sessanta nacquero, in città e nel circondario, molte nuove aziende, soprattutto nei settori metalmeccanico, ceramico e dei laterizi. I lavoratori dell'industria superarono per la prima volta quelli dell'agricoltura, l'attività che fino ad allora aveva impiegato la maggioranza della forza lavoro. Nel 1978 nacque la CESI, società cooperativa edile, che presto divenne una delle più maggiori realtà del settore a livello regionale.

Tra gli industriali, uno dei personaggi di maggior rilievo del dopoguerra imolese fu Renato Bacchini . Fu fondatore del Gruppo Benati (macchine movimento terra), della Cerim (ceramiche), dell'Avicola Selice (alimentare) e fu il continuatore di molte altre attività industriali già presenti sul territorio.

Oggi le principali realtà cooperative del territorio sono la Legacoop e la Confcooperative . Le maggiori aziende non cooperative del territorio imolese sono l'IRCE (conduttori elettrici) e la Case (gruppo FIAT), che alla fine degli anni ottanta rilevò gli stabilimenti e la produzione del Gruppo Benati .

Negli anni dopo il 2010 l'economia imolese ha subito duri colpi. Hanno destato preoccupazione i fallimenti di due importanti società cooperative, la CESI (403 soci lavoratori e un indotto di 1 125 imprese) [58] e la 3Elle (262 dipendenti e 149 soci) [59] [60] .

Credito e risparmio

La prima banca di Imola fu la Cassa di Risparmio. Venne fondata all'inizio del 1855 . Fino a quell'anno l'unico istituto abilitato a prestare denaro era il Monte di Pietà ( vedi supra ). Fu promossa da un gruppo di cittadini che presentarono il progetto all'approvazione della Diocesi. Il vescovo, cardinal Baluffi , diede il placet e prenotò cinque azioni da venti scudi da destinare ai più bisognosi. Il presidente del primo consiglio di amministrazione fu il noto scienziato Giuseppe Scarabelli .

Nel 1871 venne costituita la Banca Popolare di Credito di Imola. Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento si diffusero nel territorio imolese anche le prime casse rurali. Rispetto alla Cassa di Risparmio, il cui intento era favorire il piccolo risparmio, le casse rurali sorsero per fornire canali di accesso al credito per gli agricoltori.

Oltre alle casse rurali, nacquero anche istituti di credito cooperativo per finanziare altri mestieri. Una delle più note fu la "Società Anonima Cooperativa fra gli Operai Birocciai con sede in Imola", costituita il 10 gennaio 1892 ad opera di 11 birocciai.

Ai primi del XX secolo , dalla fusione di undici cooperative di credito nacque la Banca di Credito Cooperativo Ravennate e Imolese, tuttora uno dei più rilevanti istituti bancari del territorio. Nel 1905 aprì la sede imolese del Piccolo Credito Romagnolo , istituto bancario cattolico fondato a Bologna nel 1896.

Nel 1941 il Monte di Pietà (fondato nel 1512 ) cessò la plurisecolare attività; le sue funzioni passarono alla Cassa di Risparmio cittadina. La locale Cassa di Risparmio, la Banca Cooperativa di Imola (nuovo nome della Banca Popolare di Credito fondata nel 1871) e il Credito Romagnolo sono stati gli istituti che hanno maggiormente sostenuto lo sviluppo economico del territorio imolese nel secondo dopoguerra.

A partire dagli anni novanta, il sistema è radicalmente cambiato. La legge ha favorito le fusioni e le banche locali sono state una dopo l'altra inglobate dai grandi gruppi nazionali. La Banca Cooperativa è stata acquisita dalla Cassa di Risparmio di Ravenna ed oggi si chiama Banca di Imola; il Credito Romagnolo nel 2002 è entrato nel gruppo UniCredit ; la Cassa di Risparmio di Imola appartiene al 100% al gruppo Banco Popolare .

Artigianato

Per quanto riguarda l' artigianato , Imola è rinomata non solamente per la produzione di ceramiche e maioliche , ma anche per la lavorazione del ferro battuto . [61]

Infrastrutture e trasporti

Strade

La principale infrastruttura viaria di Imola è rappresentata dalla Via Emilia ; su di essa sono svolte autocorse suburbane in servizio di trasporto pubblico a cura della società TPER . In città è inoltre presente un servizio urbano svolto dalla medesima società.

Un'altra importante via di comunicazione, l'ex strada statale 610 Selice o Montanara Imolese , ora strada provinciale 610, attraversa la città da nord-est a sud-ovest per poi risalire la valle del Santerno . La strada collega Imola con l'omonimo casello autostradale sull' A14 .

Tranvie e ferrovie

Dal 1885 al 1935 nella periferia occidentale sorgeva la stazione capolinea della tranvia Bologna-Imola la quale svolgeva un servizio con trazione a vapore gestito dalla Società Veneta .

La città è inoltre servita dalla omonima stazione ferroviaria , posta lungo la linea Bologna-Ancona , nella quale osservano fermata i servizi regionali svolti da TrenitaliaTPER nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la regione Emilia-Romagna .

Dal 1916 al 1944 , nell'area antistante all'attuale, sorgeva una seconda stazione, gestita dalla Santerno Anonima Ferroviaria (SAF), dalla quale partivano i treni della linea per Fontanelice e Massalombarda.

Amministrazione

Autonomia del territorio imolese

Imola, pur non essendo a capo di una provincia, gestisce in autonomia alcuni servizi di livello provinciale, nei seguenti campi: amministrativo, multiservizi e sanità.

In campo amministrativo l'autonomia è data dal Nuovo Circondario Imolese [62] , istituito con una legge regionale del 2004 . Nato nel 1995 , il Circondario Imolese è l'erede dell'Assemblea dei Comuni dell'Imolese (1985-1995), che a sua volta ha preso il posto del "Comprensorio di Imola" (1976-1984). Imola, quindi, ha una storia di autonomia amministrativa più che decennale. Il Circondario, ente pubblico territoriale, si estende su una superficie di 787 km² (tutta interna alla provincia di Bologna ) e ha una popolazione di 131.984 abitanti (al 1º gennaio 2011). Ne fanno parte 10 Comuni, di cui sette sono romagnoli (Imola, Dozza, Mordano, Castel del Rio, Fontanelice, Borgo Tossignano e Casalfiumanese) e tre sono emiliani (Castel San Pietro Terme, Medicina e Castel Guelfo di Bologna). In base a un'intesa stipulata nel 2006 con la Provincia di Bologna, l'Ente Circondario gestisce "in concorso" con l'Ente Provincia alcune importanti funzioni, quali: Pianificazione territoriale ed ambientale; Viabilità; Sviluppo delle attività produttive; Politiche della casa; Edilizia scolastica; Formazione professionale; Parchi territoriali; Turismo e sport. Presidente dell'Ente è il sindaco di Imola.

In campo sanitario, Imola dispone di una propria Azienda Unità Sanitaria Locale (AUSL). L'ente gestisce gli ospedali di Imola e Castel San Pietro Terme nonché i poli sanitari di Medicina e Borgo Tossignano .

Dalla fondazione del Regno d'Italia fino al 2013 Imola è stata sede di tribunale (sezione distaccata del Tribunale di Bologna).

Amministrazioni dal 1860

Regno d'Italia (dal 1860 al 1945)

Primo cittadino Partito Mandato Elezione
Inizio Fine
Giuseppe Scarabelli 1860 1866
Pietro Toschi 1866 1867
Giovanni Codronchi Argeli Destra storica 1867 1876
Alessandro Alessandretti 1876 1885
Luigi Zappi Ceroni Destra storica 1885 1889
Ugo Tamburini 1889 1890 Elezione 1889
Cesare Mirri 1891 7 agosto 1985 Elezione 1891
7 agosto 1985 1897 Elezione 1895
Francesco Linguerri 1897 1897
Filippo Muscianisi 1898 1898
Antonio Carranti Commissario prefettizio 1898 1900 -
Alfredo Xella Partito Socialista Italiano 1901 1905 Elezione 1901
Luigi Molinari 1905 4 luglio 1908 Elezione 1905
4 luglio 1908 1910
Alfredo Xella Partito Socialista Italiano 1910 1912 Elezione 1910
Attilio Morara ( prosindaco ) Partito Socialista Italiano 1912 1914
Luigi Molinari 1914 giugno 1915 Elezione 1914
Pietro Schenini Commissario prefettizio 1915 1917 -
Romualdo Pintor Mameli Commissario prefettizio 1917 1918 -
Nicola Continanza Commissario prefettizio 1919 1919 -
Nicola Falanga Commissario prefettizio 1919 1920 -
Giulio Miceti Partito Socialista Italiano 16 ottobre 1920 30 giugno 1921 Elezione 1920
Italo Ballarini Commissario prefettizio 3 ottobre 1921 12 ottobre 1922 -
Amilcare Gibertini Commissario prefettizio 12 ottobre 1922 dicembre 1922 -
Annibale Ginnasi Destra 7 gennaio 1923 1927 Elezione 1923
Annibale Ginnasi Podestà Partito Nazionale Fascista febbraio 1927 1936 Nomina regia
Angelo Buzzi Langhi

Giuseppe Portoghese

Commissario prefettizio 11 gennaio 1936 1936 -
Stefano Padovani Podestà Partito Nazionale Fascista 1936 1943 Nomina regia
Adelchi Valente Commissario prefettizio 6 settembre 1943 ottobre 1943 -
Carmelo Bivona Commissario prefettizio ottobre 1943 1943 -
Valentino Pirazzoli

Carlo Ponzi

Commissario prefettizio 22 agosto 1944 1944 -
Giulio Miceti 14 aprile 1945 24 marzo 1946 Nominato dal prefetto su indicazione del CLN .

Repubblica Italiana (dal 1946)

Primo cittadino Partito Giunta/Coalizione Mandato Elezione
Inizio Fine
Amedeo Tabanelli Partito Comunista Italiano 24 marzo 1946 16 giugno 1951
Veraldo Vespignani Partito Comunista Italiano 16 giugno 1951 28 novembre 1962
Amedeo Ruggi Partito Comunista Italiano 28 novembre 1962 30 ottobre 1971
Enrico Gualandi Partito Comunista Italiano 30 ottobre 1971 11 maggio 1976 [63] Elezioni del 1975/
Bruno Solaroli Partito Comunista Italiano 11 maggio 1976 5 maggio 1987
Marcello Grandi Partito Comunista Italiano

poi Partito Democratico della Sinistra

5 maggio 1987 5 ottobre 1992
Raffaello De Brasi Partito Democratico della Sinistra 30 ottobre 1992 24 aprile 1995
Democratici di Sinistra PDS-PPI-PRI-PSDI 24 aprile 1995 19 giugno 1999 Elezioni 1995
Massimo Marchignoli Democratici di Sinistra DS-PPI-Dem-SDI 19 giugno 1999 14 giugno 2004 Elezioni 1999
Democratici di Sinistra

poi Partito Democratico

DS-DL-PRC-FdV-SDI 14 giugno 2004 26 febbraio 2008 Elezioni 2004
Matteo Piantedosi Commissario straordinario 27 febbraio 2008 18 aprile 2008 -
Daniele Manca Partito Democratico PD-SA-IdV 19 aprile 2008 28 maggio 2013 Elezioni 2008
PD-Lista civica 28 maggio 2013 24 gennaio 2018 Elezioni 2013
Adriana Cogode Commissario straordinario 25 gennaio 2018 24 giugno 2018 -
Manuela Sangiorgi Movimento 5 Stelle M5S 25 giugno 2018 18 novembre 2019 Elezioni 2018
Nicola Izzo Commissario straordinario 19 novembre 2019 21 settembre 2020 -
Marco Panieri Partito Democratico PD-Lista civica-Art.1 22 settembre 2020 in carica Elezioni 2020

Gemellaggi

Imola è gemellata con le seguenti città [64] :

È stata gemellata con:

Inoltre sono stati sottoscritti patti di Cooperazione con le seguenti città:

Sport

Gli imolesi praticano diverse attività sportive. Gli iscritti agli enti di promozione sportiva sono 20 000; in città ci sono 96 impianti sportivi, che ogni anno vengono utilizzati da oltre 9 000 utenti.

Sport motoristici

Pianta del primo circuito cittadino di Imola (1946).
Pianta del secondo circuito cittadino di Imola, utilizzato dal 1947 al 1950.

La prima competizione motociclistica competitiva organizzata a Imola si tenne il 29 maggio 1924 . Il «Gran Premio Imola» fu organizzato dalla sezione locale dell'Unione Sportiva Italiana (USI) [69] . Il percorso, com'era normale all'epoca, era costituito da strade aperte al pubblico [70] . Partenza-arrivo erano situati in viale Dante. Il tracciato (della lunghezza di 14 km da percorrere 4 volte per complessivi km 56) si snodava attorno ai Tre Monti (note alture che sovrastano la città: i colli Pediano, Frassineto e Bergullo).

Nel 1926 nacque l'Associazione Motoristi Imolesi. In pochi mesi organizzò la sua prima manifestazione: il «Circuito dei Tre Monti». La competizione si disputò il 18 luglio 1926 , una domenica. Il tracciato ricalcava in gran parte quello di due anni prima, ma era leggermente più corto (12,1 km); in compenso la gara era più lunga (14 giri). Il luogo di partenza-arrivo era situato lungo il rettilineo che congiunge la chiesa di Croce in Campo (oggi non più esistente) con villa Cerchiari. Ne furono disputate altre due edizioni: il 1º maggio 1927 (la gara fu inserita nel Campionato italiano) e il 31 luglio 1932 , organizzata dal Moto Club Imola, nato l'anno precedente [71] . Il campione faentino Francesco Lama vinse la gara in due categorie nel 1932 . Altri vincitori: Luigi Arcangeli , Gino Macchi e Pietro Ghersi (1927).
Il Moto Club organizzò anche gare di velocità fuoristrada (l'odierno motocross ): esse si tennero nell'area del parco Acque minerali, inclusa la salita del monte Castellaccio. Furono disputate tre edizioni: il 3 marzo 1935, il 24 maggio 1936 e il 18 aprile 1937 [72] .

Nel 1946 venne eletto presidente del Moto Club Francesco Costa (per tutti "Checco", 1911-1988). Costa rilanciò l'attività dell'associazione organizzando corse di velocità sulle strade cittadine, le uniche pavimentate all'epoca. Il primo circuito cittadino di Imola (km 2,700) si snodava lungo i seguenti tratti di strada: viale De Amicis (partenza/arrivo), Selice, Mentana, Andrea Costa, Marconi, Pambera e Carducci. La prima gara, denominata «GP Città di Imola», si svolse il 21 luglio 1946 .
Dal 1947 al 1950 le corse motociclistiche furono disputate su un diverso tracciato cittadino (km 2,400), che comprendeva: Viale Dante (partenza/arrivo), Viale Zappi (direzione Faenza), al termine del rettilineo si eseguiva una curva a 'U' e si imboccava via Guerrazzi, poi via Mazzini, poi ci si immetteva di nuovo in viale Zappi, ma in senso opposto, arrivando davanti al mercato ortofrutticolo. Lì si curvava a destra in via Boccaccio, poi via Tasso e infine viale Dante. Nel complesso, sui due circuiti cittadini furono disputate sei manifestazioni competitive. La gara, denominata «Coppa Fiera del Santerno», si disputava ad inizio settembre nell'ambito dell'omonima fiera, manifestazione che richiamava a Imola numerosi visitatori.

Agli appassionati venne in mente di realizzare un circuito permanente al di là del Santerno, ma il Comune non aveva i fondi. Il problema venne superato tramite la fondazione di un organismo privato: il 25 novembre 1947 fu fondato l'«Ente Sport e Turismo Imola» (ESTI). L'ESTI raccolse i finanziamenti per la costruzione di quello che oggi è conosciuto come Autodromo Enzo e Dino Ferrari . La prima pietra fu posta il 22 marzo 1950; l'inaugurazione avvenne il 25 aprile 1953.

Dal 1948 il Parco delle Acque minerali ospitò tutti gli anni una prova del Campionato mondiale di motocross . La gara inaugurale, corsa il 23 maggio 1948, fu il primo Gran premio internazionale di motocross mai disputato in Italia. Il tracciato misurava ben 5 km; la pista si snodava tra il Parco e il fiume Santerno , che i motociclisti guadavano in due punti. L'arrivo/partenza era posto in via Romeo Galli. L'appuntamento richiamava tutti gli anni una folla tra le 10 000 e le 30 000 persone. L'attività ebbe termine nel 1965 perché in quell'anno l'area fu convertita definitivamente a parco pubblico. Nel complesso si disputarono a Imola 24 Gran Premi, di cui 9 valevoli per il campionato mondiale (1957-1965).

A partire dal 1972 si è disputata all'Autodromo la « 200 Miglia ». Ideata anch'essa da Checco Costa, negli anni la manifestazione, una gara di durata, ha richiamato migliaia di appassionati da tutt'Italia e dall'estero. L'ultima edizione si è disputata nel 1985 .

La Formula 1 ha disputato all' autodromo inizialmente due gare non valide per il mondiale, il IV Gran Premio Città di Imola il 21 aprile 1963 e il Gran Premio Dino Ferrari il 16 settembre 1979 . L' anno successivo ha ospitato per la prima volta una gara iridata, il Gran Premio d'Italia 1980 per problemi riscontrati a Monza . Dato il successo riscontrato, si è deciso di correre dall'anno successivo al2006 , nello stesso luogo, il Gran Premio di San Marino . Dopo un'assenza di 14 anni, la Formula 1 è tornata ad Imola per ilGran Premio dell'Emilia-Romagna , disputato il 1º novembre 2020 .

Oggi le principali associazioni motoristiche imolesi sono: «Moto club Santerno Imola» "Checco Costa" [73] ; «Club romagnolo auto e moto d'epoca» (CRAME); «Moto club Imola»; «Moto club "La Stalla"», «Sport club "Il velocifero"», «Associazione "Otello Buscherini"», «Panathlon International» e «Gruppo ex-motocrossisti imolesi».

I motociclisti imolesi più titolati sono: Fausto Gresini (1961), campione del mondo di velocità 1985 e 1987 (classe 125); Andrea Bartolini , campione del mondo di motocross 1999 nella classe 500/Open; Loris Capirossi , campione del mondo Classe 125 e Classe 250 ; Alex Salvini , vicecampione mondiale di motocross 2010 nella categoria MX3 e campione del mondo Enduro classe E2 nel 2013; Filippo Suzzi , campione italiano nel 1983.

Pallacanestro

La pallacanestro nasce a Imola negli anni trenta. Le prime partite sono disputate da squadre di studenti. La prima squadra in assoluto è una compagine femminile formata dalla professoressa Torrini, insegnante di ginnastica femminile delle scuole magistrali e del liceo. È lei a trasmettere la passione per la palla a spicchi all'insegnante di ginnastica maschile delle magistrali, il prof. Caleffi. Nel 1934 Caleffi crea la prima squadra maschile. Il primo campionato, un torneo studentesco, si disputa nel 1936. [74]

Nel 1936 nasce la prima società sportiva in senso proprio: la Virtus Imola Sportiva Pallacanestro . Nel 1960 la squadra imolese raggiunge la seconda serie nazionale [75] . Attualmente milita in Serie C .

Nel 1967 viene fondata una nuova società: la Andrea Costa Imola Basket . Per diversi anni milita nelle serie inferiori, finché dalla stagione 1985/86 inizia un ciclo positivo. Nella stagione seguente si trova nello stesso campionato della Virtus: le due squadre si affrontano in due infuocati derby, da quali esce vincitrice l'Andrea Costa che prevale in entrambi i confronti.

È il passaggio di consegne tra le due formazioni. Da allora l'Andrea Costa si è trovata stabilmente ai piani alti del basket italiano, mentre la Virtus non è riuscita ad andare oltre il livello dilettantistico. Nel 1995 l'Andrea Costa, salita in A2 , lascia il PalaRuggi , che non è omologato per la categoria. Inizia così un periodo di 17 anni nei quali la squadra romagnola gioca le partite casalinghe dapprima in una tensostruttura in zona autodromo e successivamente a Faenza . Nella stagione 1998-1999 di Serie A1 l'Andrea Costa di Francesco Vitucci vince gli ottavi nei playoff qualificandosi ai quarti. Vincenzo Esposito è il trascinatore della squadra. È il massimo risultato mai raggiunto da una squadra imolese nel campionato nazionale. L'Andrea Costa totalizza quattro partecipazioni al massimo campionato nazionale, fino al 2002 . Attualmente milita in Serie A2 Silver .

Il 2005 è un anno triste per il basket cittadino: fallisce la Virtus. Viene fondata una nuova società, la «Virtus 1936» che riparte dal campionato regionale. Nel 2009 avviene la fusione con un'altra società cittadina dando vita alla «Virtus Spes Vis».

Società sportive

Sport motoristici

L'«Associazione Motoristi Imolesi» è affiliata al Moto Club d'Italia dal 1926 . Il primo presidente è stato Lodovico Ravaglia. Dal 1931 la società ha assunto la denominazione di «Moto Club Imola». Organizza diverse manifestazioni motoristiche (gare di velocità, gimcane, ecc.). Nel 1946 inizia la lunga direzione di Checco Costa , catalizzatore e punto di riferimento per tutto il movimento motoristico imolese. Nel 1957 la denominazione cambia in «Moto Club Santerno-Imola». La denominazione attuale è «Moto Club Santerno "Checco Costa"».

Ciclismo

Le società ciclistica imolese più blasonata è stata l'«Unione Sportiva Imolese» (nata il 20 marzo 1920 ) [76] , organizzatrice della storica Coppa Placci . La società si è sciolta il 30 marzo 2014 [77] . Nel 1995 è nata la «Ciclistica Santerno Fabbi Imola», che dallo stesso anno organizza il Gran Premio Fabbi Imola , manifestazione giovanile (dai 6 ai 16 anni) di livello interregionale. Una particolarità della competizione è che i ciclisti circolano all'interno dell' Autodromo Enzo e Dino Ferrari .

Pallacanestro

La più antica società imolese è la Virtus Imola , fondata nel 1946 , che oggi milita nel campionato di Divisione Nazionale C .
La principale squadra della città è l' Andrea Costa , fondata nel 1967 , attualmente militante nel Campionato di Legadue .
Entrambe le squadre disputano le proprie partite casalinghe al Pala Ruggi (2000 posti).

Calcio

La squadra principale in ambito calcistico è l' Imolese , che ha militato per vari anni in serie C fino al 1972 ; a causa delle difficoltà economiche il club è precipitato in categorie inferiori [78] . Dopo il fallimento (2008) il club imolese è stato capace in dieci anni di risalire dall'Eccellenza alla Serie C ( 2018 ), dopo un'assenza di 46 anni. L'Imolese gioca nello stadio Romeo Galli , capace di 4000 spettatori.

Le altre società calcistiche con sede in Imola (frazioni comprese) sono: Tozzona Pedagna, Sesto Imolese (militanti in Prima Categoria), Ponticelli, Calcio Imola 2004, Juvenilia Imola, Stella Azzurra Zolino (partecipanti al Campionato 2ª Categoria) e il Rossoblù Imolese (affiliato all'ASD Chicco Ravaglia) militante in Terza Categoria.

Sette calciatori imolesi hanno giocato da titolari in Serie A: Remo Costa (1914-2003), nell'Udinese e nella Triestina; Bruno Baruzzi (1919), nel Torino e nel Bari; Rodolfo Beltrandi (1930) con Fiorentina, Udinese e Napoli; Moreno Mannini (1962), giocatore della Sampdoria e di altre squadre nonché della Nazionale; Giancarlo Marocchi (1965), che ha militato nel Bologna, nella Juventus e nella Nazionale; Alfonso Bertozzi (1965), un anno con il Verona; Davide Bombardini (1974), che ha giocato in diverse squadre di serie A, tra cui Bologna, Atalanta, Palermo e Roma.

Nel 1992 è stata fondata Imola Calcio a 5 , che nel 2015 è stata promossa in Serie A2 e l'anno successivo è approdata in Serie A, dove ha militato per due stagioni (2016/17 e 2017/18). La prima squadra è stata sciolta nel 2020 [79] .

Nuoto

Nel 1972 nasce per opera di Renzo Bandini la «Libertas Nuoto Nautica di Imola». Nel 1989 la società viene rifondata; il 21 agosto assume la denominazione attuale: «Associazione Sportiva Imolanuoto»; primo presidente del nuovo corso è Pietro Martelli [80] . Gli istruttori della società precedente passano tutti nel nuovo organismo. In pochi anni l'Imolanuoto diventa la prima società natatoria imolese. Nel 1997 approda per la prima volta al Campionato di Serie A. Oggi la società, presieduta da Mirco Piancastelli, partecipa alle gare di Serie A1 nazionale sia nel settore maschile che in quello femminile [81] . Tra i campioni che attualmente vestono i colori imolesi figurano: Fabio Scozzoli (ranista campione del mondo), Ilaria Bianchi (delfinista campionessa del mondo), Martina Carraro (ranista campionessa europea), Alessia Polieri (delfinista plurifinalista ai Mondiali) e Carlotta Zofkova (finalista alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nella Staffetta 4x100 m misti ). Nel 2018 la società ha conseguito il suo miglior risultato nella Coppa Brema (il campionato italiano a squadre) classificandosi seconda assoluta [82] . Dal 2020 è Centro tecnico federale per gli specialisti della rana [83] .

Atletica leggera

L'«Atletica Sacmi Avis Imola» è la principale società cittadina di atletica leggera. Nata dalla fusione, nel 1994 , dell'"Atletica Sacmi Imola" (fondata il 1º gennaio 1964 ) e della "Polisportiva Avis Imola", è tra le società più importanti della regione. Ha ottenuto significativi piazzamenti anche in ambito nazionale. Nel 2013 ha conseguito per la prima volta nella sua storia la promozione in Serie A1, ovvero la massima serie nazionale della disciplina. Nel febbraio 2016 ha vinto il titolo italiano ai campionati juniores maschili [84] . La Sacmi ha vinto il titolo italiano di società di Decathlon per due anni consecutivi: il 2019 [85] e il 2020 [86] .

Baseball

Il Baseball a Imola nasce ufficialmente nel 1979 con la fondazione della società «Giants» ("giganti") disciolta nel 1981 dopo aver militato solo in campionati minori. La squadra attuale, i «Redskins» ("pellerossa"), partecipa al campionato nazionale iniziando dalle serie minori. A partire dal 2001 , con la promozione in serie A2, conosce un lustro di ottimi risultati fino a sfiorare due volte la massima serie. Nel 2007 per necessità societarie s'iscrive al campionato di serie B, con l'obiettivo di valorizzare i giovani talenti del vivaio e del circondario, e negli anni successivi ottiene ottimi risultati e piazzamenti, senza però riuscire a raggiungere la promozione. Nel 2012 viene conquistata l'agognata serie A, vincendo la finale playoff (al meglio delle cinque partite) contro Verona. Nel 2013 la squadra ha partecipato al campionato di serie A raggiungendo i playoff. Nel 2017 la squadra ha conquistato il titolo di Campione d'Italia dilettanti [87] .

Oltre alla prima squadra, la società conta anche una squadra Under 21, una Cadetti e una Ragazzi.

Equitazione

La prima scuola locale di equitazione nacque nel 1966 sulle rive del fiume Santerno con il nome di «Circolo ippico sportivo Imolese». Pochi anni dopo si costituì in società sportiva con lo stesso nome e si trasferì in Via Ascari nei terreni dell'Istituto Agrario G. Scarabelli per opera del primo presidente Arrigo Fanti; l'anno successivo divenne Scuola di equitazione Federale FISE . Successivamente nacque il maneggio «la Rondinella» in Via Pediano, che nel 1996 ottenne il titolo di scuola di equitazione federale FISE

Altri sport olimpici

La società di ginnastica artistica di Imola è la "Biancoverde", militante nella massima serie nazionale dal 2020, frequentata anche dall'atleta olimpica Carlotta Giovannini .
La pallavolo femminile è presente in città dal 1969 , anno di nascita della Csi Clai.
La società cittadina di lotta è l'«Unione sportiva imolese lotta». Nel 2018 una sua tesserata, Valentina Minguzzi, ha vinto il titolo italiano assoluto femminile nella lotta libera . Nel 2019 Saverio Scaramuzzi ha conquistato il titolo italiano nella categoria 72 kg [88] .
Nel settore arti marziali Imola vanta un campione del mondo 2013 : Gionata Zarbo. È imolese, anche se in forza alle Fiamme Oro, Andrea Minguzzi che, il 14 agosto 2008 , ha conquistato la medaglia d'oro ai Giochi della XXIX Olimpiade .
Il Circolo tennis "Camillo Cacciari" (il complesso tennistico inserito nel parco delle Acque Minerali) è stato fondato nel 1928 [89] e dal dopoguerra vanta un'attività ininterrotta.
La società di Tiro con l'arco è la "Compagnia Arcieri del Santerno", nata nel 1980.

Rugby

L'Asd Imola Rugby è il club cittadino di rugby a 15 . Il Club è stato fondato nel 1978 . Negli anni trenta l'imolese Angelo Becca vinse tre scudetti con la maglia degli Amatori Milano (1938, 1939 e 1940). Becca (1917-1996) rimane a tutt'oggi l'unico imolese ad aver vestito la maglia della Nazionale [90] . Tornando all'Imola Rugby, nella stagione 2012/2013 la prima squadra milita nel Campionato di Serie C ÉLITE.
Il club gestisce anche le squadre cadette del Minirugby (Propaganda), per i ragazzini dai 6 ai 14 anni, e delle Giovanili, per i ragazzi dai 15 ai 18 anni; la "giovane", neonata formazione imolese dei giocatori con più di 35 anni . Dal 2011 è presente anche un club tutto al femminile, le Scarlet ("scarlatte" in inglese ).

Pattinaggio a rotelle

Le principali società sono il «Gruppo Imolese Pattinaggio» (strada) «Imola Roller» (artistico) e «Magic Roller» (artistico).

Football americano

I Ravens Imola sono la squadra di football americano di Imola. Fondati nel 2002, i Ravens sono stati Campioni d'Italia Under 21 nel 2012 [91] e Campioni d'Italia di Football a 9 nel 2018 [92] .

Impianti sportivi

Autodromo

La città è sede dell' Autodromo Enzo e Dino Ferrari , dove si disputa dal 2020 il Gran Premio dell'Emilia-Romagna di Formula 1 .
L'autodromo Enzo e Dino Ferrari è tristemente famoso per la morte del campione brasiliano Ayrton Senna e dell'esordiente Roland Ratzenberger . La morte di Ayrton Senna fu assai criticata perché la legge italiana stabilisce che non si possono disputare manifestazioni sportive dopo la morte di un atleta durante la competizione. Infatti, Ratzenberger era morto sul circuito il sabato prima della gara durante le qualifiche (30 aprile 1994 ), mentre Senna morì durante la gara, il 1º maggio 1994; per aggirare la legge fu dichiarato che Roland Ratzenberger era deceduto in ospedale anziché nell'autodromo. Per quanto riguarda gli sport motoristici, l'autodromo ha ospitato gare del Motomondiale fino all'anno 2000. È riuscito però a mantenere la Superbike . Tra il 2007 e il 2019 il Gran Premio di Formula 1 non si è disputato. Ciò ha causato problemi economici alla società di gestione della struttura. Tre delle società che hanno avuto in gestione l'autodromo, di proprietà del Comune, hanno dichiarato fallimento [93] .

Stadio comunale «Romeo Galli»

Sito all'interno del Parco delle Acque minerali, il campo (105x56 m) ospita le partite della locale squadra di calcio . Comprende una pista di atletica leggera a sei corsie. L'impianto, che può contenere 4.000 spettatori, è dotato di illuminazione. La struttura comprende anche un antistadio (100x56 m) per allenamenti. Nel 2011 ha ospitato la Finale del Campionato europeo di calcio femminile Under-19 .

Complesso sportivo «Ruggi»

Si compone di:

  • Piscina coperta di 25 metri (costruita negli anni settanta del XX secolo) e piscina scoperta di 50 metri (realizzata negli anni ottanta);
  • Palasport (conosciuto come "PalaRuggi"), sede storica della pallacanestro e della pallavolo imolesi. Il complesso è intitolato ad Amedeo Ruggi (1920-1971), sindaco imolese dal 1962 al 1971, che ne promosse la costruzione.
Altri impianti
  • Centro Sportivo “Bacchilega” [94] : tre campi sportivi per partite di calcio e rugby (uno illuminato)
  • Piscina "Enrico Gualandi" (inaugurata nel dicembre 2014): piscina di 25 m con due palestre.
  • Anello di Pattinaggio “Ricci Petitoni” [95] : anello illuminato di 300 me pista coperta per pattinaggio a rotelle illuminata (nota come “PalaGenius”)
  • Palazzetto dello Sport di via Volta (polivalente), inaugurato il 20 aprile 1974. È intitolato alla memoria dei fratelli Rino ed Armando Ruscello [96] ;
  • Centro Sociale "Campanella": tre campi da tennis illuminati (due coperti); un campo da calcio a 5 illuminato (erba sintetica);
  • Kartodromo: sito in località Ponticelli; la pista è omologata dalla Federazione Motociclistica Italiana .

Manifestazioni sportive

Ciclismo

Nel 1968 Imola ha ospitato il campionato del mondo di ciclismo su strada , vinto dall'italiano Vittorio Adorni .

Nel 2020 ha nuovamente ospitato l' evento , vinto dal francese Julian Alaphilippe .
Imola ha una lunga tradizione di rapporti con il Giro d'Italia.
La “Corsa rosa” passò da Imola sin dalla prima edizione (tappa Bologna-Chieti, 381 km, 16 maggio 1909). Imola è stata sede di arrivo di tappa per quattro volte:

Dal 20 al 28 giugno 2009 Imola è stata sede dei campionati italiani di ciclismo , denominati "Settimana Tricolore" (crono e strada), organizzata dall'Unione Sportiva Imolese e dal Comune.

Storicamente, la manifestazione ciclistica più importante organizzata a Imola è stata la Coppa Placci , che si è disputata dal 1922 al 2013 .

Nella categoria non professionisti spicca la «Granfondo Città di Imola». Si tiene in giugno e fa parte del Circuito romagnolo [97] .

A livello giovanile sono due le principali competizioni che hanno luogo nel territorio:

  • dal 1996 nell'ultima settimana di luglio si svolge all'interno dell' Autodromo Enzo e Dino Ferrari il «Gran Premio Fabbi Imola», due giorni ciclistica organizzata dalla Ciclistica Santerno Fabbi. Nel 2013 la prova degli Under 16 (cat. Allievi) ha ricevuto la prestigiosa intitolazione "Coppa Placci", che è stata dedicata ai giovani non essendosi più disputata la prova per i professionisti;
  • dal 1999 si tiene il «Memorial Luciano Pezzi», competizione per Under 16. Collocata in calendario a metà settembre, la corsa è diventata una classica di fine stagione.
Podismo

La manifestazione podistica più importante che si svolge a Imola è il «Giro dei Tre Monti». Nacque nell'ottobre 1968 per una scommessa tra amici, che si sfidarono sul circuito di 15,3 km su cui si era disputato il Campionato mondiale di ciclismo un mese prima. Uno di essi, Leonardo (Leo) Monduzzi fu l'organizzatore delle prime edizioni. Da allora la manifestazione si disputa la terza domenica d'ottobre. Nel giro di pochi anni il «Giro dei Tre Monti» è diventato una classica del podismo nazionale e internazionale. Nel 1982 fu raggiunto il record dei partecipanti: 9.973. Il tracciato della corsa, che si snoda su tre alture circostanti Imola, ha la forma di un semicerchio, con punto di partenza ed arrivo dalla linea del traguardo dell' Autodromo . Si sale sui colli Pediano e Frassineto (l'altura più elevata: 252 m, nonché quella più lontana dalla città), poi si torna verso la pianura scendendo dal colle Bergullo.

Tennis

La più importante manifestazione della città sono gli « Internazionali di Imola », un torneo internazionale femminile del circuito ITF che si svolge in luglio. Nato nel 2004 , è organizzato dalla Tozzona Tennis Park su campi in sintetico [98] . Dal 2011 gli organizzatori hanno aumentato la durata (8 giorni) e il montepremi, che è stato portato a 25.000 dollari USA.

Atletica leggera

Dal 1993 si disputa in giugno il «Memorial Claudia Cavulli», meeting di livello nazionale dedicato alla mezzofondista imolese prematuramente scomparsa.

Nuoto

Dal 2018 si tiene nella piscina comunale il «Trofeo Città di Imola - Memorial Mattia Dall'Aglio«. Il meeting, che si disputa in giugno, fa parte del «Circuito Nuoto Italia», serie di meeting di livello internazionale [99] .

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ M. Tabanelli, Il Biscione e la Rosa , Fratelli Lega Editori, Faenza 1973, p. 43, nota 13. Tabanelli quindi elenca i seguenti palazzi, costruiti in Imola all'epoca e per conto di Girolamo Riario: Palazzo Novo, o del Signore, o del Principe, o dei Riario; Palazzo "el Cappello" o Della Volpe; Palazzo Machirelli, chiamato poi Palazzo Dal Pozzo; Palazzo Calderini, poi Paterlini.
  5. ^ a b c d Fonte dal sito Araldica Civica.it , su araldicacivica.it . URL consultato il 6 novembre 2011 .
  6. ^ a b .
  7. ^ ACS - Ufficio araldico - Fascicoli comunali , su dati.acs.beniculturali.it .
  8. ^ Già dei conti Sassatelli, poi dei marchesi Monsignani. Nel 1917-19 fu acquistato, grazie a una sovvenzione liberale di Papa Benedetto XV , da due sacerdoti imolesi, che a loro volta lo cedettero alla Diocesi per farne la sede delle opere cattoliche. Vedi Pietro Bedeschi, Il Movimento cattolico nella Diocesi d'Imola , Grafiche Galeati, Imola 1973, nota 8 di pag. 57.
  9. ^ Porta Montanara , su visitareimola.it . URL consultato il 2 maggio 2021 .
  10. ^ Contiene opere di Domenico Maria Canuti , Ludovico Carracci e Filippo Pasquali .
  11. ^ In volo con Leonardo nella natura , su visitareimola.it . URL consultato il 25 agosto 2016 (archiviato dall' url originale il 27 agosto 2016) .
  12. ^ I Tozzoni arrivarono a Imola nel XVI secolo, dove vissero fino all'inizio del Novecento; successivamente si trasferirono a Firenze.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  14. ^ Spazzate, posto a nord della Strada San Vitale , era un territorio dei conti Sassatelli. L'abitato si sviluppò nel XVI secolo . I conti Sassatelli erano proprietari anche di terreni a sud della San Vitale. In uno di questi, fecero costruire un oratorio intitolato alla Natività di Maria Vergine. Attorno ad esso si sviluppò l'abitato di Sasso, oggi denominato Sasso Morelli.
  15. ^ Beatrice Sangiorgi, La Madonna di Ghiandolino, 150 anni di devozione , in «Nuovo Diario-Messaggero», 21 luglio, pp. 2-3.
  16. ^ Ad appena sei mesi di distanza dalla beatificazione di suor Teresa del Bambino Gesù .
  17. ^ «il nuovo Diario-Messaggero», 4 giugno 2016, p. 3.
  18. ^ Manicomio Centrale di Imola – Ospedale psichiatrico provinciale "Luigi Lolli" , su architetturemanicomiali.altervista.org . URL consultato il 4 maggio 2019 .
  19. ^ Complesso dell'Osservanza - Imola , su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it . URL consultato il 4 maggio 2019 .
  20. ^ Matteo Banzola, Il manicomio modello , Imola 2015, pag. 242.
  21. ^ Ospedale psichiatrico provinciale Luigi Lolli di Imola , su spazidellafollia.eu .
  22. ^ Ex Ospedale Psichiatrico "Lolli" - Imola, Bologna , su linthout.it .
  23. ^ Non senza polemiche. Ufficialmente lasciò per raggiunti limiti d'età; secondo alcuni, invece, la dott.ssa fu sollevata dall'incarico.
  24. ^ Il nuovo Diario-Messaggero, 21 febbraio 2015, p. 11.
  25. ^ Anna Guglielmi, infermiera caposala nell'ospedale, per prima ebbe l'idea di creare una residenza dove accogliere i familiari che non riuscivano a trovare un'adeguata sistemazione negli alberghi cittadini. I tempi medi di ricovero di un paziente vanno dai due mesi ad oltre un anno.
  26. ^ L'Aula Magna fu progettata da Cosimo Morelli nel 1761 ; oggi è conservata inalterata nel suo arredamento originale. Si trova al primo piano del palazzo della Biblioteca civica.
  27. ^ Stanziatisi inizialmente fuori dalla cinta urbana, nel 1359 si stabilirono sulla via Emilia.
  28. ^ Fu riordinato dall'ultimo membro della famiglia, Alessandro Sassatelli Carissimi (1751-1820).
  29. ^ Cecilia Baroncini, «Biblioteca, 3 mila iscritti in più nel 2009», La Voce di Romagna , 16 luglio 2010.
  30. ^ Plesso Vespignani - Imola , su unibo.it . URL consultato il 26 dicembre 2017 .
  31. ^ Edificio di proprietà della Diocesi dedicato ad attività culturali ed educative. Vi trova sede il giornale della Diocesi, il Nuovo Diario-Messaggero .
  32. ^ Musica, l'eccellenza abita a Imola da 25 anni , su nuovodiario.com . URL consultato il 28 aprile 2014 .
  33. ^ L'Accademia vince il Premio Presidente della Repubblica , su accademiapianistica.org . URL consultato il 3 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  34. ^ Dal 1981 ad oggi, una storia di successi , «il nuovo Diario-Messaggero», 7 maggio 2016, p. 3.
  35. ^ L'Accademia pianistica di Imola festeggia il riconoscimento universitario in musica , su corriereromagna.it . URL consultato il 30 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2019) .
  36. ^ Accademia Pianistica, concerto per festeggiare il riconoscimento universitario , su ilnuovodiario.com . URL consultato il 30 marzo 2019 .
  37. ^ Nasce la FAMIT (Federazione Accademie Musicali Italiane di Tradizione) , su giornaledellamusica.it . URL consultato il 26 settembre 2020 .
  38. ^ a b Giorgio Santi (a cura di), 75 anni di tradizione e di amicizia (1927-2002) , Editrice La Mandragora, Imola 2002.
  39. ^ Nel 1929 vinse a Roma il Concorso Corale Nazionale e nel 1930 si aggiudicò a Firenze il primo premio al Raduno Nazionale per canto in coro e danza.
  40. ^ Ancora oggi la Corale si attiene all'elenco di cante pubblicato da Aldo Spallicci nel 1923, aggiornato nel 1926 e nel 1960.
  41. ^ «Il nuovo Diario-Messaggero», 20 maggio 2017, pag. 2.
  42. ^ Fu edificato sotto la Galleria del centro cittadino. La sala ha le dimensioni di 1.440 m³: 45 metri di lunghezza e oltre 30 in larghezza. Progettisti: l'architetto imolese Remigio Mirri e l'ingegnere romano Giambattista Milani.
  43. ^ Circolo Cinematografico Cappuccini - Chi siamo , su circolocappuccini.it . URL consultato il 19 marzo 2017 .
  44. ^ Nasce Cinema Pedagna , su ilnuovodiario.com . URL consultato l'8 gennaio 2018 .
  45. ^ Dal 1947 al 1992 si svolsero un totale di 39 edizioni.
  46. ^ L'istituto è intitolato alla memoria dell'operaio Sante Zennaro (1933-1956).
  47. ^ “Fiera del Santerno”, la vetrina del mondo agricolo , su leggilanotizia.it . URL consultato il 9 aprile 2021 .
  48. ^ Fiera Agricola del Santerno (Imola) arrivano i Cavalli da Tiro Pesante Rapido , su carrozzecavalli.net . URL consultato il 9 aprile 2021 .
  49. ^ Programmi ambiziosi 2018 per il Crame , su asifed.it . URL consultato il 14 marzo 2021 .
  50. ^ Tanti auguri Crame , su asifed.it . URL consultato il 14 marzo 2021 .
  51. ^ L'arte di Jin Ju aprirà l??'Imola Summer piano festival , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 14 marzo 2021 .
  52. ^ ( EN ) Fondazione Accademia di Imola, Imola videos , su schoolandcollegelistings.com . URL consultato il 14 marzo 2021 .
  53. ^ Fonte: Ministero delle Finanze.
  54. ^ Nel 1947 il famoso architetto Giò Ponti creò per la Coop. Ceramica Imola il famoso disegno del "garofano blu". Nel tempo è diventato uno dei decori che si considerano tipici di Imola. Ancora oggi viene eseguito in esclusiva dalla SCC
  55. ^ Bee Italian dal 1874 , su beeitalian.it . URL consultato il 27 luglio 2010 .
  56. ^ Dante Passarelli, Museo "G. Bucci" della Cooperativa Ceramica di Imola , su musei.confartigianato.it . URL consultato il 27 luglio 2010 (archiviato dall' url originale l'8 dicembre 2012) .
  57. ^ Nel dopoguerra la Cogne si riconvertì nel settore meccanico-tessile e divenne una delle più grandi aziende imolesi.
  58. ^ Imola, crac Cesi: i lavoratori vedono Poletti, ma molti pensano a emigrare , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 13 dicembre 2017 .
  59. ^ Imola, crisi cooperativa 3Elle. Cgil: “Dopo caso Cesi, Poletti intervenga anche qui” , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 13 dicembre 2017 .
  60. ^ 3elle, i soci costretti a versare le quote alla coop ormai decotta , su ilrestodelcarlino.it . URL consultato il 13 dicembre 2017 .
  61. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 2, Roma, ACI, 1985, p. 4,6.
  62. ^ Nuovo circondario imolese Archiviato il 15 luglio 2011 in Internet Archive .
  63. ^ Si dimise da sindaco e fu eletto deputato alle Elezioni del 20-21 giugno 1976
  64. ^ città gemellate con Imola , su temi.comune.imola.bo.it . URL consultato il 3 febbraio 2012 (archiviato dall' url originale il 1º marzo 2012) .
  65. ^ Cooperazione internazionale , su pula.hr .
  66. ^ Delegazione rumena ricevuta in Provincia , su RavennaNotizie.it , 2 ottobre 2008. URL consultato il 17 maggio 2021 .
  67. ^ Gennaio 2017: approvazione Patto di collaborazione con la citta di Piła (Polonia) - accordo definitivo — Rete civica del Comune di Imola , su www.comune.imola.bo.it . URL consultato il 17 maggio 2021 .
  68. ^ Imola e Ardakan: il patto di collaborazione fra la città italiana e quella iraniana si concretizza — Rete civica del Comune di Imola , su www.comune.imola.bo.it , 8 febbraio 2021. URL consultato il 17 maggio 2021 .
  69. ^ Quando i Tre Monti erano un... rombo di motori , «il Nuovo Diario-Messaggero», 30 aprile 2016, pp. 44-45.
  70. ^ Elenco delle vie: Croce in Campo, Cerchiari, Tre Monti, Bergullo, La Pascola e di nuovo Croce in Campo.
  71. ^ Nel 1931 l'Associazione Motoristi Imolesi si sciolse. In sua vece fu costituito il Moto Club.
  72. ^ Gilberto Negrini, Cross Country a Imola. La storia sul Castellaccio , ne «Il nuovo Diario-Messaggero», 11 novembre, pag. 45.
  73. ^ Ha aggiunto "Santerno" al nome originale nel 1957; ha assunto il nome attuale dopo la morte del grande dirigente sportivo.
  74. ^ Giacomo Casadio, Il basket a Imola, una storia lunga quasi 80 anni , in Il nuovo Diario-Messaggero , 23 novembre 2013.
  75. ^ Rimarrà il suo traguardo più alto mai raggiunto.
  76. ^ La storia della Coppa Placci , su aver.myblog.it . URL consultato il 16 dicembre 2013 .
  77. ^ Da un anno con la bici appesa al chiodo , su romagnanoi.it . URL consultato il 14 dicembre 2016 .
  78. ^ Per dieci anni a partire dalla metà degli anni Settanta ha retto la presidenza della società Graziano Bassi (1947-2016).
  79. ^ Calcio a 5, l'Imolese non si iscriverà alla Serie A2 , su corriereromagna.it . URL consultato il 31 agosto 2020 .
  80. ^ Imolanuoto, 25 anni... anzi 42 , nuovo Diario Messaggero, 24 gennaio 2015.
  81. ^ Giacomo Casadio, Imolanuoto, 25 anni di successi , «Il nuovo Diario-Messaggero», 17 gennaio 2015.
  82. ^ Nuoto, Coppa Brema 2018: doppietta Aniene! , su oasport.it . URL consultato il 10 febbraio 2019 .
  83. ^ Nuovo Centro Federale a Imola! , su nuoto.com . URL consultato il 31 ottobre 2019 .
  84. ^ «Il nuovo Diario-Messaggero», 13 febbraio 2016, p. 37.
  85. ^ Atletica Sacmi Avis Campione d'Italia 2019 nel Decathlon , su atleticanotizie.myblog.it . URL consultato il 20 dicembre 2019 .
  86. ^ L'Atletica Imola campione nazionale di prove multiple anche nel 2020 , su fidal.it . URL consultato il 20 novembre .
  87. ^ Gemma di Salas ei Redskins Imola vincono il titolo di Serie A 2017 , su fibs.it . URL consultato il 30 ottobre 2017 .
  88. ^ Usil terza società d'Italia al campionato nazionale assoluto di lotta greco-romana , su unionesportivaimoleselotta.it . URL consultato l'8 febbraio 2019 .
  89. ^ Il tennis Cacciari spegne 90 candeline in «Il nuovo Diario-Messaggero», 15 settembre 2018, p. 54.
  90. ^ Angelo Becca , su corriereromagna.it . URL consultato il 7 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale l'8 gennaio 2019) .
  91. ^ Enciclopedia del football italiano di Massimo Mezzetti ( PDF ), su warriorsbologna.it .
  92. ^ Risultati Campionato Italiano di Football a 9 2018 , su fidaf.org .
  93. ^ Patrick Colgan, Il giudice: «Formula Imola è fallita» [ collegamento interrotto ] , in il Resto del Carlino , 18 febbraio 2010.
  94. ^ Intitolato ad Adelmo Bacchilega (1910-1937), antifascista.
  95. ^ Ricci Petitoni Mauro , su storiaememoriadibologna.it . URL consultato il 14 dicembre 2016 .
  96. ^ Sportivi praticanti, caddero durante la Seconda guerra mondiale e furono decorati di medaglia d'oro e medaglia d'argento.
  97. ^ Manifestazione annuale che comprende sei prove: Cime di Romagna (Faenza), Valle del Senio, Città di Imola, Ercole Baldini (Massa Lombarda), Città di Lugo e Giro della Romagna.
  98. ^ tozzonatennispark.it Archiviato il 25 luglio 2012 in Internet Archive .
  99. ^ Trofeo Città di Imola ( PDF ), su circuitonuotoitalia.it . URL consultato il 13 giugno 2019 .

Bibliografia

  • Nazario Galassi, Figure e vicende di una città , Edizioni Coop. “A. Marabini”. 2 voll..
  • Andrea Ferri, Imola nella storia. Note di vita cittadina , Imola, Edizioni Il Nuovo Diario Messaggero, 1991.
  • Antonio Saltini, Salomoni M. Teresa; Rossi Cescati Stefano, Via Emilia. Percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolare , Bologna, Il Sole 24 Ore Edagricole, 2003, ISBN 978-88-506-4958-7 .
  • Natale Tampieri, Imola 14 aprile 1945. Riflessioni sulla Resistenza , Imola, Corso Bacchilega, 2007, ISBN 978-88-88775-52-4 .
  • Massimo Montanari (a cura di), La storia di Imola : dai primi insediamenti all'ancien régime. La Mandragora. , Imola, 2000.
  • Franco Quartieri, Storie d'Imola e di Romagna , A&G editore Imola, 2003.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 235115205 · GND ( DE ) 4235717-2