Berlim

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Berlim
cidade-terra
( DE ) Berlim
Berlim - Brasão de Armas Berlim - Bandeira
Berlim - Ver
Localização
Estado Alemanha Alemanha
Administração
Ministro Presidente Prefeito Governador : Michael Müller ( SPD ) desde 11/12/2014
Território
Coordenadas 52 ° 31'N 13 ° 23'E / 52,516667 ° N 13,383333 ° E 52,516667; 13,383333 Coordenadas : 52 ° 31'N 13 ° 23'E / 52,516667 ° N 13,383333 ° E 52,516667; 13,383333
Altitude 34 m de altitude
Superfície 891,12 km²
Habitantes 3 769 495 [1] ( 2019 )
Densidade 4 230,06 habitantes / km²
Distritos gov. não
distritos administrativos : 12
Länder Vizinhos Brandenburg
Outra informação
Código postal 10115–14199
Prefixo 030
Jet lag UTC + 1
ISO 3166-2 DE-BE
Placa B.
Nomeie os habitantes ( IT ) Berlinenses
( DE ) Berliner
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Berlim
Berlim
Site institucional

Berlim ( AFI : / berˈlino / [2] ; em alemão : Berlim , [bɛɐ̪ ˈliːn] , escute [ ? Info ] ) é a capital e maior cidade da Alemanha . City- terra e sede do governo alemão , é um dos mais importantes centros de política, cultural, científico, justas de comércio e mídia na Europa , e é também o mais populoso município na União Europeia , com 3 769 495 habitantes. A aglomeração de Berlim (nome oficial Stadt-Umland-Zusammenhang Berlin-Potsdam ) que compreende Berlim e cinquenta municípios vizinhos no Land de Brandenburg , tem uma área total de 3 743,21 km² e uma população de 4 666 175 habitantes, enquanto a região metropolitana de Berlim / Brandenburg (nome oficial Hauptstadtregion Berlin-Brandenburg ) tem uma área de 30 546 km² e uma população de 6 117 535 habitantes. [3]

No passado, foi capital da Marcha de Brandemburgo (1417-1801), do Reino da Prússia (1701-1918), do Império Alemão (1871-1918), da República de Weimar (1919-1933), dos Nazistas Alemanha (1933-1945) e - limitada à parte oriental - da República Democrática Alemã (1949-1990).

Geografia física

Território

A poucos quilômetros dos distritos centrais:
Margem do rio Havel no Grunewald (floresta) perto de Schildhorn

Berlim está localizada na parte oriental da Alemanha , a 70 km da fronteira com a Polônia , na região geográfica de Brandemburgo , mas não faz parte do homônimo Land , da qual está totalmente cercada .

A cidade possui uma área muito grande de 892 km² . A extensão na direção norte-sul é de 38 km , na direção leste-oeste é de 55 km .

O centro de Berlim está localizado às margens do Spree ( Spree em alemão ), em um grande vale de origem glacial ( Berliner Urstromtal ) entre os planaltos de Barnim e Teltow , orientado leste-oeste.

No subúrbio de Treptow-Köpenick East é o Müggelsee . Os lagos de Berlim são muito populares entre os banhistas nos meses de verão .

Dentro da cidade existem algumas colinas: a maior é a Großer Müggelberg , no distrito de Müggelheim , que atinge uma altura de 114,7 m acima do nível do mar.

O solo é composto principalmente de material arenoso , cascalho e pederneira .

Berlim é o centro da região metropolitana de Berlim / Brandemburgo , que tem ( 2012 ) 6 024 000 habitantes.

Clima

A área de Berlim tem um clima mesotérmico temperado e muito seco em comparação com a média. As temperaturas máximas diárias em alguns dias de verão - geralmente em julho - atingem cerca de 40 ° C (máximo oficial de +38,1 ° C em 11 de julho de 1959 na estação meteorológica de Tempelhof [4] ). Duas vezes durante o século XX, a temperatura caiu para o limiar de -26 ° C em fevereiro: em 11 de fevereiro de 1956, o mínimo oficial absoluto de -26,1 ° C em Schönefeld [5] , enquanto anteriormente os -26 ° C foram atingidos em a histórica estação meteorológica de Dahlem sempre em 11 de fevereiro, mas no ano de 1929 [6] . O vento no verão é mais constante e normalmente sopra do oeste; no inverno é mais variável e muitas vezes também vem do sul, fator que torna o clima muito variável mesmo durante o dia. Ocorrem em média 30 tempestades por ano.

Tabela de temperatura e precipitação : médias mensais

Mês Meses Temporadas Ano
Jan Fev Mar Abr Mag Abaixo Jul Atrás Definir Out 11 de novembro Dez Inv Pri leste Aut
T. máx. meioC ) 3 3 8 13 18 22 24 23 19 13 7 4 3,3 13 23 13 13,1
T. min. meioC ) -3 -3 0 4 9 12 14 14 11 6 2 -1 -2,3 4,3 13,3 6,3 5,4
Precipitação ( mm ) 42 33 41 37 54 69 56 58 45 37 44 55 130 132 183 126 571

A área urbana central possui um microclima com até 4 ° C a mais que os subúrbios. O ar está relativamente pouco poluído graças ao vento, às grandes áreas verdes e à eficiência dos transportes públicos, o que também torna o trânsito automóvel livre.

Municípios vizinhos

Berlim faz fronteira com 27 municípios em Brandemburgo , dos quais 7 são cidades, incluindo o extra-suburbano de Potsdam . Eles vêm aqui relatados os outros 26, divididos por distrito (distrito), partindo do nordeste e no sentido horário:

História

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: História de Berlim .
Berlim em 1710

Berlim provavelmente nasceu como uma cidade comercial de origem eslava no século 12 , em uma ilha no Spree . Originalmente, havia duas cidades distintas: Berlim, a leste do rio , e Cölln , na ilha .

Nos séculos seguintes, Berlim adquiriu cada vez mais importância sobre as outras cidades de Brandemburgo : em 1451 tornou - se a residência dos Margraves de Brandemburgo , a partir de 1701 a capital do reino da Prússia , a partir de 1871 a capital do Império Alemão . Em 1920, muitos municípios e cidades vizinhas foram incorporados, criando a " Grande Berlim ".

Tanques soviéticos e americanos se enfrentam no Checkpoint Charlie , 1961

Capital da Alemanha ainda durante a era nacional-socialista , foi um dos principais alvos dos bombardeios aliados durante a Segunda Guerra Mundial , que terminou na Europa com a rendição incondicional da Alemanha em 8 de maio de 1945 .

No final da guerra, a cidade foi dividida em quatro zonas de ocupação e, em seguida, dividida em duas partes concorrentes: os três setores ocidentais ( Berlim Ocidental ) e o setor soviético ( Berlim Oriental ). Enquanto Berlim Oriental se tornou a capital da República Democrática Alemã , Berlim Ocidental era um antigo clube da República Federal e do mundo Ocidental, além da Cortina de Ferro .

O Muro de Berlim em 1986, pintado no lado oeste

O início da Guerra Fria foi o Bloqueio de Berlim de 24 de junho de 1948 a 11 de maio de 1949, efetivamente contrariado pelo chamado Airlift , o maior transporte humanitário da história, operado principalmente pelos Estados Unidos da América e Grã-Bretanha. , que mais tarde foram vistas - como o foi a França - não mais como "forças de ocupação", mas como "forças de proteção". A subsequente tentativa soviética de anexar Berlim Ocidental à RDA - o ultimato Khrushchev em 1958 - foi rejeitada pelos Aliados Ocidentais. Em 13 de agosto de 1961, o governo da Alemanha Oriental - obteve permissão de Moscou - ergueu o Muro de Berlim para impedir que seus cidadãos fugissem para o Ocidente.

A solidariedade americana com os berlinenses ocidentais era uma condição essencial da vida do chamado "posto avançado da liberdade"; sua expressão mais conhecida e incisiva são as palavras pronunciadas pelo então Presidente dos Estados Unidos da América , John F. Kennedy , em seu discurso de 26 de junho de 1963 : Ich bin ein Berliner (it.: "Eu sou um Berliner" )

A "queda do muro" no final da noite de 9 de novembro de 1989 tornou possível a Wiedervereinigung ( reunificação alemã ), com a qual Berlim voltou a ser a capital da Alemanha unida.

Desenvolvimento e morfologia da cidade ao longo do tempo

As estruturas da metrópole de hoje, bem como muitos edifícios individuais, são o resultado de mais de oito séculos de história.

Até a função de Berlim como capital - da Marcha de Brandemburgo de 1451 , do Reino da Prússia de 1701 , do Império Alemão de 1871, da República de Weimar e do chamado Terceiro Reich , limitado à parte oriental de a RDA e agora a República Federal da Alemanha , após a unificação de 1990 - deixou suas marcas bem visíveis.

Berlim até 1920

Berlim, já nascida da união dos dois municípios Berlin e Cölln , cresceu a partir de meados do século XVII com a fundação de novos subúrbios.

A Berlim Velha corresponde às partes centrais do atual distrito de Mitte , com a ilha central no rio Spree e a correspondente margem oriental. No lado oriental da porção central da ilha ficava o chamado Castello di Città , cuja história remonta a 1443, um castelo real desde 1701 , demolido pelo governo comunista em 1950. Aproximadamente na localização do castelo a RDA construído - de 1973 a 1976 - o chamado Palast der Republik (it.: Palazzo della Repubblica), demolido entre 2006 e 2008 . O chamado Fórum Humboldt foi construído em seu lugar em 2013. O novo edifício apresenta três das fachadas históricas do Castelo de Berlim e se destina a abrigar o Museu Etnológico, o Museu de Arte Asiática, a Biblioteca Central e Regional de Berlim e o Humboldt Universität .

Ao norte da praça fica o Lustgarten : uma praça pública verde, outrora o jardim do mesmo castelo e a Catedral de Berlim - presente desde 1536, embora a aparência seja principalmente a de 1905.

Toda a ponta norte da ilha constitui a Ilha dos Museus , com os seus cinco grandes edifícios dedicados a exposições e construído a partir de 1822, hoje um dos mais complexos de museus importantes do mundo, dedicados sobretudo às coleções arqueológicas e arte. Do XIX século .

A arquitetura antiga e característica da parte sul da ilha, a chamada Fischerinsel (it.: Ilha dos pescadores) foi completamente destruída pelos bombardeios da Segunda Guerra Mundial; o único elemento antigo é a pequena ponte Jungfernbrücke , que conecta com o continente a oeste da ilha.

Imediatamente a leste da ilha está o distrito de Nikolaiviertel reconstruído, com a Nikolaikirche (Igreja de São Nicolau) , a igreja mais antiga de Berlim [7] .

Não muito longe estão a Câmara Municipal Vermelha (com a cor característica dos tijolos), na forma da década de 1860 , mas na posição de Câmara Municipal medieval, e a Marienkirche , uma igreja fundada no século XIII .

Da ilha leva para o oeste e até o Portão de Brandenburgo o bulevar Unter den Linden (isto.: Sob os limoeiros ), transformado em 1647 de um caminho poeirento para cavalgar em uma avenida arborizada e expandido várias vezes depois. A avenida é cortada ao meio pela perpendicular Friedrichstraße que liga, ao sul do Tigli , a Friedrichstadt (cidade de Frederico), fundada em 1688 , incorporada como distrito de Berlim em 1709 e conhecida por sua praça Gendarmenmarkt , com igrejas francesas e o alemão e o Schauspielhaus (teatro em prosa: hoje sala de concertos), em frente à estátua de Friedrich Schiller , bem como, ao norte do grande boulevard , o Dorotheenstadt , construído quinze anos antes de Friedrichstadt e incorporado - bem como o subúrbio de Friedrichswerder - com o mesmo ato administrativo de 1709.

Ao longo da "viale dei Tigli" estão a Staatsoper Unter den Linden e a Catedral Católica de Sant'Edvige , ambas construídas sob Frederico, o Grande ; [8] o Staatsbibliothek Unter den Linden , o Guardia Nuova de 1818 e o luxuoso Hotel Adlon de 1907 (destruído em 1945 e reaberto em 1997) também têm vista para o bulevar histórico.

Ao norte do centro histórico está o Scheunenviertel , onde refugiados judeus que foram vítimas de perseguição na Europa Oriental encontraram refúgio ao longo dos séculos. Aqui, antes do advento do nazismo , floresceu uma comunidade judaica rica e culturalmente ativa, perfeitamente inserida no contexto social; há a monumental Nova Sinagoga de Berlim , inaugurada em 1866, devastada por um bombardeio em novembro de 1943, parcialmente demolida pelas autoridades da RDA em 1958 e parcialmente reconstruída em 1988-93 como a sede do Centrum Judaicum . Desde 1995, o edifício também incluiu uma pequena sinagoga (a Synagoge Oranienburger Straße ).

Também digno de nota na área é a Sophienkirche (it .: Igreja de Santa Sofia). No período de 1994 a 1996, muitos edifícios do bairro foram restaurados e constituem atrações turísticas, como o Hackesche Höfe , um complexo de edifícios com inúmeros pátios internos, construído em 1908 por August Endell.

Com uma importante reforma territorial em 1861, os subúrbios de Wedding , Moabit , Tempelhofer Vorstadt - correspondendo à atual parte sul de Kreuzberg com a colina homônima no Viktoriapark - e Schöneberger Vorstadt , correspondendo à atual parte oriental, foram integrados à cidade de Berlin by Schöneberg .

Vista sobre o Tiergarten ao norte

Desde 1861, o Tiergarten também faz parte de Berlim, o grande parque central, anteriormente uma reserva de caça dos reis da Prússia, aberto ao público por Frederico o Grande em 1742, 210 hectares de vegetação no centro dos quais é a Siegessäule (Coluna da Vitória ) e adjacente ao conhecido Jardim Zoológico , a Haus der Kulturen der Welt (Casa das culturas mundiais, centro de congressos e eventos), o Schloss Bellevue (it.: Castelo de Belvedere), sede do Presidente Federal desde 1994 e o Reichstag , sede do parlamento federal Bundestag . O Volkspark Friedrichshain foi fundado como o primeiro parque municipal da cidade na década de 1840 , cujo nome também foi dado ao distrito em 1920.

Para adaptar a infraestrutura da cidade e do seu entorno imediato ao rápido crescimento da população, o chamado Plano Hobrecht foi adotado em 1862 para projetar e otimizar o tráfego rodoviário, aquedutos e esgotos.

Groß-Berlin - a reforma de 1920

Estátua da Vitória, no topo da coluna de mesmo nome

Novos centros se desenvolveram em torno da Berlim histórica. Na segunda metade do século XIX , além dos grandes assentamentos industriais, foram formados alojamentos de quartéis alugados ( Mietskaserne ) para a população crescente; em algumas áreas, a densidade populacional excedeu 100.000 pessoas por km². [ carece de fontes? ] A maioria desses distritos no início do século XX - embora bem conectados à cidade - não fazia parte do município de Berlim. Outras cidades e vilas nos arredores - algumas das quais foram fundadas antes da própria Berlim - também cresceram, participando do boom econômico da capital, como Spandau, Köpenick, Wilmersdorf. Finalmente, por volta da virada do século, vários bairros residenciais foram fundados, em particular no sudoeste de Berlim - como Nikolassee , Wannsee no lago homônimo e Lichterfelde , também conhecido pelo grande Jardim Botânico inaugurado em 1904, mas também em outras áreas ao redor da cidade grande, como Frohnau no norte; a maioria dessas novas fundações foram desde o início bem conectadas com a cidade - o caso emblemático de Nikolassee, cuja primeira "villa" foi a estação ferroviária, que mais tarde se tornou a estação S-Bahn ( Schnellbahn , isto é, ferrovia rápida) Berliner .

O movimento a favor de uma reforma territorial da área metropolitana teve que lutar contra vários interesses partidários, como os das pequenas mas ricas áreas ao sul de Berlim, que temiam perder contribuintes ricos com a reforma. Os dois grandes méritos desse movimento são as condições essenciais de vida em Berlim [9] .

Para garantir o abastecimento de água da metrópole e conservar os espaços naturais para a população, a associação a favor da Grande Berlim, em 1915, comprou mais de 10 000 hectares de floresta ao redor da cidade. Com outras aquisições e graças à legislação substancialmente inalterado em relação ao tempo posteriores, Berlim tem mais de 200 km² de florestas no território municipal, das quais a maior e ao mesmo tempo mais central é a Grunewald. Nome do Jagdschloss Grunewald , pavilhão de caça de 1543), e outros 95 km² fora dos limites municipais, mais do que qualquer outra metrópole europeia.

O outro - e mais conhecido - resultado desse movimento foi a lei que entrou em vigor em 1º de outubro de 1920. O número de habitantes dobrou, passando de 1,9 milhão para mais de 3,8 milhões; a superfície da cidade aumentou de 66 km² para 883 km² e, salvo algumas pequenas alterações, correspondeu à de hoje.

Sete foram as cidades que contribuíram para a formação da Grande Berlim.

A maior foi Charlottenburg , na virada dos séculos XVII e XVIII , um vilarejo ao redor do Castelo de Charlottenburg , em 1920 uma cidade rica com 322 717 habitantes, que constituía o Novo Oeste da metrópole, com a elegante avenida Kurfürstendamm, que ainda hoje sobranceira teatros e lojas.

A contribuição de Neukölln foi de 262 414 habitantes, a maioria trabalhadores.

Entre a velha Berlim e Charlottenburg fica Schöneberg , uma cidade bastante burguesa com 178 207 habitantes em 1920; a prefeitura da cidade, depois do distrito , funcionará como a prefeitura de Berlim Ocidental durante os anos da divisão. A KaDeWe , fundada em 1907, ainda é a maior e mais luxuosa loja de departamentos de Berlim.

Lichtenberg, uma cidade industrial a leste de Berlim, entregou 144 986 novos berlinenses.

Wilmersdorf manteve seu caráter de um resort tranquilo até hoje; em 1920 tinha 139 468 habitantes.

O centro histórico de Spandau é mais antigo que Berlim; localizado a 13 quilômetros a oeste do centro histórico de Berlim, deu 95.373 habitantes e um dos edifícios mais antigos da Grande Berlim, a fortaleza Zitadelle Spandau .

A menor das cidades foi Köpenick com 32.589 habitantes, também fundada antes de Berlim. Com Köpenick, as grandes áreas verdes do sudeste também entraram no novo território de Berlim, o grande lago Müggelsee com suas florestas e os - mais centrais - parques Treptower e Plänterwald .

Entre as inúmeras outras localidades integradas - às quais Berlim deve o apelido de "Cidade das cem aldeias" - estão também os bairros residenciais elegantes, os mais periféricos e até os mais próximos, como Grunewald, na orla da floresta homônima. , ou Westend , onde o Funkturm (Torre de Rádio) está localizado desde 1926 e o Olympiastadion (Estádio Olímpico) desde 1936.

Em 1 de outubro de 1920, Berlim era a segunda maior cidade do mundo em área - depois de Los Angeles - e a terceira em número de habitantes, depois de Londres e Nova York . Os antigos e agora estreitos limites da cidade - como a ponte Oberbaumbrücke não existiam mais.

As destruições da Segunda Guerra Mundial

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Batalha de Berlim .

Durante a Segunda Guerra Mundial, Berlim, capital do Terceiro Reich e centro de negócios da Europa nazista , tornou-se alvo, a partir de 1943, de uma intensa campanha de bombardeios aéreos dos Aliados ocidentais ; a cidade foi fortemente atingida e sofreu graves danos; a cidade, porém, era um alvo difícil por sua imensidão, pela distância das bases aéreas anglo-americanas, pela solidez dos edifícios e pela força de suas defesas antiaéreas confiadas às três maciças Torres e às numerosas noites departamentos de combate.

Danos ainda mais sérios foram causados ​​pela dramática batalha final contra o Exército Vermelho no próprio centro urbano de Berlim; a cidade, defendida por unidades fanáticas da Waffen-SS e voluntários estrangeiros pró-nazistas, foi cercada por colunas de tanques soviéticos e depois conquistada sistematicamente com combate corpo a corpo na superfície e nos túneis subterrâneos. Os soldados soviéticos empregaram grande poder de fogo para esmagar a resistência das unidades alemãs e estrangeiras restantes. A batalha terminou em 2 de maio de 1945 com a rendição da guarnição alemã; em 30 de abril, Adolf Hitler cometeu suicídio no bunker da Chancelaria no centro de Berlim. A população civil presa dentro da cidade sofreu muito com os combates, destruição e numerosa violência dos soldados soviéticos.

No final da guerra, 20% dos edifícios foram destruídos de forma irrecuperável e 50% nos distritos centrais; 28,5 km² da área urbana estavam cobertos por escombros. 600.000 apartamentos não eram mais habitáveis. As estruturas industriais e comerciais eram apenas parcialmente utilizáveis. As infraestruturas foram também gravemente danificadas, nomeadamente as linhas ferroviárias urbanas, como o S-Bahn e o U-Bahn (de Untergrundbahn , ou seja, "metropolitano" ou metropolitano).

Reconstrução e desenvolvimento da cidade dividida

Berlin Fernsehturm (Torre de TV)

A reconstrução das estruturas urbanas mais importantes começou imediatamente após o fim da Segunda Guerra Mundial; em particular, as redes de abastecimento, pelo menos as pontes mais importantes e o tráfego público, tiveram de voltar a funcionar, ainda que temporariamente. Era preciso limpar os escombros: esse trabalho era feito principalmente por mulheres, as chamadas Trümmerfrauen - "mulheres dos escombros" em italiano; na verdade, as aptidões profissionais dos homens presentes - não mortos, não feridos gravemente e prisioneiros de guerra ainda não libertados - eram indispensáveis. Os tijolos reutilizáveis ​​individuais foram separados e limpos; até mesmo vigas, canos e outros materiais foram reaproveitados, enquanto o entulho não reaproveitável remanescente foi levado para várias áreas, principalmente periféricas, para formar morros, depois cobertos com terra e plantados. A maior dessas colinas é a Teufelsberg , na orla do Grunewald e a 114,7 m de altitude.

Por toda a cidade, elementos intactos, restaurados ou reconstruídos, coexistem com os modernos. Os contrastes resultantes constituem o estilo típico da Berlim de hoje e são, ao mesmo tempo, um testemunho indireto da destruição da guerra. O mais conhecido - e em qualquer caso um dos poucos - edifícios que ainda no início do século 21 dá uma ideia direta e viva da destruição devido aos bombardeios, incêndios e a batalha final é a Gedächtniskirche (ou seja, "Igreja de Remembrance "), preservado em estado de ruína pela vontade do povo de Berlim Ocidental e rodeado pelos elementos arquitetônicos modernos da nova igreja, inaugurada em dezembro de 1961.

A área ao redor da Gedächtniskirche , o "Novo Oeste" do início do século XX , entre os distritos de Charlottenburg, Wilmersdorf e Schöneberg, rapidamente se tornou uma importante área comercial de Berlim Ocidental. Anche la sola Berlino Ovest, durante gli anni del Muro – 480 degli 890 km² totali – era una città policentrica ; altre importanti zone commerciali erano – e sono tuttora – il centro storico di Spandau e la Schloßstraße di Steglitz , dove nell'aprile del 1970 venne aperto uno dei primi centri commerciali tedeschi con oltre 50 negozi.

Nacque invece in una zona periferica di Berlino Ovest, a ridosso del confine verso il settore sovietico e, dal 1961, del Muro, il Kulturforum . Il primo edificio nuovo fu la Philharmonie , costruita tra il 1960 e il 1963 su progetto di Hans Scharoun .

Un altro risultato evidente dello sviluppo separato della città era la presenza di istituzioni parallele, come lo Zoo e il Tierpark , la Philharmonie e il Konzerthaus , l' Università Humboldt e l' Università libera , la vecchia e la nuova Galleria nazionale , o molti musei divisi in due. Dopo le iniziali discussioni sull'eventuale chiusura, da questo sdoppiamento ne risulta una ricchezza culturale ancora maggiore.

Dalla riunificazione ad oggi

Araldica e toponomastica

Bandiera governativa

La maggior parte degli studiosi concorda nel rifiutare la vecchia e popolare convinzione secondo la quale il nome Berlin risalirebbe all' orso , in tedesco Bär , animale presente nella zona all'epoca della fondazione di Berlino e stemma della città fin dal 1280. Deriva invece, con molta probabilità, dalla radice slava berl , ovvero palude , isola di fiume [10] .

Bandiera

La bandiera di Berlino consiste in un panno a 3 bande orizzontali, 2 rosse ai lati (più piccole) e la centrale bianca. In questa vi è il simbolo dell'orso non compreso nello scudo, il quale viene riportato nelle bandiere di uso governativo. La bandiera, creata nel 1911 , fu adottata nella forma attuale il 26 maggio 1954 per Berlino Ovest e poi riconvertita a simbolo unico dopo la riunificazione del 1990 .

Stemma

Lo stemma cittadino ha la seguente descrizione araldica: In un campo d' argento , un orso rampante nero , armato e linguato di rosso . In alto, una corona d' oro decorata con otto fioroni dello stesso metallo , di cui cinque in vista [11] . L'origine dello stemma è sconosciuta, tuttavia si suppone che esso sia stato adottato in omaggio ad Alberto I di Brandeburgo ( 1100 - 1170 ).

Onorificenze

Premio Principe delle Asturie per la concordia (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la concordia (Spagna)
— 2009

Società

Evoluzione demografica

Andamento Demografico

La popolazione di Berlino fu, fino alla guerra dei trent'anni , molto bassa. Iniziò quindi a crescere costantemente, superando i 100.000 abitanti intorno al 1740 e il milione intorno al 1880 .

Con l'industrializzazione la città richiamò una forte immigrazione, particolarmente dalle regioni orientali. Anche le città ei comuni circostanti crebbero d'importanza. Nel 1920 la creazione della "Grande Berlino" portò la popolazione a circa 4 milioni.

Dopo le perdite della seconda guerra mondiale la popolazione, fortemente ridotta, contava circa 3 milioni di abitanti. Nel periodo della divisione della città in due blocchi [12] Berlino Ovest ebbe un andamento demografico che oscillava tra 1,9 e 2,1 milioni di abitanti, mentre a Berlino Est il dato andava da 1,1 ad 1,2 milioni. Tra il 1957 e il 1990 i giovani della Repubblica Federale di Germania hanno avuto l'opportunità di sfuggire al servizio militare se vivevano a Berlino Ovest. Successivamente alla riunificazione la popolazione si attestò sui dati attuali, con flessioni tra il 1996 ed il 2001 . [13]

La lunga tradizione di tolleranza religiosa in Prussia ha portato, nel corso dei secoli, all'immigrazione di diversi gruppi religiosi, perseguitati nella propria patria, anche in dimensioni rilevanti.

Anche le ondate di immigrazione diversamente causate hanno portato alla presenza odierna a Berlino di tutte le importanti religioni del mondo.

Nel contempo i berlinesi sono noti per essere mediamente poco affezionati alla religione, con più del 60% di atei residenti [14] .

Una prima rilevante ondata di uscite dalle due grandi chiese cristiane – nella Berlino prevalentemente protestante fin dal 1539 – è stata quella degli anni venti del Novecento, che interessava cittadini politicamente orientati a sinistra, incidendo quindi particolarmente tra gli operai dell'allora maggiore città industriale tedesca.

L'abbandono delle chiese durante l'epoca nazionalsocialista – sia per convinzione che per opportunità – toccava anche Berlino. Durante gli anni della divisione, la parte est non solo ha seguito la rapida emarginazione dei praticanti cristiani ad opera del regime del Partito Socialista Unificato di Germania (SED), ma ha inciso in misura ancora maggiore, data la sproporzionata presenza di membri del partito e di funzionari nella capitale dello Stato marcatamente centralista.

Nella parte Ovest l'abbandono corrisponde qualitativamente a quello generalmente in atto in Germania, sia a causa della Kirchensteuer [N 1] sia per la visione critica, sovente più sul piano politico che su quello religioso, da parte della popolazione tradizionalmente cristiana [ senza fonte ] .

La percentuale di membri delle due grandi chiese cristiane a Berlino corrisponde, quindi, a poco più della metà della media tedesca, pur essendo prevalentemente superiore alla media di quella riscontrata nelle regioni territoriali della ex- DDR .

Dell' arcidiocesi di Berlino – con sede nella storica St-Hedwigs-Kathedrale – fa parte, oltre alla città, un ampio territorio appartenente alle due regioni federali del nord-est.

Neue Synagoge ,
dal 1866 la più grande di Berlino

La presenza di ebrei a Berlino è attestata sin dalla fine del XIII secolo , nonostante ripetuti episodi di restrizioni e espulsioni. Già nel Settecento la comunità ebraica berlinese era la maggiore della Germania. Nell'Ottocento e primo Novecento la crescita fu esponenziale raggiungendo nel 1925 un totale di 172 672 membri, il 4,29% della popolazione della città e il 30,6% degli ebrei tedeschi. [15] . Le persecuzioni del periodo nazista sconvolsero la vita della comunità ebraica berlinese. Le sinagoghe e gli istituti culturali ebraici furono incendiati e distrutti. Alla fine solo 6 500 persone riuscirono a sopravvivere a Berlino – alcuni in quanto coniugati con tedeschi non ebrei, alcuni clandestinamente, grazie anche all'aiuto prestato da molti altri berlinesi – alla Shoah , che causò 7 000 suicidi e uccise 55 000 ebrei berlinesi nei campi di concentramento , mentre oltre 90 000 riuscirono a salvarsi rifugiandosi all'estero. [16] Nel dopoguerra, soprattutto dopo la riunificazione tedesca , la comunità ebraica berlinese ha conosciuto un periodo di vibrante rinascita. In particolare, con le recenti immigrazioni dagli Stati dell'ex-Unione Sovietica, Berlino è oggi la comunità ebraica più numerosa della Germania e quella con il tasso di crescita maggiore. [17]

La presenza musulmana è legata all'immigrazione degli ultimi decenni, prevalentemente dalla Turchia .

L'ultimo censimento dell'appartenenza religiosa risale al 2004; le cifre risultano da quelle fornite da ciascuna comunità religiosa; mancano pertanto alcuni gruppi minori che non hanno collaborato. In particolare risultano:

Approssimativamente il 60% dei berlinesi non appartiene ad alcuna comunità religiosa.

Cultura

Patrimoni dell'umanità

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi e parchi di Potsdam e Berlino , Residenze in stile moderno di Berlino e Isola dei musei .

Ipalazzi e parchi di Potsdam e Berlino sono stati dichiarati dall' UNESCO patrimonio dell'umanità nel 1990 .

L' isola dei musei è entrata a far parte della lista nel 1999 .

Nel 2008 un'altra parte di Berlino è entrata a far parte dei patrimoni dell'umanità. Si tratta di sei gruppi di edifici realizzati nei primi anni del XX secolo , che l'UNESCO ha riconosciuto di importanza internazionale assegnandogli il nome di "Residenze in stile moderno di Berlino ".

Musei

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei a Berlino .

Berlino è una città che offre musei di diverso genere.

Il nome " Isola dei musei " è dovuto al gran numero di musei , di importanza internazionale, che si trovano nella parte settentrionale dell' Isola della Sprea . I musei sono parte del gruppo dei Musei statali di Berlino , appartenenti alla Fondazione culturale prussiana ( Stiftung Preußischer Kulturbesitz ). L' Altes Museum è il più antico dei musei, il Neues Museum espone tra i reperti dell'Arte Egizia anche il celebre busto di Nefertiti . Nell' Alte Nationalgalerie sono custodite opere d'arte del XIX secolo , mentre nel Bode-Museum , con la sua caratteristica cupola in rame, sono esposte opere romane e bizantine. Infine il Pergamon Museum famoso per ospitare l' Altare di Pergamo , la Porta di Ishtar babilonese, la porta del mercato di Mileto , le originali mura del palazzo omayyade della Mshatta , e in genere ricche collezioni di arte greca , babilonese e islamica .

Il complesso del Kulturforum invece fu realizzato a partire dagli anni cinquanta del XX secolo , allo scopo di creare un centro culturale per l'allora Berlino Ovest , analogamente alla Museumsinsel per Berlino Est . Vi sorgono i musei:

Berlino possiede una grande varietà di musei, molti dei quali di rilievo internazionale: il museo egizio ospitato all'interno del Neues Museum ; il Bauhaus-Archiv l'archivio del Bauhaus dove sono custoditi parte degli archivi della celebre scuola; il Bröhan-Museum con le sue opere in Art Nouveau ; il Brücke-Museum che comprende una ricca collezione di opere legate al movimento artistico Die Brücke (Il ponte); il Museum Berggruen collezione raccolta da Heinz Berggruen con opere di Picasso, Klee, Giacometti, ecc.; il museo della tecnica ; il Museum für naturkunde , comprendente grandi raccolte di storia naturale; il Deutsches Historisches Museum sulla storia della Germania; il Jüdisches Museum nell'edificio appositamente progettato da Daniel Libeskind ; il Museum für Fotografie , relativo alle opere di Helmut Newton ; gli interessanti musei di Dahlem riguardanti le diverse culture del mondo (Museo Etnologico, Museo di Arte Asiatica, Museo delle culture europee). Opere di arte contemporanea sono esposte all' Hamburger Bahnhof , mentre nel Martin-Gropius-Bau si tengono esposizioni temporanee. Tra i musei più curiosi si trovano lo Stasimuseum , dedicato alle attività di spionaggio della Stasi , il ministero dei servizi segreti della DDR; il Deutsches Currywurst Museum Berlin , interamente dedicato al currywurst , tipico cibo da strada berlinese; lo Zucker-Museum (Museo dello zucchero); lo Schwulenmuseum , museo della cultura gay; e infine l' East Side Gallery , una sorta di museo all'aperto costituito da graffiti su di un tratto del muro di Berlino .

Teatri di prosa

A Berlino ci sono 44 teatri [18] . Il Deutsches Theater , nel Mitte, risale al 1849–50. La Volksbühne sulla Rosa-Luxemburg-Platz fu costruita nel 1913–14, ma la compagnia esisteva già dal 1890. Il Berliner Ensemble , famoso per le rappresentazioni delle opere di Bertolt Brecht , venne fondato nel 1949. La Schaubühne fu fondata nel 1962 e si trasferì nella sede attuale sul Kurfürstendamm nel 1981. Con i suoi 1 895 posti a sedere ed un palcoscenico di 2 854 metri quadrati il Friedrichstadt-Palast , nel Mitte, è il più grande palazzo per spettacoli d'Europa.

Altri teatri berlinesi sono il Grips-Theater , il Maxim Gorki Theater , il Theater und Komödie am Kurfürstendamm e il Renaissance Theater .

Teatri dell'Opera e musicali

Berlino ha tre importanti teatri dell'opera: la Deutsche Oper , la Staatsoper Unter den Linden e la Komische Oper . La Staatsoper sulla Unter den Linden è stata inaugurata nel 1742 ed è la più antica delle tre. Attualmente è diretta da Daniel Barenboim . La Komische Oper è specializzata nel repertorio dell' operetta e si trova anch'essa sull'Unter den Linden. La Deutsche Oper è stata aperta nel 1912 a Charlottenburg.

Le principali sale per musicals sono il Theater am Potsdamer Platz e il Theater des Westens (costruito nel 1895). La danza contemporanea può essere ammirata al Radialsystem V . Il Tempodrom ospita concerti e spettacoli circensi. L' Admiralspalast , nel Mitte, ha un programma di varietà .

Musica

Schauspielhaus sulla Gendarmenmarkt , fronteggiata dalla statua di Friedrich Schiller .

I Berliner Philharmoniker , ufficialmente Berliner Philharmonisches Orchester , da molti considerati la migliore orchestra sinfonica del mondo, hanno eletto nel 1999 Sir Simon Rattle come direttore principale; la sede dell'orchestra è la moderna Philharmonie , primo edificio nuovo del Kulturforum .

La storica Konzerthaus (originariamente Schauspielhaus ), al Gendarmenmarkt , invece è sede della Konzerthausorchester Berlin – fino al 2006 Berliner Sinfonie-Orchester o BSO – fondata nel 1952 come orchestra di Berlino Est .

La terza grande orchestra sinfonica classica è la Deutsches Symphonie-Orchester Berlin ( DSO ), dal 1946 al 1956 RIAS-Symphonie-Orchester , poi fino al 1993 Radio-Symphonie-Orchester Berlin .

Maggiormente specializzata nella musica del XX secolo è la Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin ( RSB ), fondata nel 1923. RSB, DSB, il Rundfunkchor Berlin e il RIAS Kammerchor appartengono alla holding pubblica Rundfunk Orchester und Chöre GmbH .

Istruzione e ricerca

La scuola elementare a Berlino dura – come nel Brandeburgo e in futuro anche ad Amburgo – sei anni, due in più rispetto a quella delle rimanenti regioni federali; in comune con una parte delle regioni occidentali Berlino offre dopo la scuola primaria la scelta tra la più modesta Hauptschule (quattro anni scolastici dopo la scuola elementare), la Realschule (anch'essa di quattro anni, ma con contenuti più impegnativi e un esame finale) e il Gymnasium , l'unico che dà diritto ad accedere all'università. Il Gymnasium dura sette anni (in alcuni casi nove, dopo quattro anni di scuola elementare); quindi la frequenza prima dell'università è di complessivamente 13 anni come in Italia. È in atto – come nelle altre regioni – la riduzione a dodici anni; insieme con l'inizio della scuola primaria, spostato da mediamente sei anni di età a mediamente cinque e mezzo, si giungerà all'università 18 mesi prima. In alcuni licei esiste inoltre una classe accelerata, che rende possibile la maturità dopo dodici anni, in futuro dopo undici.

Alle quattro università berlinesi – Università Humboldt di Berlino ( HU ), Università libera di Berlino ( FU ), Technische Universität Berlin ( TU ), Universität der Künste Berlin ( UdK , fino al 2001: Hochschule der Künste – HdK ) - studiano complessivamente oltre 105 000 studenti.

Nell'ambito della Exzellenzinitiative – un confronto tra le università tedesche – la FU dal 2007 è ufficialmente una delle nove università d'élite tedesche.

Oltre alle università esistono sette accademie ( Fachhochschule ), quattro accademie dedicate a diverse arti e dodici università private con complessivamente oltre 25000 studenti.

Le facoltà mediche della FU e della HU dal 2003 fanno parte dell' Ospedale universitario della Charité , costituendo così la più grande facoltà europea di medicina nello storico ospedale fondato nel 1710 e luogo di ricerca medica fin dal 1810, nel quale furono attivi Rudolf Virchow , Ferdinand Sauerbruch , Hermann von Helmholtz , Robert Koch , Paul Ehrlich e Emil Adolf von Behring e che finora ha al suo attivo otto premi Nobel .

Sono attive a Berlino anche le grandi società di ricerca nazionali, come la Max-Planck-Gesellschaft e complessivamente otto istituti di ricerca di diversi ministeri federali.

A Berlino ha sede l' Accademia delle scienze fondata nel 1700 da Leibnitz , ed il collegato osservatorio astronomico .

La ricerca scientifica si svolge anche in oltre 70 istituzioni extrauniversitarie a finanziamento pubblico con complessivamente oltre 50 000 dipendenti.

In città ha sede anche la Deutsche Gesellschaft für Geowissenschaften .

Oltre il 13 % dei brevetti tedeschi proviene da Berlino [ senza fonte ] .

Biblioteche e archivi

La maggiore biblioteca di Berlino è la Staatsbibliothek zu Berlin , una biblioteca nazionale, il cui patrimonio è custodito in vari edifici tra cui la Haus Unter den Linden e la Haus Potsdamer Straße .

Altre biblioteche della città sono la Kunstbibliothek ("Biblioteca di belle arti"), la Berliner Stadtbibliothek ("Biblioteca civica di Berlino") e la Amerika-Gedenkbibliothek ("Biblioteca commemorativa americana").

L' Archivio segreto di Stato custodisce i documenti dello stato prussiano.

Berlino al cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Berlino al cinema .

Berlino è fin dall'inizio un importante centro della settima arte ; i fratelli Skladanowsky vi presentarono le prime immagini in movimento ad un pubblico pagante il 1º novembre del 1895 , 58 giorni prima del debutto pubblico del (tecnicamente superiore) cinematografo dei fratelli Lumière a Parigi .

A Berlino sono legati i nomi di molti importanti registi e noti attori; a Berlino e nei dintorni immediati furono attivi la UFA e la DEFA ; la città è sede di 1 000 società di produzione cinematografica e televisiva e oltre 270 sale cinematografiche. A Berlino sono stati girati centinaia di film, alcuni dei quali entrati di diritto nella storia del cinema tra cui: Metropolis di Fritz Lang, L'ultima risata di Friedrich Wilhelm Murnau, L'angelo azzurro (Der blaue Engel) di Josef von Sternberg. [19]

Soprattutto però Berlino è oggetto del cinema; migliaia di film sono ambientati a Berlino e molti di essi descrivono carattere e storia di questa città.

Controcultura e gentrificazione

Dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989 , il centro della città (la ex parte occidentale di Berlino Est ) ospitava molte case parzialmente distrutte durante la seconda guerra mondiale e mai più ricostruite. Queste sono diventate un terreno fertile per vari tipi di controcultura e cultura underground , nonché di molti club notturni, compreso il Berghain , uno dei più importanti club di musica techno del mondo. Berlino ha una ricca scena artistica, ma sta subendo una crescente pressione finanziaria, in quanto gli affitti sono aumentati da quando il governo tedesco è tornato ad avere Berlino come sede. All'aumento degli affitti ha contribuito e contribuisce tuttora l'acquisto a soli fini di investimento di appartamenti o interi immobili da parte di persone e società non residenti in Germania; gli immobili acquistati vengono perlopiù tenuti vuoti o affittati a turisti, e la conseguente diminuzione dell'offerta provoca l'aumento dei canoni d'affitto per i residenti. La speculazione edilizia non si è limitata a sfruttare gli spazi vuoti lasciati dagli ex confini tra le due città prima dell'89 (Berlino Est e Berlino Ovest), ma ha colpito la "carne viva" del tessuto urbano della città [20] . Il processo di gentrificazione ha portato molti abitanti autoctoni a spostarsi nelle periferie [21] [22] . Critiche [23] mettono comunque in evidenza che la speculazione edilizia [24] ha non solo colto l'opportunità di monetizzare una città alla moda, ma ha anche incentivato lo sviluppo del "mito" di Berlino. Per ovvia questione dei grandi numeri che hanno preso il posto di nicchie antropologiche, oggi il conformismo modaiolo, la massificazione e il consumismo hanno sostituito la controcultura degli anni '90: il grande afflusso di stranieri europei [25] [26] ed il conseguente aumento della popolazione [27] hanno creato un florido mercato per gli investitori, fatto che ha necessariamente determinato la trasformazione della cultura underground locale di 20 anni fa nel "prodotto commerciale" di oggi da vendere ai potenziali nuovi residenti [28] .

Architetture religiose

Chiesa di San Michele
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Michele (Berlino) .
Chiesa di San Sebastiano
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Sebastiano (Berlino) .

Amministrazione

Sistema politico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Berlino .

Berlino costituisce uno dei Land (stati federati) della Germania , ed è quindi una città-stato.

Il sindaco della città ( Regierender Bürgermeister , "Sindaco reggente"), la giunta comunale ( Senat ) e il consiglio comunale ( Abgeordnetenhaus , "Camera dei deputati") fungono, quindi, al contempo sia da organi della città che del Land . Il sindaco è così anche Ministro presidente , la giunta comunale è anche Governo e il consiglio comunale è anche Parlamento .

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Distretti di Berlino e Quartieri di Berlino .

Berlino è suddivisa in 12 distretti ( Bezirk ), o distretti amministrativi ( Verwaltungsbezirk ):

Mappa di Berlino suddivisa nei 96 quartieri
Distretto Residenti
31 dicembre 2006
Superficie
in km²
Charlottenburg-Wilmersdorf 315 558 64,72
Friedrichshain-Kreuzberg 265 857 20,16
Lichtenberg 258 738 52,29
Marzahn-Hellersdorf 249 881 61,74
Mitte 326 422 39,47
Neukölln 305 458 44,93
Pankow 358 210 103,01
Reinickendorf 242 445 89,46
Spandau 224 304 91,91
Steglitz-Zehlendorf 288 575 102,50
Tempelhof-Schöneberg 332 066 53,09
Treptow-Köpenick 236 524 168,42

Ogni distretto pur eleggendo, durante le elezioni generali berlinesi, un proprio Consiglio dei delegati distrettuali ( Bezirksverordnetenversammlung ) e un Sindaco distrettuale ( Bezirksbürgermeister ), e partecipando alle decisioni comunali tramite l' Assemblea dei sindaci , gode unicamente dei poteri che il Senato di Berlino decide di delegargli. Il Parlamento cittadino può inoltre modificare, istituire o abolire i distretti a proprio giudizio.

L'attuale divisione in distretti è stata ottenuta nel 2001 dall'accorpamento dei 23 distretti preesistenti. Ogni distretto è composto statisticamente da più quartieri ( Ortsteil ), complessivamente 95.

All'interno dei quartieri vi sono talvolta località dal carattere particolare, dette Ortslage – soprattutto in periferia – o Kiez – particolarmente nei tradizionali e caratteristici quartieri centrali. La suddivisione in "ambiti statistici" ( Statistische Gebiete ) coincide solo in parte con la suddivisione storica o tradizionale.

Gemellaggi

Berlino è gemellata con 18 città del mondo e collabora attivamente in diverse associazioni di città internazionali [29] .

I distretti cittadini hanno numerosi gemellaggi autonomi, nazionali ed internazionali, con città e con quartieri di grandi città.

Economia

Palazzi dell' Allianz a Treptow (Al lato, il monumento dell'uomo-molecola)

Berlino ha ricevuto dal resto della Germania, dopo la caduta del muro, cospicui finanziamenti per la ricostruzione, trovandosi attualmente con un debito pari a circa 70 miliardi di euro . [30] Inoltre circa metà della popolazione a Berlino vive di pensione o di sussidi statali.

La disoccupazione di massa è in buona parte compensata dalla grande crescita di richiesta lavoro per la costruzione (e ricostruzione) di infrastrutture, soprattutto nell'ambito della modernizzazione di quelle di Berlino Est .

Fra le principali fonti economiche vi è il turismo , che nell'ultimo decennio [ quale? ] è notevolmente aumentato, portando la città fra le principali mete europee, al pari di centri come Londra , Roma e Parigi .

Altri settori principali, in rapida crescita, sono quelli dei servizi, tecnologia delle comunicazioni, mobilità, media e musica , biologia , scienze ambientali , trasporti ed ingegneria medica.

Tra le maggiori aziende presenti in città vi sono la Siemens (con sede nel quartiere Siemensstadt del distretto di Spandau ), la Daimler , l' Allianz , la BMW , le Deutsche Bahn e la locale compagnia di trasporti pubblici, la BVG .

Manifestazioni

Vecchio ingresso principale della zona fiere ( Messe )

Molto nota è la Berlinale , il più importante festival del mondo rivolto al grande pubblico e nel contempo uno dei più importanti festival del cinema; si svolge ogni anno a febbraio.

Numerose altre manifestazioni, in particolare nei settori del teatro, del cinema, della musica classica e della musica contemporanea, si svolgono a Berlino, attirando numerosi ospiti da tutto il mondo.

Nel 1989 è nata a Berlino la LoveParade , ripetuta poi ogni estate fino al 2003 e poi di nuovo nel 2006. Si è svolta, nelle ultime manifestazioni, sulla Straße des 17. Juni, al centro del parco urbano del Tiergarten . Nel 1999 hanno partecipato, secondo gli organizzatori, oltre un milione di persone e complessivamente la manifestazione ha raccolto negli anni una decina di milioni di partecipanti. È sicuramente una delle maggiori manifestazioni di ballo e collettivo attuali, con musica diffusa ad altissimo volume da impianti fissi e mobili, su enormi autotreni. Nell' ultimo periodo [ quale? ] , dopo il divieto di svolgerla a Berlino, si è deciso di spostarla ogni anno in una città diversa della Germania.

Berlino è una delle città fieristiche più importanti del mondo. Vi si svolge la Internationale Grüne Woche , fondata nel 1926, la più grande fiera del mondo nel settore alimentare ed agricolo, con (2008) 1 610 espositori provenienti da 52 Paesi, con una superficie di esposizione di 115 000 metri quadrati, con 425 000 visitatori e con oltre 5 000 giornalisti inviati da 70 Paesi. [ senza fonte ]

Anche la IFA – fondata nel 1924 – è la più importante fiera del suo settore, quello dell' elettronica di consumo .

Dal 1966 la città ospita la ITB , considerata una delle più grandi fiere del turismo al mondo; la InnoTrans , svolta ogni due anni, è la fiera di riferimento nel mondo della tecnica ferroviaria. Molte altre fiere, rivolte in parte al grande pubblico, in parte solo o prevalentemente agli esperti, completano l'offerta.

All' aeroporto berlinese di Schönefeld si svolge la ILAInternationale Luft- und Raumfahrtausstellung – la più antica fiera dell'aviazione del mondo, fondata nel 1909 a Frankfurt am Main , trasferita nel 1912 a Berlino ed organizzata di nuovo a Berlino ogni due anni dal 1992, una delle più importanti esposizioni del settore e sia per numero di visitatori – nel 2006 oltre 250 000 – sia per velivoli esposti – nel 2006 erano 340.

Turismo

Berlino è una meta turistica molto ambita, con notevole incremento dei pernottamenti negli anni successivi alla riunificazione della città e in particolare dall'inizio del nuovo millennio. All'interesse internazionale per Berlino contribuiscono anche le nuove ed avveniristiche strutture architettoniche [N 3] . Oltre al variegato numero dei punti turisticamente ricettivi, situati prevalentemente in centro (ma anche in buona parte della periferia), è da notare l'economicità della capitale rispetto a molte altre metropoli turistiche, europee e non. Oggi la città si è portata alla pari con le più grandi mete turistiche d'Europa come Londra , Parigi o Roma .

Infrastrutture e trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti e infrastrutture di Berlino .
Rete berlinese di
S-Bahn e U-Bahn
La Stadtbahn presso Hackescher Markt

Berlino ha una rete di trasporti pubblici estesa e molto funzionale. Anche il traffico privato è molto scorrevole. Il sistema di trasporto pubblico si articola in diversi mezzi, fra essi complementari, tutti gestiti dalla BVG ( Berliner Verkehrsbetriebe ) ad eccezione della S-Bahn , comunque integrata in un sistema tariffario unico.

Metropolitana e S-Bahn

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: S-Bahn di Berlino e Metropolitana di Berlino .

La rete ferroviaria cittadina si articola su due reti (la metropolitana e la S-Bahn ) che insieme coprono capillarmente la superficie cittadina. Successivamente alla riunificazione della città ( 1990 ) i lavori di ricucitura della rete furono completati in pochi anni.

  • La S-Bahn è un servizio ferroviario suburbano, prevalentemente di superficie, con tracciati spesso paralleli (ma autonomi) a quelli delle ferrovie nazionali della Deutsche Bahn . La rete, composta da 15 linee (di cui due circolari, il cosiddetto Ring ), fra loro sovrapposte nelle tratte centrali, copre tutta la città ed i dintorni: fra le città servite vi sono Potsdam , Strausberg , Oranienburg , Bernau e Königs Wusterhausen . La compagnia che la gestisce è la S-Bahn Berlin GmbH , parte del gruppo Deutsche Bahn . La sua storia inizia nel 1882 , con l'inaugurazione della Stadtbahn , per poi incrementare il suo sviluppo con l'elettrificazione, a partire dalla metà degli anni venti .
  • La metropolitana è prevalentemente sotterranea e costituita da 10 linee: U1, U2, U3, U4, U5, U6, U7, U8, U9 e U55. La rete, sviluppatasi a partire dal 1902 , è una delle più antiche del mondo, dopo quelle di Londra , Budapest e Glasgow . È gestita dalla compagnia cittadina BVG ed è particolarmente sviluppata nelle zone centro-occidentali della città. Sono allo studio numerosi progetti di espansione, tra cui il prolungamento della U5 verso la stazione centrale , parzialmente realizzato. Il principale dei problemi nei ritardi dell'ampliamento della rete è comunque dovuto alla situazione finanziaria del comune, e alla scelta politica di privilegiare altre forme di mobilità (tram e biciclette).

Tram, autobus e traghetti

  • La rete tranviaria berlinese conta 22 linee urbane (quasi tutte nella zona orientale) e 2 extraurbane (verso Schöneiche , Rüdersdorf e Woltersdorf ). La rete occidentale venne soppressa negli anni cinquanta e sessanta ; di essa è stata ricostruita una sola linea, che attraversa i quartieri di Gesundbrunnen e Wedding . Tuttavia sono allo studio ulteriori prolungamenti. Inoltre nel 2005 la rete venne completamente riorganizzata con l'istituzione delle linee MetroTram ( M ).
  • Gli autobus contano un'estesissima rete, composta da linee ordinarie (Bus), MetroBus ( M ) ed espresse ( X ). Vi sono poi le linee notturne ( N ).
  • I traghetti di servizio pubblico contano 10 linee, tutte periferiche, che attraversano la Sprea ed altri fiumi e laghi. Sono concentrate a sud-est ( Treptow-Köpenick ), ma la linea più lunga si trova nella zona sud-occidentale, tra Wannsee e Kladow .

Ferrovie

Stazione centrale
( Hauptbahnhof )

Berlino è un importante nodo ferroviario d' Europa , uno dei punti di congiunzione fra l'est e l'ovest dei trasporti continentali. La sua rete ferroviaria, anche a causa delle vicissitudini occorsele durante il XX secolo , ha subito parecchi mutamenti, tra cui la perdita del sistema di stazioni di testa "a raggiera" (molto esteso a Londra , Mosca e Parigi ). Molte sono nella città le grandi stazioni ferroviarie , così come i resti dei vecchi terminal , tra i quali l' Anhalter Bahnhof . Nei primi anni novanta, mentre venivano ricostruiti i vari tracciati delle ferrovia tedesche (DB) , il traffico a lunga percorrenza fu prima incentrato nella stazione Zoologischer Garten (it.: Giardino zoologico) e poi condiviso con l' Ostbahnhof , che fu la stazione principale fino al 28 maggio 2006 . In quella data venne inaugurata la nuova stazione Berlin Hauptbahnhof (tra le più grandi d'Europa) ed il Tiergartentunnel , con altre due nuove stazioni a lunga percorrenza: Gesundbrunnen e Südkreuz .

La rete ferroviaria ha una struttura pressappoco a croce, incentrata sugli assi della Stadtbahn (est-ovest) e del Tiergartentunnel (nord-sud), con varie diramazioni. Tra l'ex-settore orientale e svariati comuni della cinta urbana (tra cui Potsdam ) nel Brandeburgo , si trova il Berliner Außenring , un percorso ferroviario circolare, eredità dell'epoca del muro , che serviva a raccordare tutte le ferrovie locali verso Berlino Est .

Numerosi sono i collegamenti internazionali da Berlino, i più distanti dei quali la collegano con la Russia , l' Ucraina e, periodicamente, il Kazakistan .

Aeroporti e porti fluviali

Palazzo amministrativo
del Westhafen

Berlino conta su:

Strade, autostrade e piste ciclabili

Berlino ha una rete autostradale che si raccorda nella A10 , il "raccordo anulare" cittadino. Le altre linee autostradali sono la A2 (verso Hannover , Dortmund ed Oberhausen ), la A9 (verso Monaco di Baviera ), la A24 (verso Amburgo ), la A12 (verso Francoforte sull'Oder ), la A13 (verso Dresda ), la A11 (verso Stettino ) e le urbane A115 (parte dell' AVUS ), A111 , A103 , A113 , A114 , A117 e A100 , il semianello centrale.

Molto complessa è anche la rete di strade federali. Fra le numerose arterie vi sono anche le B 1 e B 2 , che attraversano il territorio nazionale, l'una in direzione est-ovest, l'altra in direzione nord-sud. Numerosi anche i percorsi delle Strade europee , fra cui i più notevoli sono la E30 ( Cork - Samara ed Ufa ) e la E55 ( Helsingborg - Kalamata ).

La rete delle piste ciclabili è molto sviluppata. Esse si sviluppano tanto al centro quanto nelle zone boschive e periferiche, dato anche il diffusissimo uso della bicicletta come mezzo di locomozione, spesso sostitutivo dell' automobile . Le biciclette hanno inoltre accesso su tutti i mezzi pubblici cittadini, con una piccola maggiorazione sul biglietto o sull'abbonamento.

Berlino è oggi una delle pochissime città in cui, in certe zone, sopravvive una numerazione delle vie molto particolare. I numeri civici si susseguono in maniera contigua senza differenziare i pari dai dispari: arrivata al fondo della via la numerazione prosegue sull'altro lato, ed il numero più alto sarà quindi di fronte al numero 1. Questo sistema, detto "a ferro di cavallo", non viene utilizzato nel quartiere Prenzlauer Berg dove si trova il sistema classico europeo (i numeri pari da un lato ei dispari dall'altro).

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Berlino .

Berlino ha una grande storia sportiva. Gustav Scholz, Erik Zabel , Pierre Littbarski , Franziska van Almsick ed altri noti sportivi vi sono nati. I nomi di pionieri dello sport come Friedrich Ludwig Jahn e Hannes Marker sono legati a quello della città così come quello dell' AVUS , fin dal 1921 nell' automobilismo .

A Berlino si sono svolti importanti manifestazioni sportive come i giochi estivi della XI Olimpiade nel 1936, manifestazione sfruttata come propaganda dal regime nazionalsocialista, ma anche evento sportivo di primo ordine con atleti eccezionali come Rie Mastenbroek e Jesse Owens .

L' Olympiastadion (Stadio olimpico) del 1936 è stato restaurato e modernizzato completamente prima dei mondiali di calcio del 2006 . Nell'agosto 2009 ha ospitato i campionati del mondo di atletica leggera . Dal 1963 è lo stadio dell' Hertha BSC , società fondata nel 1892. È la squadra di calcio più popolare a Berlino e gioca nella Bundesliga dalla stagione 1997-1998 , salvo nelle stagioni 2010-2011 e 2012-2013 nelle quali ha disputato e vinto il campionato della seconda divisione .

Meno successo sia di pubblico che di palmares hanno il 1. FC Union Berlino , che dalla stagione 2019-2020 milita nella Bundesliga e gioca allo stadio Alten Forsterei , e il BFC Dynamo , entrambi importanti all'epoca della DDR . La Dinamo è stata la più titolata della DDR-Oberliga , campionato della DDR. A Berlino hanno sede anche la Tennis Borussia Berlin e un'ottantina di altre società calcistiche.

Successi berlinesi si contano anche in altri sport, come nella Deutsche Eishockey Liga , massimo campionato di hockey su ghiaccio, con l' Eisbären Berlin , nel campionato tedesco maschile di pallanuoto con la Wasserfreunde Spandau 04 , nella Basketball-Bundesliga con l' ALBA Berlino , la società più titolata a livello nazionale, nella 1. Bundesliga tedesca di pallavolo maschile con l' Charlottenburg Berlin e nella pallamano . Molto blasonata è anche la compagine di football americano , i Berlin Adler .

Ogni anno si svolgono a Berlino la Maratona di Berlino , una delle maggiori manifestazioni di questo tipo a livello mondiale, l' ISTAF , una delle più importanti manifestazioni mondiali di atletica leggera, la German Open del tennis femminile ( WTA ) e la Coppa di Germania , il secondo più importante torneo di calcio tedesco.

Numerosi impianti sportivi, stadi, piscine, piste e stadi del ghiaccio sono a disposizione dei cittadini e vengono intensamente usati. I grandi laghi e il fiume Havel sono molto frequentati da velisti e rematori .

Note

Esplicative

  1. ^ La tassa per finanziare le Chiese costituite.
  2. ^ Il Comune di Parigi sottolinea di aver contratto un solo jumelage , quello con Roma nel 1956; i rapporti con Berlino e con numerose altre città sono definiti pactes d'amitié et de coopération ; il Comune di Berlino invece non distingue forma o qualità della Städtepartnerschaftgemellaggio – con Parigi dalle altre.
  3. ^ Vedasi, ad esempio, la ricostruzione di Potsdamer Platz ad opera di Hans Kollhoff , Renzo Piano , Helmut Jahn ed altri noti architetti, e la nuova stazione centrale di Meinhard von Gerkan .

Bibliografiche

  1. ^ https://www.statistik-berlin-brandenburg.de/BasisZeitreiheGrafik/Bas-Einwohnerregister.asp?Ptyp=300&Sageb=12041&creg=BBB&anzwer=11
  2. ^ Luciano Canepari , Berlino , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  3. ^ Amt für Statistik Berlin Brandenburg - Statistiken
  4. ^ Weather and Climate - Deutscher Wetterdienst -- Klimadaten [ collegamento interrotto ] , su dwd.de . URL consultato il 10 febbraio 2013 .
  5. ^ Clima en Berlin-Schoenefeld durante Febrero de 1956 , su tutiempo.net . URL consultato il 10 febbraio 2013 .
  6. ^ Daily data , su eca.knmi.nl . URL consultato il 10 febbraio 2013 .
  7. ^ Distrutta dai bombardamenti alleati, la chiesa di San Nicola fu ricostruita nel 1982 prendendo a modello la sua forma ristrutturata del 1876 (AA.VV. Berlino , Rahmenverelag GmBH, Pulheim, ISBN 3-926526-83-1 , Ed. in lingua italiana pag. 36)
  8. ^ Il progetto della cattedrale cattolica di Sant'Edvige è opera dell'architetto tedesco Georg Wenzeslaus Knobelsdorff , e fu costruita fra il 1743 ed il 1773
  9. ^ ( DE ) Confronta, tra gli altri, H. Weißpflug 1979,Das Landeswaldgesetz wird erlassen sul sito del Luisenstädtischer Bildungsverein
  10. ^ ( DE ) Confronta, tra gli altri, H. Schwenk 1997, Zur Herkunft der Namen der Doppelstadt» Berlin«und» Cölln« sul sito del Luisenstädtischer Bildungsverein
  11. ^ ( EN ) Storia, immagini e descrizioni di stemma e bandiera berlinesi su Flags of the world
  12. ^ ( DE ) Statistiche demografiche di Berlino dal 1600 al 1989 Archiviato il 24 maggio 2012 in Archive.is .
  13. ^ ( DE ) Statistiche su Berlino ed il Brandeburgo Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive . (file PDF )
  14. ^ Connolly, Kate, Atheist Berlin to decide on religion's place in its schools , su guardian.co.uk , The Guardian , 26 aprile 2009. URL consultato il 10 maggio 2010 .
  15. ^ ( EN ) Jewish Berlin , su jewishvirtuallibrary.org .
  16. ^ ( EN ) History of the Jewish Community of Berlin , su jg-berlin.org .
  17. ^ ( EN ) Epicenter of Holocaust Now Fastest-growing Jewish Community , su haaretz.com .
  18. ^ Die kleine Berlin Statistik ( PDF ), in berlin.de . URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  19. ^ Guida su Berlino Informazioni su Berlino , su Informagiovani Italia - Giovani dentro . URL consultato il 29 gennaio 2016 .
  20. ^ Quando Berlino era povera, ma sexy [ collegamento interrotto ] , su ildeutschitalia.com .
  21. ^ Claudio Marson, Gentrification Berlino (part 1/3) , 31 ottobre 2009. URL consultato il 7 agosto 2016 .
  22. ^ Berlino: trasformazioni urbane e gentrificazione , su systemfailureb.altervista.org . URL consultato il 7 agosto 2016 .
  23. ^ Berlino, fogna d'Europa , su 2010fugadapolis.wordpress.com .
  24. ^ Berlino meta preferita dagli investitori , su ilsole24ore.com .
  25. ^ Mappe, analisi e statistiche sulla popolazione residente , su ugeo.urbistat.com .
  26. ^ Berlino avrà sempre più abitanti , su ilmitte.com .
  27. ^ Berlino · Popolazione , su popolazione.population.city .
  28. ^ L'Italia nel radar degli investitori immobiliari, Berlino über alles in Europa , su adnkronos.com .
  29. ^ I gemellaggi di Berlino sul sito ufficiale della città
  30. ^ Berlino, 65 miliardi di debiti entro il 2015 , su ilmitte.com . URL consultato il 18 novembre 2013 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 122530980 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1364 8293 · LCCN ( EN ) n79034972 · GND ( DE ) 4005728-8 · BNF ( FR ) cb15298132w (data) · BNE ( ES ) XX451163 (data) · NDL ( EN , JA ) 00629194 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79034972