Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 1978

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Campeonato Mundial de Fórmula 1 de 1978
Edição n. 29 do Campeonato Mundial de Fórmula 1
Dados gerais
Começar 15 de janeiro
Prazo 8 de outubro
Ensaios 16
Títulos disponíveis
Pilotos Estados Unidos Mario Andretti
no Lotus 78 e
Lotus 79
Construtores Reino Unido Lótus
Outras edições
Anterior - Próximo
Edição em andamento

A temporada de 1978 do Campeonato Mundial de Fórmula 1 da FIA foi, na história da categoria, a 29ª a conquistar o Campeonato de Pilotos e a 21ª a conquistar o Campeonato de Construtores . Começou no dia 15 de janeiro e terminou no dia 8 de outubro, após 16 corridas, uma a menos que na temporada anterior. O título dos pilotos foi para Mario Andretti pela primeira vez e o título dos construtores foi para a Lotus pela sétima vez.

Mario Andretti ganha seu único título de piloto, o segundo americano da história depois de Phil Hill em 1961 .

A pré-temporada

O calendário

Em agosto de 1977, foi lançado um primeiro rascunho de calendário para a temporada de 1978. O calendário era essencialmente idêntico ao de 1977, com a corrida japonesa mudada para 16 de abril. [1] A única incerteza inicialmente dizia respeito à viagem norte-americana no final do campeonato, com a possibilidade de que esta corrida fosse disputada no Canadá ou nos Estados Unidos, embora a corrida em Long Beach em março tenha sido confirmada. [2]

Posteriormente, ele perdeu o Grande Prêmio do Japão , então o número de corridas foi reduzido para 16. A única mudança no calendário, em comparação com 1977, foi a antecipação das corridas da Espanha e da Bélgica antes da de Mônaco. O Grande Prêmio do Canadá foi antecipado para domingo, 8 de outubro, a partir da data anterior, segunda-feira, 9 de outubro, inicialmente escolhida porque o Canadá estava comemorando o Dia de Ação de Graças . [3]

Concorrência Nome oficial do Grande Prêmio O circuito Local Encontro Agora Ao vivo
Local UTC ITA
1 Argentina Gran Premio de la República Argentina Autódromo Municipal Ciudad de Buenos Aires Buenos Aires 15 de janeiro 15:00 18:00 19:00 Rede 2
2 Brasil Grande Prêmio do Brasil Circuito de Jacarepaguá Rio de Janeiro 29 de janeiro 12h00 15:00 16:00
3 África do Sul O Grande Prêmio Citizen e Asseng da África do Sul Circuito de Kyalami Midrand 4 de março 14h15 12h15 13h15 Rede 1
4 Estados Unidos Grande Prêmio Oeste dos Estados Unidos [4] Circuito de Long Beach Long Beach 2 de abril 13:00 20:00 21:00
5 Monge Grande Prêmio Automóvel de Mônaco Circuito de Montecarlo Monge 7 de maio 15:30 14:30 15:30 Rede 2 / Telemontecarlo
6 Bélgica Grote Prijs van België Circuito Terlaemen de Zolder Heusden-Zolder 21 de maio 15:00 14:00 15:00 Rede 2
7 Espanha Grande Prêmio de Espanha Circuito Permanente de Jarama San Sebastián de los Reyes 4 de junho 16:00 14:00 16:00
8 Suécia Sveriges Grand Prix Circuito Anderstorp Anderstorp 17 de junho 15:15 13h15 15:15 Rede 1
9 França Grande Prêmio da França Circuito Paul Ricard Le Castellet 2 de julho 14h15 12h15 14h15 Rede 2
10 Reino Unido John Player Grande Prêmio da Inglaterra Circuito de hachura de marcas West Kingsdown 16 de julho 15:00 13:00 15:00
11 Alemanha Großer Preis von Deutschland Hockenheimring Hockenheim 30 de julho 14:00 12h00 14:00
12 Áustria Großer Preis von Österreich Österreichring Spielberg bei Knittelfeld 13 de agosto 14:00 12h00 14:00
13 Holanda Grote Prijs van Nederland Zandvoort Park Zandvoort 27 de agosto 15:00 13:00 15:00
14 Itália Grande Prêmio da ItáliaCircuito Nacional de Monza Monza 10 de setembro 15:30 [5] 13:30 15:30
15 Estados Unidos Toyota Grande Prêmio dos Estados Unidos [6] Watkins Glen International Watkins Glen 1 de outubro 14h35 18h35 19:35 Não transmitido
16 Canadá Grande Prêmio do Canadá Circuit de l'île Notre-Dame Montreal 8 de outubro 14h15 18h15 19:15

Acordos e fornecedores

A Scuderia Ferrari deixou a Goodyear como fornecedora de pneus, para mudar para a francesa Michelin , que havia feito sua estreia na F1 em 1977 , e que já fornecia a Renault . A mudança afetou apenas a fórmula máxima e não a Fórmula 2 , onde os carros movidos pelo Cavalo Empinado continuaram sendo fornecidos pelo fabricante norte-americano. A Ferrari já era cliente da Michelin para carros GT. [7] Todas as outras equipes que participaram do campeonato mundial ainda usavam pneus Goodyear . O retorno da Firestone com a Lotus também estava previsto, e o da Pirelli com um eventual carro Alfa Romeo . Em ambos os casos as situações não ocorreram. [8] Houve controvérsia ao longo da temporada sobre o tratamento de Goodyear de equipes menos competitivas. [9] O fabricante norte-americano se justificou afirmando que a passagem da Ferrari para a Michelin elevou o nível técnico dos pneus , tanto que a casa gostaria de limitar o fornecimento a apenas três ou quatro equipes. No entanto, para evitar que um grande número de fabricantes fiquem sem pneus, a Goodyear continuou a fornecer todos eles, mas também decidiu se concentrar mais em dez motoristas ( Mario Andretti , Patrick Depailler , Emerson Fittipaldi , James Hunt , Niki Lauda , Ronnie Peterson , Jody Scheckter e John Watson ), fornecendo-lhes todos os compostos possíveis. O fabricante também se comprometeu a fornecer todos os compostos aos dois pilotos, que em cada Grande Prémio estabeleceram os melhores tempos no primeiro dia de testes. [10] No Grande Prêmio da França , a Goodyear mudou sua política de alocação de pneus e decidiu fornecer a todos os pilotos os melhores compostos. [11]

Ao nível do motor não houve novidades: todas as equipas mantiveram os mesmos motores da época anterior, assim como todos os novos concorrentes optaram pelo Ford Cosworth DFV . Durante o fim de semana do Grande Prêmio da Inglaterra de 1977 , a Wolf anunciou sua intenção de construir seu próprio motor, dada a falta de confiança nos motores fornecidos pela Cosworth . O motor teria sido turbo, como o apresentado pela Renault . No entanto, esta iniciativa não teve seguimento. [12] Arturo Merzario disse que esperava, para seu carro, obter um motor da Alfa Romeo , que já fornecia a Brabham . No entanto, ele não recebeu suprimentos da casa milanesa. [13]

Brabham abandonou seu patrocinador histórico Martini (com quem tinha colaborado desde 1975) e se mudou para a Parmalat , que se comprometeu a apoiar a equipe, que mudou seu nome para a Parmalat Racing, para as 1978 e 1979 estações. [14] Williams obtido em vez do patrocínio da Saudia , a companhia aérea nacional da Arábia Saudita , [15] enquanto a ATS da Sony . [16] No GP dos EUA do Leste e no GP do Canadá , a McLaren teve a Löwenbräu , uma produtora de cerveja alemã, como seu principal patrocinador, no lugar da Marlboro .

Estábulos e motoristas

Estábulos

Muitas equipes privadas viraram construtoras diretas, para fazer parte da Associação de Construtores de Fórmula Um e, assim, poder participar pelo menos nas qualificações de cada Grande Prêmio. Foi o caso da Theodore Racing (contou com a colaboração de Ralt ), [17] que no ano anterior usou um Ensign , da Merzario Team (que usou um March em 1977) e da ATS alemã, que assumiu o material de março de saída, [18] após dirigir um Penske em 1977. Frank Williams também voltou a construir o chassi por conta própria, depois que Frank Williams Racing Cars foi vendido para Walter Wolf em 1976. Héctor Rebaque , por outro lado, fundou sua própria equipe, que usava um Lotus 78 . [18] O Liggett Group / B & S Fabrications continuou a funcionar na temporada privada da McLaren .

Com o Merzario, a Itália alinhou um segundo construtor, depois da Scuderia Ferrari , pela primeira vez desde a Iso-Williams em 1974 , enquanto Theodore foi o único construtor de Hong Kong na história da F1. A Alemanha com a ATS voltou a ter seu próprio fabricante a partir de 1972 , na época da Eifelland .

Além da março , a BRM deixou de participar definitivamente e, em relação às temporadas de 1976 e 1977, também faltou o japonês Kojima , ainda que tenha sido anunciado um acordo para que seus quadros pudessem ser utilizados pela Kauhsen , equipe alemã. [19] A participação, que deveria ter começado a partir do GP Zolder , não se concretizou devido a uma disputa entre a equipe alemã e o patrocinador Toshiba. [20]

A Scuderia Ferrari nomeou Marco Piccinini como novo diretor esportivo, com a ajuda de Tommaso Domaini. [21]

O Arrows participou do campeonato mundial do Grande Prêmio do Brasil . A equipe nasceu em novembro de 1977 , de uma divisão da equipe de gerenciamento da Shadow . O nome da equipe foi formado pelas iniciais dos sobrenomes de seus fundadores: Franco Ambrosio , Alan Rees , Jackie Oliver , Dave Wass e Tony Southgate . A sede da equipe estava localizada em Milton Keynes . [22] Ambrosio, durante o campeonato de 1977, expressou sua vontade de transformar Shadow em uma equipe italiana baseada em Torino , [23] e a própria Arrows foi inicialmente apresentada como Ambrosio Racing Team . [24]

No início de março, Shadow acusou o Arrows de espionagem industrial e, na prática, de copiar o Shadow DN9 para criar o Arrows FA1 . Segundo o proprietário da Shadow, Don Nichols , o designer da Arrows, Tony Southgate , também da Shadow, trouxe consigo não apenas os desenhos do carro que estava sendo projetado, mas também algum material técnico. [25]

Em 31 de julho, o Supremo Tribunal de Justiça de Londres concordou com Shadow no caso de espionagem industrial envolvendo Arrows . Para o juiz, Arrows , para não perder os privilégios decorrentes de fazer parte da Associação de Construtores de Fórmula 1, apresentou no Grande Prêmio do Brasil de 1978 um monoposto de 179 andares do total de 422 necessários para projetar um carro de F1. Sob a decisão, a Arrows teve que destruir todas as partes consideradas copiadas e Shadow teve a chance de inspecionar o próximo carro que a Arrows pretendia participar do campeonato. [26] Shadow também reivindicou uma indenização por violação de direitos autorais de $ 60 milhões e um adicional de $ 420 milhões por danos. [27] Shadow também solicitou que todos os pontos mundiais obtidos pelo Arrows fossem atribuídos ao carro ofensivo. [28]

Martini , fabricante francês com larga experiência nas séries menores, estreou-se no Grande Prêmio da África do Sul : em 1975 e 1977 seu chassi venceu a Fórmula 2 europeia . Também na África do Sul, outro fabricante francês, a Renault , voltou a se reunir. Martini pulou os GPs de Long Beach e Mônaco para preparar melhor o carro. Em Long Beach voltou a reunir-se pela Interscope Racing , já presente nas corridas norte-americanas de 1977, com um Shadow DN9 . Em 1977 ele usou um Penske . Martini então pulou o Grande Prêmio da Espanha e da Suécia, e deixou o campeonato mundial definitivamente antes do Grande Prêmio de Monza. A Interscope Racing , que havia voltado salturaio ao campeonato mundial no Grande Prêmio da Holanda, também deixou o campeonato.

Do Grande Prêmio de Jarama , Hesketh abandonou definitivamente o campeonato mundial, após 52 grandes prêmios mundiais, uma vitória intitulada (o Grande Prêmio da Holanda de 1975 com James Hunt ) e uma em uma corrida fora do campeonato, uma volta mais rápida, sete pódios e o quarto lugar na Copa dos Construtores em 1975 .

Antes do GP da Suécia , a Theodore Racing deixou o campeonato mundial, pelo menos temporariamente, dada a falta de competitividade de seu carro. Surgiu a hipótese de que a equipe de Hong Kong poderia continuar seu compromisso comprando um ' Arrows , ou recorrendo ao uso de um McLaren M23 . [29] No Grande Prêmio da Inglaterra , Melchester Racing , que usou um McLaren M23 , e Mario Deliotti Racing , com um Ensign N175, foram vistos pela única vez na temporada do Campeonato Mundial. A corrida foi pulada pelo Martini.

Do Grande Prêmio da Alemanha , Theodore Racing voltou ao campeonato usando a Wolf WR3 . Pela primeira vez, dois carros da casa canadense estavam enfrentando a mesma corrida do campeonato. Nesse Grande Prémio, a Sachs Racing estreou-se com um Ensign . Theodore Racing então não participou da viagem da F1 na América do Norte, como fizeram a BS Fabrication e a Sachs .

Pilotos

A Divina Galica , aqui em Buenos Aires , tentou se classificar sem sorte com Hesketh , nos dois primeiros Grandes Prêmios da temporada.

Conforme anunciado no verão do ano anterior, Niki Lauda deixou a Scuderia Ferrari para se juntar à Brabham com motor Alfa Romeo , onde se juntou a Watson . Lauda foi atribuído o número 1, embora parte do CSI contestasse a atribuição, afirmando que este número pertencia à equipa que havia conquistado o campeonato, mesmo que o seu piloto tivesse mudado de equipa. [30]

No Cavallino foi confirmada a dupla de pilotos da parte final da temporada de 1977 : Carlos Reutemann e Gilles Villeneuve . A confirmação do piloto canadense foi questionada após o incidente no Grande Prêmio do Japão : foi proposta a hipótese de seu uso ocasional, alternando com a de outros pilotos como Eddie Cheever ou Elio De Angelis . [31]

Na Lotus , aliado a Mario Andretti , Ronnie Peterson (da Tyrrell ) substituiu o compatriota Gunnar Nilsson . Um piloto francês novato, Didier Pironi , ocupou o lugar de Peterson. Pironi terminou em terceiro no Campeonato Europeu de Fórmula 2 de 1977 com o Martini . Eddie Cheever , que terminou em segundo lugar, foi contratado por Theodore .

Enzo Ferrari confirmou Carlos Reutemann e Gilles Villeneuve para 1978, depois de terem sido contratados na parte final de 1977.

Também houve uma mudança na McLaren : Jochen Mass foi substituído por Patrick Tambay , que havia corrido pela Theodore Racing em 1977 . O Mass mudou para ATS , com Jean-Pierre Jarier , muito utilizado pela equipe alemã no ano anterior, embora já tivesse corrido o GP de Fuji com a Ligier . Inicialmente Bruno Giacomelli também foi abordado pela equipe. [18]

Surtees contratou Rupert Keegan , que trabalhou com Hesketh em 1977, para ser parceiro de Brambilla. Clay Regazzoni deixou o Ensign e foi para Shadow , onde encontrou Hans-Joachim Stuck , de Brabham . O Ensign inscreveu dois carros: um para Danny Ongais (para ele dois Grand Prix com a Interscope Racing em '77) e Lamberto Leoni , não qualificado no GP de Monza de 1977 com Surtees . Em vez disso, o Hesketh trouxe apenas a Divina Galica para a Argentina. Williams também inscreveu apenas Alan Jones . Arturo Merzario , Emerson Fittipaldi (cuja aposentadoria está prevista para o final da temporada) [18] e Héctor Rebaque participaram com os carros de suas equipes homônimas. Em vez disso, Brett Lunger foi contratado pela Liggett Group / B & S Fabrications , que tinha uma McLaren particular.

Do Grande Prêmio do Brasil, os Arrows escalaram Riccardo Patrese , contratado pelo Shadow no ano anterior. Inicialmente, Patrese foi acompanhado por Gunnar Nilsson . [24]

Na África do Sul , os Arrows , além de Patrese, também entraram em Rolf Stommelen , ausente do Grande Prêmio da Itália de 1976 , que correu com Brabham . Stommelen, de fato, substituiu Gunnar Nilsson , que estava gravemente doente. [32] Theodore inscreveu um recém-chegado, o finlandês Keke Rosberg , no lugar de Eddie Cheever, que substituiu Divina Galica em Hesketh . Rosberg terminou em sexto no Campeonato Europeu de Fórmula 2 de 1977 .

Martini confiou o seu carro ao estreante René Arnoux , piloto que venceu a Fórmula 2 em 1977 com um chassis da empresa francesa. A outra equipa francesa que se estreou, ainda que apenas sazonal, a Renault , trouxe Jean Pierre Jabouille , tal como o anterior ano. O Ensign confirmou apenas Lamberto Leoni em relação aos dois Grandes Prêmios da América do Sul. A continuação da relação entre Surtees e Vittorio Brambilla foi questionada , mas o piloto de Monza acabou por participar no Grande Prémio. [33]

Em Long Beach, o irlandês Derek Daly substituiu Eddie Cheever em Hesketh , depois de já ter participado do BRDC Int. Trophy , prova não válida para o mundial, disputada em março. Daly fazia sua estreia no campeonato mundial e foi o primeiro piloto em seu país desde Joe Kelly , que competiu em dois Grandes Prêmios da Inglaterra entre1950 e 1951 . A Interscope Racing contratou Danny Ongais , já envolvido nos dois primeiros grandes prêmios sazonais da Ensign .

O belga Jacky Ickx voltou ao GP de Montecarlo após uma ausência de um ano, substituindo Lamberto Leoni no Ensign . Leoni participou de uma corrida japonesa de F2 . [34] O retorno de Martini confirmou René Arnoux .

Em Zolder , na ATS , Arturo Colombo substituiu Jean-Pierre Jarier (que preferiu se concentrar na Fórmula 2). [35] O primeiro piloto italiano foi o vencedor do campeonato italiano de F3 de 1974 e oitavo no Campeonato Europeu de Fórmula 2 de 1977 . Outro piloto italiano, Bruno Giacomelli , também se encontrou novamente na terceira McLaren , após sua experiência no Grande Prêmio da Itália de 1977 . Patrick Tambay , também da McLaren , não participou da corrida: o francês se machucou em uma corrida de F2.

Os organizadores queriam incluir, para a qualificação, dois outros pilotos belgas (além de Ickx), que no entanto não realizaram a pré-qualificação: Bernard de Dryver (com o segundo Ensign ) e Patrick Nève , [36] que, entretanto, não participou dos testes. Nève chegou a se inscrever como piloto privado, o último da história do campeonato mundial.

Na Espanha , o piloto local Emilio de Villota assinou com um McLaren particular da equipe Centro Aseguredor F1 . Era sua única presença sazonal. A McLaren voltou a alinhar Patrick Tambay , que voltou após o Grande Prêmio da Bélgica ter perdido devido a uma lesão. Giacomelli, envolvido na Fórmula 2, não foi reintroduzido.

Na Anderstorp Keke Rosberg , saiu sem carro pelo abandono da Theodore Racing , no entanto, encontrou um volante na ATS , onde substituiu Alberto Colombo . Na França, o irlandês Derek Daly , já presente no início da temporada com Hesketh , assumiu o lugar de Jacky Ickx no Ensign . A McLaren novamente inscreveu um terceiro carro para Bruno Giacomelli .

Na corrida em casa houve a estreia do britânico Geoff Lees , que foi inscrito no Ensign da Mario Deliotti Racing , enquanto a Melchester Racing apresentou um McLaren M23 para Tony Trimmer . Trimmer estava ausente do campeonato mundial de F1 desde a edição de 1977 do Grande Prêmio da Inglaterra, na qual não havia se pré-qualificado com um Surtees , também administrado pela Melchester Racing .

Nelson Piquet fez sua estreia na F1 em Hockenheim com a Ensign . O brasileiro, que substituiu Derek Daly , havia vencido a Fórmula 3 inglesa em 1978, na série chamada BP F3 . A Sachs Racing alinhou Harald Ertl . O austríaco estava ausente do Grande Prêmio da Inglaterra de 1977 , competiu com um Hesketh . O Martini reapareceu novamente, novamente com René Arnoux como o único piloto, enquanto a McLaren apresentou apenas dois carros oficiais. Finn Keke Rosberg voltou para Theodore Racing ; em seu lugar, na ATS , houve a volta de Jean-Pierre Jarier , que havia corrido pela equipe alemã até o GP de Mônaco .

No Grande Prêmio seguinte, na Áustria , o piloto da casa Hans Binder , usado pela última vez no campeonato mundial no Grande Prêmio do Japão de 1977 por Surtees , substituiu Jean-Pierre Jarier na ATS, enquanto o irlandês Derek Daly encontrou o volante em o Ensign , no lugar de Piquet. O brasileiro, porém, foi contratado pela B&S Fabrications , para correr em um McLaren particular, ao lado de Brett Lunger .

No Grande Prêmio da Holanda, o piloto local Michael Bleekemolen encontrou um volante no ATS , no lugar de Hans Binder . Bleekemolen tentou sem sucesso se qualificar com uma RAM Racing / F & S Properties March na edição de 1977 do Grande Prêmio. Danny Ongais também se reuniu novamente , sempre com um Interscope Racing Shadow , depois de ter perdido todo o Grande Prêmio da Europa. A McLaren novamente confiou seu terceiro carro oficial a Bruno Giacomelli .

Em Monza, o estreante Gimax , nascido Carlo Franchi, encontrou um volante em Surtees , onde assumiu o lugar de Rupert Keegan , lesionado no anterior Grande Prêmio da Holanda . O outro piloto italiano, Alberto Colombo , ainda não qualificado no Grande Prêmio da Bélgica e da Espanha com a ATS , foi contratado no Merzario , que pela primeira e única vez em campo dois carros. Colocou-se a hipótese de que a Alfa Romeo pudesse apresentar um dos seus carros para este Grande Prémio (a cargo de Vittorio Brambilla , que já o havia testado há muito tempo), bem como continuar a fornecer os motores à Brabham . [37] Jochen Mass , machucou a perna em um teste privado em Silverstone uma semana antes do Grande Prêmio, foi substituído na ATS pelo austríaco Harald Ertl , que já havia passado pela pré-qualificação com um Ensign sem sucesso. Inicialmente foi proposta a estreia do italiano Piercarlo Ghinzani . [38]

Em Glen, os organizadores recusaram a entrada de Patrese na corrida, após a polêmica que estourou sobre sua conduta no trágico GP da Itália. [39] A comissão de segurança da Fórmula 1 (formada por Lauda, ​​Hunt, Andretti, Fittipaldi e Scheckter) enviou um fax aos organizadores pedindo-lhes que não admitissem Patrese para a largada. [40] Antes da corrida houve uma reunião, solicitada pela Arrows , equipe de Patrese, na qual o piloto paduense participou, juntamente com os organizadores do grande prêmio e os pilotos da comissão de segurança. [41] A comissão confirmou a exclusão do Grande Prêmio. Patrese ameaçou entrar com uma ação legal caso não fosse reintegrado entre os membros. [42]

Após a decisão judicial, a Comissão Desportiva Internacional ordenou aos organizadores que admitissem Patrese à prova, sob pena de perda de valor, para o Grande Prémio, de prova válida para o Campeonato do Mundo. Os pilotos da comissão de segurança ameaçaram novamente um boicote se o Paduan estivesse presente. O chefe do FOCA , Bernie Ecclestone, interveio e ameaçou o Arrows de não aceitar a filiação à sua organização (que distribuía as receitas dos direitos de televisão e salários entre os estábulos) em 1979 se ele decidisse deixar Patrese competir. La scuderia britannica ritirò così, per protesta, l'iscrizione al gran premio di entrambi i piloti, [43] anche se poi Rolf Stommelen , compagno di scuderia di Patrese, prese parte alle qualifiche e alla gara regolarmente.

Alla Surtees venne ingaggiato l'esordiente Beppe Gabbiani (impegnato nella stagione in Formula 2 ) per sostituire l'infortunato Vittorio Brambilla . L'altra vettura, a Monza guidata da Gimax , fu invece affidata a René Arnoux , che aveva corso parte della stagione con la Martini , ed era rimasto libero dopo il ritiro della scuderia francese. Alla Lotus , per sostituire Ronnie Peterson , venne ingaggiato Jean-Pierre Jarier . Il transalpino, che nella stagione era già stato iscritto a sei gran premi dall' ATS , corre però col numero 55 al posto del 6 dello svedese.

I piloti della BS Fabrications trovarono altri ingaggi: Lo statunitense Brett Lunger passò alla Ensign per sostituire Harald Ertl mentre Nelson Piquet fu iscritto dalla Brabham sulla terza vettura ufficiale, anche se poi non prese parte nemmeno alle qualifiche. La McLaren , invece, con confermò la terza vettura vista a Monza. Il finlandese Keke Rosberg , utilizzato fino a quel momento dalla Theodore Racing , affiancò Michael Bleekemolen alla ATS, per sostituire il titolare Jochen Mass , ancora non pronto per le gare.

La gara registrò l'esordio per Bobby Rahal , con la Wolf che per la prima volta schierò due monoposto ufficiali. Rahal nella stagione era stato impiegato nella F3 dalla scuderia canadese, al volante di una vettura costruita assieme alla Dallara .

In Canada , ultimo appuntamento stagionale, Riccardo Patrese tornò in pista dopo la gara di squalifica comminatagli dai suoi colleghi, anche dopo aver mostrato alcune foto che lo scagionarono dall'essere il principale colpevole della morte di Ronnie Peterson a Monza . [44] Non venne confermato Brett Lunger all' Ensign , mentre Nelson Piquet venne schierato sulla terza Brabham ufficiale.

Tabella riassuntiva

I seguenti piloti e costruttori presero parte al campionato del mondo di Formula 1 nella stagione 1978.

Team Costruttore Telai Motore Gomme No Piloti
Regno Unito Parmalat Racing Team Brabham BT45C
BT46A
BT46B
Alfa Romeo 115-12 G 1 Austria Niki Lauda
2 Regno Unito John Watson
66 Brasile Nelson Piquet [45]
Regno Unito Elf Team Tyrrell Tyrrell 008 Ford Cosworth DFV G 3 Francia Didier Pironi
4 Francia Patrick Depailler
Regno Unito John Player Team Lotus Lotus 78
79
Ford Cosworth DFV G 5 Stati Uniti Mario Andretti
6 Svezia Ronnie Peterson
55 Francia Jean-Pierre Jarier [46]
Regno Unito Marlboro Team McLaren
Regno Unito Löwenbräu Team McLaren
McLaren M26 Ford Cosworth DFV G 7 Regno Unito James Hunt
8 Francia Patrick Tambay
33 Italia Bruno Giacomelli [47]
Germania ATS Racing Team
Germania F&S Properties ATS Racing
ATS HS1
D1
Ford Cosworth DFV G 9 Germania Jochen Mass
Paesi Bassi Michael Bleekemolen
10 Francia Jean-Pierre Jarier
Italia Alberto Colombo
Finlandia Keke Rosberg
Austria Hans Binder
Paesi Bassi Michael Bleekemolen
Austria Harald Ertl
Italia Scuderia Ferrari SpA SEFAC Ferrari 312 T2
312 T3
Ferrari 015 M 11 Argentina Carlos Reutemann
12 Canada Gilles Villeneuve
Brasile Fittipaldi Automotive Fittipaldi F5A Ford Cosworth DFV G 14 Brasile Emerson Fittipaldi
Francia Équipe Renault Elf Renault RS01 Renault - Gordini EF1 M 15 Francia Jean-Pierre Jabouille
Regno Unito Shadow Racing Team Shadow DN8
DN9
Ford Cosworth DFV G 16 Germania Hans-Joachim Stuck
17 Svizzera Clay Regazzoni
Regno Unito Durex Team Surtees
Regno Unito Beta Team Surtees
Surtees TS19
TS20
Ford Cosworth DFV G 18 Regno Unito Rupert Keegan
Italia Carlo Franchi (Gimax)
Francia René Arnoux
19 Italia Vittorio Brambilla
Italia Beppe Gabbiani
Canada Walter Wolf Racing Wolf WR1
WR3
WR4
WR5
WR6
Ford Cosworth DFV G 20 Sudafrica Jody Scheckter
21 Stati Uniti Bobby Rahal
Regno Unito Team Tissot Ensign Ensign MN177 Ford Cosworth DFV G 22 Stati Uniti Danny Ongais
Italia Lamberto Leoni
Belgio Jacky Ickx
Irlanda Derek Daly
Brasile Nelson Piquet
23 Italia Lamberto Leoni
Belgio Bernard de Dryver
Stati Uniti Brett Lunger
Regno Unito Mario Deliotti Racing Ensign MN177 Ford Cosworth DFV G 23 Regno Unito Geoff Lees
Germania Sachs Racing Ensign MN177 Ford Cosworth DFV G 23 Austria Harald Ertl
Regno Unito Olympus Cameras/Hesketh Racing Hesketh P308E Ford Cosworth DFV G 24 Regno Unito Divina Galica
Stati Uniti Eddie Cheever
Irlanda Derek Daly
Messico Team Rebaque Lotus 78 Ford Cosworth DFV G 25 Messico Héctor Rebaque
Francia Ligier Gitanes Ligier JS7
JS9
Matra MS76
Matra MS79
G 26 Francia Jacques Laffite
Regno Unito Williams Gran Prix Engineering Williams FW06 Ford Cosworth DFV G 27 Australia Alan Jones
Spagna Centro Asegurador F1 McLaren M23 Ford Cosworth DFV G 28 Spagna Emilio de Villota
Belgio Patrick Nève (privato) March 781S Ford Cosworth DFV G 29 Belgio Patrick Nève
Regno Unito Ligget Group/B&S Fabrication McLaren M23
M26
Ford Cosworth DFV G 29 Brasile Nelson Piquet
30 Stati Uniti Brett Lunger
Francia Automobiles Martini Martini MK23 Ford Cosworth DFV G 31 Francia René Arnoux
Hong Kong Theodore Racing Theodore
Wolf
TR1
WR3
WR4
Ford Cosworth DFV G 32 Stati Uniti Eddie Cheever
Finlandia Keke Rosberg
Regno Unito Arrows Racing Team Arrows FA1
A1
Ford Cosworth DFV G 35 Italia Riccardo Patrese
36 Germania Rolf Stommelen
Italia Team Merzario Merzario A1 Ford Cosworth DFV G 37 Italia Arturo Merzario
38 Italia Alberto Colombo
Stati Uniti Interscope Racing Shadow DN9 Ford Cosworth DFV G 39 Stati Uniti Danny Ongais
Regno Unito Melchester Racing McLaren M23 Ford Cosworth DFV G 40 Regno Unito Tony Trimmer

Circuiti e gare

La Formula 1, dopo due stagioni, abbandonò il Circuito del Fuji : nessuna gara venne disputata in Asia . Dopo l'incidente dell'edizione 1977 la Japan Automobile Federation decise di abbandonare l'organizzazione dell'evento. La Tokyo Broadcasting System chiese allora di poter riportare la gara a ottobre, ma senza successo. [48] Il Gran Premio del Giappone rientrò nel calendario iridato nel1987 , a Suzuka , mentre il circuito del Fuji tornò a ospitare una gara di F1 solo nel2007 .

La tenuta del Gran Premio di Long Beach veniva messa in dubbio dalle perdite che gli organizzatori avevano subito nelle prime due edizioni. Successivamente però la firma di contratto con la CBS per la trasmissione del gran premio consentì di trovare nuove risorse. [49] Il circuito venne comunque modificato: la partenza del gran premio venne spostata dall' Ocean Boulevard all'inizio della Shoreline Drive . [50]

Anche il Gran Premio del Sudafrica fu messo in dubbio: solo il 24 gennaio venne sciolta la riserva sulla sua tenuta, grazie all'arrivo di nuovi sponsor. [51]

La versione del circuito di Montréal utilizzata nel 1978.

Vi fu l'esordio nel mondiale per due nuovi circuiti. Il Gran Premio del Brasile lasciò Interlagos per il nuovo Circuito di Jacarepaguá , costruito nei pressi di Rio de Janeiro . Il Gran Premio del Canada abbandonò Mosport Park , criticato per gli standard di sicurezza dai piloti, e approdò a Montréal , su un circuito stradale non permanente, ricavato all'interno dell'isola artificiale di Notre-Dame , costruita sul San Lorenzo . [52]

La scelta ricadde su questo impianto costato circa due miliardi di dollari, [53] dopo aver esaminato otto zone differenti di Montreal. [44] La pista, che in origine doveva essere simile a un ovale, [44] venne poi modificata aggiungendo delle chicane per abbassare la velocità media. Il disegno attirò le critiche di parecchi piloti, tra cui Clay Regazzoni , che la definì un tracciato adatto per i kart . [44] Al suo contrario Gilles Villeneuve lodò il tracciato. Qualcuno propose di dedicare il tracciato al pilota canadese, che però rifiutò l'omaggio. Il tracciato gli sarà dedicato solo dopo il decesso, avvenuto nel 1982. [44]

Il Gran Premio di Gran Bretagna , nella solita alternanza fra circuiti, si disputò sul Circuito di Brands Hatch . Questa gara vinse per la seconda volta consecutiva il Race Promoters' Trophy , come gran premio meglio organizzato nella stagione. Vi fu alternanza anche per il Gran Premio di Francia che ritornò a corrersi al Paul Ricard .

Sul tracciato di Anderstorp , sede del Gran Premio di Svezia , venne modificata la curva Norra con l'inserimento di una chicane . Venne migliorata la sicurezza generale del circuito con l'apposizione di nuove barriere. In tal modo il tracciato ottenne l'omologazione per ospitare la Formula 1 fino al 1981. [54] In realtà l'edizione 1978 fu l'ultima per il gran premio.

Il titolo onorifico di Gran Premio d'Europa non venne attribuito a nessuno dei gran premi disputati nel continente. Il gran premio tornerà, ma in forma autonoma, e non onorifica, solo nel 1983 .

Modifiche al regolamento

Regolamento tecnico

Nel Gran Premio di Svezia la Brabham presentò la BT46B su cui era stato applicata, al retrotreno, una gigantesca ventola. Ufficialmente essa servirebbe solo a raffreddare il motore Alfa Romeo , in realtà agiva estraendo l'aria dal fondo della vettura per creare quella depressione necessaria a "schiacciare" la vettura verso il suolo, riprendendo l'idea lanciata dalla statunitense Chaparral, qualche stagione prima. La soluzione venne contestata dalle altre scuderie, in quanto tale dispositivo sarebbe un elemento aerodinamico mobile, vietato dal regolamento. La vettura vinse il gran premio con Niki Lauda .

Il 23 giugno, in una riunione a Parigi , la CSI decise di vietare, almeno fino al 1º agosto, l'uso della ventola sul retro delle vetture di Formula 1, dopo le polemiche sorte sulla Brabham BT46B che aveva vinto il gran premio grazie a tale appendice. La ventola, oltre che fungere da apparato aerodinamico mobile, risultava pericolosa in quanto i detriti che vi entrano vengono poi lanciati fuori a grande velocità, rappresentando un grave pericolo per gli altri piloti. La scelta di rinviare a una decisione definitiva successiva venne presa per consentire ai tecnici di avere maggior tempo per studiare la questione. La FOCA aveva invece chiesto di poter continuare a sperimentare il dispositivo. La CSI decise di non mutare l'ordine di arrivo del gran premio anche se confermò che le altre scuderie avrebbe potuto fare ricorso. [55]

Regolamento sportivo

La CSI stabilì un numero minimo e uno massimo di piloti ammessi a partecipare alle singole gare. Il numero minimo (20) era previsto per il Gran Premio di Monaco , mentre quello massimo (26) era garantito per il Gran Premio del Sudafrica , il Gran Premio di Francia , il Gran Premio di Gran Bretagna , il Gran Premio d'Austria , il Gran Premio d'Olanda e quello degli USA Est . [56]

La CSI stabilì inoltre che solo altri quattro piloti in più, rispetto a quelli ammessi alla gara, potessero prendere parte alle qualifiche. Non erano però stabiliti criteri precisi nella scelta dei piloti da ammettere alle prove, e si lasciava il compito agli organizzatori dei singoli gran premi. [57] La FOCA aveva chiesto che tutti i piloti delle sue scuderie (presenti ciascuna con, al massimo, due vetture) fossero sempre ammessi a ciascun Gran Premio. La regola invece consentiva ancora la partecipazione di piloti "privati". [56]

Riassunto della stagione

Gran Premio d'Argentina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Argentina 1978 .

Mario Andretti partì bene al via e si mise davanti a Carlos Reutemann , Ronnie Peterson , e le due Brabham di Niki Lauda e John Watson .

Andretti impresse un ritmo molto alto alla gara, riuscendo subito a scavare un certo margine sugli inseguitori. Dalle retrovie recuperò Watson, che prima passò Lauda e Peterson, al giro 5, poi anche Carlos Reutemann , al giro 7. Un giro dopo Lauda passò Peterson. Anche Depailler era autore di una bella gara in rimonta, tanto che passò anche Peterson al dodicesimo giro.

Hans-Joachim Stuck impegnato con l' ATS .Per la scuderia tedesca il gp fu l'esordio come costruttore.

Il pilota argentino della Scuderia Ferrari scontava dei problemi agli pneumatici, tanto che venne passato sia da Niki Lauda che da Patrick Depailler , al giro 14. Tre giri dopo venne passato anche da Hunt e Peterson.

La gara del pilota di casa fu definitivamente rovinata al ventiseiesimo giro, quando ebbe un contatto con Jacques Laffite , dopo che il pilota della Ligier lo aveva appena passato. Carlos Reutemann fu costretto così a una sosta ai box , ove gli furono cambiati gli pneumatici: da quella sosta l'argentino riuscì a migliorare il suo ritmo, anche se ormai era rimasto lontano dalla zona dei punti. Davanti intanto John Watson subiva dei problemi al suo propulsore. Venne passato da Niki Lauda e da Patrick Depailler , prima di ritirarsi al quarantaduesimo giro.

Nelle posizioni di rincalzo si mise in luce Reutemann che in pochi giri passò dal quindicesimo al settimo posto, passando anche il suo compagno di scuderia Gilles Villeneuve , anche lui con problemi alle gomme.

Vinse Mario Andretti , per la settima volta nel mondiale, davanti a Niki Lauda e Patrick Depailler . Quarto fu Hunt autore di una gara regolare, quinto Peterson (penalizzato anche lui da problemi tecnici sulla sua Lotus) e sesto Patrick Tambay con l'altra McLaren . Gilles Villeneuve fece segnare il miglior giro in gara, per la prima volta nel mondiale. La gara si chiuse dopo soli 52 giri, e non i 53 previsti, per un errore dello sbandieratore, Juan Manuel Fangio , che abbassò la bandiera a scacchi con un giro d'anticipo.

Gran Premio del Brasile

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Brasile 1978 .

Carlos Reutemann fu il più veloce al via e conquistò subito la vetta della corsa, seguito da Ronnie Peterson , James Hunt , Mario Andretti , Emerson Fittipaldi , Patrick Tambay e Gilles Villeneuve . Reutemann impresse subito un ritmo troppo veloce per gli avversari e riuscì a scavare un buon margine di vantaggio.

Andretti fu protagonista di una bella rimonta che lo portò prima (5º giro) a passare il suo compagno di scuderia Peterson, poi anche Hunt, all'ottavo giro, ponendosi così al secondo posto. Dopo otto tornate, dietro a Reutemann, la classifica vedeva perciò Mario Andretti , James Hunt , Ronnie Peterson , Emerson Fittipaldi , Gilles Villeneuve e Hans-Joachim Stuck . La gara di Hunt venne però penalizzata da una gomma deteriorata, tanto che il pilota della McLaren fu costretto a una sosta ai box, che lo fece scendere in diciottesima posizione.

Al giro 12 Fittipaldi passò Peterson, entrando sul podio virtuale della gara. Anche Gilles Villeneuve si avvicinò allo svedese ma i due collisero al quindicesimo giro. Questo consentì a Niki Lauda e Patrick Tambay di rientrare nella zona punti.

Al venticinquesimo giro Lauda passò Stuck che, poco dopo, fu costretto al ritiro per un guasto all'alimentazione. Ora la gara, sempre guidata da Reutemann, vedeva secondo Andretti, terzo Fittipaldi, poi Lauda, Patrick Tambay , Clay Regazzoni , Didier Pironi e Jacques Laffite . Tambay fu poi costretto all'abbandono, per testacoda, al giro 34.

Per molti giri le posizioni di vertice rimasero immutate, fino agli ultimi giri, quando Mario Andretti subì un problema al cambio. Il pilota italoamericano fu prima passato da Emerson Fittipaldi , poi da Niki Lauda .

Carlos Reutemann vinse per la sesta volta nel mondiale. Questo fu anche il primo gran premio vinto per una vettura gommata Michelin . Il secondo posto della Copersucar di Emerson Fittipaldi fu il miglior risultato per la scuderia brasiliana nel mondiale di F1, oltre che il suo primo podio.

Gran Premio del Sudafrica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Sudafrica 1978 .

Il gran premio fu il trecentesimo valido per il campionato mondiale di Formula 1. Mario Andretti e Jody Scheckter scattarono meglio del poleman Niki Lauda che si ritrovò così terzo, seguito da James Hunt , Jean-Pierre Jabouille e Riccardo Patrese , scattato dalla settima piazza.

Patrese passò Jabouille già al quarto giro e scalò di un'ulteriore posizione quando, due giri dopo, James Hunt si ritirò col motore rotto. Dalle retrovie stava rinvenendo Patrick Depailler che passò John Watson e Jean-Pierre Jabouille , mentre Patrese riusciva ad accodarsi alla coppia Scheckter-Lauda. Al giro 19 il padovano dell' Arrows prese una posizione anche a Lauda e entrò sul podio virtuale della gara.

Mario Andretti condusse la gara fino a quando gli pneumatici non si surriscaldarono: fu poi passato da Scheckter e Patrese. Patrese conquistò la vetta della gara al ventisettesimo giro, con un sorpasso alla prima staccata. Continuava anche la rincorsa di Depailler: passò Andretti al giro 24 e Lauda al giro 26. La classifica vedeva perciò in testa Riccardo Patrese , seguito da Jody Scheckter , Patrick Depailler , Niki Lauda , Mario Andretti , John Watson e Jean-Pierre Jabouille . Due giri dopo il francese della Tyrrell sorpassò anche il pilota locale Scheckter, e si pose al secondo posto.

Al giro 52 si ritirò Lauda e l'altro pilota della Brabham , Watson, rovinò la sua gara con un testacoda, che gli costò una posizione. Ora dietro a Patrese e Depailler, c'era Mario Andretti , seguito da Ronnie Peterson . La gara di Riccardo Patrese terminò a 15 giri dal termine, per un guasto al propulsore. Prese il comando Patrick Depailler , seguito da Andretti, Peterson, Watson, Jones e Laffite. Mario Andretti era però penalizzato dalla poca benzina rimastagli, così venne passato da Ronnie Peterson .

All'inizio dell'ultimo giro Patrick Depailler godeva ancora di buon vantaggio su Peterson. Anche la Tyrrell del francese era rimasta senza benzina. Peterson raggiunse e superò Depailler. Per lo svedese fu la nona vittoria nel mondiale, la prima dal Gran Premio d'Italia 1976 . Dietro fu comunque secondo Depailler e terzo Watson.

Gran Premio degli Stati Uniti-Ovest

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Ovest 1978 .

Le sessioni di prove del venerdì furono caratterizzate da un grande caos dovuto all'incapacità dei cronometristi dell'organizzazione di stilare la classifica, tanto che per la determinazione della griglia si dovette ricorrere a tempi misurati dai vari team. Gli organizzatori proposero di fare la media dei tempi raccolti dai vari team poi di affidarsi a quelli raccolti dalla Ligier . Infine decisero di affidare la questione alla FOCA. [58]

La gara vide il comando di Gilles Villeneuve , che prese la testa subito al via, sfruttando la lotta tra Watson e Carlos Reutemann . Al decimo giro Watson, mentre era secondo, fu costretto all'abbandono per l'esplosione dell'estintore sulla sua monoposto. Mario Andretti , al giro 19, scese in quarta posizione, a causa di una scelta sbagliata degli pneumatici Goodyear , e venne passato da Alan Jones . La gara continuò a registrare dei ritiri nella parte alta della classifica. Al ventisettesimo giro fu il turno di Niki Lauda , mentre era secondo, che si fermò per un guasto alla centralina elettronica, che aveva fatto venire meno la pressione della benzina.

Al giro 39, poco prima di metà gara, Villeneuve si avvicinò al doppiaggio di Clay Regazzoni . Il canadese cercò di passare subito prima di una chicane : vi fu un'incomprensione, tanto che l'anteriore destra della Ferrari colpì la posteriore sinistra della Shadow ; la vettura di Villeneuve venne lanciata contro il muretto, sfiorando il casco di Regazzoni.

Carlos Reutemann si trovò così primo, davanti a Jones, Andretti, Depailler, Scheckter e Tambay. Al giro 47 la rincorsa dell'australiano venne limitata da un problema all'alettone anteriore della sua vettura che si stava staccando. Successivamente la sua monoposto riscontrò anche un problema alla pressione del carburante. Jones perse negli ultimi giri diverse posizioni.

Carlos Reutemann conquistò la sua vittoria numero sette (la settantesima per la Scuderia Ferrari ), precedendo Mario Andretti e Patrick Depailler . Grazie a Patrese, sesto, l' Arrows conquistò il suo primo punto iridato.

Gran Premio di Monaco

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 1978 .

Una leggera pioggia colpì il tracciato poco prima della partenza, ma senza provocare particolari problemi alle vetture. Alla curva di Sainte Devote , Carlos Reutemann , autore di una brutta partenza, venne tamponato da Niki Lauda ; nell'impatto la vettura dell'austriaco fece forare la posteriore sinistra del ferrarista. Si trovò così al comando John Watson , seguito da Patrick Depailler , Niki Lauda , Mario Andretti , Jody Scheckter e Alan Jones .

La classifica nelle prime posizioni rimase invariata per diversi giri, Watson allungava sul duo Depailler-Lauda, coi due piloti molto vicini. Al tredicesimo giro Alan Jones , penalizzato da un problema della sua monoposto, venne passato da Ronnie Peterson e Gilles Villeneuve ; poi, al giro ventinove, Jones si ritirò per un problema fisico

Al trentottesimo giro 38 il battistrada John Watson , per un problema ai freni, andò lungo alla chicane del porto e venne così passato sia da Patrick Depailler , che dal compagno di scuderia Lauda. Ora dietro ai primi tre, la classifica vedeva sempre Mario Andretti , Jody Scheckter , Ronnie Peterson e Gilles Villeneuve .

Nel corso del quarantaseiesimo giro Lauda forò la posteriore destra e fu costretto ai box, così come Andretti, che però fu costretto a una sosta più lunga, perché la benzina stava invandendo l'abitacolo. Niki Lauda rientrò sesto, mentre Andretti solo tredicesimo. Scheckter, Peterson e Gilles Villeneuve scalarono così di due posizioni. Al giro 56 anche Ronnie Peterson dette addio alle posizioni di testa e si ritirò per un guasto al cambio.

Lauda recuperò in pochi giri il distacco da Villeneuve, tanto da passarlo al giro 63. Poco dopo il canadese subì una foratura e andò a sbattere contro le barriere sotto il tunnel, a oltre 200 km/h, ritirandosi. Due giri dopo John Watson , mentre era secondo, fu autore di un lungo, che permise a Jody Scheckter di prendergli la posizione. Poco dopo Watson, sempre menomato da un cambio malfunzionante, venne passato anche da Niki Lauda . Ora, al giro 66, la gara era comandata da Depailler, davanti a Scheckter, Lauda, Watson, Pironi, Patrese e Tambay.

A tre tornate dal termine Lauda passò anche Scheckter, anche lui con un problema al cambio. La rimonta dell'austriaco però non si completò e così Patrick Depailler poté vincere il suo primo gran premio di F1 iridato, il ventunesimo per la Tyrrell .

Gran Premio del Belgio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 1978 .
Una Lotus 79 nel corso di un'esibizione del 2009. Fu la prima a sfruttare pienamente l'effetto suolo.

La gara vide l'esordio per la Lotus 79 , la prima vettura che sfruttava pienamente l'effetto suolo. Al via vi furono diversi incidenti, provocati da una partenza lenta di Carlos Reutemann . Niki Lauda tamponò Jody Scheckter , finendo così contro le barriere mentre Riccardo Patrese , nel tentativo di passare James Hunt , toccò la vettura del britannico. La McLaren attraversò la pista e andò a sbattere contro il guard-rail . Fittipaldi, Hunt e Lauda furono costretti al ritiro immediato.

Mario Andretti si trovò così a condurre la gara, seguito da Gilles Villeneuve , Scheckter, Ronnie Peterson , Patrese, John Watson e Jean-Pierre Jabouille . Reutemann, attardato, recuperò nei primi sei giri la sesta piazza passando Jean-Pierre Jabouille e Watson.

Dei problemi tecnici costrinsero ai box Scheckter per diversi minuti, ciò fece scalare di una posizione tutti i corridori. Al giro 11 anche Watson fu costretto a una sosta non programmata, per sostituire gli pneumatici. La classifica vedeva sempre primo Andretti, che comandava su Villenueve, Peterson, Patrese, Reutemann e Mass. Al giro 13 Vittorio Brambilla scalzò Mass dal sesto posto.

Al giro 25 Depailler passò Vittorio Brambilla , che venne sorpassato, il giro seguente, anche da Jacques Laffite . Il rallentamento della Surtees creò un piccolo gruppo di vetture che, al giro 27, passò il monzese. Al trentunesimo giro Riccardo Patrese fu costretto al ritiro per un problema alle sospensioni. Due giri dopo Laffite conquistò la quinta piazza, passando Patrick Depailler , mentre sul francese della Tyrrell si avvicinava anche Clay Regazzoni . Il sorpasso avvenne al giro 38.

Alla quarantesima tornata Gilles Villeneuve , in quel momento secondo, fu costretto a rientrare ai box con una gomma anteriore dechappata e l'ala anteriore rotta. Dopo la sosta il canadese ripartì sesto. Poco dopo Regazzoni abbandonò per un problema al differenziale. La classifica vedeva sempre al comando Andretti, seguito da Ronnie Peterson , Carlos Reutemann , Jacques Laffite , Patrick Depailler e Gilles Villeneuve .

Quattro giri dopo Villeneuve superò Depailler, che poco dopo, al giro 51, si ritirò per un guaio al cambio. Al cinquantatreesimo Ronnie Peterson fu costretto a una sosta per sostituire una gomma forata. Peterson, a forza di giri veloci, passò prima Laffite poi Reutemann tornando così secondo al sessantasettesimo giro. All'ultimo giro Jacques Laffite tentò di saltare Reutemann alla chicane più lontana, però le due vetture si toccarono: la Ligier dovette ritirarsi.

Vinse così, al debutto, la Lotus 79 di Mario Andretti davanti a Peterson (che disponeva ancora del modello 78) ea Carlos Reutemann .

Gran Premio di Spagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 1978 .

James Hunt conquistò subito il comando della gara, precedendo Mario Andretti , Carlos Reutemann , John Watson , Gilles Villeneuve e Riccardo Patrese .

Hunt conservò la testa fino al sesto giro, quando venne passato da Andretti. Nelle retrovie iniziò anche il recupero di Peterson che passò Scheckter al giro 8. Villeneuve venne passato da Patrese al giro 14, prima di essere passato anche da Jacques Laffite e Ronnie Peterson . Le due vetture di Maranello vengono così richiamate ai box, con Reutemann precede di pochi secondi, al cambio gomme il canadese, al giro 28.

Nel frattempo, al giro 22, Patrese era stato costretto al ritiro per la rottura del motore della sua Arrows . Ora la gara vedeva sempre primo Andretti, seguito da James Hunt , John Watson , Jacques Laffite , Ronnie Peterson e Niki Lauda .

Anche Watson scontava delle noie sulla sua vettura: aveva perduto l'utilizzo della quarta marcia. Il nordirlandese perse così diverse posizioni. Al 38º giro Peterson passava anche Laffite, ponendosi terzo, mentre Watson si stabiliva attorno alla sesta posizione della graduatoria.

Anxche James Hunt andò in crisi con le gomme, tanto che venne passato al giro 52 da Peterson e, nei giri seguenti, anche da Laffite e Niki Lauda . Un solo giro dopo l'austriaco fu costretto al ritiro dalla rottura del motore. La polvere portata in pista dall'uscita di Lauda provocò un incidente cui fu vittima Carlos Reutemann . Negli ultimi giri Hunt perse ancora delle posizioni, a vantaggio di Scheckter e Watson, pur chiudendo sesto.

La Lotus conquistò così una doppietta con Mario Andretti e Ronnie Peterson , la seconda consecutiva.

Gran Premio di Svezia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Svezia 1978 .
La contestata Brabham BT46B . Vinse il gran premio ma venne successivamente vietata.

La Brabham presentò il modello BT46B dotato di una gigantesca ventola al retrotreno, ufficialmente ideata per raffreddare il motore, secondo gli avversari fungeva da appendice aerodinamica mobile.

Il poleman Mario Andretti mantenne la prima posizione, mentre Niki Lauda superò il compagno di scuderia Watson; al giro due Watson venne passato anche da Riccardo Patrese e, al giro seguente, dall'altra Lotus di Ronnie Peterson .

Al decimo giro Peterson passò anche Riccardo Patrese , ma poco dopo fu costretto a fermarsi per una foratura; rientrò sedicesimo. Dieci giri dopo anche John Watson andò lungo nel tentativo di passare Patrese sul rettilineo principale del tracciato. Poco dopo il nordirlandese si ritirò per un guaio all'acceleratore. Dietro ad Andretti, Lauda e Patrese scalò così Reutemann. Dalle retrovie si fece avanti Ronnie Peterson che passò le tre vetture a gomme Michelin e, al giro 35 si trovò quarto, dietro a Jones.

Alla tornata 39 Mario Andretti scivolò sull'olio perso in curva da Didier Pironi , consentendo così a Niki Lauda il sorpasso. Al 45º giro Peterson scavalcò anche Jones. Al giro 47 terminò la gara per Mario Andretti a causa della rottura del motore. Nello stesso giro abbandonò, per lo stesso problema anche Alan Jones . Entrarono così in zona punti Jacques Laffite (quarto), Patrick Tambay (quinto) e Clay Regazzoni (sesto). Negli ultimi giri Laffite perse però tre posizioni.

Vinse Lauda, secondo Riccardo Patrese (primo podio per lui e per l' Arrows ) che si difese, negli ultimi giri, da Peterson.

Il gran premio rappresentò la prima vittoria per Niki Lauda da quando era partito via dalla Ferrari, e la prima vittoria per una vettura motorizzata Alfa Romeo dal1951 ( Juan Manuel Fangio nel Gran Premio di Spagna 1951 ).

In realtà il risultato fu sub judice per alcuni giorni, visti i tanti reclami fatti dalle scuderie avversarie

Gran Premio di Francia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 1978 .

John Watson scattò bene ma, già nel primo giro, Mario Andretti passò e condurre davanti al nordirlandese. Patrick Tambay prese il terzo posto bruciando Niki Lauda , che precedeva a sua volta Ronnie Peterson e James Hunt .

Patrick Tambay venne passato da Lauda dopo tre giri e poi da Peterson (al giro 5). Watson commise un errore, uscendo di pista, e perdendo così due posizioni, a vantaggio di Lauda e Peterson. L'austriaco della Brabham fu costretto però due soli giri dopo ad abbandonare la gara col motore rotto.

Watson passò Tambay nello stesso giro, mentre sei giri dopo, fu James Hunt a conquistare una posizione a Watson. Tambay scontava un problema con gli pneumatici. La gara vedeva così in testa Mario Andretti , seguito da Ronnie Peterson , James Hunt , John Watson , Alan Jones e Jody Scheckter . La classifica dei piloti a punti non si modificò fino al termine della gara.

Le Ferrari furono negativamente influenzate dagli pneumatici. Gilles Villeneuve fu costretto a due soste, mentre Carlos Reutemann addirittura cinque volte fu richiamato ai box .

Mario Andretti colse così la vittoria numero dieci nel mondiale, mentre per la Lotus fu la terza doppietta della stagione. James Hunt colse invece il ventitreesimo, e ultimo, podio della sua carriera in F1. Hunt terminò la gara quasi senza benzina.

Gran Premio di Gran Bretagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 1978 .

Al via fu Mario Andretti a scattare meglio di tutti, mettendo in fila Ronnie Peterson , Jody Scheckter , Alan Jones (partito sesto), Lauda e Riccardo Patrese (partito quinto).

Le Lotus sembravano poter condurre agevolmente la gara, staccando di quasi un secondo a giro il terzo, Scheckter. Al sesto giro, però, si ritirò Peterson, per noie al sistema di alimentazione e al giro 24 Mario Andretti fu costretto a una sosta ai box per sostituire la gomma posteriore destra.

Jody Scheckter si trovò al comando davanti a Jones, Lauda, Patrese, Carlos Reutemann , Watson . L'australiano della Williams , Jones, si ritirò al giro ventisei per un guasto alla frizione. Senza le vetture oro-nere la gara risultava molto combattuta: tra il primo, Scheckter, ed il sesto, Patrick Depailler , vi erano solo 2 secondi di gap . Al 34º giro Niki Lauda passò a condurre, sfruttando un problema al cambio per Scheckter, che fu costretto al ritiro poco dopo.

La gara ad eliminazione proseguì quando al 40º giro Patrese dovette rientrare ai box per una foratura e una sospensione rotta, ritirandosi. Ora era Reutemann secondo che precedeva Watson, Keke Rosberg poi Depailler, Jochen Mass con l'altra ATS. Anche Mass dovette però, poco dopo, fermarsi ai box. Al giro 49 Depailler superò Rosberg, che poco dopo si ritirò per la rottura di una sospensione.

Al sessantunesimo passaggio, Carlos Reutemann sfruttò il doppiaggio di Bruno Giacomelli da parte di Niki Lauda , alla curva Clearways , e passò a condurre fino al termine. Nel dopo gara Lauda accusò Giacomelli di averlo ostacolato.

Gran Premio di Germania

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 1978 .

Mario Andretti scattò bene però, alla prima chicane , commise un errore che consentì a Ronnie Peterson di prendere il comando della gara. Dietro alle due vetture Lotus si posero Niki Lauda , Alan Jones , John Watson e James Hunt .

Al quinto passaggio Andretti si riprese la testa della corsa. Nei giri seguenti il protagonista in negativo fu Watson, che perse molte posizioni per un guasto al cambio. Dopo 10 tornate, a seguire i due della Lotus, vi erano Jones, Lauda, Hunt, Jacques Laffite e Gilles Villeneuve .

Dalle retrovie stava intanto rinvenendo Jody Scheckter , penalizzato nelle prime tornate da un problema all'alimentazione; il sudafricano si trovava penultimo al primo giro, ma con una serie di sorpassi, già al giro 11, era in nona posizione. Anche l'altra Brabham , quella di Niki Lauda , scontò dei problemi tecnici, dovuti alla pompa dell'olio, e fu così costretto a ritirarsi. Tre giri dopo Scheckter passò anche Villeneuve e si trovò in zona punti, dietro a Laffite.

Al ventesimo giro Hunt venne squalificato dai commissari per aver imboccato un raccordo interno alla pista. Mario Andretti precedeva sempre Peterson, Alan Jones , Scheckter, Laffite, Didier Pironi , Emerson Fittipaldi e Gilles Villeneuve . Il canadese dovette cambiare gli pneumatici, e sprofondò lontano dalla zona dei punti, all'undicesimo posto.

Poco dopo il trentesimo giro Jones fu costretto al ritiro per un guaio all'alimentazione mentre, sette giri dopo, Ronnie Peterson abbandonò il secondo posto con il cambio fuori uso. Jody Scheckter scalò così al secondo posto, seguito da Laffite e Fittipaldi, che passò Pironi al giro 38.

Si riportò in zona punti Gilles Villeneuve che però, a causa di un problema all'alimentazione, fu passato dall'austriaco Harald Ertl , che ruppe subito dopo il motore, ritirandosi, poi da Héctor Rebaque e John Watson . Rebaque conquistò il suo primo punto mondiale. Era dal1971 che un pilota messicano non andava a punti ( Pedro Rodríguez secondo nel Gp d'Olanda ). Rebaque correva con una Lotus 78 privata: fu questo l'ultimo punto iridato conquistato da una vettura non ufficiale.

Gran Premio d'Austria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Austria 1978 .

La pioggia si presentò circa mezz'ora prima della partenza ma, non essendo insistente, non portò le scuderie a montare gomme da bagnato. Alla partenza Ronnie Peterson scattò davanti a tutti, seguito da Carlos Reutemann e Mario Andretti . Alla terza curva, la Sebring (nota anche come Dr. Tiroch ), Mario Andretti tentò subito un sorpasso all'esterno di Reutemann, ma i due si toccarono e la Lotus 79 dell'italoamericano andò a sbattere contro il guardrail, ritirandosi. Peterson poté così mantenere la testa della corsa senza problemi. Dietro allo svedese vi erano Jody Scheckter , Patrick Depailler , Reutemann (che non aveva riportato danni), James Hunt e Jacques Laffite . Depailler passò Scheckter nel secondo giro.

La pista però presentava dei tratti scivolosi. Nel corso del quarto giro Scheckter uscì dal tracciato e colpì proprio contro la Lotus che Andretti aveva lasciato a bordo pista. Al settimo giro la direzione di corsa decise di sospendere la gara per fare sì che le vetture potessero tornare ai box per montare gomme da bagnato.

Dopo un'attesa di circa 50 minuti, la gara riprese con le vetture schierate secondo la classifica al momento della sospensione: primo Peterson davanti a Depailler, John Watson , Laffite, Pironi, Lauda, Hunt e Clay Regazzoni . La classifica finale sarebbe stata ottenuta dalla somma dei tempi dei due spezzoni di gara.

Alla ripartenza John Watson restò fermo sulla griglia, provocando così un incidente tra le vetture che sopraggiungevano: Patrese e Ertl furono costretti al ritiro immediato. Peterson mantenne il comando, seguito da Patrick Depailler e Niki Lauda . La pista era molto bagnata, cosa che favoriva le vettura gommate Michelin , ovvero Ferrari e Renault . In pochi giri Reutemann si trovò secondo, Villeneuve terzo e Jabouille sesto, sempre tenendo conto della classifica effettiva.

La pista si stava però asciugando, tanto che molti piloti iniziarono a montare gomme slick . Quando fu il turno di Peterson Reutemann si trovò a condurre, anche se, in realtà, nella somma dei tempi, era staccato di ben due giri dallo svedese. Poco dopo anche Reutemann cambiò gli pneumatici, tanto che a condurre si trovo Gilles Villeneuve . Con le gomme fredde Reutemann uscì di tracciato e per rientrare fu aiutato dai commissari. Questo aiuto gli costò la squalifica. Dopo il cambio gomme di Villeneuve, dietro a Peterson, nella classifica reale, si trovava Niki Lauda , che però andò a sbattere e fu costretto al ritiro.

La classifica vedeva ora al comando Ronnie Peterson , seguito da Gilles Villeneuve e Patrick Depailler . Gli pneumatici del canadese però non erano performanti e ciò consenti il sorpasso a Depailler.

Peterson conquistò la sua decima, e ultima vittoria, in Formula 1, davanti a Depailler, Villeneuve (al suo primo podio), Emerson Fittipaldi , Jacques Laffite e Vittorio Brambilla . Con questo risultato la Lotus si aggiudicò per la settima volta la coppa Costruttori.

Gran Premio d'Olanda

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Olanda 1978 .

Mario Andretti e Ronnie Peterson scattarono bene e iniziarono subito a dominare la gara. Poco dopo la curva Tarzan Didier Pironi e Riccardo Patrese , partiti rispettivamente diciassettesimo e tredicesimo, si toccarono, innescando un incidente molto spettacolare. L' Arrows del padovano restò in mezzo alla pista per diverso tempo; nella confusione creatasi, Niki Lauda superò Jacques Laffite al secondo giro, ponendosi al terzo posto. Furono necessari quattro giri per liberare la pista dalla vettura incidentata di Patrese.

Laffite continuava a perdere posizioni scendendo fino al nono posto in pochi giri. Davanti vi era sempre la coppia della Lotus seguiti da Lauda che precedeva Carlos Reutemann , John Watson ed Emerson Fittipaldi .

Reutemann ebbe i soliti problemi con le coperture e venne passato, tra il trentottesimo e il quarantesimo passaggio, sia da Watson che da Fittipaldi. Al giro 54 l'argentino venne sorpassato anche dal suo compagno di scuderia, Gilles Villeneuve . Nelle ultime tornate Peterson affiancò spesso Mario Andretti alla staccata della prima curva, ma senza passarlo. Andretti aveva subito la rottura di uno scarico.

Andretti vinse per l'ultima vittoria della sua carriera nel mondiale di Formula 1 , seguito dal compagno di scuderia, terzo Lauda poi Watson, Fittipaldi e Villeneuve. Settantunesima vittoria per la Lotus , che così eguagliava il record della Scuderia Ferrari .

Grazie a questo risultato la Lotus, già vincitrice in Austria della coppa Costruttori , si aggiudica matematicamente il mondiale piloti : il distacco del terzo in classifica - Lauda - è troppo elevato per la vittoria finale e le ultime tre gare dovranno chiarire solo chi tra Andretti e Peterson sarà il campione 1978.

Gran Premio d'Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 1978 .

Il via della gara venne dato con le vetture in fondo allo schieramento non ancora del tutto ferme sugli stalli di partenza. Alla variante Goodyear , arrivò per primo Gilles Villeneuve seguito da Niki Lauda e Mario Andretti . Dietro s'innescò un incidente che coinvolse dieci piloti: Ronnie Peterson , James Hunt , Derek Daly , Didier Pironi , Hans-Joachim Stuck , Vittorio Brambilla , Clay Regazzoni , Patrick Depailler , Brett Lunger e Carlos Reutemann . Ronnie Peterson partito male, rimase intruppato fra diverse vetture, con gli ultimi dello schieramento partiti praticamente lanciati. All'altezza della chicane James Hunt e Peterson, affiancati in quel momento, vennero a contatto: la Lotus dello svedese sbandò e andò a urtare il guardrail posto all'imbocco del vecchio anello ad alta velocità. La vettura, con l'avantreno disintegrato, prese fuoco, fermandosi in mezzo alla pista.

Peterson aveva delle fratture agli arti inferiori ma è ancora cosciente, e venne estratto a fatica da ciò che restava della sua vettura mentre Vittorio Brambilla , colpito al capo da uno pneumatico perso da qualche vettura, venne trasportato all'ospedale privo di coscienza in condizioni critiche, mentre un altro pilota, Hans-Joachim Stuck , rimase anch'egli colpito da una ruota impazzita, ma senza gravi conseguenze.

La ripartenza venne fissata per le 17:15, poi posticipata alle 17:30. Nel nuovo giro di formazione Jody Scheckter fece sbattere la sua Wolf contro le barriere alla seconda di Lesmo . Il pilota rimase incolume.

Si ripartì alle 18:15, con la gara ridotta a soli 40 giri a causa del possibile arrivo dell'oscurità. Alla nuova partenza Gilles Villeneuve e Mario Andretti anticiparono lo starter (che indugiò nel dare il semaforo verde) e guidavano il gruppo seguiti ora da Jean-Pierre Jabouille , Niki Lauda , Carlos Reutemann e Alan Jones . La direzione di gara decise di penalizzare Villeneuve e Andretti di un minuto, per la partenza anticipata. Ora perciò era Lauda a condurre (anche se di fatto era terzo dietro ai due penalizzati) davanti a Reutemann, Watson e Alan Jones . Quando mancavano 5 giri al termine Andretti passò Villeneuve, tagliando il traguardo davanti al canadese; in classifica i due, penalizzati, erano effettivamente solo sesto e settimo. Vinse così Niki Lauda davanti a Watson, Reutemann, Laffite, Patrick Tambay e, appunto, Andretti e Villeneuve. Mario Andretti ottenne la certezza matematica del titolo iridato visto che Peterson, gravemente infortunato, era il solo pilota che poteva ancora impensierirlo per il campionato. Lo svedese, che subì un intervento di oltre sei ore al fine di ridurre le molte fratture, entrò, alle 06:15 del giorno successivo, in coma respiratorio e morì alle 09:50. [59] Il decesso venne attribuito a una tromboembolia gassosa. [60]

Gran Premio degli Stati Uniti-Est

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est 1978 .
Carlos Reutemann conquistò al Glen la sua ultima vittoria con la Ferrari .

Al via Andretti scattò al comando e, dopo un giro, aveva quattro lunghezze di vantaggio sulla coppia della Scuderia Ferrari , Carlos Reutemann - Gilles Villeneuve . I due erano seguiti da Alan Jones , Niki Lauda , Jean-Pierre Jarier , James Hunt , John Watson e Jody Scheckter . Il battistrada scontava però un problema all'impianto frenante, e già al terzo giro venne passato Reutemann; un giro dopo fu il turno di Villeneuve.

L'altro pilota della Lotus , Jarier, aveva invece dei problemi con gli pneumatici, tanto che era scivolato in undicesima posizione, e rientrò ai box al giro 11. La classifica vedeva in testa Reutemann, seguito da Villeneuve, Andretti, Jones, Lauda, Hunt e Jean-Pierre Jabouille , autore di una bella serie di sorpassi. Jones passò Andretti al giro 21.

A metà gara la Ferrari stava conducendo con tranquillità il gran premio quando, al giro 21, il motore di Gilles Villeneuve improvvisamente ruppe un pistone e, così, Jones, si ritrovò dietro a Reutemann, staccato di 35 secondi. Mario Andretti continuò a perdere posizioni, venendo passato anche da Niki Lauda . Al giro 28 l'italoamericano fu costretto al ritiro per un guasto al motore. Ritiro anche per Lauda, un giro dopo, anche lui per lo stesso motivo. Ora la classifica vedeva Reutemann primo, seguito da Alan Jones , Jean-Pierre Jabouille , Jody Scheckter , Patrick Tambay ed Emerson Fittipaldi .

Dalle retrovie stava rinvenendo Jean-Pierre Jarier : il francese passò al giro 34 Fittipaldi, entrando in zona punti, poi al giro 37 anche Tambay. Al giro 53 il pilota della Lotus passò anche Scheckter e Jabouille, che scontava dei problemi all'impianto frenante, installandosi al terzo posto. Ne approfittò Scheckter che prese una posizione a Jean-Pierre Jabouille . Jarier fu però costretto al ritiro al giro 55, per la mancanza di carburante.

Carlos Reutemann vinse per l'ultima volta da pilota della Scuderia Ferrari , con venti secondi di vantaggio su Jones. L'australiano ottenne così il primo podio per la Williams da quando era rientrata come costruttore. A punti giunse anche Jean-Pierre Jabouille , i primi per lui e per la Renault : un motore sovralimentato andava a punti per la prima volta dal Gran Premio di Spagna 1951 .

Gran Premio del Canada

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 1978 .

Al via il poleman Jean-Pierre Jarier partì bene, precedendo Jody Scheckter e Alan Jones . Jones passò Scheckter al termine del primo giro. Dietro vi era il pilota di casa Villeneuve, poi John Watson , Mario Andretti e Patrick Depailler .

Al sesto giro Andretti tentò di passare Watson ma i due si toccarono: Watson fu costretto al ritiro per la rottura di una sospensione, mentre Andretti si girò e perse innumerevoli posizioni.

Alan Jones subì una foratura lenta che consentì il sorpasso a Scheckter e Villeneuve; Depailler si fermò poco dopo a sostituire le gomme. Al venticinquesimo giro Villeneuve superò Scheckter. Ora la classifica vedeva in testa Jarier, seguito da Gilles Villeneuve , Jody Scheckter , Alan Jones , Carlos Reutemann , Riccardo Patrese e Derek Daly . L'australiano della Williams fu poi costretto ai box, finendo nelle parti più arretrate della graduatoria.

La gara del transalpino della Lotus terminò a 20 giri dal termine, quando fu costretto al ritiro per una mancanza d'olio che mise fuori uso l'impianto frenante. Gilles Villeneuve conquistò così la vetta della gara, che non abbandonò più, pur con delle difficoltà nella tenuta di strada negli ultimi passaggi. Fu così la sua prima vittoria, la prima per un pilota canadese in Formula 1 . Il pilota della Scuderia Ferrari precedette Jody Scheckter , Carlos Reutemann , Riccardo Patrese , Patrick Depailler e Derek Daly , per la prima volta a punti. Furono i primi punti iridati per un pilota irlandese .

Risultati

Risultati dei gran premi

Gara Gran Premio Data Circuito Pole GPV Vincitore Costruttore Resoconto
1 Argentina Gran Premio d'Argentina 15 gennaio Buenos Aires Stati Uniti Mario Andretti Canada Gilles Villeneuve [61] Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
2 Brasile Gran Premio del Brasile 29 gennaio Jacarepaguà Svezia Ronnie Peterson Argentina Carlos Reutemann Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari Resoconto
3 Sudafrica Gran Premio del Sudafrica 4 marzo Kyalami Austria Niki Lauda Stati Uniti Mario Andretti Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
4 Stati Uniti Gran Premio degli USA-Ovest 2 aprile Long Beach Argentina Carlos Reutemann Australia Alan Jones Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari Resoconto
5 Monaco Gran Premio di Monaco 7 maggio Montecarlo Argentina Carlos Reutemann Austria Niki Lauda Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth Resoconto
6 Belgio Gran Premio del Belgio 21 maggio Zolder Stati Uniti Mario Andretti Svezia Ronnie Peterson Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
7 Spagna Gran Premio di Spagna 4 giugno Jarama Stati Uniti Mario Andretti Stati Uniti Mario Andretti Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
8 Svezia Gran Premio di Svezia 17 giugno Anderstorp Stati Uniti Mario Andretti Austria Niki Lauda Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham - Alfa Romeo Resoconto
9 Francia Gran Premio di Francia 2 luglio Le Castellet Regno Unito John Watson Argentina Carlos Reutemann Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
10 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna 16 luglio Brands Hatch Svezia Ronnie Peterson Austria Niki Lauda Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari Resoconto
11 Germania Gran Premio di Germania 30 luglio Hockenheim Stati Uniti Mario Andretti Svezia Ronnie Peterson Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
12 Austria Gran Premio d'Austria 13 agosto Österreichring Svezia Ronnie Peterson Svezia Ronnie Peterson Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
13 Paesi Bassi Gran Premio d'Olanda 27 agosto Zandvoort Stati Uniti Mario Andretti Austria Niki Lauda Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus - Ford Cosworth Resoconto
14 Italia Gran Premio d'Italia 10 settembre Monza Stati Uniti Mario Andretti Stati Uniti Mario Andretti Austria Niki Lauda [62] Regno Unito Brabham - Alfa Romeo Resoconto
15 Stati Uniti Gran Premio degli USA-Est 1º ottobre Watkins Glen Stati Uniti Mario Andretti Francia Jean-Pierre Jarier Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari Resoconto
16 Canada Gran Premio del Canada 8 ottobre Montreal Francia Jean-Pierre Jarier Australia Alan Jones Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari Resoconto

Risultati delle qualifiche

Pilota ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
USW
Stati Uniti
MON
Monaco
BEL
Belgio
ESP
Spagna
SWE
Svezia
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
NED
Paesi Bassi
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
CAN
Canada
1 Austria Niki Lauda 5 10 1 3 3 3 6 3 3 4 3 12 3 4 5 7
2 Regno Unito John Watson 4 21 10 5 2 9 7 2 1 9 5 10 8 7 7 4
3 Francia Didier Pironi 23 19 14 22 [63] 13 23 13 17 16 19 16 9 17 14 16 18
4 Francia Patrick Depailler 10 11 11 12 5 13 12 12 13 10 13 13 12 16 12 13
5 Stati Uniti Mario Andretti 1 3 2 4 4 1 1 1 2 2 1 2 1 1 1 9
6 Svezia Ronnie Peterson 3 1 12 6 7 7 2 4 5 1 2 1 2 5
7 Regno Unito James Hunt 6 2 3 7 6 6 4 14 4 14 8 8 7 10 6 19
8 Francia Patrick Tambay 9 5 4 11 11 14 15 6 20 11 14 14 19 18 17
9 Germania Jochen Mass 13 20 15 16 NQ 16 17 19 25 26 22 NQ NQ
Paesi Bassi Michael Bleekemolen NQ 25 NQ
10 Francia Jean-Pierre Jarier 11 16 [64] 17 19 NQ NQ
Italia Alberto Colombo NQ NQ
Finlandia Keke Rosberg 23 26 22 15 21
Austria Hans Binder NQ
Paesi Bassi Michael Bleekemolen NQ
Austria Harald Ertl NQ [65]
11 Argentina Carlos Reutemann 2 4 9 1 1 2 3 8 8 8 12 4 4 11 2 11
12 Canada Gilles Villeneuve 7 6 8 2 8 4 5 7 9 13 15 11 5 2 4 3
14 Brasile Emerson Fittipaldi 17 7 16 15 20 15 15 13 15 11 10 6 10 13 13 6
15 Francia Jean-Pierre Jabouille 6 13 12 10 11 10 11 12 9 3 9 3 9 22
16 Germania Hans-Joachim Stuck 18 9 NQ NQ [63] 17 20 24 20 20 18 24 23 18 17 14 8
17 Svizzera Clay Regazzoni 16 15 NQ 20 NQ 18 22 16 17 17 NQ 22 NQ 15 17 NQ
18 Regno Unito Rupert Keegan 19 24 23 22 [63] 18 NQ 23 NQ 23 NQ NQ NQ 25 [66]
Italia Gimax NQ
Francia René Arnoux 21 16
19 Italia Vittorio Brambilla 12 NQ 19 17 NQ 12 16 18 19 25 20 21 22 23
Italia Beppe Gabbiani NQ NQ
20 Sudafrica Jody Scheckter 15 12 5 10 9 5 9 6 7 3 4 7 15 9 11 2
21 Stati Uniti Bobby Rahal 20 20
22 Stati Uniti Danny Ongais 21 23
Italia Lamberto Leoni NQ NQ
Belgio Jacky Ickx 16 22 21 NQ
Irlanda Derek Daly NQ 15 19 16 18 19 15
Brasile Nelson Piquet 21
23 Italia Lamberto Leoni 22 17 [64]
Regno Unito Geoff Lees NQ
Austria Harald Ertl 23 24 NPQ NPQ [65]
Stati Uniti Brett Lunger 24
24 Regno Unito Divina Galica NQ NQ
Stati Uniti Eddie Cheever 25
Irlanda Derek Daly NPQ NPQ NQ
25 Messico Héctor Rebaque NQ 22 21 NPQ NPQ NPQ 20 21 NQ 21 18 18 20 NQ 23 NQ
26 Francia Jacques Laffite 8 14 13 14 15 14 10 11 10 7 7 5 6 8 10 10
27 Australia Alan Jones 14 8 18 8 10 11 18 9 14 6 6 15 11 6 3 5
28 Spagna Emilio de Villota NQ
29 Brasile Nelson Piquet 20 26 24
30 Stati Uniti Brett Lunger 24 13 19 NQ NPQ 24 NQ NQ 24 24 NPQ 17 21 21
31 Francia René Arnoux NQ NPQ 19 18 NPQ 26 23
32 Stati Uniti Eddie Cheever NQ NQ
Finlandia Keke Rosberg 24 NQ NPQ NQ NPQ 19 25 24 NPQ
33 Italia Bruno Giacomelli 21 22 16 19 20
35 Italia Riccardo Patrese 7 9 14 8 8 5 12 5 14 16 13 12 12
36 Italia Riccardo Patrese 18
Germania Rolf Stommelen 22 18 19 17 19 24 21 NQ 17 NPQ NPQ NPQ 22 NQ
37 Italia Arturo Merzario 20 NQ 26 21 NPQ NPQ NQ 22 NQ 23 NQ NQ 27 [66] 22 26 NQ
38 Italia Alberto Colombo NPQ
39 Stati Uniti Danny Ongais NPQ NPQ
40 Regno Unito Tony Trimmer NQ
55 Francia Jean-Pierre Jarier 8 1
66 Brasile Nelson Piquet 14
Pilota ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
USW
Stati Uniti
MON
Monaco
BEL
Belgio
ESP
Spagna
SWE
Svezia
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
NED
Paesi Bassi
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
CAN
Canada

Classifiche

Sistema di punteggio

I punti erano attribuiti con il seguente metodo: 9 al primo classificato, 6 al secondo, 4 al terzo, 3 al quarto, 2 al quinto e 1 al sesto. Il campionato era diviso in due blocchi di otto gare ciascuno, per ognuno dei quali era obbligatorio scartare il risultato peggiore; in questa stagione nessun pilota fu costretto a scartare un piazzamento a punti. Per la Coppa Costruttori solo la prima vettura di ogni costruttore marca punti. Il sistema degli scarti era lo stesso utilizzato per la classifica dei piloti. Nessuna scuderia fu costretta a scartare punti nella stagione.

Classifica piloti

( Legenda ) (risultati in grassetto indicano la pole position, risultati in corsivo indicano il giro veloce)

Pos. Pilota Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti
1 Stati Uniti Mario Andretti 1 4 7 2 11 1 1 Rit 1 Rit 1 Rit 1 6 Rit 10 64
2 Svezia Ronnie Peterson 5 Rit 1 4 Rit 2 2 3 2 Rit Rit 1 2 Rit 51
3 Argentina Carlos Reutemann 7 1 Rit 1 8 3 Rit 10 18 1 Rit SQ 7 3 1 3 48
4 Austria Niki Lauda 2 3 Rit Rit 2 Rit Rit 1 Rit 2 Rit Rit 3 1 Rit Rit 44
5 Francia Patrick Depailler 3 Rit 2 3 1 Rit Rit Rit Rit 4 Rit 2 Rit 11 Rit 5 34
6 Regno Unito John Watson Rit 8 3 Rit 4 Rit 5 Rit 4 3 7 7 4 2 Rit Rit 25
7 Sudafrica Jody Scheckter 10 Rit Rit Rit 3 Rit 4 Rit 6 Rit 2 Rit 12 12 3 2 24
8 Francia Jacques Laffite 16* 9 5 5 Rit 5 3 7 7 10 3 5 8 4 11 Rit 19
9 Canada Gilles Villeneuve 8 Rit Rit Rit Rit 4 10 9 12 Rit 8 3 6 7 Rit 1 17
10 Brasile Emerson Fittipaldi 9 2 Rit 8 9 Rit Rit 6 Rit Rit 4 4 5 8 5 Rit 17
11 Australia Alan Jones Rit 11 4 7 Rit 10 8 Rit 5 Rit Rit Rit Rit 13 2 9 11
12 Italia Riccardo Patrese 10 Rit 6 6 Rit Rit 2 8 Rit 9 Rit Rit Rit ES 4 11
13 Regno Unito James Hunt 4 Rit Rit Rit Rit Rit 6 8 3 Rit SQ Rit 10 Rit 7 Rit 8
14 Francia Patrick Tambay 6 Rit Rit 12* 7 INF Rit 4 9 6 Rit Rit 9 5 6 8 8
15 Francia Didier Pironi 14 6 6 Rit 5 6 12 Rit 10 Rit 5 Rit Rit Rit 10 7 7
16 Svizzera Clay Regazzoni 15 5 NQ 10 NQ Rit 15* 5 Rit Rit NQ NC NQ NC 14 NQ 4
17 Francia Jean-Pierre Jabouille Rit Rit 10 NC 13 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 4 12 3
18 Germania Ovest Hans-Joachim Stuck 17 Rit NQ NP Rit Rit Rit 11 11 5 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 2
19 Italia Vittorio Brambilla 18 NQ 12 Rit NQ 13* 7 Rit 17 9 Rit 6 SQ Rit 1
20 Irlanda Derek Daly NPQ NPQ NQ NQ Rit SQ Rit 10 8 6 1
21 Messico Héctor Rebaque NQ Rit 10 NPQ NPQ NPQ Rit 12 NQ Rit 6 Rit 11 NQ Rit NQ 1
- Stati Uniti Brett Lunger 13 Rit 11 NQ NPQ 7 NQ NQ Rit 8 NPQ 8 Rit Rit 13 0
- Italia Bruno Giacomelli 8 Rit 7 Rit 14 0
- Germania Ovest Jochen Mass 11 7 Rit Rit NQ 11 9 13 13 NC Rit NQ NQ 0
- Francia Jean-Pierre Jarier 12 NP 8 11 NQ NQ 15 * Rit 0
- Francia René Arnoux NQ NPQ 9 NA 14 NA NPQ 9 Rit 9 Rit 0
- Germania Ovest Rolf Stommelen 9 9 Rit Rit 14 14 15 NQ SQ NPQ NPQ NPQ 16 NQ 0
- Brasile Nelson Piquet Rit Rit Rit 9 NA 11 0
- Finlandia Keke Rosberg Rit NPQ NPQ NQ NPQ 15 16 Rit 10 NC Rit NPQ Rit NC 0
- Regno Unito Rupert Keegan Rit Rit Rit NP Rit NQ 11 NQ Rit NQ NQ NQ NP 0
- Austria Harald Ertl 11* Rit NPQ NQ [65] 0
- Belgio Jacky Ickx Rit 12 Rit NQ 0
- Stati Uniti Bobby Rahal 12 Rit 0
- Italia Arturo Merzario Rit NQ Rit Rit NPQ NPQ NQ NC NQ Rit NQ NQ Rit Rit Rit NQ 0
- Italia Lamberto Leoni Rit Rit NQ NQ 0
- Stati Uniti Danny Ongais Rit Rit NPQ NPQ 0
- Paesi Bassi Michael Bleekemolen NQ NQ Rit NQ 0
- Stati Uniti Eddie Cheever NQ NQ Rit 0
- Italia Alberto Colombo NQ NQ NPQ 0
- Regno Unito Divina Galica NQ NQ 0
- Italia Beppe Gabbiani NQ NQ 0
- Spagna Emilio de Villota NQ 0
- Regno Unito Geoff Lees NQ 0
- Regno Unito Tony Trimmer NQ 0
- Austria Hans Binder NQ 0
- Italia Gimax NQ 0
- Belgio Bernard de Dryver NPR 0
- Belgio Patrick Nève NPR 0
Pos. Pilota Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Classifica costruttori

La classifica indica il miglior piazzamento ottenuto da una delle vetture dello stesso costruttore. Il grassetto indica che una vettura di quel costruttore ha ottenuto la pole , il corsivo indica il giro veloce, anche se non ottenuti dalla vettura che ha marcato la posizione migliore.

( Legenda ) (risultati in grassetto indicano la pole position, risultati in corsivo indicano il giro veloce)

Pos. Costruttore ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
USW
Stati Uniti
MON
Monaco
BEL
Belgio
ESP
Spagna
SWE
Svezia
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
NED
Paesi Bassi
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
CAN
Canada
Punti
1 Regno Unito Lotus - Ford Cosworth 1 4 1 2 11 1 1 3 1 Rit 1 1 1 6 15* 10 86
2 Italia Ferrari 7 1 Rit 1 8 3 10 9 12 1 8 3 6 3 1 1 58
3 Regno Unito Brabham - Alfa Romeo 2 3 3 Rit 2 Rit 5 1 4 2 7 7 3 1 Rit Rit 53
4 Regno Unito Tyrrell - Ford Cosworth 3 6 2 3 1 6 12 Rit 10 4 5 2 Rit 11 10 5 38
5 Canada Wolf - Ford Cosworth 10 Rit Rit Rit 3 Rit 4 Rit 6 Rit 2 Rit 12 12 3 2 24
6 Francia Ligier - Matra 16* 9 5 5 Rit 5 3 7 7 10 3 5 8 4 11 Rit 19
7 Brasile Copersucar Fittipaldi - Ford Cosworth 9 2 Rit 8 9 Rit Rit 6 Rit Rit 4 4 5 8 5 Rit 17
8 Regno Unito McLaren - Ford Cosworth 4 Rit Rit 12* 7 8 6 4 3 6 Rit Rit 9 5 6 8 15
9 Regno Unito Williams - Ford Cosworth Rit 11 4 7 Rit 10 8 Rit 5 Rit Rit Rit Rit 13 2 9 11
10 Regno Unito Arrows - Ford Cosworth 10 9 6 6 Rit 14 2 8 Rit 9 Rit Rit Rit 16 4 11
11 Regno Unito Shadow - Ford Cosworth 17 5 NQ 10 Rit Rit 15* 5 11 5 Rit NC Rit NC 14 Rit 6
12 Francia Renault Rit Rit 10 NC 13 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 4 12 3
13 Regno Unito Surtees - Ford Cosworth 18 Rit 12 Rit Rit 13* 7 Rit 17 9 Rit 6 NP Rit 9 Rit 1
14 Regno Unito Ensign - Ford Cosworth Rit Rit NQ NQ Rit 12 Rit NQ NQ Rit 11* Rit Rit 10 8 6 1
- Germania ATS - Ford Cosworth 11 7 8 11 NQ 11 9 13 13 NC Rit NQ NQ NQ Rit NC 0
- Francia Martini - Ford Cosworth NQ NPQ 9 14 NPQ 9 Rit 0
- Italia Merzario - Ford Cosworth Rit NQ Rit Rit NPQ NPQ NQ NC NQ Rit NQ NQ Rit Rit Rit NQ -
- Hong Kong Theodore - Ford Cosworth NQ NQ Rit NQ NPQ NQ NPQ -
- Regno Unito Hesketh - Ford Cosworth NQ NQ Rit NPQ NPQ NQ -
Pos. Costruttore ARG
Argentina
BRA
Brasile
RSA
Sudafrica
USW
Stati Uniti
MON
Monaco
BEL
Belgio
ESP
Spagna
SWE
Svezia
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
AUT
Austria
NED
Paesi Bassi
ITA
Italia
USA
Stati Uniti
CAN
Canada
Punti
Colore Risultati
Oro Vincitore
Argento 2º posto
Bronzo 3º posto
Verde Finita, a punti
Blu Finita, senza punti
Finita, non classificato (NC)
Viola Non finita (Rit)
Rosso Non qualificato (NQ)
Non pre-qualificato (NPQ)
Nero Squalificato (SQ)
Bianco Non partito (NP)
Celeste Disputa solo le prove (SP)
Iscritto alle prove libere - Terzo pilota (TP)
- dal 2003 al 2006
Vuoto Non prende parte alle prove (NPR)
Iscritto ma non presente, non arrivato (NA)
Ritirato prima dell'evento (WD)
Infortunato (INF)
Escluso (ES)
Gara cancellata (C)

* Indica quelle vetture che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificate avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Gare non valide per il Mondiale

Nella stagione venne disputata una sola gara non valida per il campionato mondiale.

Gara Gran Premio Data Circuito Pole Position GPV Vincitore Costruttore Resoconto
1 Regno Unito BRDC International Trophy 19 marzo Silverstone Svezia Ronnie Peterson Brasile Emerson Fittipaldi Finlandia Keke Rosberg Hong Kong Theodore - Ford Cosworth Resoconto

Il 1978 vide l'esordio del Campionato britannico di Formula 1 , col nome di Formula 1 Shellsport , erede della Formula Shellsport disputata nelle due stagioni precedenti. In questo campionato venivano schierate vetture di Formula 1 degli anni precedenti.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Formula 1 Shellsport stagione 1978 .

Note

  1. ^ ( EN ) Calendar 1978 , in chicanef1.com . URL consultato il 27 giugno 2012 .
  2. ^ ( ES ) Calendario de grandes premios para 1978 , in El Mundo Deportivo , 3 agosto 1977, p. 20. URL consultato il 30 maggio 2012 .
  3. ^ ( ES ) El GP del Canada adelantado al 8 de Octubre , in El Mundo Deportivo , 11 agosto 1978, p. 23. URL consultato il 14 agosto 2012 .
  4. ^ Il Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Ovest era noto anche come Grand Prix of Long Beach .
  5. ^ Il Gran Premio d'Italia venne interrotto, dopo la partenza, per incidente. La nuova partenza venne fissata prima per le 17:15, poi per le 17:30. A seguito di un altro incidente nel giro di formazione la partenza venne posticipata alle 18:15.
  6. ^ Il gran premio corso a Watkins Glen venne definito anche Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est , per distinguerlo da quello corso a Long Beach.
  7. ^ La Ferrari cambia "scarpe" (Michelin) , in Stampa Sera , 2 dicembre 1977, p. 19.
  8. ^ ( ES ) Ferrari cambiara a Michelin , in El Mundo Deportivo , 3 dicembre 1977, p. 29. URL consultato il 27 giugno 2012 .
  9. ^ ( ES ) Regazzoni propone una huelga de pilotos , in El Mundo Deportivo , 30 aprile 1978, p. 26. URL consultato l'11 luglio 2012 .
  10. ^ Solo i dieci più bravi avranno le gomme veloci , in Stampa Sera , 22 maggio 1978, p. 17.
  11. ^ Lauda ha fatto l'alzabandiera , in Stampa Sera , 3 luglio 1978, p. 15.
  12. ^ Gianni Rogliatti, Lauda parte alle spalle di Hunt e Watson , in La Stampa , 16 luglio 1977, p. 14.
  13. ^ ( ES ) Arturo Merzario construirá su proprio monoplaza , in El Mundo Deportivo , 13 luglio 1977, p. 29. URL consultato il 19 maggio 2012 .
  14. ^ Ercole Colombo, Lauda con la Brabham-Alfa , in La Stampa , 16 settembre 1977, p. 17.
  15. ^ ( ES ) Xavier Ventura, Divina Galica: todo el mundial con la "Hesketh" , in El Mundo Deportivo , 17 dicembre 1977, p. 23. URL consultato il 28 giugno 2012 .
  16. ^ Cristiano Chiavegato, Come sono le squadre nel campionato '78 , in La Stampa , 12 gennaio 1978, p. 16.
  17. ^ ( ES ) Cheever, con el "Theodore-Ralt" en los dos primeros GP , in El Mundo Deportivo , 8 gennaio 1978, p. 29. URL consultato il 1º luglio 2012 .
  18. ^ a b c d Carlo Ricono, Inglesi all'attacco , in La Stampa , 9 novembre 1977, p. 17.
  19. ^ ( ES ) Willy Kahusen y "Kojima" llegaron a un acuerdo , in El Mundo Deportivo , 21 gennaio 1978, p. 23. URL consultato il 2 luglio 2012 .
  20. ^ ( ES ) ¿Debutara el "Kojima" en F-1? , in El Mundo Deportivo , 25 maggio 1978, p. 23. URL consultato il 15 luglio 2012 .
  21. ^ ( ES ) Los mejores equipos de F-1 se trasladan en Sudamerica , in El Mundo Deportivo , 3 dicembre 1977, p. 22. URL consultato il 1º luglio 2012 .
  22. ^ ( EN ) CONSTRUCTORS: ARROWS GRAND PRIX , su grandprix.com . URL consultato il 30 giugno 2012 .
  23. ^ ( ES ) "Shadow" se instalara en Turin , in El Mundo Deportivo , 29 aprile 1977, p. 14. URL consultato il 1º luglio 2012 .
  24. ^ a b ( ES ) F.1: Nilsson y Patrese en el "Ambrosio Racing Team" , in El Mundo Deportivo , 9 dicembre 1977, p. 26. URL consultato il 1º luglio 2012 .
  25. ^ La polizia cerca la macchina di Patrese , in Stampa Sera , 7 marzo 1978, p. 16.
  26. ^ Carlo Ricono, Arrows colpevole Patrese a piedi , in La Stampa , 1º agosto 1978, p. 10.
  27. ^ ( ES ) Nichols pide casi 4.000 millones de pesetas a Arrows en concepto de perjuicios , in El Mundo Deportivo , 5 agosto 1978, p. 22. URL consultato il 14 agosto 2012 .
  28. ^ ( ES ) La Federacion Italiana pide la no puntuabilidad del GPUSA , in El Mundo Deportivo , 4 ottobre 1978, p. 25. URL consultato il 27 agosto 2012 .
  29. ^ ( ES ) Rosberg busca un nuevo F-1 , in El Mundo Deportivo , 8 giugno 1978, p. 24. URL consultato il 26 luglio 2012 .
  30. ^ Lauda ha avuto il numero 1 , in La Stampa , 31 dicembre 1977, p. 19.
  31. ^ Solo Reutemann "fisso" nel 1978? , in La Stampa , 27 ottobre 1977, p. 25.
  32. ^ Nilsson incurabile? , in Stampa Sera , 7 febbraio 1978, p. 32.
  33. ^ Brambilla e Surtees, divorzio quasi sicuro , in La Stampa , 1º febbraio 1978, p. 19.
  34. ^ GP del Fuji , in La Stampa , 4 maggio 1978, p. 17.
  35. ^ ( ES ) Xavier Ventura, La "crisis" de Hunt domina el panorama , in El Mundo Deportivo , 12 maggio 1978, p. 29. URL consultato il 19 luglio 2012 .
  36. ^ ( ES ) Xavier Ventura, Habra sesion previa en el Jarama , in El Mundo Deportivo , 13 maggio 1978, p. 27. URL consultato il 15 luglio 2012 .
  37. ^ Ercole Colombo, Esordio a Monza per l'Alfa-Alfa? , in La Stampa , 30 luglio 1978, p. 14.
  38. ^ Ercole Colombo, Milano e Monza non cacciano l'autodromo , in La Stampa , 6 settembre 1978, p. 10.
  39. ^ Vietato correre per Patrese , in La Stampa , 22 settembre 1978, p. 17.
  40. ^ Michele Fenu, Lauda: Patrese potrà correre , in La Stampa , 24 settembre 1978, p. 15.
  41. ^ Cristiano Chiavegato, Patrese davanti ai piloti di Formula 1 , in La Stampa , 28 settembre 1978, p. 17.
  42. ^ Cristiano Chiavegato, Patrese si è ribellato ai piloti , in La Stampa , 30 settembre 1978, p. 19.
  43. ^ Cristiano Chiavegato, Un ricatto ha fermato Patrese , in Stampa Sera , 1º ottobre 1978, p. 17.
  44. ^ a b c d e Cristiano Chiavegato, Patrese riprenderà in Canada , in La Stampa , 6 ottobre 1978, p. 17.
  45. ^ In sostituzione di Lauda nel GP del Canada
  46. ^ In sostituzione di Ronnie Peterson, deceduto
  47. ^ In sostituzione di James Hunt per quattro Gran Premi
  48. ^ ( ES ) Solicitud para retrasar el GP de Japon de F-1 , in El Mundo Deportivo , 23 novembre 1977, p. 34. URL consultato il 28 giugno 2012 .
  49. ^ ( ES ) El GP de Long Beach, salvado , in El Mundo Deportivo , 11 agosto 1977, p. 22. URL consultato il 30 maggio 2012 .
  50. ^ Cristiano Chiavegato, Guerra di gomme negli Usa , in La Stampa , 1º aprile 1978, p. 15.
  51. ^ Kyalami, la gara si farà , in Stampa Sera , 24 gennaio 1978, p. 16.
  52. ^ ( ES ) Xavier Ventura, El GP del Canada, en un circuito urbano de Montreal , in El Mundo Deportivo , 8 aprile 1978, p. 24. URL consultato il 15 luglio 2012 .
  53. ^ Cristiano Chiavegato, Andretti in un fiume di miliardi , in La Stampa , 5 ottobre 1978, p. 17.
  54. ^ ( ES ) Xavier Ventura, GP Suecia: ¿Andretti o Peterson? , in El Mundo Deportivo , 15 giugno 1978, p. 21. URL consultato il 26 luglio 2012 .
  55. ^ No (per ora) al ventilatore , in La Stampa , 23 giugno 1978, p. 19.
  56. ^ a b ( ES ) Xavier Ventura, F-1: CSI y constructores, intereses enfrentados , in El Mundo Deportivo , 25 dicembre 1977, p. 19. URL consultato il 27 giugno 2012 .
  57. ^ ( ES ) Xavier Ventura, F-1: las nuevas normas, contra los pilotos "privados" , in El Mundo Deportivo , 24 dicembre 1977, p. 27. URL consultato il 27 giugno 2012 .
  58. ^ Cristiano Chiavegato, Ferrari super nel caos dei tempi , in La Stampa , 2 aprile 1978, p. 15.
  59. ^ Giorgio Viglino, Monza, ancora una tragedia , in Stampa Sera , 11 settembre 1978, p. 13.
  60. ^ I perché del collasso , in La Stampa , 12 settembre 1978, p. 13.
  61. ^ Nel Gran Premio d'Argentina Gilles Villeneuve fece ufficialmente segnare il miglior giro in gara: tale risultato venne messo in dubbio da alcune fonti. ( ES ) Reutemann, el misterio de las gommas cede , in f1-web.com.ar . URL consultato il 29 giugno 2012 .
  62. ^ Nel Gran Premio d'Italia giunse primo sul traguardo Mario Andretti su Lotus - Ford Cosworth che però era penalizzato di un minuto per partenza anticipata.
  63. ^ a b c Nel Gran Premio degli USA-Ovest Rupert Keegan e Hans-Joachim Stuck , primo dei non qualificati, non presero parte alla gara. Venne ripescato il secondo dei non qualificati, Didier Pironi .
  64. ^ a b Jean-Pierre Jarier e Lamberto Leoni non partirono nel Gran Premio del Brasile e non vennero sostituiti da non qualificati.
  65. ^ a b c Nel Gran Premio d'Italia Harald Ertl non si prequalificò con una Ensign , poi prese parte alle qualifiche con una ATS
  66. ^ a b Nel Gran Premio d'Olanda Rupert Keegan non partì per infortunio. Al suo posto venne ripescato il primo dei non qualificati, Arturo Merzario .

Bibliografia

  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1 , Bologna, Calderini Edagricole, 1996, ISBN 88-8219-394-2 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 141386792 · GND ( DE ) 2052344-0
Formula 1 Portale Formula 1 : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1