Brescia

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Disambiguation note.svg Desambiguação - Se você estiver procurando outros usos, consulte Brescia (desambiguação) .
Brescia
comum
Brescia - Brasão de armas Brescia - Bandeira
( detalhes )
Brescia - Ver
Vista de Brescia do Castelo de Brescia
Localização
Estado Itália Itália
região Lombardy-Region-Stemma.svg Lombardia
província Província de Brescia-Stemma.png Brescia
Administração
prefeito Emilio Del Bono ( PD ) a partir de 12/06/2013 (2º mandato a partir de 14/06/2018)
Território
Coordenadas 45 ° 32'20 "N 10 ° 13'13" E / 45,538889 ° N 10,220278 ° E 45,538889; 10,220278 (Brescia) Coordenadas : 45 ° 32'20 "N 10 ° 13'13" E / 45,538889 ° N 10,220278 ° E 45,538889; 10,220278 (Brescia)
Altitude de 149 a 874 m acima do nível do mar
Superfície 90,34 km²
Habitantes 194 744 [1] (31/03/2021)
Densidade 2 155,68 ab./ km²
Frações Veja os bairros de Brescia
Municípios vizinhos Borgosatollo , Botticino , Bovezzo , Castel Mella , Castenedolo , Cellatica , Collebeato , Concesio , Flero , Gussago , Ship , Rezzato , Roncadelle , San Zeno Naviglio
Outra informação
Código postal 25121-25136
Prefixo 030
Jet lag UTC + 1
Código ISTAT 017029
Código Cadastral B157
Placa BS
Cl. sísmico zona 2 (sismicidade média) [2]
Cl. climático zona E, 2 410 GG [3]
Nomeie os habitantes Bresciani
Patrono Santos Faustino e Jovita e Angela Merici
Feriado 15 de fevereiro
Apelido Leoa da itália

City Mille Miglia

Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brescia
Brescia
Brescia - Mapa
Localização do município de Brescia na província do mesmo nome
Site institucional

Brescia (pronunciado / breʃːa / [4] [5] escute [ ? · Info ], localmente [breːʃa] , Bresà ou Bressa no dialeto de Brescia , pronúncia / brɛsa / , localmente [brɛsɑ] ou [brɛhɑ] [6] ) é uma cidade italiana de 194.744 habitantes [1] , a capital da ' província homônima na Lombardia . É o segundo município da região em população, depois de Milan .

Cidades antigas, cujas origens remontam a mais de 3.200 anos, Brescia possui um considerável patrimônio artístico e arquitetônico: seus monumentos da era romana e lombarda foram declarados patrimônio mundial da UNESCO . Atuante nos setores de manufatura, indústria de engenharia, indústria têxtil, química e alimentícia, está entre os principais centros econômicos e produtivos da Itália e é conhecida pela famosa corrida de carros clássicos Mille Miglia e pela produção de Franciacorta .

Em 2017, Brescia e a sua província , juntamente com as de Bérgamo , Mantova e Cremona , foram premiadas como Região Europeia de Gastronomia denominada Lombardia Oriental [7] . Em 2020, Brescia foi escolhida como a capital italiana da cultura para o ano de 2023, juntamente com Bérgamo , representando as duas áreas mais afetadas pela pandemia COVID-19 . [8]

A cidade de Brescia é apelidada de "A Leoa" originalmente pelo valor e apego demonstrado para com a República de Veneza : em 1438, a este respeito, o Senado de Veneza proclamou a cidade de Brescia "Leoa e digna noiva do Leão" dando o título de "Brixia Fidelis fidei et Iustitiae", título orgulhosamente relatado na frente do edifício do Lodge . [9]

Geografia física

Bresciano banner.jpg
Brescia Panorama da serra de Ronchi, em primeiro plano o castelo
Vistas de Brescia de Colle Cidneo

Brescia nasce no Vale do Pó, na foz do Val Trompia , no sopé do Monte Maddalena e Cidneo .

O território - limitado ao norte pelos pré-Alpes de Brescia , a leste pelas montanhas de Garda e a oeste pelos territórios de Franciacorta - é quase totalmente plano; No entanto, ao longo da encosta sul do Monte Maddalena (incluindo o topo) cai no município, de modo que a cidade de Brescia se encontra a uma altitude de excursão de 770 metros [10] .

A cidade velha está encerrada dentro do perímetro das muralhas da era veneziana , demolida na segunda metade do século XIX e nos anos 20 do século XX [11] , e é dominada por Cidneo em que é claramente visível o castelo de Brescia . O resto da cidade se expande geograficamente e visualmente em toda a área circundante, delimitada por paredes de contrafortes alpinos, como Monte Maddalena (a leste), e Monte Sant 'Onofrio (norte), embora este último não faça parte geograficamente da território da cidade, mas os municípios de ' interior Bovezzo , Lumezzane , Concesio e navio .

O risco sísmico do PCM de Brescia de acordo com o despacho de 3.274 de 20/03/2003 é atribuível à zona 3, nomeadamente de baixa sismicidade [12] ; No entanto, nos séculos passados ​​não faltaram incidentes significativos que envolveram a cidade de quem faz lembrar o terremoto de Brescia de 25 de dezembro de 1222 .

O Lago de Garda visto do topo do Monte Maddalena , o ponto mais alto de Brescia

Orografia

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Monte Maddalena .

O Monte Maddalena (antigo Monte Denno) é uma montanha pertencente aos Pré-alpes Brescianos que se eleva perto da cidade e mais precisamente na sua parte nordeste. Devido à sua proximidade com a cidade é chamada de montanha de Brescia . A 874 metros de altitude , Madalena é um verdadeiro pulmão verde para a cidade. Outra altura importante é a colina Cidneo, acima da qual se ergue o castelo de Brescia.

Hidrografia

O oeste da área do município é atravessado longitudinalmente pelo rio Mella , que nasce na área Maniva : após cruzar o Val Trompia, chega à cidade pelo norte. É um rio não navegável e também com problemas de poluição.

Existem também rios de caráter torrencial, entre eles o Garza nasceu a meio caminho entre os centros Lumezzane e Agnosine ; depois de ter atravessado o vale com o mesmo nome, chega à cidade pelo nordeste e atravessa-a em toda a sua extensão por uma via mista descoberta e subterrânea.

O Brescia Naviglio é antes um canal, resultante do Rio Igrejas , que atravessa a cidade no leste e depois lambe os municípios do baixo Brescia Oriental .

Clima

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Estação Meteorológica Brescia Center , Estação Meteorológica de Brescia Ghedi e Estação Meteorológica de Brescia Montichiari .

Brescia tem um clima continental sub-úmido , caracterizado por chuvas uniformemente distribuídas ao longo das estações, com verões muito quentes e menos dias de frio e neblina do que o vizinho Vale do Pó [13] . A presença de plantas típicas do Mediterrâneo (como a ' oliveira , a azinheira , os' loureiros , o ' espinheiro e alcaparras ), a crescer nas colinas que circundam a cidade, são indicadores de que o clima de Brescia é sub- Mediterrâneo, isto é, transição entre o clima mediterrâneo e o subcontinental do Vale do Pó [13] .

A precipitação concentra-se nos períodos de maio a agosto, com ligeiro decréscimo nos meses de julho e setembro, e piora no período entre outubro e final de novembro.

O inverno, geralmente entre o final de novembro e o final de março, é caracterizado por uma porcentagem muito baixa de chuvas.

CENTRO DE BRESCIA
( 1961 - 1990 )
Meses Temporadas Ano
Jan Fev Mar Abr Mag Abaixo Jul Atrás Definir Out 11 de novembro Dez Inv Pri leste Aut
T. máx. meioC ) 5.0 8,5 14,2 18,6 23,1 27,8 30,3 29,4 25,1 18,5 11,6 6,8 6,8 18,6 29,2 18,4 18,2
T. médiaC ) 1,8 4,4 9,6 13,7 17,9 22,3 24,6 23,9 20,1 14,3 8,1 3,7 3,3 13,7 23,6 14,2 13,7
T. min. meioC ) -1,5 0,3 4,9 8,8 12,7 16,7 19,0 18,4 15,1 10,0 4,5 0,6 -0,2 8,8 18,0 9,9 9,1
Precipitação ( mm ) 63,9 64,3 71,0 83,0 104,9 99,5 86,3 101,1 72,8 98,1 87,0 54,6 182,8 258,9 286,9 257,9 986,5
Dias chuvosos 7 6 7 9 10 9 6 7 6 7 8 6 19 26 22 21 88

Origens do nome

O nome "Brescia" aparece inicialmente em veneziano tratado e deriva da provável venetizzazione Lombard "Bresà" ou "Bressa" [14] , que por sua vez deriva do nome cenomane e depois cidade romana , chamada por Augusto como "Colonia Civica Augusta Brixia " [15] . No início da Idade Média atesta-se, a seguir, a forma "Brixia", variante "Brexia" [16] .

O nome latino "Brixia" (e também a variante grega "Βρηξία") está bem documentado na era clássica ( Catulo , Lívio , Plínio , o Velho e outros). Isso é feito geralmente rastreado no final brik / bric / brig celta (topo, colas, colina, fortaleza, fortaleza) ou deusa celta Brig / Brigid esposa de Bres (de AM Ardovino ) com vários achados em outras áreas de influência celta (Bressa em Gália , Brexa na Espanha , Bressanone , Bresso e Brianza na Itália ) [17] . Mesmo no dialeto local, o termo significa BREC caminho íngreme e acidentado [18] .

A "Leoa da Itália"

"Brescia, feliz com o destino, pegue-me,
Brescia o forte, Brescia o ferro,
Leoa brescia da itália
bêbado em sangue inimigo. "

( Carducci , Alla Vittoria, vv.37-40, 14 a 16 de maio de 1877 Odi Barbare)

"De uma de suas montanhas férteis com espadas,
Guerreira Niobe de meus distritos,
Leoa da Itália,
Brescia grande e infeliz. "

( Aleardo Aleardi , Canti Patrii , 1857 )

A cidade recebeu o apelido de "Leoa da Itália" por Aleardo Aleardi , em seu Patrii Songs [19] . A expressão Felizmente, deve, no entanto, a Carducci , que queria prestar homenagem a Brescia pela valente resistência contra os ocupantes austríacos durante a insurreição dos Dez Dias , na ' ode à Vitória . Entre as ruínas do Templo de Vespasiano em Brescia, contido em Odi barbare .

História

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: História de Brescia .
Mapa antigo de Brescia
O castelo de Brescia, a cúpula da catedral novamente o Palácio de Cristal ao fundo, o contraste entre o passado e o presente da cidade
A explosão da bomba no ' bombardeio da Piazza Loggia
Representação dos Dez Dias de Brescia

As origens de Brescia datam de 1200 aC, quando uma população, provavelmente da Ligúria , construiu um assentamento perto do Monte Cidneo [20] [21] . No século VII aC estabeleceram-se os gauleses Cenomani , que fizeram sua capital Brescia. Posteriormente, na virada dos séculos III e II aC , na sequência de confrontos entre Insubri , gauleses e romanos, Brixia deu início ao processo de anexação à República Romana , culminando em 41 aC quando os habitantes obtiveram a cidadania romana , embora mantendo uma certa autonomia administrativa .

De 402 a 493 sofreu numerosas invasões bárbaras , incluindo as dos Visigodos de Alarico , os Hunos de Átila , os Heruli de Odoacro e então passou sob o domínio dos Ostrogodos de Teodorico ; logo abaixo desta última cidade adquiriu importância fundamental no reino ostrogótico . A partir de 568 , tornou-se um importante ducado do reino lombardo .

Proclamado município autónomo já no século XII , ficou sob o domínio dos Visconti e a seguir cedeu, com a dedicação de 24 de novembro de 1426, aos Domínios Continentais da República de Veneza , permanecendo vinculado até ao final de 1797 .

Em fevereiro de 1512 , durante a guerra da Liga de Cambrai , as tropas francesas comandadas por Pierre Terrail de Bayard e Gaston de Foix-Nemours conquistaram e saquearam a cidade: este acontecimento dramático levou à decisão draconiana das autoridades venezianas de demolir qualquer edifício dentro de um quilômetro e meio das muralhas da cidade, a fim de proteger a cidade de forma mais eficaz de quaisquer outros sitiantes.

Francesco Duodo, capitão de Brescia, no relatório datado de 23 de janeiro de 1579, estimou que a cidade de Brescia na infecção passada (peste) perdeu vinte mil almas. [22]

Anexada ao Reino da Lombardia-Venetia , durante o Risorgimento foi palco dos dez dias de Brescia, e depois foi anexada ao Reino da Itália em 1860 .

No Champ de Mars (ou Piazza D'Armi) em 2 de outubro de 1915 chega o lutador do 3º Esquadrão que em 15 de abril de 1916 se torna o 72º lutador do Esquadrão que permanece lá até fevereiro de 1917. [23]

Em 1932 , por meio da demolição do bairro do Peixe, encomendada pelo Duce Benito Mussolini é feita a Praça da Vitória de estilo fascista pelo arquiteto Marcello Piacentini , que ali trabalha o primeiro arranha-céu da Itália, a Torre [24] que está entre os primeiros arranha-céus na Europa [25] [26] [27] [28] .

Em 13 de julho de 1944, o centro da cidade foi bombardeado por anglo-americanos que lançaram 124 toneladas de explosivos, causando a morte de mais de trezentas pessoas [29] .

Durante a Segunda Guerra Mundial , com a criação da República Social Italiana , informalmente conhecida como Salò , Brescia tornou-se sede de alguns ministérios.

Em 28 de maio de 1974 houve o ' ataque na Piazza Loggia , ao ser uma manifestação contra o terrorismo neofascista convocada pelos sindicatos, matando oito pessoas e ferindo mais de uma centena de outras.

Símbolos

Brazão

Banner cívico

O brasão de Brescia é marcado por leão azul em prata, no chamado do leão cidadão, símbolo atribuído antes da era veneziana . O brasão das armas foi promulgado por um decreto ministerial de 25 de junho de 1925 : [30]

"Leão de prata azul-celeste, armado, definhado e com cauda vermelha. Lema: "Brixia Fidelis". O escudo será cortado por uma coroa em cinco e quatro pontas de gemas fioroni. [31] "

Ao contrário do que comumente se acredita, por causa do título de Leoa da Itália (concedido à cidade de Brescia por Carducci), o que aparece no brasão de Brescia é um leão.

O patch , porém, é formado por um pano dividido verticalmente em duas toalhas brancas e azuis, tendo ao centro o brasão. No verso, as representações dos santos Faustino e Jovita , patronos da cidade. [32]

Brasão do Reino Napoleônico da Itália

Brasão de Brescia procurado por Napoleão Bonaparte em 1813

O brasão de Brescia introduzido por Napoleão Bonaparte incluía a substituição do leão azul por um leopardo vermelho, embora definido como "illeonito" ou na posição típica do leão desenfreado. O brasão napoleônico não durou muito, pois menos de um ano depois, com o retorno dos austríacos, o município de Brescia pediu a reintrodução do brasão anterior. Este pedido foi ouvido e 28 de junho de 1816 o General Saurau restaurou por um decreto em nome de Francisco I , o brasão anterior com a adição da coroa patrícia e da águia de duas cabeças austríaca. Somente em 1859 , com a expulsão dos austríacos, foram abolidas a coroa patrícia e a águia dupla que dava lugar às muralhas com ameias como em uso em várias cidades italianas.

  • Brasão do brasão de armas

"A boa cidade de Brescia prata traz cola illeonito leopardo vermelho torneada cauda terminada pela cabeça verde com a letra N de ouro colocada no coração e volta subida por três a seis folhas da mesma. Cimato da parede coroa sete ameias de ouro, encimadas por subir naturalmente, segurando em suas garras um caduceu de ouro em banda, acompanhado por duas guirlandas retorcidas de ouro e por último, dividido entre Carvalho os dois lados da ponta reunidos e pendentes [33] »

(De uma carta de Napoleão Bonaparte - datada de 9 de julho de 1813. )

Honras

O leão aos pés do monumento dedicado a Garibaldi

A cidade de Brescia é:

Medalha de ouro para as Cidades Meritórias do Risorgimento Nacional - fita para o uniforme ordinário Medalha de ouro para as Cidades Meritórias do Risorgimento Nacional
«Para recordar as ações heróicas levadas a cabo pelos cidadãos de Brescia nos dez dias de 1849. Preparada às vésperas do reinício da guerra contra a Áustria, a revolta eclodiu no dia da batalha de Novara (23 de março de 1849) . Liderados por Tito Speri - que teria sido enforcado em Belfiore em 1853 - os insurgentes tomaram conta da cidade, mas, ao final de uma forte resistência que rendeu a Brescia o apelido de "Leoa da Itália", tiveram que se render aos austríacos tropas 2 de abril "
- 20 de março de 1898 [34]
Medalha de prata para a bravura militar - fita para o uniforme comum Medalha de prata por bravura militar
«Na luta de libertação a cidade de Brescia esbanjou o sangue dos seus melhores filhos com fartura generosa e com a atitude orgulhosa e tenaz dos habitantes da cidade e da província apoiou validamente a resistência contra o invasor. Batalhas memoráveis ​​e duras travadas nos vales e admiráveis ​​entre todos os vales da Trompia e Sabbia nos dias da Libertação geral. Liberta da ação relâmpago da ocupação inimiga, a população de Brescia atreveu-se a fechar as suas ruas às colunas alemãs em retirada e com combates sangrentos, causando graves danos ao inimigo e provocando a captura de milhares de prisioneiros. Brescia e sua província, setembro de 1943 - abril de 1945 "
- 3 de outubro de 1952 [35]
Título da cidade - fita para uniforme comum Título da Cidade
"Diretor Municipal Lombardo-Veneto , Pat. IR 24 de abril de 1815 »

Monumentos e locais de interesse

Brescia é um exemplo de cidades que se desenvolveram continuamente e ininterruptamente ao longo de cerca de três mil anos, caracterizadas pela interação entre os diferentes estilos arquitetónicos que se sucederam ao longo dos séculos, tanto que está presente o conhecido crítico de arte Philippe Daverio disse em Brescia. "a estratificação histórica mais poderosa do norte da Itália " [36] . O notável património artístico e o importante património arqueológico que compõe o seu centro histórico são compostos por vários monumentos, desde o antigo ao contemporâneo, alguns dos quais de importância mundial.

UNESCO white logo.svg Bem protegido pela UNESCO
Área monumental do Fórum Romano
e complexo monástico lombardo de
San Salvatore-Santa Giulia
(Lombardos na Itália: lugares de poder; 568-774)
Logotipo do Patrimônio Mundial da UNESCO. Patrimônio Mundial
Templo Capitolino Piazza del Foro, visitantes Brescia.jpg
Cara cultural
Critério (ii) (iii) (vi)
Perigo Sem perigo
Reconhecido desde 2011
Cartão da UNESCO (EN) A área monumental com o
complexo monástico de San Salvatore-Santa Giulia
(Longobardos na Itália. Lugares de poder; 568-774 DC)

( FR ) Folha

Monumentos de Brescia, Patrimônio Mundial da Humanidade

Em 25 de junho de 2011, a reunião do 35º Comitê do Patrimônio Mundial, realizada em Paris , registrou o seguinte na lista de bens do patrimônio mundial da UNESCO , que fazem parte dos monumentos do site " Lombardos na Itália: os lugares de poder " de Brescia:

L ' área monumental do Fórum Romano : é o sítio arqueológico onde existem alguns dos maiores e mais bem preservados edifícios públicos existentes no norte da época romana [37] [38] . É constituído pelos seguintes monumentos:

  • O Santuário Republicano : localizado abaixo do templo Capitolino, construído no século I aC, é a construção mais antiga do buraco. Consiste em quatro salas de aula retangulares lado a lado, dentro das quais estão os restos do piso de mosaico original e afrescos de parede comparáveis, tanto do ponto de vista estilístico quanto conservador, aos encontrados em Pompeia [39] . Desde a primavera de 2015, o salão mais ocidental está aberto à visitação pública, enquanto o restante do edifício ainda está em obras de restauração e escavação arqueológica.
  • O capitolium : construído em 73 DC, era o templo mais importante da antiga Brixia, onde se adorava a Tríade Capitolina ( Júpiter , Juno e Minerva ). É constituído por três células, uma central, a maior e a outra menor, que retêm muito do piso de mármore policromado original [39] . À sua frente encontram-se os restos do imponente pórtico, com colunas com capitéis em ordem coríntia , culminando no tímpano , no qual há uma dedicatória ao ' Imperador Vespasiano . Quase totalmente enterrado por um deslizamento de terra no morro do Cidneo, foi trazido à luz por meio de várias campanhas arqueológicas, iniciadas no século XIX. Desde a primavera de 2013, após novas escavações arqueológicas e consolidação estrutural, foi reaberto ao público.
  • O teatro romano : está localizado imediatamente a leste da capital. Foi construído durante a Flaviana e remodelado no século III. Com seus 86 metros de largura, é um dos maiores teatros romanos da Itália, com capacidade para 15.000 espectadores. Foi fortemente danificado por um terremoto no século 5, que causou o colapso da segunda e terceira camadas. Além disso, nos séculos seguintes, seus vestígios foram incorporados em novos edifícios ali construídos, demolidos a partir do século XIX. Della struttura originaria si sono conservati i muri perimetrali a forma di semicerchio, il primo ordine di gradinate (che in gran parte si trovano ancora sotto terra), le due uscite laterali ei resti della cavea e della scena, oltre a numerosi frammenti di colonne e fregi . I lavori di scavo archeologico dovrebbero riprendere nei prossimi anni.

Il complesso monastico longobardo di San Salvatore-Santa Giulia : costituisce uno straordinario palinsesto architettonico [37] , trasformato nel Museo di Santa Giulia , che contiene circa 11.000 opere d'arte e reperti archeologici [40] . È composto da:

  • La basilica di San Salvatore : cuore dell'antico monastero longobardo, fu edificata nel 753 per volere del duca di Brescia Desiderio , futuro re longobardo , e di sua moglie Ansa . Caratterizzata dal contemporaneo utilizzo di stilemi longobardi e motivi decorativi classici e bizantini, rappresenta uno dei maggiori esempi di architettura religiosa altomedioevale . La basilica si presenta a tre navate ed ha un transetto a tre absidi . È presente anche una cripta , anch'essa a tre absidi. Ampliata nei secoli successivi, conserva al suo interno diverse opere d'arte, tra cui le Storie di sant'Obizio dipinte dal Romanino e le Storie della Vergine e dell'infanzia di Cristo di Paolo da Caylina il Giovane .
  • La chiesa di Santa Maria in Solario : costruita verso la metà del XII secolo come sacello interno al monastero, è a base quadrata e si articola su due livelli interni. Il piano inferiore è coperto da quattro volte a crociera sorrette al centro da un'antica ara romana, mentre l'aula superiore è coperta da una cupola emisferica e presenta, scavate nella muratura est, tre piccole absidi . Conserva all'interno pregevoli affreschi di Floriano Ferramola , eseguiti all'inizio del Cinquecento , e due fra i più importanti pezzi del tesoro dell'antico monastero: la Lipsanoteca di Brescia (composta da un piccolo scrigno d'avorio, risalente al IV secolo) e la Croce di Desiderio (realizzata in argento e lamina d'oro, tempestata da 212 gemme preziose [41] ).
  • Il coro delle monache : compreso tra la basilica di San Salvatore e la chiesa di Santa Giulia , è stato costruito tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento come coro per San Salvatore. L'edificio si sviluppa su due livelli: il piano inferiore costituisce l'antico sagrato coperto previsto per accedere a San Salvatore. Il piano superiore è invece il coro vero e proprio, formato da un ambiente coperto da una volta a botte , collegato a est con San Salvatore tramite tre piccole finestre dotate di grata, a ovest con Santa Giulia tramite un arcone. L'interno del coro è interamente ricoperto da affreschi eseguiti dal Ferramola e dal Caylina, e vi sono esposti diversi monumenti funerari di età veneta, tra cui il Mausoleo Martinengo , uno dei massimi capolavori della scultura rinascimentale bresciana.
  • la chiesa di Santa Giulia: è stata costruita tra il 1593 e il 1599. La facciata è in marmo di Botticino , decorata da un doppio ordine di lesene di ordine corinzio, divisi da un ricco fregio marmoreo e connessi ai fianchi da volute . All'interno, la chiesa presenta una spaziosa navata unica coperta con volta a botte costolonata. Nella chiesa non rimane alcun arredo sacro o decorazione. Gli affreschi che originariamente ricoprivano ogni superficie sono quasi tutti scomparsi e ne rimangono poche tracce sulle pareti delle cappelle laterali e sulla volta. Scomparsi anche tutti gli altari laterali. Benché annessa al monastero, non rientra nel percorso di visita del Museo di Santa Giulia ed è adibita a sala conferenze.

Fanno parte del sito UNESCO anche le Domus dell'Ortaglia (sono un gruppo di antiche domus romane, utilizzate tra il I e il IV secolo, chiamate in questo modo perché sono state rinvenute negli orti (ortaglia) del monastero di Santa Giulia), il cinquecentesco Palazzo Maggi Gambara , la seicentesca Casa Pallaveri e una porzione dell'antico decumano massimo (l'odierna Via dei Musei ).

Piazza della Vittoria , con sulla sinistra il Torrione INA , primo grattacielo costruito in Italia [42]
Porta Bruciata , già parte delle antiche mura romane di Brescia

Architetture religiose

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Brescia .

Brescia conserva nell'area del centro storico diverse decine di chiese appartenenti ad ogni periodo storico e artistico, dalle testimonianze longobarde alle opere del più estremo Settecento , fino ai prodotti dell' eclettismo ottocentesco. Il Duomo vecchio , la cattedrale invernale della città, è uno dei più importanti esempi di rotonda romanica in Italia [43] , eretto nell' XI secolo e prezioso contenitore di svariate opere d'arte, come tele del Moretto e del Romanino , un sepolcro di Bonino da Campione , la cripta di San Filastrio , risalente all' VIII secolo e la grande arca sepolcrale di Berardo Maggi , risalente all'inizio del Trecento . Altro esempio di architettura romanica è la piccola chiesa di San Faustino in Riposo , dalla caratteristica forma esterna a cono.

Importanti testimonianze di architettura gotica sono invece la chiesa di San Francesco d'Assisi , dalla caratteristica facciata a capanna in pietra grezza con un ampio rosone , la chiesa di Santa Maria del Carmine , edificata nel Quattrocento con molte aggiunte successive, e la chiesa del Santissimo Corpo di Cristo , definita come la Cappella Sistina di Brescia per il ricco ciclo di affreschi rinascimentali che adorna il suo interno. La chiesa di Santa Maria dei Miracoli è invece il grande capolavoro della scultura rinascimentale bresciana, con la facciata di Giovanni Antonio Amadeo completamente lavorata a fine bassorilievo affiancata dalle sculture del Tamagnino . Di notevole interesse, dello stesso periodo storico, è la chiesa di San Giuseppe , il pantheon musicale bresciano con i sepolcri delle più grandi personalità nel campo, contenente uno dei organi antichi più grandi del mondo [44] , opera degli Antegnati .

Massimi esponenti del barocco cittadino sono la chiesa dei Santi Faustino e Giovita (costruita dall'architetto Stefano Carra ) dove trovano sepoltura i due patroni di Brescia, il Duomo nuovo , la cattedrale estiva, costruito in sostituzione dell'antica Basilica di San Pietro de Dom , e la chiesa di Santa Maria della Carità , con la sua caratteristica pianta ottagonale e la riproduzione della Santa Casa di Nazaret posta dietro l'altare maggiore. La chiesa patronale, in particolare, conserva il grande affresco dell' Apoteosi dei santi Faustino, Giovita, Benedetto e Scolastica di Giandomenico Tiepolo , più altre opere d'arte scultoree e pittoriche. Di particolare rilevanza artistica è anche la chiesa di San Giovanni Evangelista con la Cappella del Santissimo Sacramento , decorata per metà da tele del Moretto e per metà dal quelle del Romanino. Altro monumento barocco, che spicca in assoluto per la sua unitarietà formale e architettonica in quanto costruito ex-novo, è la chiesa di Santa Maria della Pace , progettata dall'architetto veneziano Giorgio Massari con opere pittoriche di Pompeo Batoni .

Esempio di architettura neoclassica è la collegiata dei Santi Nazaro e Celso , che custodisce il prezioso Polittico Averoldi di Tiziano . Al di fuori degli edifici chiesastici si annovera infine il Cimitero Monumentale di Brescia , progettato da Rodolfo Vantini e costruito a più riprese durante l'Ottocento. Sempre del Vantini è la tomba Bonomini, chiamata popolarmente " tomba del cane ", progettata su commissione del commerciante Angelo Bonomini , che emerge con il suo profilo neogotico sul pendio del monte Maddalena.

Il Faro di Brescia nel cimitero detto "Vantiniano"

Il cimitero di Brescia, denominato Vantiniano (dal nome del suo progettista, l'architetto Rodolfo Vantini ), è il primo cimitero monumentale costruito in Italia [45] , al centro del quale si erge il Faro di Brescia (alto 60 metri, rivestito di marmo di Botticino ) alla cui forma si è ispirato l'architetto tedesco Heinrich Strack per progettare la Colonna della Vittoria , uno dei simboli della città di Berlino [46] . Nel 1866 le spoglie del noto pittore bresciano Francesco Filippini sono state trasferite, per volontà della cittadinanza di Brescia, dal Cimitero Monumentale di Milano al Cimitero Vantiniano.

Architetture civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Brescia .

Fra le opere di architettura civile di Brescia spicca piazza della Loggia , il complesso architettonico più omogeneo della città e importante esempio di piazza rinascimentale chiusa. L'edificio principale che fa da sfondo monumentale al piazzale è palazzo della Loggia , noto più semplicemente come "la Loggia", sede della giunta comunale, costruito a partire dal 1492 sotto la direzione di Filippo Grassi e infine completato nel Cinquecento sotto la supervisione del Sansovino e di Palladio . Nel Settecentesco, inoltre, venne realizzato dall'architetto Luigi Vanvitelli quello che viene appunto chiamato "Salone Vanvitelliano". [47] Sul fianco sud della piazza sono invece allineati i due Monti di Pietà , il primo - detto anche " vecchio " - quattrocentesco e il secondo - il " nuovo " - costruito alla fine del Cinquecento, le cui facciate rappresentano il primo museo lapidario italiano (infatti, un decreto del Consiglio speciale della città di Brescia del 1480, sanciva che le lapidi di epoca romana rinvenute nell'area in cui sarebbero sorti questi due palazzi dovessero essere conservate per uso pubblico: furono quindi murate lungo le pareti di questi edifici e utilizzate come ornamento) [48] , mentre al centro del lato est si eleva il grande orologio astronomico del 1540 . In questa piazza, il 28 maggio 1974 si è consumata la strage di piazza della Loggia .

Centro di potere più antico è invece il Broletto , l'antico palazzo comunale situato in piazza del Duomo . Il nucleo originario dell'edificio risale al Duecento , in seguito ampliato a più riprese nel Trecento (ala ovest sulla piazza), nel Quattrocento (ali est e nord con rifacimento dell'ala ovest) e nel Seicento (porticato trasversale interno). Completa l'edificio la torre del popolo o del "Pégol", torre civica del XII secolo .

Nell'ambito dell'architettura civile privata si distinguono numerosissimi palazzi disposti lungo tutte le vie del centro storico, in particolare quelli appartenuti alla potente famiglia dei Martinengo , tra i quali figuranopalazzo Martinengo e palazzo Maggi Gambara in piazza del Foro , palazzo Martinengo Colleoni di Malpaga in piazzetta Sant'Alessandro , palazzo Uggeri lungo via Musei e palazzo Cigola Fenaroli in via Carlo Cattaneo. O ancora, palazzo Martinengo Colleoni di Pianezza in corso Matteotti e palazzo Martinengo di Villagana in corso Martiri della Libertà. Degni di menzione sono anche palazzo Martinengo di Padernello Salvadego , ritenuta la dimora signorile più imponente della città, [49] palazzo Martinengo della Motella e palazzo Martinengo delle Palle . Altro edificio civile di rilievo è il Teatro Grande , fondato nel 1664 e più volte ricostruito, in particolare nel Settecento e per tutto l'Ottocento. Il teatro è noto per ospitare l'importante Festival Pianistico Internazionale "Arturo Benedetti Michelangeli" .

Più recenti sono invece la stazione ferroviaria , costruita in stile neoromanico nel 1854 , e piazza della Vittoria , realizzata nel 1932 su progetto dell'architetto Marcello Piacentini demolendo parte dell'antico centro storico medievale.

Architetture militari

Il castello di Brescia si colloca al primo posto fra le antiche architetture militari di Brescia giunte fino a noi: costruito nel Duecento dai Visconti su un sito precedente, sulla cima del colle Cidneo, viene ampliato una prima volta nel Quattrocento e completato poi nel Cinquecento. Cessata ogni funzione strategica alla metà dell'Ottocento, il castello è un grandissimo parco pubblico che offre interessanti passeggiate fra le antiche strutture di difesa e un ampio panorama sull'intera città. Gli interni della fortezza ospitano invece due musei.

In città, invece, importante superstite è la torre della Pallata all'estremità est di corso Garibaldi, costruita nel Duecento e rimaneggiata nel Quattrocento. Ai suoi piedi è posta una grande fontana barocca, opera di Pietro Maria Bagnadore . [50]

Si ricordano anche resti di porte cittadine dell'antica cinta muraria medievale , come porta Bruciata o anche porta Paganora [51] [52] , oltre che l'unico residuo dei tre chilometri di mura difensive di epoca romana, porta Sant'Eusebio : risalente al I secolo dC , se ne possono ammirare i resti lungo le pendici del colle Cidneo, vicino alla chiesa di San Pietro in Oliveto . [53]

Siti archeologici

Come già detto, piazza del Foro di Brescia è il più rilevante complesso di resti di edifici pubblici d'epoca romana di tutta l'Italia settentrionale, con le imponenti rovine del Capitolium e l'adiacente teatro romano. Ci sono pervenuti anche numerosi resti del colonnato perimetrale dell'antica piazza romana, visibili all'aperto nella stessa piazza e nei sotterranei del vicino palazzo Martinengo Cesaresco Novarino (dove si trovano anche le rimanenze delle antiche terme romane e del primitivo insediamento abitativo, risalente alla prima età del ferro , da cui si è sviluppata l'odierna città), mentre in piazzetta Labus , ancora più a sud, emergono i resti della basilica civile , i cui elementi architettonici di età flavia sono ancora ben visibili nelle facciate delle antiche case costruite sulle rovine stesse.

Aree naturali

Secondo dati del 2008, la città di Brescia può vantare 26.334.910 m 2 di verde pubblico e aree protette (di cui 4.224.610 m 2 di verde attrezzato, parchi pubblici e storici), che corrispondono a 139,68 m 2 di verde per abitante. Se a ciò si sommano anche le aree agricole e boscose e il verde di arredo urbano, la superficie totale sale a 72.548.560 m 2 , pari a circa l'80% della superficie comunale [54] . Nel 2008 Brescia ha vinto il primo premio La città per il verde , assegnato in occasione della manifestazione Flormart-Miflor , svoltasi a Padova [55] .

Le principali aree verdi di Brescia sono:

  • Parco dell'Acqua ASM Gianni Panella , situato ai piedi delle mura medioevali; [56]
  • Parco delle colline : con 4.000 ha di superficie (di cui oltre 2.100 ha sono compresi entro i confini comunali), è l'area verde più estesa di Brescia. È un parco naturale istituito per preservare il Monte Maddalena ei Ronchi , le colline che si trovano immediatamente a nord-est del centro storico; [57]
  • Parco Tarello : è il secondo parco più grande della città (100.000 m 2 ) ed uno dei più recenti. Si trova a Brescia 2, la zona moderna della città, ed è circondato dai grattacieli del centro direzionale. Progetto dello studio Global di Lisbona ; [58] [59]
  • Parco del castello: può essere considerato il parco più antico di Brescia ed è il terzo per superficie (96.235 m 2 ). Si estende lungo i versanti del Colle Cidneo, regalando suggestivi scorci sul centro storico; [60]
  • Parco Ducos : è uno dei parchi storici di Brescia e con i suoi 55.540 m 2 di estensione costituisce un importante polmone verde per la zona est della città. Al suo interno è presente un grande laghetto dove vivono tartarughe e uccelli acquatici. [61]
  • Parco delle cave : inaugurato nell'aprile del 2018 e situato a sud-est della città, tra i quartieri di San Polo e di Buffalora , caratterizzato da bacini artificiali, recupera quelle che un tempo furono aree di escavazione e che ora sono state riconvertite in aree verdi aperte al pubblico. [62] [63]

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [64]

Etnie e minoranze straniere

Brescia è una delle città con il più alto tasso di immigrazione in Lombardia [65] .

Dalle prime ondate migratorie degli anni ottanta provenienti principalmente dai paesi africani, si è passati ad un'immigrazione più diversificata; infatti sono oltre 150 i paesi di provenienza dei cittadini stranieri residenti sul territorio cittadino [66] .

Secondo quanto riportato dal (ISTAT) (Ufficio di diffusione dell'informazione statistica) [67] nel 2019 la popolazione straniera residente ufficialmente era di 38 038 persone, pari al 19,2% del totale. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

  1. Romania , 4 827
  2. Pakistan , 3 801
  3. Ucraina , 3 020
  4. Moldavia , 2 554
  5. Cina , 2 520
  6. Egitto , 2 306
  7. India , 2 290
  8. Albania , 2 117
  9. Filippine , 1 628
  10. Sri Lanka , 1 794

Religione

Portale del Vescovado di Brescia
Piazza del Vescovado

La religione cattolica legata al Vescovo della Diocesi di Brescia è largamente maggioritaria in città. Sono attivi, inoltre, i cristiani ortodossi con due chiese cittadine, i cristiani protestanti con una chiesa evangelica valdese , i musulmani con un centro culturale nella periferia sud ei Testimoni di Geova con nove Sale del Regno di lingua italiana.

I patroni della città sono i Santi Faustino e Giovita , mentre Santa Maria Assunta , Sant'Angela Merici e San Siro ne sono compatroni.

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto bresciano e Lingua lombarda .

Nel bresciano la lingua lombarda , nella variante locale, è largamente utilizzata accanto all'italiano, in un contesto di dilalia. È più diffusa nelle aree rurali, dove per molti è ancora lingua d'uso. Pur con le dovute varianti, a Brescia e provincia il dialetto utilizzato è il dialetto bresciano, appartenente alle parlate galloromanze e derivante dalla volgarizzazione del latino . Nel dialetto bresciano si riscontra la presenza di fenomeni linguistici simili al francese e alle altre lingue galloromanze, per via del sostrato celtico presente prima dell'arrivo del latino. Nel lessico riconosciamo prestiti longobardi e nella storia moderna prestiti e neologismi dall'italiano e prestiti da altre lingue europee moderne, frutto delle alterne dominazioni, cui più recentemente si sono aggiunti prestiti dall' inglese (per esempio: fóbal da football ).

È classificato come dialetto lombardo orientale , per via di diversi fenomeni linguistici che lo avvicinano ai dialetti bergamasco , cremasco , soresinese (e solo in parte al cremonese ), alto mantovano , aree che storicamente non gravitavano attorno a Milano, e le cui lingue si sono dunque nettamente distinte dal dialetto lombardo occidentale .

Il primo manoscritto riconducibile al dialetto bresciano è stato trovato a Bovegno in Val Trompia, ed è risalente circa al 1300.

Tradizioni e folclore

A Brescia sono presenti diverse tradizioni popolari legate a figure di santi ea sculture e luoghi particolari della città.

I Santi Faustino e Giovita difensori di Brescia

I Santi Faustino e Giovita sono diventati patroni di Brescia a seguito di un evento straordinario. Secondo la tradizione, il 13 dicembre 1438, durante un feroce assedio dei milanesi capitanati da Nicolò Piccinino , i due santi (martiri bresciani al tempo dell'imperatore Adriano : II secolo) apparvero sulle mura della città, nei pressi degli spalti del Roverotto (nella zona a sud-est del castello, dove ora sorge un cippo marmoreo) e respinsero le palle delle cannonate a mani nude, aiutando così i bresciani a sconfiggere gli assalitori che, impauriti dalla vista dei santi, abbandonarono la città. [68]

Santa Lucia portatrice di doni

A Brescia, come in altre città dell' Italia settentrionale , i doni natalizi sono portati da Santa Lucia la notte tra il 12 e il 13 dicembre. [69] Tradizionalmente, i bambini scrivono una lettera alla santa, elencando i regali che vorrebbero ricevere e dichiarando di meritarseli, essendo stati bravi e obbedienti durante l'anno. Per ringraziarla è uso lasciare del cibo per lei e per il suo asinello che trasporta i doni. Il mattino seguente, al loro risveglio, i bambini troveranno i doni richiesti accompagnati o da caramelle e dolciumi di vario tipo, se si saranno comportati bene, oppure da carbone, se si saranno comportati male.

Leggenda di Forca di Cane

Via Cremona viene anche ricordata con l'antico nome di "Forca di Cane", per ricordare un episodio risalente al Medioevo e riguardante un indegno prete con tre suoi complici. Durante le lotte tra i valvassori ei seguaci del vescovo Arimanno , approfittando della confusione di quei tempi un prete indegno, con l'aiuto di tre accoliti desiderosi di facili guadagni, aveva fondato un movimento pseudo-religioso. Sotto questa parvenza di cristianità, si nascondeva in realtà una setta avente l'unico scopo d'irretire facili prede, a cui venivano offerte riunioni notturne, orge e baldorie. Questa organizzazione ebbe fortuna per ben cinque anni, ma un giorno duecento adepti furono arrestati e impiccati, mentre il prete ei tre accoliti vennero attanagliati e arsi vivi. [70]

La Madonna delle Brine

Nella chiesa di Santa Maria del Carmine è conservata un'antica icona, portata a Brescia dalla Terra Santa nel 1437 dal Vicario generale dell' ordine dei Carmelitani Fra Cristoforo Martinoni o Martignoni, detta della Madonna delle Brine. È chiamata in questo modo perché in passato si riteneva che, esponendola per tre giorni l'anno compresi tra fine aprile e inizio maggio, i raccolti sarebbero stati protetti dalle gelate (brine) tardive e da altre intemperie. [71]

Le statue parlanti
La Lodoiga
I "Macc dèle ure"
Il Mostasù dèle Cosére

Le statue parlanti

Le statue parlanti di Brescia sono una serie di statue su cui i bresciani, fino alla fine del XIX secolo, affiggevano messaggi anonimi, contenenti per lo più critiche contro i governanti.

Queste statue sono:

  • la Lodoiga : è una statua scolpita da Giovanni Battista Bonometti o Cesare Federico da Bagno o altri nella seconda metà del Cinquecento. Di origine molto controversa e storia altrettanto dibattuta, era posta originariamente davanti all'ultimo pilone sinistro della facciata del Palazzo della Loggia fino al 1877, quando fu rimossa e portata in nuova sede. Dopo varie vicissitudini e trasferimenti, nel novembre del 2011 è stata definitivamente ricollocata sotto il porticato della Loggia. Questo portico, per sua natura cardine fra l'interno e l'esterno, fra le cariche pubbliche e il popolo, rappresentò il luogo dove maggiormente si esplicavano i rapporti fra i due [72] , e trovò la sua voce nella Lodoiga, che fu assunta come statua parlante della città, cui i bresciani erano abituati ad affiggere poesie e prose satiriche o scherzose. Accanto alla statua, poi, era posta la "pietra del bando" [72] , dove salivano i banditori o gli oratori per parlare alla folla. Non sempre era possibile commentare ad alta voce i bandi o il comportamento degli amministratori: interveniva quindi la Lodoiga attraverso biglietti e fogli incollati anonimamente sul pilone adiacente o sul muro interno.
  • i "Macc dèle ure" ("matti delle ore" in dialetto bresciano): popolarmente chiamati Tone e Batista , sono due figure meccaniche poste in cima alla Torre dell'Orologio di piazza della Loggia, che battono la campana allo scoccar delle ore. Tradizionalmente sono sempre stati considerati come patteggianti il governo cittadino, tant'è che, verso la fine del Settecento, divennero protagonisti di una serie di pubblicazioni riguardanti "dibattiti" fra queste due statue e la Lodoiga, sempre invece dalla parte del popolo [72] .
  • il Mostasù dèle Cosére (letteralmente "faccione delle Cossere" in dialetto bresciano): è un antico rilievo situato nel centro storico di Brescia, murato all'angolo tra corso Goffredo Mameli e contrada delle Cossere, dalla quale trae il nome. Nel corso dei secoli, similmente alla Lodoiga, il mostasù diventa una statua parlante , raccogliendo malumori, proteste e lagnanze dei cittadini verso i governatori. La sua localizzazione, al centro del quartiere popolare e affacciato su una delle sue principali vie, contribuisce a fissare il mostasù nell'immaginario popolare [73] .
La tomba del cane
Il bue d'oro

Il bue d'oro

In corrispondenza dell'angolo tra Via Trieste e Via Agostino Gallo esiste una statua lignea, ricoperta da una pittura dorata, raffigurante un bue d'oro . Secondo la tradizione popolare, questa statua starebbe a indicare il luogo in cui sarebbe sepolto un bue d'oro zecchino venerato dagli antichi abitanti di Brescia, che lo avrebbero nascosto in quel punto per evitare che fosse distrutto dai barbari [74] .

La tomba del cane

La tomba Bonomini, nota dai bresciani come tomba del cane , è un tempietto neogotico a pianta quadrata situato sui colli Ronchi, immediatamente a nord-est del centro storico cittadino, lungo via Panoramica, al primo tornante dopo l'imbocco da via Filippo Turati. Costruita nel 1860 su progetto di Rodolfo Vantini per ospitare le spoglie di Angelo Bonomini e del socio Giuseppe Simoni, benefattori degli Spedali Civili di Brescia , alla fine non accolse mai le due salme a causa di nuove ordinanze comunali riguardanti le norme sul seppellimento, che lo vincolavano ai cimiteri pubblici. La tradizione popolare vuole quindi che vi sia stato deposto solo un cane, da cui la denominazione abituale [75] .

Istituzioni, enti e associazioni

Brescia è sede di Corte d'appello dall'epoca napoleonica ed è la sede competente per i processi spostati da Milano. Tutto il comparto giudiziario (tribunali, procura, corte d'appello) dal maggio 2009 ha traslocato nel nuovo Palazzo di Giustizia [76] , realizzato in prossimità della stazione ferroviaria su progetto dell'architetto Gino Valle .

Strutture ospedaliere

Gli Spedali Civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Spedali Civili di Brescia .

Tra le infrastrutture più importanti in città annoveriamo gli Spedali Civili, con più di 2.254 posti letto ordinari, e con quasi 6.000 dipendenti, tra cui sono presenti anche alte specializzazioni. Gli Spedali Civili si collocano al primo posto in Italia per personale impiegato [77] [78] e si candidano ad essere tra i più grossi ospedali italiani.

Altre strutture

A Brescia sono presenti altre strutture ospedaliere [79] [80] , quali:

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( IlSole24ORE ) Qualità della Vita ( Italia Oggi ) Ecosistema Urbano ( Legambiente )
2001 69° [91] 29º [92] 40º [93]
2002 50º [94] (+19) 37º [92] (-8)
2003 23º [95] (+27) 54º [96] (-17) 28º [97]
2004 44º [95] (-21) 21º [96] (+33) 57º [98] (-29)
2005 20º [99] (+24) 33º [100] (-12) 24º [101] (+33)
2006 31º [99] (-11) 42º [100] (-9) 19º [102] (+5)
2007 21º [103] (+10) 39º [104] (+3) 16º [105] (+3)
2008 53º [106] (-32) 34º [104] (+5) 35º [107] (-19)
2009 54º [106] (-1) 47º [108] (-13) 48º [109] (-13)
2010 44º [110] (+10) 33º [111] (+14) 51º [112] (-3)
2011 32º [113] (+12) 29º [111] (+4) 22º [114] (su 44 città medie)
2012 26º [115] (+6) 23º [116] (+6) 23º [117] (-1)
2013 53º [118] (-27) 21º [119] (+2) 24º [120] (-1)
2014 26º [121] (+27) 15º [119] (+6) 80º [122] (su 104 città)
2015 28º [123] (-2) 19º [124] (-4) 79º [125] (+1)
2016 45º [126] (-17) 28º [127] (-9) 83º [128] (-4)
2017 46º [129] (-1) 27º [127] (+1) 49º [130] (+34)
2018 39° [131] (+7) 22° [132] (+5) 31° [133] (+18)
2019 12° [91] (+27) 22° [134] (±0) 33° [135] (-2)
2020 39° [136] (-27) 21° [137] (+1) 34° [138] (-1)

Incidenza di tumori

La mortalità per tumore a Brescia mostra tassi superiori al dato nazionale. Nel 2011, la mortalità per tumore si registrava in 9,6 morti ogni 10.000 contro 9,1 in Italia [139] .

Le patologie del sistema circolatorio e cancro provocano i due terzi dei decessi totali. L'incidenza delle neoplasie a Brescia è tra le più elevate in Lombardi Negli ultimi cinque anni, si registra una mortalità più elevata in parte della Franciacorta e della bassa pianura, così come nella fascia alta corrispondente alle valli. I tumori sono la seconda causa di morte, e le neoplasie più rilevanti sono il tumore al seno , al colon retto , al fegato , del tessuto linfatico ed ematopoietico , alle vie respiratorie: i tassi sono, in questo caso, più elevati di quelli italiani, e sono in diminuzione tra i maschi e in aumento tra le donne.

Nel 2019 si registrano circa 7000-7500 nuovi casi di tumori maligni all'anno [140] .

Inquinamento

Brescia è considerata una delle città più inquinate d' Europa e d' Italia , registrando un record di mortalità per particolato fine e ozono [141] , nonché la settima città in Europa per costi sanitari dell' inquinamento dell'aria [142] [143] .

Rifiuti

Brescia è stata ribattezzata la Terra dei Fuochi del Nord [144] [145] [146] [147] , immondezzaio- e discarica d'Italia [148] [149] . La zona provinciale da Montichiari a Calcinato è stata soprannominata pattumiera d'Europa [150] . Solo in questa zona converge infatti il 76% dei rifiuti lombardi.

Inquinamento dell'aria

Il rapporto Mal'Aria di Legambiente del 2021 registra Brescia come una tra le 60 città italiane più critiche su 96 che risultano non in linea con i limiti per la tutela della salute umana dell' OMS [151] .

Brescia, insieme a Bergamo, ha il tasso di mortalità da PM2.5 più alto in Europa, secondo uno studio pubblicato da The Lancet nel 19 gennaio 2021 [141] [152] .

Uno studio dell' Università degli Studi di Brescia , pubblicato nel gennaio 2021 sulla rivista Environmental Research, associa significativamente l'inquinamento per polveri sottili all'eccesso di mortalità per Covid-19 che ha duramente colpito, tra le altre città lombarde, Brescia [153] .

Inquinamento del suolo

I bresciani manifestano contro l'inquinamento da PCB
Il SIN Brescia - Caffaro

Brescia è tristemente nota per essere, dopo Anniston negli USA , la seconda città al mondo per gravità della contaminazione da Policlorobifenili (PCB), inquinamento che interessa le acque e il suolo della periferia ovest della città, in prossimità dello stabilimento Caffaro. L'area della bonifica è stata dichiarata un sito di interesse nazionale [154] [155] [156] [157] .

Il sito include 262 ettari contaminati da PCB , PCDD - PCDF , arsenico , mercurio , derivanti principalmente dalle attività dell'ormai chiuso stabilimento chimico, collocato nel comune di Brescia. Il perimetro del sito include inoltre tre discariche, due nel comune di Castegnato e una nel comune di Passirano , utilizzate precedentemente per lo smaltimento di rifiuti della Caffaro. La contaminazione di PCB, diossine e furani ha raggiunto valori nel terreno migliaia di volte superiori ai limiti di legge. La contaminazione ha interessato le matrici alimentari prodotte nelle aree contaminate, ei soggetti che si sono alimentati con tali prodotti hanno livelli di PCB notevolmente più alti dei valori di riferimento [158] .

Si stima che per la bonifica completa dell'area occorrano circa 1,5 miliardi di euro [159] .

Estratto di un articolo del Giornale di Brescia, che evidenzia il rischio di contaminazione da Cesio-137 della falda acquifera nei pressi della ex cava Piccinelli

Le condizioni del sito sono estremamente critiche: se la falda acquifera sottostante venisse contaminata, le conseguenze sarebbero disastrose [160] .

L'11 gennaio 2021 sono emersi valori di concentrazione di cromo esavalente dieci/quindici volte maggiori di quelli rilevati nella serie storica di dati ad oggi disponibili [161] .

Inquinamento dell'acqua

ARPA Lombardia ha rilevato, nel corso degli anni, contaminazioni delle acque sotterranee di grave criticità, a causa di inquinanti quali cromo esavalente , nitrati , idrocarburi alifatici clorurati ( tetracloroetilene , tricloroetilene , tetracloruro di carbonio , triclorometano ), atrazina , desetil , arsenico , glifosato , terbutilazina, e altri [162] . La contaminazione dagli inquinanti sopracitati vede, tra le cause, il trattamento superficiale dei metalli (nel capoluogo e in Valle Trompia). I nitrati sono utilizzati nella zona Lonato - Montichiari - Calvisano ; i fitofarmaci in pianura, nel capoluogo e nelle valli (bentazone a Sellero e Gardone Valtrompia ); l'inquinamento da ammonio, arsenico, ferro e manganese è localizzato nella bassa pianura.

I risultati delle indagini di ARPA Lombardia individuano, come possibili attività potenzialmente inquinanti da cromo esavalente , la Concerie Italiane dell'Arsenale, Conceria Gobbi Amleto, Zincatura Botter, Balti Imed Cromatura, Ideal Standard/Ideal Clima [163] .

Inquinamento da materiali radioattivi

A Brescia sono presenti numerose discariche di materiali e rifiuti radioattivi , tra cui scorie d'acciaieria contaminate da Cesio-137 [164] , che rischiano di contaminare a loro volta le falde acquifere sottostanti.

Cultura

Istruzione

Biblioteche

La facciata della Biblioteca civica Queriniana

Al Sistema bibliotecario urbano appartengono la storica Queriniana , fondata dal Cardinal Querini negli anni quaranta del XVIII secolo, le biblioteche decentrate e le biblioteche specialistiche del Museo delle Scienze Naturali e dell'Istituto Pasquali Agazzi.

Sono inoltre presenti le seguenti biblioteche:

Nel luglio 2020 Brescia ha ottenuto il riconoscimento di " Città che legge " 2020-2021. [165]

Scuole

La facciata del conservatorio Luca Marenzio di Brescia
Il Liceo Scientifico Annibale Calini

A Brescia sono presenti numerose scuole, tra scuole dell'infanzia , primarie e secondarie di primo e di secondo grado , per poter far fronte alla grande domanda cittadina e provinciale.

Si contano sul territorio cittadino 58 scuole dell'infanzia, 49 scuole primarie, 18 secondarie di primo grado e circa una trentina di scuole secondarie di secondo grado, tra strutture pubbliche, private e paritarie.

Tra queste ultime è di notevole importanza cittadina il liceo classico Arnaldo , situato in pieno centro storico, all'interno dello storico palazzo Poncarali Oldofredi . Tra gli studenti più illustri del Liceo Arnaldo figurano Tito Speri , Camillo Golgi , Giuseppe Zanardelli , Mino Martinazzoli , Vittorio Sereni , Paolo Corsini , Emilio Del Bono , Omar Pedrini e Enrico Ghedi . Oltre a docenti quali Francesco Bonatelli , Cesare Arici , Rodolfo Vantini , Augusto Monti e Giuseppe Tonna . Un altro liceo di grande importanza è il Liceo Linguistico, Musicale e delle Scienze Umane " Veronica Gambara ", istituto storico, situato nel centro della città. In Brescia sono presenti anche tre licei scientifici, tra i quali si trova il Liceo scientifico statale Annibale Calini , istituto storico organizzatore di importanti manifestazioni culturali, come i Dies Fasti (nati nel 2001), caleidoscopico festival della cultura della durata di due giorni e il Booktrailer Film Festival (nato nel 2006), il primo concorso nazionale di booktrailer riservato agli studenti di scuole secondarie superiori, finalizzato a promuovere l'amore per la lettura. Gli altri Licei Scientifici sono: Nicolò Copernico e il Liceo scientifico statale Leonardo , questi ultimi nati entrambi da una costola del primo e situati nella periferia meridionale della città.

Ulteriori istituti importanti sono l'Istituto tecnico delle costruzioni, ambiente e territorio Nicolò Tartaglia , di recente accorpato con il Liceo Artistico Statale Maffeo Olivieri , polo di studio per tutti gli studenti di Brescia e provincia per l'architettura e la decorazione pittorica, che con la nuova intestazione raccoglie e aggiorna la missione educativa del precedente Istituto per Geometri; l' Istituto tecnico agrario statale Pastori che con i suoi 85 ettari di terreni, serre e stalle contribuisce all'attività agricola di Brescia e l' Istituto tecnico industriale Benedetto Castelli , che con i suoi 2000 studenti è considerato l'istituto più grande sul territorio urbano, polo scolastico per tutti gli studenti cittadini e della provincia , e "vivaio" per l'industria bresciana [166] .

Università

Università statale di Brescia sede di Medicina
Università statale di Brescia sede di Economia

Brescia gode di una buona copertura didattica sia per le facoltà presenti, che per il numero di corsi di laurea proposti ed un bacino di circa 25.000 studenti universitari.

La maggiore per numero di iscritti è l' Università degli studi di Brescia che si compone di quattro facoltà: Giurisprudenza , Economia , Medicina e Chirurgia ed Ingegneria , dislocate su tutto il territorio cittadino.

Il rettore dell'università è Maurizio Tira [167] ; succede a Sergio Pecorelli , il quale subentrò a sua volta, nel luglio 2010, ad Augusto Preti. Quest'ultimo venne eletto nel 1983 ed è stato il rettore che ha ricoperto più a lungo tale carica. La lunga durata del suo mandato fu nel 2006 al centro di una riflessione dell'allora Ministro dell'Università Fabio Mussi , che propose incarichi triennali rinnovabili una sola volta [168] .

È presente anche l' Università Cattolica del Sacro Cuore , che è sede distaccata di Milano, ed è situata in pieno centro storico cittadino.

Presenta 7 facoltà, di cui 6 afferenti alla sede di Milano: Lettere e filosofia , Sociologia , Psicologia , Scienze della formazione , Scienze linguistiche e Letterature straniere, e una afferente alla sede di Brescia: Scienze matematiche , fisiche e naturali .

A Brescia vi sono due accademie di belle arti attive:

La LABA [169] ovvero Libera Accademia di Belle Arti e l'Accademia di belle arti Santagiulia. [170]

È altresì presente un conservatorio intitolato a Luca Marenzio . [171]

Inoltre vi è l'istituto tecnico superiore Machina Lonati [172] , che propone un'offerta formativa post-secondaria parallela ai percorsi universitari.

Il Gallo di Ramperto (conservato all'interno del Museo di Santa Giulia ), con un'età di quasi 1200 anni, è considerato il più antico galletto segnavento esistente al mondo [173] [174] .

Musei

Armature di cavalieri, Museo delle Armi Luigi Marzoli

Eventi ospitati

Facciata del Palazzo Martinengo , sede di alcune mostre
Via dei Musei , così chiamata in quanto lungo questa via si trovano alcuni dei principali musei e spazi espositivi della città: il Palazzo Martinengo, il Parco archeologico del Foro Romano e il Museo di Santa Giulia

Negli ultimi anni Brescia ha conosciuto una spinta culturale: [175] il centro di tale opera è certamente il rinnovato museo di Santa Giulia. All'interno di tale ampio complesso, oltre ai reperti dell'età del Bronzo, alle domus dell'Ortaglia , e ad altri reperti di inestimabile valore storico ed artistico, in questi ultimi anni sono state tenute mostre e rappresentazioni quali: Il futuro dei longobardi nel 2000 [176] , che ha fatto parte di un progetto internazionale, dedicato a Carlo Magno ed alla costruzione dell' Europa , cui hanno partecipato anche le città di Paderborn , Barcellona , Spalato e York , " Vincenzo Foppa – Un protagonista del Rinascimento " nel 2002 [177] , una sorta di indagine scientifica sull'attività pittorica di Foppa uno dei protagonisti indiscussi del Rinascimento .

A partire dal 2004 a Brescia si è aperto il ciclo "Brescia, lo splendore dell'arte", curato da Linea d'ombra , una società di organizzazione di eventi espositivi guidata da Marco Goldin, che è durato fino al 2008 .

Il ciclo si è aperto con la mostra " Monet, la Senna, le ninfee " che si svolse a cavallo tra l'anno 2004 e il 2005 , contenente circa 130 dipinti di Claude Monet , divisi tra dipinti di gioventù, e quelli riguardanti la Senna , l' acqua , la natura e le ninfee , provenienti da vari musei mondiali [178] , che ha fatto contare oltre 400.000 visitatori [179] .

La mostra successiva fu dedicata a " Gauguin – Van Gogh. L'avventura del colore nuovo " tenutasi tra il 2005 e il 2006 , che portarono a Brescia circa 540.000 spettatori [180] , contenente circa 150 dipinti di Paul Gauguin e Vincent van Gogh , che venne poi seguita a cavallo tra il 2005 e il 2006 da un'esposizione su " Millet ", contenente sessanta capolavori dal Museum of Fine Arts di Boston del celebre pittore francese Jean-François Millet .

Il biennio successivo, ovvero il 2006- 2007 , vengono presentate due mostre in contemporanea, la prima dedicata a " Turner e gli impressionisti ", che racconta la grande storia del paesaggio moderno in Europa secondo i dipinti dell' impressionista William Turner e altri come Vincent van Gogh , Claude Monet , John Constable , Alfred Sisley , la seconda dedicata a Mondrian , che raccoglie circa 80 opere del pittore olandese [181] .

La mostra " America! Pittura dal nuovo mondo " tenutasi dal 2007 al 2008, raccoglie le opere principali della pittura statunitense del XIX secolo , comprendendo opere di artisti americani quali Thomas Cole , Albert Bierstadt e Frederic Edwin Church [182] , mentre nel 2008- 2009 l'esposizione " Van Gogh – I disegni ", composta da ottantacinque opere disegnate dall' artista olandese , concluse l'avventura di Marco Goldin a Brescia. Infatti la giunta comunale di Adriano Paroli , insediatasi nell'aprile 2008, affidò le nuove politiche culturali a Giorgio Cortenova, per ventisette anni responsabile della Galleria d'arte Moderna di Verona . [183] .

Altre mostre, quali " Impressionisti francesi, italiani, europei ", e nel 2003 " Andy Warhol: un mito americano ", sono state organizzate nel Palazzo Martinengo .

Eventi di dimensioni inferiori sono la storica Mille Miglia , corsa rievocativa a tappe, che ogni anno tra aprile e maggio richiama nel territorio cittadino un grandissimo numero di appassionati da tutto il mondo, tra piloti e semplici curiosi e la fiera internazionale delle armi sportive e da caccia che si svolge presso la nuova struttura espositiva di Brescia nei primi giorni di aprile.

In ambito musicali gli eventi maggiori sono il Festival Pianistico Internazionale "Arturo Benedetti Michelangeli" , festival pianistico dedicato ad Arturo Benedetti Michelangeli che nel 2009 è giunto alla sua 46ª edizione, che si svolge al Teatro Grande tra i mesi di aprile e giugno, Le Dieci Giornate di Brescia , festival di musica classica che si svolge nei principali luoghi artistico-culturali cittadini a settembre, e Le Settimane Musicali Bresciane , rassegna culturale con particolare sensibilità alla musica classica dalla cadenza variabile.

Il comune organizza tra i vari eventi due feste molto sentite ed apprezzate dalla cittadinanza. La prima verso inizio settembre è la Festa del gemellaggio , istituito con le città di Darmstadt ( Germania ) Logroño ( Spagna ), curato dall'Assessorato al Turismo Comune di Brescia, e la Fiera di Santa Lucia , in dicembre, formata da bancarelle di artigianato locale e italiano organizzate ad ogni ricorrenza del giorno festivo della santa che, secondo tradizione, porta doni ai bambini bresciani nella giornata del 13 dicembre.
L'iniziativa, dopo quattro anni di esistenza, è stata soppressa.

Dal 4 dicembre 2009 al 27 giugno 2010 il museo di Santa Giulia ha ospitato una mostra riguardante la civiltà precolombiana degli Inca che ha totalizzato oltre 273.000 visitatori, piazzandosi al secondo posto tra le mostre più visitate in Italia nel corso della stagione, dopo quella dedicata al Caravaggio a Roma.

Dall'11 febbraio al 12 giugno 2011 , sempre presso il museo di Santa Giulia, hanno avuto luogo in contemporanea due mostre: Matisse . La seduzione di Michelangelo ed Ercole il fondatore .

In occasione dell' Expo 2015 , la città di Brescia ha organizzato diversi eventi culturali. Dal 24 gennaio al 14 giugno 2015 il Palazzo Martinengo ha ospitato la mostra Il cibo nell'arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol in cui sono state esposte un centinaio di opere di diversi autori, tra i quali Vincenzo Campi , Ambrogio Figino , Magritte , de Chirico e Andy Warhol [184] .

Dal 9 maggio 2015 al 17 gennaio 2016 il museo di Santa Giulia ospita una grande mostra organizzata dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo dal titolo Brixia. Roma e le genti del Po , in cui sono esposti reperti archeologici provenienti da alcuni dei più importanti musei italiani [185] .

Dal 20 novembre 2015 al 15 febbraio 2016, sempre il museo di Santa Giulia organizza la mostra March Chagall. Opere russe 1907-1924 , in cui sono esposte 33 opere inedite del celebre pittore russo, in "dialogo" con dipinti realizzati dal Premio Nobel Dario Fo [186] .

Media

Stampa

Il quotidiano cittadino più letto nel territorio della provincia di Brescia è il Giornale di Brescia , grazie ad una diffusione di 33.652 copie [187] .
Nato il 27 aprile 1945 , dopo la seconda guerra mondiale , è edito dall'Editoriale Bresciana SpA, costituita due anni dopo la fondazione del giornale, nel 1947 .

È stato primo organo di stampa del Comitato di Liberazione Nazionale , e secondo la descrizione fornita dalla direzione, l'obiettivo del quotidiano è quello di perseguire intenti di difesa dei valori della libertà e democrazia , favorire il progresso civile, culturale ed economico, ispirandosi a valori di tipo cristiano-cattolico [188] . Il Giornale si è sempre mosso nell'area del liberalismo cattolico, con un orientamento politico moderato.

Sede del Giornale di Brescia

Bresciaoggi , è il secondo quotidiano edito in città, e fa parte del Gruppo Athesis (che tra gli altri controlla i quotidiani L'Arena e Il Giornale di Vicenza ), tramite la sub- holding Edizioni Brescia SpA [189] . Il quotidiano si propone come organo di informazione e di opinione indipendente e libero, con l'obiettivo primario di riportare i principali avvenimenti di Brescia e Provincia. Il giornale si è distinto sin dalla sua nascita per le ampie e originali inchieste sui temi di maggiore attualità, consolidando lo stretto legame tre la realtà economica, culturale, sociale e storica di Brescia e della sua provincia [190] .

Il Brescia è stato (dal 2006 al 2010) il terzo quotidiano, per ordine di importanza, della provincia di Brescia. È stato fondato dal Gruppo E-Polis di Cagliari . Particolarità de Il Brescia, come del resto dei quotidiani targati E Polis era la formula free pay: gran parte dei giornali stampati venivano diffusi gratis attraverso le reti distributive commerciali (esercizi commerciali e ipermercati) mentre una minima parte era in vendita in edicola. In seguito a una crisi economica le pubblicazioni di tutte le testate locali del gruppo sono state sospese nel luglio 2010. La società ha dichiarato fallimento nel gennaio 2011.

Dall'ottobre 2011 il Corriere della Sera ha inaugurato il Corriere della Sera Brescia con uscite dal martedì alla domenica in tutta la provincia [191] .

Altri quotidiani da segnalare – dopo la chiusura delle edizioni bresciane dei giornali a diffusione free pay, ovvero City , In Città, Leggo , Metro – sono quelli disponibili in versione on-line, tra cui: BresciaToday (edito da Citynews ), BsNews.it (fondato nel 2007), Qui Brescia (da non confondere con il cartaceo).

A Brescia è edito altresì il settimanale La Voce del Popolo [192] .

Inoltre nella città hanno sede diverse case editrici , tra cui Editrice La Scuola [193] , la Morcelliana [194] e la Queriniana . [195]

Radio

Televisione

Teletutto, Brescia Telenord, Radio Bresciasette e Radio Classica Bresciana appartengono allo stesso gruppo: l' Editoriale Bresciana .

Teatro

Il Teatro Grande
Il Teatro Sociale

I principali teatri della città sono:

Cucina

Brescia e la sua provincia rappresentano una terra ricca di sapori dalla gastronomia particolarissima, giocata fra due poli: la cucina contadina dell'entroterra e delle valli e quella di pesce dei laghi d'lseo e Garda. I celebratissimi casoncelli bresciani, il risotto alla pitocca, le belle schidionate di quaglie e piccioni per polenta, i volatili domestici (pollo, gallina, cappone) con saporiti ripieni e la specialità del piccione farcito alla bresciana, la persicata [196] [197] [198] , sono specialità della gastronomia del Medioevo e del Rinascimento tramandatisi quasi senza aggiornamenti e fatti propri, negli ultimi decenni dalla ristorazione anche agrituristica, a rappresentare gli aspetti più raffinati del gusto tradizionale, in abbinamento con i grandi vini DOCG della Franciacorta e DOC di Lugana, del Garda Classico, di San Martino della Battaglia, di Cellatica, di Botticino e di Capriano del Colle. Il piatto principale è lo spiedo bresciano . L'anima popolare della cucina bresciana offre però le sue prove migliori nei piatti di polenta , tipicamente quella taragna (in Valsabbia detta Tiragna) e di riso e nei semplici cibi in cui si avverte ancora il profumo dell'aia e del camino. Dalla ormai dimenticata polenta e saracca a quella con le cotiche, da quella con il baccalà a quella con il sugo di maiale; e, ancora, polenta con gli uccellini, con i funghi, con le verdure, con il coniglio in sguazzetto. E poi il riso alla campagnola con le verdure, il risotto con gli spinaci selvatici, gli strangolapreti, i bigoli con le sardelle e la pastissada de caval di chiara origine veneta, le frittate rustiche di verdure o salumi. Per non dimenticare gli altri grandi protagonisti della gastronomia bresciana i salumi ei formaggi. Il più noto fra tutti è il Bagòss , dal gusto robusto e dall'aroma tipico con cui si designa il più diffuso prodotto della zona [199] . Una menzione speciale va all'aperitivo bresciano per antonomasia: il pirlo .

Nel 2015 Brescia e la sua provincia sono state inserite dall' IGCAT ( International Institute of Gastronomy, Culture, Arts and Tourism ) nel progetto gastronomico Lombardia Orientale Regione Europea della Gastronomia 2017 , insieme alle città e alle province di Bergamo , Cremona e Mantova [200] .

Cinema: la città come scenario

Brescia ha una storia di cinema amatoriale e indipendente molto ricca, grazie anche alla presenza di molte aziende in grado di finanziare queste produzioni locali. La città è stata utilizzata come set per cortometraggi, mediometraggi e pubblicità. In alcuni casi il paesaggio cittadino è divenuto coprotagonista delle storie narrate, in particolare nei primi anni settanta, quando, per volontà del regista e produttore Roberto Infascelli , divenne il set di due notissimi poliziotteschi, filone che si interruppe a causa dei fatti conseguenti la strage di Piazza della Loggia nel 1974 [201] . Più frequente è il ricorso alle location offerte dalla vasta provincia Brescia, in particolare l'arco alpino e il Lago di Garda. La prima volta di Brescia al cinema è nel filmato Brescia alle due del pom. sul Corso del Teatro , proiettato in città il 31 agosto 1899 al Teatro Guillaume (rinominato in seguito Teatro Sociale) in cui si vedono persone a passeggio sul corso di fronte al Teatro Grande [202] [203] .

Usando come ambientazione prevalente la città di Brescia sono stati girati [204] [205] :

Alcuni scorci della città di Brescia compaiono anche in:

Geografia antropica

Urbanistica

Il centrale Corso Zanardelli
Vista del centro storico al tramonto

Recentemente è stato completato il quartiere di Sanpolino , costituito da edifici costruiti in edilizia residenziale convenzionata ed il Borgo Wührer – particolare idea di quartiere interamente vietato alle auto, dato che dispone di un parcheggio sotterraneo di due piani – destinato ad abitazioni, ad uffici e ad attività commerciali e che è stato ricavato sul terreno dell'antica fabbrica di birra Wührer .

Sono in atto in città altre grandi trasformazioni urbanistiche da nord a sud. Tra esse, c'è il Comparto Milano , riqualificazione della zona industriale costruita un tempo a ridosso del centro storico, che presenterà l'apertura di nuovi musei ed alberghi. All'interno del comparto è stato realizzato il centro commerciale Freccia Rossa , inaugurato il 22 aprile 2008 e ora in ampliamento, considerato il primo vero centro commerciale sul suolo cittadino.

La nascita di Borgo San Nazzaro , progetto di riqualificazione dell'antico comparto cittadino dei Magazzini Generali posto nei pressi del quartiere Don Bosco , firmato da Daniel Libeskind , che, teoricamente, avrebbe previsto la nascita di un polo abitativo all'avanguardia, avrebbe dovuto comprendere anche un grattacielo. [215] . Libeskind oltretutto era tra i progettisti della " Eb tower ", la sede del gruppo Editoriale Bresciana che sarebbe dovuta sorgere in via Solferino, al posto della sede del Giornale di Brescia . Il progetto, tuttavia, è stato sospeso. [216]

Nei progetti di riqualificazione delle zone industriali è presente anche la Torre Fuksas , una torre di quattordici piani a tre blocchi che prende il nome dal suo progettista, Massimiliano Fuksas , e che fa parte del complesso denominato 28 Duca d'Aosta .

A questi progetti in via di sviluppo, o di ultimazione, si aggiungono anche le migliorie al Comparto Fiera, denominato Brixia Expo, e la realizzazione delle Tre Torri, visibili dalla tangenziale , e situate in via Labirinto.

Sono in atto inoltre progetti per la riqualificazione di alcune delle cinque caserme presenti in città, [217] [218] [219] il "Progetto Carmine", che prevede l'ammodernamento dello storico quartiere [220] popolare del centro storico , e il "Progetto Da Marte a Martina", tavoli di progettazione partecipata per la riqualificazione delle aree militari dismesse come Campo Marte e la Polveriera di Mompiano [221] .

Grattacieli di Brescia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Costruzioni più alte della città di Brescia .
Il Crystal Palace e gli edifici di Bresciadue

Brescia presenta nella propria area comunale edifici di elevata altezza, tra cui ricordiamo:

  1. Crystal Palace , costruito nel 1990, alto 110 m
  2. CAP Tower , costruito nel 1993, alto 82 m
  3. Skyline 18, costruito nel 2013, alto 80 m
  4. Tre Torri, costruite nel 2008, alte 75 m
  5. Futura, costruita nel 2010, alta 70 m
  6. Torre Cimabue, costruita nel 1985, alta 63 m
  7. Torre Tintoretto, costruita nel 1985, alta 63 m
  8. Torre Fuksas, costruita nel 2011, alta 60 m
  9. Torre Kennedy, costruita nel 2002, alta 57 m
  10. Torrione INA , costruito nel 1932, alto 57 m. Progettato da Marcello Piacentini , è il primo grattacielo costruito in Italia [42] .

Economia

L'economia provinciale e cittadina si divide tra industria , commercio , artigianato, servizi , agricoltura e turismo .

Come gran parte dell'economia del nord Italia , il complesso bresciano è costituito soprattutto da piccole-medie imprese, con la presenza di grandi industrie, che vanno dal settore alimentare a quello metalmeccanico .

Agricoltura

Il vigneto Pusterla visto dal castello

La viticoltura è considerata il comparto agricolo più importante del sistema agroalimentare bresciano. Il territorio comunale di Brescia rientra nella zona di produzione di diversi vini : una tipologia a denominazione di origine controllata e garantita , ovvero il Franciacorta [222] , tre vini DOC ( Botticino [223] , Cellatica [224] e Curtefranca [225] ) e un vino IGT (Ronchi di Brescia [226] ). Inoltre, nel centro storico della città, lungo il versante settentrionale del Colle Cidneo , si estende il vigneto urbano più grande d'Europa, chiamato Vigneto Pusterla [227] , caratterizzato dalla coltivazione dell'Invernenga, vitigno autoctono a bacca bianca presente a Brescia fin dall'epoca romana [228] .

Nel resto della provincia sono prodotti altri sei vini DOC e quattro tipologie IGT [229] .

Un altro settore molto importante in provincia è quello dell' olivicoltura , in cui la zona del Garda gioca un ruolo importante, coinvolgendo un gran numero di imprese tra raccolta, lavorazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti. Al momento sono state registrate, in sede europea, due DOP degli oli extravergini d'oliva, e sono: l'olio Garda e Laghi lombardi . Dato l'elevato grado di redditività del settore sono previsti rigidi regolamenti per la pratica di questa attività [230] .

Proprio a Brescia sorge uno dei più stimati istituti del nord Italia: l' Istituto tecnico agrario statale Pastori che indirizza numerosi studenti all'attività agricola con il diploma di Perito agrario .

Industria

La pistola Beretta 1935 dell' omonima e storica fabbrica di armi bresciana

La Confindustria locale, l' Associazione Industriale Bresciana (AIB), è stata la prima associazione industriale fondata in Italia il 14 aprile 1897 [231] . Le imprese attive in provincia di Brescia, molte delle quali operano nell'area urbana, sono 90.000 [232] . Le principali attività industriali sono quelle meccaniche , specializzate nella produzione e distribuzione di macchine utensili , centralizzate intorno alla Val Trompia .

Importante è anche la produzione di mezzi di trasporto , una su tutte l' OM , che ha sede sul territorio cittadino e produce i camion Iveco ; vi si aggiunge, inoltre, la produzione di armi , tra cui ricordiamo la Beretta e la Tanfoglio di Gardone Val Trompia e la Perazzi di Botticino .

Molto importante l' industria metallurgica , che dagli anni 1970 ha visto salire alla ribalta il cosiddetto Distretto del tondino , che comprendeva i territori della bassa Val Trompia , e più precisamente quelli di Lumezzane e Sarezzo , e che è ancora attivo con numerose aziende sparse per tutta la provincia. Famosa la Redaelli, società leader nelle funi e cavi di acciaio (funivie, sollevamento, offshore, etc.) di Gardone Val Trompia BS. Importante il distretto di Odolo in Valle Sabbia , che fino agli anni novanta produceva il 30% del tondino nazionale.

Nella periferia cittadina, rispettivamente lungo la Tangenziale Sud e la Tangenziale Ovest , sono presenti due acciaierie l' Alfa Acciai e la Ori Martin . In città hanno inoltre sede diversi gruppi industriali, tra cui possiamo ricordare il Gruppo Lucchini , la Feralpi e la Camozzi Group . La produzione di posate e di rubinetti , concentrata nella zona lumezzanese, insieme al comparto tessile , calzaturiero e d' abbigliamento , concentrati nella zona di Rezzato , costituiscono settori cruciali per l'industria bresciana, così come la produzione di materiali per l' edilizia , e laterizi , che vanno ad alimentare il settore delle costruzioni – in forte espansione, date le riqualificazioni urbanistiche in atto.

Degna di nota è la fabbrica di birra più antica d'Italia, la Wührer .

Servizi

Negli ultimi quaranta anni è aumentata l'importanza dei settori bancario, commerciale e della comunicazione. Tra le aziende cittadine più quotate vi è il gruppo A2A (frutto della fusione tra ASM Brescia , AEM Milano ed AMSA ) e la Centrale del latte di Brescia , controllata dall'amministrazione cittadina.

Vi sono anche le filiali di banche ed attività finanziarie. Negli ultimi anni, a seguito del processo di aggregazione bancaria, la città ha perso la sede delle sue due principali banche: Bipop-Carire , parte del gruppo Unicredit , e Banca Lombarda , quest'ultima fusasi con la bergamasca Banche Popolari Unite per formare il gruppo UBI Banca , quarto gruppo bancario d'Italia, con numerose sedi di divisione nella città (fonte dati Il Sole 24 ore, Banca d'Italia). Tra i finanzieri più importanti vanno ricordati Giovanni Bazoli (presidente di Intesa SanPaolo ), ed Emilio Gnutti e Romain Zaleski .

Settore sempre in via di sviluppo è quello della ristorazione , che a Brescia presenta 917 bar e 719 ristoranti [233] , che garantiscono un servizio turistico di tipo eno - gastronomico di tutto rispetto.

Termovalorizzatore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Inceneritore e Teleriscaldamento .

A sud della città è in funzione il più grande inceneritore d'Europa, realizzato e gestito dalla società A2A , che ha coniato per questa macchina il nome termovalorizzatore . [234] [235] Esso è composto da tre unità di combustione, due alimentate con rifiuti e una con le cosiddette « biomasse », un termine il cui uso è però contestato dagli ambientalisti [236] . Grazie alla rete del teleriscaldamento è possibile produrre non solo energia elettrica ma anche recuperare energia termica in quantità rilevanti, convogliando il calore prodotto nella rete del teleriscaldamento, fino alle abitazioni dei singoli utenti.

La città, infatti, è stata la prima in Italia a dotarsi, nel 1972 [237] , della rete di teleriscaldamento .

Turismo

Veduta del centro storico

Il settore turistico sta diventando sempre più importante per l'economia cittadina. Brescia negli ultimi anni ha infatti accresciuto la propria attrattività turistica, grazie alla sua recente iscrizione nella lista dei Patrimoni dell'umanità e alla vicinanza con i laghi di Garda e d' Iseo , che distano non più di 30 km. In 10 anni il numero di visitatori è aumentato del 172%, passando da 146.171 nel 2005 [238] a 251.232 nel 2015 [239] [240] [241] .

Tra le principali attrazioni di Brescia possiamo ricordare: il museo di Santa Giulia e le mostre ed iniziative da esso proposte, la zona archeologica del foro romano con il Capitolium e il castello di Brescia , oltre che la rinnovata pinacoteca Tosio Martinengo . Altri punti di interesse artistico-culturale della città sono le quattro piazze principali di Brescia – piazza Paolo VI di epoca medievale, con il duomo vecchio e il duomo nuovo , la rinascimentale piazza della Loggia , la piazza del Mercato e la razionalista piazza della Vittoria , inaugurata da Benito Mussolini e sormontata dal Torrione INA , considerato il primo grattacielo d'Europa costruito in cemento armato – collegate tra loro da portici, gallerie coperte e passaggi pedonali. Durante l'anno si svolgono diverse manifestazioni organizzate dalle varie associazioni presenti sul territorio (come, ad esempio, la Mille Miglia ), che richiamano visitatori da fuori città.

Infrastrutture e trasporti

Strade

La Tangenziale Sud di Brescia
La BreBeMi , collega Brescia a Milano

Strade

La città è attraversata dall' Autostrada A4 , che la collega a Torino , Milano , Bergamo , Verona , Venezia e Trieste , ed è punto terminale dell' Autostrada A21 , che la collega a Cremona , Piacenza e nuovamente Torino con un percorso più meridionale rispetto all'A4.

  • Autostrada A4 TorinoTrieste – Strada europea: E55 – E64 – E70. (Caselli di Brescia Ovest , Brescia Centro e Brescia Est )
  • Autostrada A21 Torino – Brescia – Strada europea: E70. (Caselli di Brescia Centro e Brescia Sud nonché il relativo raccordo corda molle )
  • Autostrada A35 BreBeMi , aperta nel luglio 2014, che collega direttamente Brescia a Milano attraverso la A58 - TEEM . Da luglio 2014 a novembre 2017 la A35 (che prima prendeva avvio sulla SP19 nei pressi di Travagliato) era collegata alla tangenziale sud di Brescia tramite un raccordo gestito da Brebemi spa. Ora la A35 comincia nei pressi del "seppiolone", alla barriera di Castegnato (in uscita dalla A4), a ovest di Antezzate.

Tangenziali

La città di Brescia è dotata di un sistema di tangenziali :

Quest'ultima, unita ad un tratto di via Oberdan e alla Tangenziale Montelungo, permette al traffico proveniente dalla Val Trompia (ex Strada statale 345 delle Tre Valli e via Triumplina) e diretto alle autostrade A4 e A21 di evitare il passaggio all'interno dei quartieri settentrionali e occidentali della città. Il precedente raccordo verso l'autostrada A35, aperto nel luglio 2014 all'estremo ovest della tangenziale sud (ovvero quando cambia da SPBS 11 a SPBS 510), da novembre 2017 non esiste più in quanto ora la A35 comincia proprio nei pressi: dal "seppiolone" [242] [243] si stacca un brevissimo raccordo che porta alla vicina barriera A35 [244] .

L' amministrazione provinciale di Brescia sta studiando la possibilità di costruire una strada a scorrimento veloce, denominata informalmente tangenziale Est , che colleghi il villaggio Prealpino, posto a nord della città, con la frazione di Buffalora , tramite una galleria che attraversi il Monte Maddalena [245] .


Strade statali e regionali

La città è attraversata da numerose strade statali, che in base alla riforma del Codice della Strada del 1998 sono state riclassificate come regionali e affidate dalla Regione Lombardia all' amministrazione provinciale .

La Strada statale 11 Padana Superiore che collega Torino e Venezia è conosciuta, nel tratto cittadino, come Tangenziale Sud di Brescia .

Era punto di partenza della Strada statale 510 Sebina Orientale , che collega Brescia alla Val Camonica , più precisamente a Darfo Boario Terme , della 235 di Orzinuovi , che collega Brescia e Pavia , della 236 Goitese , asse Brescia- Mantova , della 237 del Caffaro , arteria di congiunzione tra il capoluogo lombardo e la provincia di Trento , della Strada statale 45 bis Gardesana Occidentale che collega Brescia con il Lago di Garda e con la Provincia di Trento e della 345 delle Tre Valli , terminante a Breno .

Ferrovie e tranvie

La stazione di Brescia

La stazione di Brescia , inaugurata il 24 aprile 1854, è situata lungo la ferrovia Milano-Venezia ed è anche punto di partenza per le linee Brescia-Iseo-Edolo , Brescia-Cremona , Brescia-Parma , oltre che per il collegamento con Lecco .

Alla stazione di Brescia hanno inoltre termine i binari della linea in Alta Velocità che originano da Milano.

Nel territorio del comune, inoltre, si trovano due impianti della linea per Edolo :

La città è dotata anche, nel quartiere di Chiesanuova, di un esteso scalo merci, l'impianto di "Brescia Scalo", colloquialmente noto come "La Piccola" poiché da qui transitano su ferro le merci pesanti, cioè in "Piccola Velocità", secondo la dicitura particolare delle Ferrovie dello Stato.

In passato la città era capolinea di un'estesa rete di tranvie extraurbane che caratterizzarono il paesaggio della pianura padana:

Aeroporti

A circa 15 km dal centro della città si trova l' aeroporto di Brescia-Montichiari , dedicato a Gabriele D'Annunzio e per la maggior parte proprietà dell'ente di gestione del Valerio Catullo nel veronese .

La doppia denominazione Brescia-Montichiari è dovuta proprio alla vicinanza che questa aerostazione ha con il centro della città, pur mantenendosi in territorio della provincia .

A pochi chilometri dall'aeroporto di Brescia-Montichiari si trova l'aeroporto militare Luigi Olivari di Brescia-Ghedi .

Mobilità urbana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti a Brescia .
Classico bus cittadino

La città è dotata di una rete di trasporti pubblici automobilistici composta da 16 linee che serve anche 14 comuni dell'hinterland cittadino per un bacino d'utenza di 360.000 abitanti. Il numero di viaggiatori annuo del 2006 è stato pari a 39 milioni [246] . Dal 2003, il servizio è garantito da Brescia Trasporti che si è aggiudicata la gara indetta dall'amministrazione comunale.

Una rete tranviaria urbana operò a Brescia fra il 1882 e il 1949 .

La mobilità verso la provincia è garantita da due consorzi di trasporti automobilistici extraurbani:

Inoltre, il collegamento con la zona del Lago d'Iseo e con la Val Camonica è servito dalla società Ferrovie Nord Milano Autoservizi in regime di proroga provvisoria della concessione precedente [248]

Metropolitana

Interno vagone della metropolitana di Brescia.
Stazione di BresciaDue della metropolitana di Brescia.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Metropolitana di Brescia .

Brescia è servita da una linea di metropolitana leggera che collega i quartieri nord a quelli della zona sud-est, passando per il centro storico.

La lunghezza complessiva della tratta funzionale, tra le stazioni capolinea Prealpino e Sant'Eufemia, è di 13,7 km, di cui:

  • 6 km in galleria profonda, scavata con scudo meccanizzato ( TBM ), nella parte centrale del tracciato;
  • 4,7 km in trincea coperta ;
  • 1,3 km a raso;
  • 1,7 km in viadotto sopraelevato.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Brescia .

Il sindaco di Brescia è Emilio Del Bono ( PD ), eletto per la prima volta al ballottaggio il 10 giugno 2013 e rieletto al primo turno per un secondo mandato il 10 giugno 2018 .

Egli è a capo di una giunta sostenuta da Partito Democratico , Liberi e Uguali e indipendenti.

Circoscrizioni e Quartieri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Brescia .
Le circoscrizioni di Brescia (2007-2013)

Recependo la legge 278/1976, nell'aprile del 1977 il Comune fu riorganizzato in nove circoscrizioni , mentre i quartieri vennero mantenuti come sottodivisioni con finalità puramente statistiche. I primi consigli di circoscrizione furono nominati dal Consiglio comunale e rimasero in carica fino alle amministrative del 1980, quando i nuovi furono eletti direttamente dai cittadini.

Nel 2007, la Giunta Corsini decise di ridurre il numero delle circoscrizioni portandole a cinque, con le seguenti denominazioni: Nord, Centro, Est, Ovest e Sud.

Con le modifiche apportate dalla legge 42/2010, il Comune di Brescia fu costretto a sopprimere le circoscrizioni. I cinque consigli circoscrizionali, eletti nel 2008, rimasero in funzione fino alla naturale scadenza del Consiglio comunale, avvenuta nel giugno 2013.

Per non privare la città di una forma di governo di prossimità, nell'ottobre 2013 la Giunta Del Bono manifestò l'intenzione di voler restituire alcune funzionalità ai quartieri dotandoli di consigli, eletti dai cittadini, e di assemblee a partecipazione diretta. Nel luglio 2014 il Consiglio comunale votò a favore della proposta ed attuò alcune rettifiche di confine. In quell'occasione fu soppresso il quartiere di San Polo che venne sostituito da quattro nuovi quartieri: San Polo Case, San Polo Cimabue, San Polo Parco e Sanpolino. A fini statistici, i 33 quartieri sono stati radunati in cinque Zone che riprendono la precedente suddivisione delle cinque circoscrizioni.

A partire dal dicembre 2014 [ senza fonte ] ognuno dei 33 quartieri della città è rappresentato da un consiglio di quartiere eletto direttamente dai cittadini che resta in carica cinque anni con funzioni consultive nell'interlocuzione con la Giunta comunale.

Di seguito il prospetto dei quartieri e delle circoscrizioni di Brescia (2007-2013):

Nord Ovest Centro Est Sud
Mompiano (11) Chiusure (5) Brescia Antica (1) Caionvico (16) Fornaci (9)
Villaggio Prealpino (15) Fiumicello (7) Porta Milano (3) Sant'Eufemia (18) Chiesanuova (20)
San Rocchino (29) Primo Maggio (26) Centro Storico Nord (4) Buffalora (13) Villaggio Sereno (24)
Borgo Trento (2) Urago Mella (21) Porta Venezia (14) San Polo (19) Don Bosco (6)
San Bartolomeo (17) Villaggio Badia (23) Centro Storico Sud (27) Folzano (8)
Sant'Eustacchio (28) Villaggio Violino (25) Crocifissa di Rosa (30) Lamarmora (10)
Casazza (22) Porta Cremona-Volta (12)
Piazzale Arnaldo, situato nel centro storico cittadino
Vista aerea della periferia della città

Consolati

Brescia è sede dei seguenti consolati onorari [249] :

Gemellaggi

Brescia è gemellata con:

Sport

Atletica

Atletica Brescia 1950 - campione d'Italia 2019

Ha sede nel comune la società di atletica femminile Atletica Brescia 1950. Nel 1988 la società fu premiata con la Stella d'argento al merito sportivo del CONI, ha vinto più volte i campionati italiani in numerose categorie. [262]

In città sono presenti altre società di atletica leggera come il CSSR San Rocchino, la Brixia atletica 2014 e il CUS Brescia . in Città ha sede il comitato provinciale della FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera).

A Brescia Sara Simeoni nel 1978 stabilì il record mondiale di salto in alto con 2 metri e un centimetro.

Calcio

Una formazione del Brescia nella stagione 1966-67

Ha sede legale in città la società Brescia Calcio [263] , militante nel campionato di Serie B per la stagione agonistica 2020-2021.

A Capriolo ha sede la società Brescia Calcio Femminile . La squadra si è laureata campione d'Italia nelle stagioni 2013-2014 [264] e 2015-2016 . Il Brescia ha ceduto il proprio titolo sportivo per la partecipazione al campionato di Serie A 2018-2019 al neonatoMilan , sezione femminile dell' AC Milan .

Ciclismo

Per diverse volte Brescia è stata sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia , la prima nel 1930 , l'ultima nel 2013. Inoltre Brescia ha ospitato nel 2013 il gran finale del Giro d'Italia.

L'arrivo finale del Giro d'Italia 2013 a Brescia

Tappe del Giro d'Italia con arrivo a Brescia:

Oltre al Giro d'Italia, a Brescia e provincia dal 2001 viene organizzato il Brixia Tour , una gara a tappe che si svolge ogni anno.

Cricket

La passione per il cricket, sport prediletto dagli inglesi, è cosa recente nel bresciano ed è dovuta all'immigrazione soprattutto di origine asiatica, pakistana e indiana. Dal 2014 è presente la Janjua Cricket Club Brescia asd, un'associazione sportiva che conta oltre 50 iscritti ed affiliata alla FCrI Federazione Cricket Italiana e partecipa ai campionati nazionali. La prima squadra milita in serie A e nel 2018 ha vinto la Coppa Italia.

Ginnastica artistica

La società di Brixia Gym milita in Serie A1 da anni e detiene numerosi scudetti, di cui 8 vinti consecutivamente tra il 2003 e il 2010; è una tra le società più di spicco nel panorama della ginnastica artistica femminile, sia a livello italiano che europeo: ha annoverato tra le sue fila le azzurre olimpioniche Francesca Morotti, Monica Bergamelli , Erika Fasana , Vanessa Ferrari .

Pallacanestro

Nel 2009 Brescia è tornata ad avere una squadra cittadina con la fondazione del Basket Brescia Leonessa , iscritta alla Divisione Nazionale A , girone est di pallacanestro , dopo l'addio nel 1996 dello storico Basket Brescia [265] . Nel 2011 la squadra si è laureata Campione d'Italia Dilettanti e ha conquistato la promozione nel campionato di Legadue . Nel 2016 vince il campionato di Legadue ed entra a fare parte dei 16 team della Serie A dove nel 2018 ha raggiunto dopo un ottimo terzo posto la semifinale scudetto perdendo contro Olimpia Milano

Pallanuoto

La compagine cittadina di pallanuoto è la società Associazione Nuotatori Brescia , che partecipa alla Serie A1 è vincitrice di due scudetti e campione d'Italia in carica (2021), tre coppe Italia, quattro coppe LEN (2002 - 2003 - 2006 - 2016) [266] ; fa capo alla medesima associazione altresì la società Brescia Waterpolo , militante nel campionato di Serie A2 [267] [268] .

Pallavolo

La Pallavolo Brescia neopromossa nel campionato di Serie A1 1991-1992

L' Atlantide Pallavolo Brescia , che milita nel campionato di serie A2 di pallavolo , è l'unica rappresentativa avente sede in città.

Rugby

Sono presenti due società che militano nei campionati seniores:

  • il Brescia Rugby tuttora militante in Serie A1 ;
  • il Marco Polo CUS Brescia , nato dalla fusione tra Marco Polo RFC e CUS Brescia .

È inoltre presente il Rugby Club Fiumicello , società giovanile fondata nel 1984 da alcuni appassionati dell' omonimo quartiere dell'oltremella .

Scherma

La società Schermabrescia opera sul territorio bresciano dal 1987. Il bresciano Andrea Cassarà ha vinto l'oro nel fioretto individuale ai Mondiali 2011 .

Mille Miglia

La Mille Miglia a Brescia (2013)

Punto di partenza e di arrivo della storica competizione d'auto d'epoca Mille Miglia , gara storica che si tiene normalmente nel mese di maggio su un tracciato variabile tra Brescia e Roma. Sono ammesse alla competizione le vetture prodotte prima del 1957 , anno in cui, per motivi di sicurezza, fu sospeso lo svolgimento della versione originale delle Mille Miglia gara di velocità .

Altri sport

La città è sede della Cavallerizza Bettoni , una fra le più antiche società sportive equestri italiane.

Il CUS Brescia Baseball , unica squadra di baseball su tutto il territorio bresciano. Fondata nel 1987 e affiliata in seguito al Centro Universitario Sportivo. Dal 2015 militante nel campionato di Serie A federale.

I Bengals Brescia militano nella serie A del campionato di football americano e vincitori del Superbowl 2009, 2011 e 2012. Sono l'unica squadra di football americano della città; eccezion fatta per la breve parentesi dei Terminators Brescia nel 2013, ch'eppure nel loro unico anno di vita riuscirono a conquistare il Superball.

È presente anche una società di tennistavolo , l' Associazione sportiva tennistavolo Brescia che milita in serie B1 del campionato nazionale .

Da alcuni anni la città ospita anche una squadra di ultimate frisbee , Bubba Brescia. Sono ospitati dall'associazione CUS Brescia e per l'anno 2012 militeranno nella serie B del campionato italiano open di ultimate frisbee .

Due campi da golf, uno vicino al centro cittadino il Brescia golfclub ed un secondo, nato negli anni ottanta, nel complesso sportivo Mario Rigamonti.

Oltre alla Mille Miglia, Brescia è coinvolta nell'automobilismo sportivo grazie alla Scuderia Italia , team che ha partecipato in Formula 1 dal 1988 al 1993, anno in cui è stata fusa alla Minardi .

Impianti sportivi

Lo stadio Mario Rigamonti è un impianto sportivo di Brescia, terreno di gioco interno del Brescia. La sua capienza, nel 2010, fu portata a 23.072 posti, grazie all'effettuazione delle opere di adeguamento dello stadio ai requisiti previsti dalla normativa vigente per gli incontri del campionato di Serie A 2010-2011. Fu così chiamato in memoria del giocatore bresciano Mario Rigamonti , militante nel Grande Torino e morto nella tragedia di Superga del 1949.

Lo stadio Aldo Invernici è un impianto sportivo sito nel quartiere San Polo , adibito al rugby . Ha una capienza di 5.000 posti a sedere [269] . Lo stadio è intitolato ad Aldo Invernici, ex commissario tecnico della Nazionale ed ex presidente della Federazione Italiana Rugby [269] .

Il centro sportivo San Filippo è una struttura polifunzionale a Brescia, che comprende un Palazzetto dello sport, 3 campi da calcio a 11, 2 Campi da calcio a 7, 1 Campo da calcio a 6, 1 Campo da calcio a 5, 3 Campi da tennis in sintetico, 1 Campo da tennis in terra battuta, piscina coperta, piscina estiva all'aperto e altre strutture minori. Il centro inoltre ospita la sede del Brescia Calcio , del Brescia Basket Leonessa , del CONI, e di 17 Federazioni Sportive. In passato ha ospitato le gare casalinghe del Basket Brescia e della Pallavolo Brescia , mentre nel ventunesimo secolo ospita quelle del Basket Brescia Leonessa, Pallamano Leonessa Brescia, e della Icaro Basket Brescia, società che partecipa alla Serie B di Pallacanestro in carrozzina.

Da tempo è in progetto la realizzazione di un nuovo polo sportivo cittadino. Durante la giunta comunale guidata da Adriano Paroli viene illustrato un progetto per la creazione di una "cittadella dello sport" [270] situato presso il Parco delle Cave a San Polo [271] , che comprende la costruzione di un nuovo stadio di calcio e di un palazzetto polifunzionale per pallacanestro e pallavolo . Quest'idea è stata successivamente abbandonata con l'insediamento della giunta Del Bono che ha optato per la sistemazione definitiva dell'ex impianto sportivo situato presso l'Ente Industriale Bresciano [272] , meglio conosciuto come " Eib ", nel quartiere di Chiesanuova , in passato utilizzato per le partite casalinghe del Basket Brescia e della Pallacanestro Cantù tra gli anni settanta ed ottanta . La ristrutturazione del "ciambellone", così soprannominato per la sua forma rotonda, terminò nel Maggio 2018 dal nome di PalaLeonessa da 5.200 posti, capace di ospitare sia competizioni nazionali di pallacanestro e pallavolo, sia concerti musicali [273] .

Note

  1. ^ a b Bilancio demografico al 31 marzo 2021 (dati provvisori) - Brescia , su istat.it , ISTAT . URL consultato il 25 giugno 2021 .
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Luciano Canepari , Brescia , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Brescia" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  6. ^ Nella bassa e media Valcamonica, in Valtrompia, Valsabbia e in alcuni paesi della Franciacorta, la pronuncia è [ˈbɾɛhɑ].
  7. ^ East Lombardy, ERG East Lombardy , su eastlombardy.it . URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  8. ^ Bergamo e Brescia capitali cultura 2023 - Lombardia , su Agenzia ANSA , 4 luglio 2020. URL consultato il 2 gennaio 2021 .
  9. ^ Giovanni Francesco Gambara, Ragionamenti Di Cose Patrie Ad Uso Della Gioventù , Tipografia Venturini, 1840. URL consultato il 5 dicembre 2020 .
  10. ^ Brescia: Clima e Dati Geografici , su comuni-italiani.it . URL consultato il 4 settembre 2009 .
  11. ^ Franco Robecchi, pagg. 66-67
  12. ^ Tratto da zonasismica.it [ collegamento interrotto ] , su zonasismica.it . URL consultato il 3 agosto 2009 .
  13. ^ a b Paolo Vitale, Le caratteristiche ecologiche del Parco delle Colline di Brescia ( PDF ), su comune.brescia.it . URL consultato il 19 giugno 2018 .
  14. ^ - Brescia Italia - Info , su www.hotelsclick.com . URL consultato il 21 agosto 2021 .
  15. ^ Brevestoria di Brescia Archiviato il 25 ottobre 2008 in Internet Archive .
  16. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum , II, 32 .
  17. ^ Alfredo Valvo. La Storia della città in L'età romana . Pag. 11.
  18. ^ Vocabolario bresciano, Vocabolario bresciano e toscano , 1759. URL consultato il 21 agosto 2021 .
  19. ^ Guido Mazzoni, Curiosità Carducciane. La paternità d'una frase celebre , in Illustrazione Bresciana , n. 88, Brescia, 16 aprile 1907, p. 5.
  20. ^ Storia di Brescia: le origini e Brescia romana - turismobrescia.it , su turismobrescia.it . URL consultato il 20 giugno 2014 .
  21. ^ Storia del Colle Cidneo - bresciamusei.com , su bresciamusei.com . URL consultato il 20 giugno 2014 .
  22. ^ Il Cinquecento , in Valtrompia nella storia , p. 190.
  23. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentilli e Paolo Varriale, 1999 pagg. 237-241
  24. ^ F. Robecchi e GP Treccani, Piazza della Vittoria , Brescia, Grafo Edizioni, 1993.
  25. ^ Il Novissimo Melzi del 1960 lo incluse nell'elenco degli edifici più alti del mondo
  26. ^ Il più alto edificio d'Europa sarà elevato a Brescia , in La Stampa , 5 settembre 1931, p. 4. URL consultato il 25 marzo 2016 .
  27. ^ Maria Paola Pasini, Dal Torrione Ina allo Skyline 18: la storia dei grattacieli bresciani , in brescia.corriere.it , 13 agosto 2015. URL consultato il 25 marzo 2016 .
  28. ^ Torrione di piazza Vittoria: il primo grattacielo italiano ( PDF ), su bresciacultura.org (archiviato dall' url originale il 14 dicembre 2013) .
  29. ^ I ragazzi del Manfrei , su ragazzidelmanfrei.it . URL consultato il 24 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2013) .
  30. ^ ACS - Ufficio araldico - Fascicoli comunali , su dati.acs.beniculturali.it .
  31. ^ Marco Foppoli, Stemmario bresciano. Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia , Brescia, Grafo Edizioni – Provincia di Brescia, 2011, p. 34, ISBN 978-88-7385-844-7 . URL consultato il 20 giugno 2016 (archiviato dall' url originale il 24 dicembre 2016) .
  32. ^ Stemma Comune di Brescia
  33. ^ Giacomo Carlo Bascapè, Marcello Dal Piazzo, Insegne e simboli. Araldica pubblica e privata, medievale e moderna , pag. 853, Ministero per i beni culturali e ambientali, Roma, 1999, ISBN 88-7125-159-8
  34. ^ [1] .
  35. ^ [2] .
  36. ^ Giovanna Capretti, Brescia sia capitale del «turismo lento» , in Giornale di Brescia . URL consultato il 17 novembre 2013 .
  37. ^ a b Italia langobardorum, la rete dei siti Longobardi italiani iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO - www.beniculturali.it , su beniculturali.it . URL consultato il 17 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2016) .
  38. ^ "Brescia: San salvatore-Santa Giulia complex" su Italialangobardorum.it , su italialangobardorum.it . URL consultato il 17 novembre 2013 .
  39. ^ a b "Brescia: monumental area" su Italialangobardorum.it , su italialangobardorum.it . URL consultato il 17 novembre 2013 .
  40. ^ Museo di Santa Giulia - www.bresciamusei.com , su bresciamusei.com . URL consultato il 17 novembre 2013 .
  41. ^ "Brescia: Longobard Monastery" su Italialangobardorum.it , su italialangobardorum.it . URL consultato il 17 novembre 2013 .
  42. ^ a b Franco Robecchi e Gian Paolo Treccani (a cura di), Piazza della Vittoria , Brescia, Grafo Edizioni, 1993.
  43. ^ Danilo Allegri, Gaetano Panazza, pag. 4
  44. ^ Francesco de Leonardis, Guida di Brescia , Grafo Edizioni, Brescia 2008, pag. 93
  45. ^ "Cimitero Vantiniano" su Touringclub.com , su touringclub.com . URL consultato il 25 maggio 2013 .
  46. ^ Valerio Terraroli , Il Vantiniano: la scultura monumentale a Brescia tra Ottocento e Novecento, Grafo Edizioni, Brescia, 1990
  47. ^ Palazzo della Loggia, Piazza della Loggia, 6 - Brescia (BS) – Architetture – Lombardia Beni Culturali , su www.lombardiabeniculturali.it . URL consultato il 7 agosto 2020 .
  48. ^ "I Monti di Pietà" su Turismobrescia.it , su turismobrescia.it . URL consultato il 25 maggio 2013 .
  49. ^ Palazzo Salvadego Molin, Via Dante 17 - Brescia (BS) – Architetture – Lombardia Beni Culturali , su www.lombardiabeniculturali.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  50. ^ Torre della Pallata , su www.turismobrescia.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  51. ^ BRUCIATA, porta - Enciclopedia Bresciana , su www.enciclopediabresciana.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  52. ^ PAGANORA, piazzetta, porta, via, volto - Enciclopedia Bresciana , su www.enciclopediabresciana.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  53. ^ Sul colle del Castello | Turismo Brescia , su www.turismobrescia.it . URL consultato il 4 luglio 2020 .
  54. ^ Brescia, una città sempre più verde - www.comune.brescia.it ( PDF ), su comune.brescia.it . URL consultato il 2 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2013) .
  55. ^ Premio “La città per il verde 2008” - www.comune.brescia.it , su comune.brescia.it . URL consultato il 2 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2013) .
  56. ^ AmbienteParco – Ambiente Parco , su ambienteparco.it . URL consultato il 3 settembre 2020 .
  57. ^ Comune di Brescia - Portale istituzionale , su www.comune.brescia.it . URL consultato il 3 settembre 2020 .
  58. ^ Il polmone verde di Brescia inaugurato nel giugno 2007 , su Giornale di brescia , 15 aprile 2015. URL consultato il 3 settembre 2020 .
  59. ^ ( EN ) Jacopo Pellegrini, Inês Lobo, Cesare Pellegrini, global arquitectura paisagista, Leonardo Finotti · Parco Tarello , su Divisare . URL consultato il 3 settembre 2020 .
  60. ^ FEDERICA PACELLA, Brescia, la seconda vita del castello: "Un immenso parco da vivere" , su Il Giorno , 1519452754663. URL consultato il 3 settembre 2020 .
  61. ^ Società Editrice Athesis SpA, Ducos, l'area verde più antica e rigogliosa , su Bresciaoggi.it . URL consultato il 3 settembre 2020 .
  62. ^ Comune di Brescia - Portale istituzionale , su www.comune.brescia.it . URL consultato il 4 giugno 2020 .
  63. ^ Maxi-progetto per il nuovo parco: ponte pedonale e bar-ristorante , su BresciaToday . URL consultato il 3 settembre 2020 .
  64. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  65. ^ Lombardia: oltre un milione di immigrati, 200 mila famiglie straniere , su cssibrescia.it . URL consultato il 31 agosto 2009 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  66. ^ Cittadini Stranieri. Bilancio demografico anno 2007 e popolazione residente al 31 dicembre , su demo.istat.it . URL consultato il 31 agosto 2009 .
  67. ^ tuttitalia.it , https://www.tuttitalia.it/lombardia/65-brescia/statistiche/cittadini-stranieri-2019/ .
  68. ^ PICCININO Nicolò - Enciclopedia Bresciana , su www.enciclopediabresciana.it . URL consultato il 9 luglio 2020 .
  69. ^ Santa Lucia, chi è e dove si festeggia , su Giornale di brescia , 12 dicembre 2017. URL consultato il 9 luglio 2020 .
  70. ^ FORCA di Cane - Enciclopedia Bresciana , su www.enciclopediabresciana.it . URL consultato il 7 ottobre 2020 .
  71. ^ La Madonna delle Brine - www.bresciacity.it , su bresciacity.it . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  72. ^ a b c Franco Robecchi, Lodoìga - La statua aliena di Piazza della Loggia a Brescia , Compagnia della Stampa, Roccafranca (BS) 2009
  73. ^ El Mostasù de le Cossere - www.comune.brescia.it [ collegamento interrotto ] , su comune.brescia.it . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  74. ^ Il bue d'oro - www.bresciacity.it , su bresciacity.it . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  75. ^ Tomba del cane - www.bresciacity.it , su bresciacity.it . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  76. ^ Palazzo di Giustizia – Brescia , su lombardiabeniculturali.it . URL consultato il 3 luglio 2020 .
  77. ^ Dati del Ministero della Salute Archiviato il 24 gennaio 2009 in Internet Archive .
  78. ^ Negli Spedali Civili bresciani 71.500 ricoveri all'anno [ collegamento interrotto ]
  79. ^ Antonio Fappani (a cura di), Enti ospedalieri , in Enciclopedia bresciana , vol. 3, Brescia, La Voce del Popolo , 1978, OCLC 163181930 , SBN IT\ICCU\MIL\0272987 .
  80. ^ Antonio Fappani (a cura di), Ospedali , in Enciclopedia bresciana , vol. 11, Brescia, La Voce del Popolo , 1994, OCLC 163181589 , SBN IT\ICCU\CFI\0293136 .
  81. ^ Antonio Fappani (a cura di), Clinica Città di Brescia , in Enciclopedia bresciana , vol. 2, Brescia, La Voce del Popolo , 1974, OCLC 163181903 , SBN IT\ICCU\MIL\0272986 .
  82. ^ Istituto Clinico Città di Brescia , su cittadibrescia.grupposandonato.it . URL consultato il 18 luglio 2016 .
  83. ^ Antonio Fappani (a cura di), Sant'Anna, casa di cura , in Enciclopedia bresciana , vol. 16, Brescia, La Voce del Popolo , 2000, OCLC 955451555 , SBN IT\ICCU\CFI\0486883 .
  84. ^ Istituto Clinico Sant'Anna , su santanna.grupposandonato.it . URL consultato il 18 luglio 2016 .
  85. ^ Antonio Fappani (a cura di), Clinica S.Camillo , in Enciclopedia bresciana , vol. 2, Brescia, La Voce del Popolo , 1974, OCLC 163181903 , SBN IT\ICCU\MIL\0272986 .
  86. ^ Casa di Cura San Camillo , su brescia.figliesancamillo.it . URL consultato il 18 luglio 2016 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2018) .
  87. ^ Antonio Fappani (a cura di), Poliambulanza di Brescia e Lumezzane – Domus Salutis , in Enciclopedia bresciana , vol. 13, Brescia, La Voce del Popolo , 1996, OCLC 163181641 , SBN IT\ICCU\BVE\0117115 .
  88. ^ Casa di Cura Domus Salutis , su domussalutis.it . URL consultato il 18 luglio 2016 .
  89. ^ Antonio Fappani (a cura di), Sacro Cuore di Gesù, Istituto , in Enciclopedia bresciana , vol. 15, Brescia, La Voce del Popolo , 1999, OCLC 955154392 , SBN IT\ICCU\BVE\0156851 .
  90. ^ Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Fatebenefratelli , su irccs-fatebenefratelli.it . URL consultato il 18 luglio 2016 .
  91. ^ a b lab24.ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE, https://lab24.ilsole24ore.com/qualita-della-vita-2019/ . URL consultato il 16 dicembre 2019 .
  92. ^ a b Qualità della vita 2002 Italia Oggi - www.starnet.infocamere.it , su starnet.infocamere.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  93. ^ Ecosistema urbano 2001 ( PDF ), su legambienteverbano.com , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  94. ^ Informazioni generali del comune di Brescia - www.immobiliare.it , su immobiliare.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  95. ^ a b Qualità della vita 2004 IlSole24ORE - www.comune.bologna.it ( PDF ), su comune.bologna.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  96. ^ a b Qualità della vita 2004 Italia Oggi - www.comune.bologna.it ( PDF ), su comune.bologna.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  97. ^ Ecosistema urbano 2003 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  98. ^ Ecosistema urbano 2004 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  99. ^ a b Qualità della vita 2006 ( PDF ), su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  100. ^ a b Qualità della vita 2006 Italia Oggi - www.comune.bologna.it ( PDF ), su comune.bologna.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  101. ^ Ecosistema urbano 2005 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  102. ^ Ecosistema urbano 2006 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  103. ^ Qualità della vita 2007 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  104. ^ a b Qualità della vita 2008 Italia Oggi - www.corriere.it ( PDF ), su corriere.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  105. ^ Ecosistema urbano 2007 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  106. ^ a b Qualità della vita 2009 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 31 luglio 2013) .
  107. ^ Ecosistema urbano 2008 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  108. ^ Lombardia e province: indicatori di sintesi - www.asr-lombardia.it , su asr-lombardia.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  109. ^ Ecosistema urbano. Differenza posizioni pubblicazioni anni 2009 e 2010 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  110. ^ Qualità della vita 2010 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 1º dicembre 2017) .
  111. ^ a b Lombardia e province: indicatori di sintesi - www.asr-lombardia.it , su asr-lombardia.it . URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  112. ^ Ecosistema urbano 2010 ( PDF ), su risorse.legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2012) .
  113. ^ Qualità della vita 2011 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2013) .
  114. ^ Ecosistema urbano 2011 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  115. ^ Qualità della vita 2012 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2013) .
  116. ^ Qualità della vita, Brescia promossa a metà , in Bresciaoggi . URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  117. ^ Ecosistema urbano 2012 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 22 ottobre 2013 .
  118. ^ Qualità della vita 2013 , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2014) .
  119. ^ a b Attilio Gambino, Qualità della vita 2014, Italia a due velocità nella classifica di Italia Oggi , in clandestinoweb.com , 29 dicembre 2014. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale l'11 gennaio 2015) .
  120. ^ Ecosistema urbano 2013 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 14 gennaio 2015 .
  121. ^ Qualità della vita 2014: la pagella finale ( PDF ), su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  122. ^ Ecosistema urbano 2014 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 14 gennaio 2015 .
  123. ^ Qualità della vita 2015: la pagella finale , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2017) .
  124. ^ Qualità della vita, la classifica delle province italiane , in la Repubblica . URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  125. ^ Ecosistema urbano 2015 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  126. ^ Qualità della vita 2016: classifica finale , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 16 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 19 giugno 2018) .
  127. ^ a b Giuseppe Spatola, Qualità della vita, Brescia rialza la testa , in bresciaoggi.it , 27 novembre 2017. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  128. ^ Ecosistema urbano 2016 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  129. ^ Qualità della vita 2017: classifica finale , su ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 16 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 28 novembre 2017) .
  130. ^ Ecosistema urbano 2017 ( PDF ), su legambiente.it , Legambiente. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  131. ^ Qualità della vita 2018: classifica finale , su lab24.ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE. URL consultato il 17 dicembre 2018 .
  132. ^ Giuseppe Spatola, Brescia torna grande per qualità della vita , in bresciaoggi.it , 19 novembre 2018. URL consultato il 21 novembre 2018 .
  133. ^ Ecosistema urbano 2018 , su legambiente.it . URL consultato il 21 novembre 2018 .
  134. ^ Qualità della vita al top Brescia trova conferme , in bresciaoggi.it , 17 novembre 2019. URL consultato il 16 dicembre 2019 .
  135. ^ Ecosistema urbano 2019 , su legambiente.it . URL consultato il 16 dicembre 2019 .
  136. ^ Qualità della vita 2020: la classifica delle province italiane dove si vive meglio. Bologna la migliore nell'anno del virus | Il Sole 24 ORE , su www.ilsole24ore.com . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  137. ^ ItaliaOggi Classifica Qualità della vita 2020 ( PDF ), su static.italiaoggi.it .
  138. ^ IlSole24Ore Classifica città per ecosistema urbano , su lab24.ilsole24ore.com .
  139. ^ Rapporto Urbes 2015 - Brescia ( PDF ), su istat.it .
  140. ^ Società Editrice Athesis SpA, A Brescia i tumori uccidono più che altrove , su Bresciaoggi.it . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  141. ^ a b ( EN ) Sasha Khomenko, Marta Cirach e Evelise Pereira-Barboza, Premature mortality due to air pollution in European cities: a health impact assessment , in The Lancet Planetary Health , vol. 0, n. 0, 19 gennaio 2021, DOI : 10.1016/S2542-5196(20)30272-2 . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  142. ^ Health costs of air pollution in European cities and the linkage with transport ( PDF ), su cleanair4health.eu .
  143. ^ Legambiente ER, Inquinamento atmosferico e costi sociali: gli italiani pagano il prezzo più alto in Europa , su Legambiente Emilia-Romagna APS , 22 ottobre 2020. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  144. ^ Brescia, nella Terra dei Fuochi del Nord smantellata la task-force: spostati (e non sostituiti) procuratore e direttrice Arpa , su Il Fatto Quotidiano , 23 febbraio 2018. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  145. ^ Brescia: da terra inquinata a nuova terra dei fuochi? , su Giornale di brescia , 12 ottobre 2017. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  146. ^ “Ma la terra dei fuochi no” L'immondezzaio d'Italia sì? - Ambientebrescia, 2020 ( PDF ), su ambientebrescia.it .
  147. ^ Tecnico, Brescia nuova terra dei fuochi? Altro incendio in discarica , su ÈliveBrescia TV , 27 luglio 2019. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  148. ^ Brescia, la Terra dei Fuochi del Nord , su Tiscali Notizie . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  149. ^ Marco Dotti, La Leonessa tra i rifiuti: Brescia, discarica d'Italia , su Vita , 13 gennaio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  150. ^ Da Montichiari a Calcinato, reportage nella pattumiera d'Europa , su Giornale di brescia , 23 gennaio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  151. ^ Rapporto Mal'Aria 2021 Legambiente ( PDF ), su legambiente.it .
  152. ^ Brescia e Bergamo prime in Europa per morti da smog , su Giornale di brescia , 20 gennaio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  153. ^ Elena De Angelis, Stefano Renzetti e Marialuisa Volta, COVID-19 incidence and mortality in Lombardy, Italy: An ecological study on the role of air pollution, meteorological factors, demographic and socioeconomic variables , in Environmental Research , vol. 195, 22 gennaio 2021, p. 110777, DOI : 10.1016/j.envres.2021.110777 . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  154. ^ Bonifiche e siti contaminati – Brescia: SIN Brescia Caffaro , su arpalombardia.it . URL consultato il 2 luglio 2020 .
  155. ^ Il sito d'interesse nazionale , su ersaf.lombardia.it . URL consultato il 2 luglio 2020 .
  156. ^ Un secolo di Caffaro, quello che un bresciano non può non sapere , in Giornale di Brescia , 12 novembre 2019. URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 13 novembre 2019) .
  157. ^ Presadiretta: Caffaro, la fabbrica che ha avvelenato Brescia , in il Fatto Quotidiano . URL consultato il 2 luglio 2020 ( archiviato il 2 luglio 2020) .
  158. ^ Studio caso controllo su melanomi in relazione all'esposizione a PCB ( PDF ), su legacy.ats-brescia.it .
  159. ^ Caffaro, per la bonifica 50 mln entro l'estate , in quibrescia.it , 9 aprile 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  160. ^ Inquinamento Caffaro, il Ministero chiede i danni a sei società , su Giornale di brescia , 23 gennaio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  161. ^ Caffaro, cromo a livelli mai visti: «Situazione gravissima» , su Giornale di brescia , 28 gennaio 2021. URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  162. ^ Stato delle acque sotterranee della provincia di Brescia ( PDF ), su arpalombardia.it .
  163. ^ Monitoraggio delle acque sotterranee - Risultati delle indagini geochimiche e piezometriche ( PDF ), su arpalombardia.it .
  164. ^ Il Giorno, Brescia, discarica radioattiva da disinnescare , su Il Giorno . URL consultato il 7 febbraio 2021 .
  165. ^ Comuni superiori ai 100.001 abitanti , su cepell.it . URL consultato il 6 luglio 2020 .
  166. ^ L'Itis Castelli, "vivaio" nostrano per i super-periti Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  167. ^ Maurizio Tira è il nuovo Rettore dell'Università degli Studi di Brescia , su unibs.it . URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato dall' url originale il 5 luglio 2016) .
  168. ^ Corriere.it
  169. ^ Libera Accademia di Belle Arti homepage dell'Istituto di Alta Formazione Artistica
  170. ^ Accademia di Belle Arti Santa Giulia - Sito web ufficiale
  171. ^ Sito Ufficiale del Conservatorio di Brescia "Luca Marenzio" , su consbs.it .
  172. ^ Sito Ufficiale dell'Istituto Tecnico Superiore Machina Lonati" , su machinainstitute.it .
  173. ^ Rossana Prestini, Vicende faustiniane , in AA.VV., La chiesa e il monastero benedettino di San Faustino Maggiore in Brescia , 1999 , Brescia, Gruppo Banca Lombarda, La Scuola, p. 243, SBN IT\ICCU\CFI\0459671 .
  174. ^ Fedele Savio, Gli antichi vescovi d'Italia. La Lombardia , 1929 , Bergamo, p. 188.
  175. ^ Società Editrice Athesis SpA, «Brescia è un'isola felice per la cultura» , su Bresciaoggi.it . URL consultato il 23 luglio 2020 .
  176. ^ Museo di Santa Giulia - La mostra sui Longobardi , su mostresantagiulia.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 13 maggio 2007) .
  177. ^ Museo di Santa Giulia - Vincenzo Foppa , su mostresantagiulia.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 13 maggio 2007) .
  178. ^ Monet, la Senna, le ninfee , su lineadombra.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 10 settembre 2009) .
  179. ^ «Business, entusiasmo e turisti Monet fa risplendere Brescia» , su archiviostorico.corriere.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 4 novembre 2012) .
  180. ^ Comune di Brescia - Dati statistici sull mostra di Gauguin - Van Gogh ( PDF ), su comune.brescia.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  181. ^ Confronto tra le mostre di Turner e di Mondrian , su nonsolocinema.com . URL consultato il 2 ottobre 2009 .
  182. ^ America! Storie di pittura dal Nuovo Mondo , su brescia-web.com . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2008) .
  183. ^ Divorzio da Goldin, arriva Cortenova , su archiviostorico.corriere.it . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 4 novembre 2012) .
  184. ^ A Palazzo Martinengo di Brescia una mostra dedicata al cibo nell'arte , in La Stampa , 14 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 15 gennaio 2015) .
  185. ^ «Roma e le genti del Po», Brescia si riscopre Brixia , in Giornale di Brescia , 8 aprile 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  186. ^ Alessandra Troncana, Il primo Chagall incanta Brescia: via alla mostra al Santa Giulia , in Corriere della Sera , 20 novembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  187. ^ Dati da diffusione pubblicità , su opq.it .
  188. ^ Editoriale Bresciana SpA , su editorialebresciana.it .
  189. ^ Le testate giornalistiche del gruppo Athesis , su athesiseditrice.it (archiviato dall' url originale il 25 agosto 2009) .
  190. ^ Bresciaoggi su Giornalilocali.it , su giornalilocali.it .
  191. ^ Una nuova voce: a Brescia arriva anche il Corriere , su virgiliobrescia.myblog.it .
  192. ^ Sito internet La Voce del Popolo , su lavocedelpopolo.it .
  193. ^ Sito internet Editrice la Scuola , su lascuola.it .
  194. ^ Sito internet Morcelliana , su morcelliana.it .
  195. ^ Sito internet Queriniana , su queriniana.it .
  196. ^ Antonio Fappani (a cura di), Persicata , in Enciclopedia bresciana , vol. 12, Brescia, La Voce del Popolo , 1996, p. 335, OCLC 163181635 . URL consultato il 1º dicembre 2019 .
  197. ^ La ricetta della Persicata bresciana , in Brescia Settegiorni , 26 aprile 2017. URL consultato il 1º dicembre 2019 .
  198. ^ Expo, lo chef Igino Massari racconta la Lombardia attraverso i dolci , in Il Giorno , Milano, 12 agosto 2015. URL consultato il 1º dicembre 2019 .
  199. ^ cucina bresciana , su turismoverdelombardia.it . URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  200. ^ Federica Bandirali, Anche Brescia nella Regione europea della gastronomia , in Corriere della Sera , 13 luglio 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015 .
  201. ^ FESTIVAL INTERCOMUNALE DI CINEMA AMATORIALE - XII EDIZIONE
  202. ^ a b Alberto Pesce Cinelandiabiesse. Fatti personaggi film, 2007 , Brescia, Fondazione Civiltà Bresciana, p. 11.
  203. ^ a b Dal Roi Soleil all'Aquiletta, le sale senza più luce , in Giornale di Brescia , 30 giugno 2010. URL consultato il 2 febbraio 2021 .
  204. ^ Cinema in quarantena: 20 film bresciani che hanno fatto la storia , in BresciaToday , Citynews , 26 aprile 2020. URL consultato il 2 febbraio 2021 .
  205. ^ Tutti gli eventi e gli appuntamenti di Brescia e provincia - Giornale di Brescia
  206. ^ Filmato audio Gatto Panceri , Un qualunque posto fuori o dentro di te (Radio Edit) , su YouTube , Athos Poma, Buena Suerte Records, 2018. URL consultato il 20 marzo 2018 .
  207. ^ Gatto Panceri: un videoclip girato interamente a Brescia , in Giornale di Brescia , 30 marzo 2018. URL consultato il 30 marzo 2018 .
  208. ^ Sentirsidire – quello che i genitori non vorrebbero mai , su sentirsidire.it , 11 maggio 2018. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 5 maggio 2019) .
  209. ^ curriculum vitae ( PDF ), su lucerefilm.com . URL consultato l'11 luglio 2016 (archiviato dall' url originale il 17 agosto 2016) .
  210. ^ A_Mors , su filmitalia.org . URL consultato il 9 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 10 marzo 2018) .
  211. ^ Si gira A_mors: corse clandestine in via Milano , in Giornale di Brescia , 10 ottobre 2016. URL consultato il 9 marzo 2018 .
  212. ^ La metro di Brescia si trasforma in set per il video di Arisa , in Giornale di Brescia , 19 aprile 2019. URL consultato il 19 aprile 2019 .
  213. ^ Arisa - Una nuova Rosalba in città , su runmultimedia.org . URL consultato il 19 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 19 aprile 2019) .
  214. ^ Filmato audio Arisa , Una nuova Rosalba in città , su YouTube , Run Multimedia, 2018. URL consultato il 20 marzo 2018 .
  215. ^ Così Brescia cambia volto: ai Magazzini Generali nasce un nuovo quartiere Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive ..
  216. ^ Dal Torrione Ina allo Skyline 18:la storia dei grattacieli bresciani , su Corriere della Sera , 13 agosto 2015. URL consultato il 21 ottobre 2020 .
  217. ^ Società Editrice Athesis SpA, La Caserma Gnutti «ferma» sul tavolo della Soprintendenza , su Bresciaoggi.it . URL consultato il 2 agosto 2020 .
  218. ^ Bando da 3 milioni per il nuovo polo logistico alla caserma Papa , su Giornale di brescia , 5 giugno 2020. URL consultato il 2 agosto 2020 .
  219. ^ Crisi immobiliare: in stand-by il recupero di quattro caserme , su Corriere della Sera , 14 febbraio 2017. URL consultato il 2 agosto 2020 .
  220. ^ Antonio Fappani (a cura di), Carmine , in Enciclopedia bresciana , vol. 2, Brescia, La Voce del Popolo , 1974, OCLC 163181903 , SBN IT\ICCU\MIL\0272986 .
  221. ^ Sito del comune di Brescia [ collegamento interrotto ] , su comune.brescia.it . URL consultato il 31 maggio 2013 .
  222. ^ Franciacorta DOCG, disciplinare di produzione - www.agraria.org , su agraria.org . URL consultato il 18 febbraio 2014 .
  223. ^ Botticino DOC - www.agraria.org , su agraria.org . URL consultato il 18 febbraio 2014 .
  224. ^ Cellatica DOC - www.agraria.org , su agraria.org . URL consultato il 18 febbraio 2014 .
  225. ^ Curtefranca DOC - www.agraria.org , su agraria.org . URL consultato il 18 febbraio 2014 .
  226. ^ Ronchi di Brescia IGT - www.agraria.org , su agraria.org . URL consultato il 18 febbraio 2014 .
  227. ^ Michela Bono, Il vigneto Pusterla rinasce e torna alla famiglia Capretti , in Bresciaoggi . URL consultato il 25 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 26 febbraio 2014) .
  228. ^ Un bianco ultracentenario nel cuore di Brescia , in slowfood.it . URL consultato il 25 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2014) .
  229. ^ CCIAA di Brescia - Distretto Vini a denominazione d'origine della provincia di Brescia , su bs.camcom.it . URL consultato il 1º agosto 2014 .
  230. ^ CCIAA di Brescia Divieto di abbattimento di alberi di olivo , su bs.camcom.it . URL consultato il 5 agosto 2009 .
  231. ^ Associazione Industriale Bresciana Archiviato il 5 ottobre 2008 in Internet Archive .
  232. ^ Dati 2006 di Camera di Commercio di Brescia
  233. ^ Fonte dati Comune di Brescia, settore attività economiche
  234. ^ Iorisparmio.eu: Il termovalorizzatore di Brescia è "il migliore del mondo" , su iorisparmio.eu . URL consultato il 7 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2008) .
  235. ^ Vedere anche la voce Inceneritore
  236. ^ Le « biomasse », strettamente intese, avrebbero un potere calorifico molto inferiore a quello di cui necessita l'impianto bresciano per non andare in perdita. Per questo l'inceneritore fa uso di rifiuti speciali quali pulper di cartiera, continuando a chiamarli comunque «biomasse». Cfr. Marino Ruzzenenti, L'Italia sotto i rifiuti, Jaka Book, Milano 2004, pp. 120-124.
  237. ^ Il teleriscaldamento è entrato in funzione nell'ottobre 1972 e serviva l'area sud di Brescia (quartiere Lamarmora), nel 2008 tutta l'area cittadina e alcuni comuni limitrofi sono allacciati al servizio di teleriscaldamento. Fonte: Sito A2A
  238. ^ Arrivi e presenze di clienti negli esercizi ricettivi, per tipo di località e tipo di esercizio. Parte III. Totale esercizi località turistica. Anno 2005 [ collegamento interrotto ] , su asr-lombardia.it . URL consultato il 21 giugno 2017 .
  239. ^ Arrivi e presenze di clienti negli esercizi ricettivi, per tipo di località e tipo di esercizio. Parte III. Totale esercizi località turistica. Anno 2015 [ collegamento interrotto ] , su asr-lombardia.it . URL consultato il 21 giugno 2017 .
  240. ^ Cresce il turismo in Lombardia, Brescia calamita per gli stranieri , su BresciaToday . URL consultato il 23 luglio 2020 .
  241. ^ Brescia-Bergamo 2023, Del Bono: "6 milioni e museo del Risorgimento" , su QuiBrescia , 11 luglio 2020. URL consultato il 23 luglio 2020 .
  242. ^ Snodo di svincoli e raccordi (che dall'alto sembra una grossa seppia) sulla tangenziale nei pressi di Antezzate (poco a Sud della Mandolossa).
  243. ^ Società Editrice Athesis SpA, Società Editrice Athesis SpA, Brebemi e A4, la connessione brucia i tempi , su Bresciaoggi.it , 2017.11.12T02:48:40+0100. URL consultato il 21 agosto 2021 .
  244. ^ Mentre in precedenza il raccordo A35-tang. BS portava sino a Travagliato ove cominciava la A35.
  245. ^ Fabrizio Vertua, La tangenziale Est si farà ma senza abbattere le case [ collegamento interrotto ] , in Il giorno . URL consultato il 4 agosto 2009 .
  246. ^ Brescia Trasporti in numeri Archiviato il 28 febbraio 2008 in Internet Archive .. Pagina del sito dell'amministrazione comunale di Brescia dedicata al Trasporto Pubblico Locale.
  247. ^ a b Pagina di Trasporti Brescia sulla composizione societaria di Trasporti Brescia Nord
  248. ^ Bilancio d'esercizio FNM SpA Anno 2006 . p. 15
  249. ^ Ministero degli affari esteri. Cerimoniale diplomatico della Repubblica ( PDF ), su esteri.it . URL consultato il 5 settembre 2013 .
  250. ^ Elenco delle ambasciate e consolati degli stati europei in Italia , su familylawineurope.eu . URL consultato il 5 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 28 agosto 2013) .
  251. ^ http://www.aclibresciane.it/attivita_scheda.asp?id=50 Distaccamento Consolato Moldavo presso la sede delle Acli bresciane
  252. ^ Massimo Tedeschi, Il palazzo e la città. Storia del Consiglio comunale di Brescia (1946-2006) , Brescia, Grafo Edizioni, 2008.
  253. ^ ( FR ) sito ufficiale della città di Bouaké , su mairiebke.e-monsite.com . URL consultato il 20 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2014) .
  254. ^ ( FR ) sito ufficiale dell'UVICOCI-Union des Villes et Communes de Côte d'ivoire , su 2gwebhost.com . URL consultato il 20 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 14 giugno 2013) .
  255. ^ Rassegna Stampa Comune di Brescia , su servizi.comune.brescia.it . URL consultato l'11 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2014) .
  256. ^ Camera di Commercio di Brescia , su bs.camcom.it . URL consultato l'11 febbraio 2013 .
  257. ^ ( LT ) Sito ufficiale della città di Kaunas , su kaunas.lt . URL consultato il 20 giugno 2014 .
  258. ^ Portale del Turismo del Comune di Brescia , su turismobrescia.it . URL consultato l'11 febbraio 2013 .
  259. ^ Adn Kronos , su adnkronos.com . URL consultato il 31 maggio 2013 .
  260. ^ Brescia, gemellaggio con Troyes: il sindaco in Francia per il giuramento , in ilgiorno.it , 10 giugno 2016. URL consultato il 13 giugno 2016 .
  261. ^ ( ES ) Prepara Toluca la Expo Ciudades Hermanas , su elpulsoedomex.com.mx . URL consultato l'11 luglio 2016 .
  262. ^ Atletica Brescia 1950
  263. ^ Brescia Calcio - sito ufficiale , su bresciacalcio.it . URL consultato il 15 settembre 2009 .
  264. ^ Brescia Calcio Femminile campione d'Italia , su giornaledibrescia.it . URL consultato il 2 giugno 2014 .
  265. ^ Dopo ben 13 anni Brescia ritrova il basket che conta , su pianetabasket.com .
  266. ^ AN Brescia – La nostra storia , su anbrescia.it . URL consultato il 3 giugno 2018 .
  267. ^ La società Brescia Waterpolo ASD , su bresciawaterpolo.it . URL consultato il 3 giugno 2018 (archiviato dall' url originale il 27 agosto 2018) .
  268. ^ Waterpolo Brescia – AN Brescia Pallanuoto , su anbrescia.it . URL consultato il 3 giugno 2018 .
  269. ^ a b Stadio Invernici , weagoo.com, URL consultato il 12 luglio 2015
  270. ^ «Per le gare internazionali serve la cittadella dello sport» , su archiviostorico.corriere.it . URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2013) .
  271. ^ Gino Corioni scrive a Paroli e Vilardi: "Nuovo stadio? Vogliamo garanzie" , su bresciatoday.it . URL consultato il 5 novembre 2013 .
  272. ^ Del Bono: «Il Palasport deve rimanere all'Eib» , su giornaledibrescia.it . URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2013) .
  273. ^ PalaEib cantieri entro un mese: "Sarà un modello" , su giornaledibrescia.it .

Bibliografia

  • Danilo Allegri e Gaetano Panazza, Il Duomo Vecchio di Brescia , a cura della Banca San Paolo di Brescia, Brescia, 1974.
  • Francesca Morandini, Clara Stella, Alfredo Valvo, Santa Giulia. Museo della città di Brescia. L'età romana. La città. Le iscrizioni , Milano, Electa, 1998. ISBN 978-88-435-6711-9 .
  • Franco Robecchi, Munita e turrita , La Compagnia della Stampa, Roccafranca, 2004.
  • Marina Braga e Roberta Simonetto, Entro le mura di Brescia romana , Brescia, IX Circoscrizione, 2005. ISBN non esistente
  • Matteo G. Caroli, Giovanni B. Sgritta, M. Cristina Treu, Brescia 2015: analisi e riflessioni sull'evoluzione della città e della provincia , Milano, Franco Angeli, 2005, ISBN 978-88-464-7202-1 .
  • A. Gnaga ( ACI ) e A. Cavagna Sangiuliani, conte , Guida di Brescia artistica , su archive.org , Brescia, Castoldi , 1906, pp. 126. URL consultato il 20 ottobre 2018 ( archiviato il 20 ottobre 2018) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 129546938 · ISNI ( EN ) 0000 0004 1755 814X · LCCN ( EN ) n79039793 · GND ( DE ) 4008213-1 · BNF ( FR ) cb11931076z (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79063784