Exército Vermelho

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Disambiguation note.svg Desambiguação - Se você estiver procurando por outros significados, consulte Exército Vermelho (desambiguação) .
Рабоче-крестьянская Красная армия
Raboče-krest'yanskaja Krasnaja bracciaja
Exército Vermelho de Trabalhadores e Camponeses
Martelo e foice do Exército Vermelho Soviético.svg
Descrição geral
Ativar 15 de janeiro de 1918 - 25 de fevereiro de 1946
País União Soviética União Soviética
Anteriormente:
bandeira RSFS russo (1918-1922)
Serviço Força armada
Cara Exército
Função Guerra terrestre
Dimensão ~ 6.000.000 homens (1918-1922)
~ 34.000.000 homens (1941-1945)
Estado principal voe
Batalhas / guerras WWI
Guerra civil russa
Guerra Soviética-Polonesa
Guerra Sino-Soviética
Invasão soviética de Xinjiang
Guerra de fronteira soviético-japonesa
Invasão soviética da Polônia
Guerra de inverno
Segunda Guerra Mundial
Invasão soviética da Manchúria
Levantes anticomunistas na Europa Oriental
Aniversários 23 de fevereiro [1]
Parte de
Comandantes
Digno de nota Lev Trotsky
Iosif Stalin
Mikhail Tuchačevskij
Semën Budënnyj
Boris Šapošnikov
Semën Timošenko
Georgy Žukov
Aleksandr Vasilevsky
Konstantin Rokossovskij
Ivan Konev
Nikolai Vatutin
Vasily Sokolovsky
Rodion Malinovsky
Andrej Grečko
Ivan Jakubovsky
Viktor Kulikov
Dmitry Ustinov
Dmitry Jazov
Vasily Čujkov
Símbolos
Alfinete de chapéu Chapéu de recruta do Exército Vermelho insignia.jpg
Bandeira não oficial Red Army flag.svg
Rumores sobre unidades militares na Wikipedia

O 'Exército Vermelho (oficialmente Exército Vermelho dos Trabalhadores e Camponeses (em russo : Рабоче-крестьянская Красная армия ? , Raboče-krest'janskaja armija em Krasnaya sigla RKKA) foi o nome dado às forças armadas da Rússia após a desintegração da czarista forças em 1917. O adjetivo "vermelho" refere-se à cor tradicional do movimento socialista e comunista . O Exército Vermelho foi estabelecido por decreto do Conselho de Comissários do Povo da RSFS da Rússia em 1918 e tornou-se o exército da URSS na época da fundação do próprio estado, em 1922. Lev Trotsky , comissário do povo para a guerra de 1918 a 1924 , é considerado seu fundador.

O Exército Vermelho, liderado diretamente por Stalin com a colaboração de vários generais, desempenhou um papel decisivo durante a Segunda Guerra Mundial , derrotando grande parte das forças da Wehrmacht da Alemanha nazista após quatro anos de batalhas violentas e sangrentas e terminando vitoriosamente o conflito. Russo alemão com a conquista de Berlim e Viena . Durante as operações na frente oriental , 70-75% das baixas sofridas pela Wehrmacht e pela Waffen-SS durante a guerra [2] (os soviéticos tiveram mais de 20 milhões de mortos, incluindo civis). Em seu período de expansão máxima de pessoal, em 1943, o Exército Vermelho contava com 10,5 milhões de efetivos incluindo oficiais, suboficiais e soldados e estava equipado com milhares de tanques e canhões modernos (graças também ao apoio logístico dos Aliados especialmente durante o primeiros anos da guerra); as perdas para alcançar a vitória foram muito altas: 11,2 milhões de soldados morreram de causas de guerra no período 1941-1945 [3] .

A partir de fevereiro de 1946, o Exército Vermelho, junto com a Marinha Soviética , incorporou o principal componente das Forças Armadas Soviéticas ; assumiu o nome oficial do Exército Soviético ( em russo : Советская Армия ?, transliterado : Sovetskaja Armija , nas iniciais SA ) [4] , até sua dissolução em dezembro de 1991.

História

A Revolução e Ideação de Outubro

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Revolução de outubro .
Unidade Vulkan Industry Red Guard

Em setembro de 1917, Lenin escreveu: "Só há uma maneira de evitar o renascimento da força policial regular: criar uma milícia popular e fundi-la com o exército (o exército permanente terá de ser substituído pelo armamento de todos as pessoas) ". [5] Naquela época, o Exército Imperial Russo , que esteve envolvido na Primeira Guerra Mundial por três anos, começou a entrar em colapso. Cerca de 23% (aproximadamente 19 milhões de pessoas) da população masculina do Império Russo foram mobilizados; entretanto, uma grande parte das tropas não tinha sido equipada para a frente e tinha sido empregada em funções de apoio, como manutenção de linhas de comunicação e controle de bases terrestres. O general czarista Nikolai Nikolaevič Duchonin , o último comandante-chefe do exército imperial, estimou que durante a guerra houve 2 milhões de desertores, 1,8 milhões de mortos, 5 milhões de feridos e 2 milhões de prisioneiros. Ele estimou que as tropas ainda em armas eram cerca de 10 milhões. [6]

O governo soviético liderado por Lenin dissolveu prontamente o Exército Imperial Russo, porém tornou-se aparente "que as unidades fragmentárias da Guarda Vermelha e os elementos do Exército Imperial que haviam passado para o lado dos Bolcheviques eram insuficientes para defender o novo governo contra. forças. " Portanto, o Conselho de Comissários do Povo decidiu em 28 de janeiro de 1918 criar um novo exército popular, que foi chamado de Exército Vermelho. [7] Os líderes bolcheviques pretendiam criar um exército "feito de elementos com consciência de classe e os melhores elementos das classes trabalhadoras".

Todos os cidadãos da república russa com idade mínima de 18 anos podem se alistar. A missão do novo exército era a defesa "do poder soviético, a criação de uma base para a transformação do exército permanente em uma força que deriva seu poder da nação em armas e, além disso, a criação de uma base de apoio . da subsequente Revolução Socialista na Europa. " O alistamento estava sujeito a "garantias dadas por uma comissão militar ou civil operando no território do poder soviético, ou por comitês partidários ou sindicais ou, em casos extremos, por duas pessoas pertencentes a uma das organizações acima". Caso uma unidade inteira quisesse ingressar no Exército Vermelho, seria necessária uma "garantia coletiva e o voto favorável de todos os seus membros". [8] [9]

Como o Exército Vermelho era composto principalmente por camponeses, as famílias dos que serviam tinham garantia de ração e assistência no trabalho agrícola. [10] Alguns camponeses que haviam ficado em casa estavam dispostos a se juntar ao novo exército popular; os homens, junto com algumas mulheres, lotaram os centros de recrutamento. Se rejeitados pelos militares, eles recebiam tarefas como coletar sucata e preparar embalagens para assistência. Em alguns casos, o dinheiro ganho foi usado para construir tanques para o exército. [11]

O próprio Conselho dos Comissários do Povo nomeou o Chefe Supremo do Exército Vermelho, delegando o comando e a gestão do exército ao Comissariado para os Assuntos Militares e ao Instituto Especial de Toda a Rússia deste comissariado. [8] Nikolai Krylenko foi o primeiro comandante-em-chefe supremo, com Aleksandr Mjasnikjan como vice. [12] Nikolai Podvoysky se tornou o comissário de guerra, Pavel Dybenko, comissário da frota. Prošjan, Samouskij, Steinberg também foram indicados como comissários populares, bem como Vladimir Bonč-Bruevič, pelo Gabinete dos Comissários. Durante uma reunião conjunta de Bolcheviques e Revolucionários Socialistas de Esquerda , realizada em 22 de fevereiro de 1918, Krylenko comentou: "Não temos mais um exército de verdade. Os soldados desmoralizados fogem, em pânico, assim que veem um capacete alemão aparecer no horizonte. , abandonando sua artilharia, comboios e todo o material de guerra para o avanço inexorável do inimigo. As unidades da Guarda Vermelha são varridas como moscas. Não temos chance de continuar a guerra, apenas uma assinatura imediata do tratado de paz salvará da destruição " [8]

A Guerra Civil Russa

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Guerra Civil Russa .
Cocô com martelo e arado utilizado pelo Exército Vermelho de 1918 a 1922, quando foi substituído pelo cocô com foice e martelo. [13]

A Guerra Civil Russa se desenvolveu em três períodos:

  • Outubro de 1917 - novembro de 1918: da Revolução Bolchevique ao armistício da Primeira Guerra Mundial . Desde os primeiros meses após a Revolução de Outubro, o Exército de Voluntários do general Aleksej Maximovich Kaledin foi fundado na região de Don River . O Tratado de Brest-Litovsk agravou ainda mais a situação para os bolcheviques, causando conflito dentro do governo e fornecendo um pretexto para a intervenção dos Aliados na guerra civil russa , na qual doze países estrangeiros apoiaram forças militares antibolcheviques. Os confrontos desta fase da guerra civil também envolveram as Legiões Tchecoslovacas , a 5ª Divisão de Infantaria Polonesa e os Fuzileiros da Letônia , que estavam entre as unidades bolcheviques mais agressivas e confiáveis.
  • Janeiro de 1919 - novembro de 1919: inicialmente os exércitos brancos progrediram com sucesso, políticas como terror vermelho e comunismo de guerra levaram os camponeses a ficarem insatisfeitos com o governo bolchevique, agora os camponeses deram as boas-vindas aos soldados do exército branco em suas aldeias como libertadores, isso permitiu o exército branco a se expandir em número, até 300.000 homens. O exército branco avançava em direção a Moscou: ao sul, sob o comando do general Anton Denikin ; do leste, sob a liderança do almirante Aleksandr Vasil'evič Kolčak ; e do noroeste, sob o comando do general Nikolaj Nikolaevič Judenič . Os brancos alcançaram sucessos importantes em todas as frentes, mas a ação enérgica do ministro bolchevique da Defesa, Lev Trotsky , junto com o erro militar de Denikin, que decidiu avançar mais e não se preparar para defender as áreas conquistadas, permitiu reforçar e reorganizar o 'Exército Vermelho que entrou em contra-ataque: repeliu o exército do almirante Kolčak em junho e os exércitos do general Denikin e do general Judenič em outubro. [14] Em meados de novembro, os Exércitos Brancos estavam se desintegrando. Em janeiro de 1920, o famoso Primeiro Exército do Cavalo Vermelho liderado pelo popular e agressivo general Semën Michajlovič Budënnyj entrou em Rostov-on-Don vitoriosamente.
  • Do final de 1919 a 1920: o comando do exército branco passou para o General Wrangel , ele fez com que as tropas brancas se retirassem para a Crimeia, onde se opuseram a uma feroz resistência ao exército vermelho, até a evacuação final das tropas e civis que terminou em 14 de novembro de 1920.
  • de 1921 a 1923: embora as tropas do exército voluntário e as de Judenic tivessem sido evacuadas, as tropas do almirante Kolchack ainda estavam na Rússia, ele havia sido entregue pela legião tchecoslovaca ao Exército Vermelho, que o havia atirado no 1920, mas suas tropas restantes, reforçadas pelos cossacos, continuaram ocupando posições no Extremo Oriente até 6 de junho de 1923, quando os últimos 333 soldados do Exército Branco foram capturados e mortos.

No início da guerra, o Exército Vermelho consistia em 299 regimentos de infantaria. [15] A guerra civil se intensificou depois que Lenin dissolveu a Assembleia Constituinte Pan- Russa (5 a 6 de janeiro de 1918) e o governo soviético assinou o Tratado de Brest-Litovsk (3 de março de 1918), que permitiu que a Rússia bolchevique saísse da Grande Guerra . Apesar das cláusulas pesadas da paz de Brest-Litovsk, o fim da participação russa na Primeira Guerra Mundial permitiu ao Exército Vermelho enfrentar as heterogêneas forças contra-revolucionárias, incluindo, além das tropas brancas pró-czaristas, também os Insurrecionários Revolucionários Exército da Ucrânia , o " Exército Negro " liderado por Nestor Machno e o Exército Verde anti-branco e anti-vermelho. 23 de fevereiro de 1918, "Dia do Exército Vermelho", tem um significado histórico duplo: o primeiro dia do recrutamento de recrutas (em Petrogrado e Moscou); e o primeiro dia de combate contra o exército imperial alemão de ocupação. [16] [17]

Lev Trotsky em traje militar e budenovka , símbolo do Exército Vermelho (1918)

Em 6 de setembro de 1918, as milícias bolcheviques foram consolidadas sob o comando supremo do Conselho Militar Revolucionário da República ( em russo : Революционный Военный Совет ?, Transliterado : Revolyutsionny Voyenny Sovyet (Revvoyensoviet) ). O primeiro presidente foi Lev Trotsky e o primeiro comandante-em-chefe Jukums Vācietis dos Fuzileiros da Letônia ; em julho de 1919 ele foi substituído por Sergej Kamenev . Pouco depois, Trotsky estabeleceu a GRU (inteligência militar) para fornecer inteligência política e militar aos comandantes do Exército Vermelho. [18] Trotsky fundou o Exército Vermelho com uma organização inicial da Guarda Vermelha e uma tropa central da milícia da Guarda Vermelha e da polícia secreta Chekista . [19] O recrutamento começou em junho de 1918 [20] e a oposição a ele foi violentamente reprimida. [21] [ carece de fontes? ] Para controlar as milícias multiétnicas e multiculturais do Exército Vermelho, Čeka operou brigadas punitivas especiais que suprimiram anticomunistas , desertores e "inimigos do estado". [18] [22] O pragmatismo do tempo de guerra permitiu o recrutamento de oficiais e sargentos ex-czaristas (sargentos, sargentos) para o Exército Vermelho. [23] A comissão especial de Lev Glezarov os recrutou e selecionou [24] . Em meados de agosto de 1920, o ex-pessoal do Exército Vermelho czarista incluía 48.000 oficiais, 10.300 administradores e 214.000 suboficiais. [25] No início da guerra civil, os ex-czaristas constituíam 75% do corpo de oficiais do Exército Vermelho [26] [27] e eram empregados como especialistas militares ( voenspetsy ). [28] Sua lealdade era ocasionalmente imposta por suas famílias mantidas como reféns. [26] [27] No final da guerra em 1922, os ex-czaristas representavam 83% dos comandantes de divisão e corpo do Exército Vermelho. [29]

O Exército Vermelho usou regimentos especiais para minorias étnicas, como o Regimento de Cavalaria Dungan comandado pelo Dungan Magaza Masanči . [30] O Exército Vermelho também colaborou com as unidades armadas voluntárias do partido bolchevique, o Части особого назначения - ЧОН (unidade de atribuições especiais Časti osobogo naznačenija - ou ČON) de 1919 a 1925. [31]

O slogan "exortação, organização e represálias" expressava disciplina e motivação, garantindo o sucesso tático e estratégico do Exército Vermelho. No campo, as Brigadas Especiais de Punição de Čeka conduziam corte marcial sumária e execuções de desertores e emboscadores. [32] [33] Sob o comando do comissário Jānis K. Bērziņš , as Brigadas de Punição Especial fizeram reféns de aldeias de desertores para forçá-los a se render; um em cada dez dos que retornaram foi executado. A mesma tática também suprimiu revoltas camponesas em áreas controladas pelo Exército Vermelho, como a Rebelião Tambov . [34] Os soviéticos reforçaram a lealdade de vários grupos políticos, étnicos e nacionais do Exército Vermelho por meio dos comissários políticos destacados nos níveis de brigada e regimento. Os comissários foram instruídos a espionar os comandantes por impropriedade política . [35] Os comissários políticos cujos destacamentos chekistas recuaram ou derrotaram na frente do inimigo foram condenados à pena de morte. [ carece de fontes? ] Em agosto de 1918, Trotsky autorizou o generalMikhail Tuchačevskij a colocar unidades de bloqueio atrás de unidades do Exército Vermelho politicamente não confiáveis ​​para atirar em qualquer um que recuasse sem permissão. [36] Em 1942, durante a Grande Guerra Patriótica (1941-1945), Iosif Stalin reintroduziu a política de bloqueio e os batalhões criminosos com a Ordem número 227 .

O Exército Vermelho controlado pela República Socialista Federativa Soviética Russa invadiu e anexou terras não russas, ajudando a criar a União Soviética. [37]

A guerra polaco-soviética e a reorganização

A ofensiva soviética para o oeste de 1918-19 ocorreu ao mesmo tempo que a passagem geral soviética para as áreas abandonadas pelas guarnições de Ober Ost. Isso se fundiu na Guerra Polaco-Soviética de 1919-1921, na qual o Exército Vermelho alcançou o centro da Polônia em 1920, mas aí sofreu uma derrota que encerrou a guerra. Durante a campanha polonesa, o Exército Vermelho totalizou cerca de 6,5 milhões de homens, muitos dos quais o exército teve dificuldade em apoiar, cerca de 581.000 homens nas duas frentes operacionais, a oeste e a sudoeste. Cerca de 2,5 milhões de homens e mulheres foram imobilizados no interior como parte dos exércitos de reserva. [38]

O 11º Congresso do Partido Comunista Russo (Bolchevique) adotou uma resolução sobre o fortalecimento do Exército Vermelho. Ele decidiu estabelecer forças armadas estritamente organizadas, condições educacionais e econômicas no exército. No entanto, foi reconhecido que um exército de 1.600.000 soldados seria pesado. No final de 1922, após o Congresso, o Comitê Central do Partido decidiu reduzir o Exército Vermelho para 800.000 homens. Essa redução exigiu a reorganização da estrutura do Exército Vermelho. A unidade militar suprema tornou-se o corpo do exército de duas ou três divisões. As divisões consistiam em três regimentos. As brigadas foram abolidas como unidades independentes. A formação dos departamentos do corpo de rifle começou.

O nascimento da "União Soviética"

Após quatro anos de guerra, a derrota do Exército Branco de Pëtr Nikolaevič Vrangel no sul [39] pelo Exército Vermelho em 1920 [40] permitiu a fundação da União das Repúblicas Socialistas Soviéticas em 1922. O historiador John Erickson data de 1º de fevereiro , 1924, quando Mikhail Frunze se tornou Chefe do Estado-Maior do Exército Vermelho, a ascensão do Estado-Maior Geral , que dominou o planejamento e as operações militares soviéticas. Em 1º de outubro de 1924, o efetivo do Exército Vermelho diminuiu para 530.000 homens. [41] A Lista da Divisão da União Soviética (1917-1945) registra as formações do Exército Vermelho naquela época.

No final da década de 1920 e ao longo da década de 1930, os teóricos militares soviéticos liderados pelo marechal Mikhail Tuchačevskij desenvolveram a doutrina de operações em profundidade , [42] uma consequência direta de suas experiências na Guerra Polonês-Soviética e na Guerra Civil Russa. Para alcançar a vitória, as operações profundas envolveram manobras simultâneas de unidades do tamanho do corpo e do exército e ataques paralelos simultâneos nas profundezas das forças terrestres inimigas, induzindo a falha catastrófica da defesa. A doutrina da batalha em profundidade baseava-se nos avanços da aviação e dos couraçados, na esperança de que a guerra de manobras proporcionasse uma vitória rápida, eficiente e decisiva. O marechal Tuchačevskij disse que a guerra aérea deve ser "usada contra alvos além do alcance da infantaria , artilharia e outras armas. Para obter o efeito máximo da tática, aviões focados no tempo em massa devem ser empregados. No espaço, contra objetivos da maior importância tática. " [43]

Tanques soviéticos na Batalha de Khalkhin Gol , agosto de 1939

As operações profundas do Exército Vermelho foram expressas formalmente nos Regulamentos de Campo de 1929 e codificados nos Regulamentos de Campo provisórios de 1936 (PU-36). O Grande Expurgo de 1937-1939 e o Expurgo de 1940-1942 removeram muitos oficiais do Exército Vermelho, incluindo Tuchačevsky e muitos de seus seguidores, e a doutrina foi abandonada. Assim, na Batalha do Lago Khasan , em 1938, e na Batalha de Khalkhin Gol , em 1939, nos grandes confrontos de fronteira com o exército imperial japonês , a doutrina não foi utilizada. Foi até a Segunda Guerra Mundial que as operações profundas não foram reutilizadas.

Os conflitos sino-soviéticos

O Exército Vermelho envolveu-se em conflitos armados na República da China durante a Guerra Sino-Soviética (1929) , a invasão soviética de Xinjiang (1934), quando foi assistido por forças russas brancas, e a Rebelião de Xinjiang (1937) . O Exército Vermelho atingiu seus objetivos; ele manteve o controle efetivo sobre a Ferrovia da Manchúria Oriental da China e instalou com sucesso um regime pró-soviético em Xinjiang . [44]

Guerra com finland

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Guerra de inverno .
Soldados do Exército Vermelho exibem uma bandeira finlandesa capturada, março de 1940

A Guerra de Inverno (em finlandês Talvisota em sueco vinterkriget, em russo : Зимняя война ? ) [45] [46] [47] [48] [49] foi uma guerra entre a União Soviética e a Finlândia . Tudo começou com uma ofensiva soviética em 30 de novembro de 1939, três meses após o início da Segunda Guerra Mundial e a invasão soviética da Polônia , e terminou em 13 de março de 1940 com o Tratado de Paz de Moscou . A Liga das Nações considerou o ataque ilegal e expulsou a União Soviética em 14 de dezembro de 1939. [50]

As forças soviéticas tinham três vezes mais soldados do que os finlandeses, trinta vezes mais aviões e cem vezes mais tanques . O Exército Vermelho, no entanto, foi paralisado pelo Grande Expurgo do líder soviético Iosif Stalin em 1937, que reduziu o moral e a eficiência do exército pouco antes do início da luta. [51] Com mais de 30.000 de seus oficiais do exército executados ou presos, a maioria dos quais eram de escalões mais altos, o Exército Vermelho em 1939 tinha muitos oficiais superiores inexperientes. [52] [53] Devido a esses fatores, e ao forte compromisso e moral das forças finlandesas, a Finlândia foi capaz de resistir à invasão soviética por muito mais tempo do que os soviéticos haviam previsto. As forças finlandesas infligiram baixas de tirar o fôlego ao Exército Vermelho nos primeiros três meses da guerra, sofrendo muito poucas baixas. [53]

As hostilidades cessaram em março de 1940 com a assinatura do Tratado de Paz de Moscou. A Finlândia cedeu 11% de seu território antes da guerra e 30% de seus ativos econômicos na União Soviética. [54] As perdas soviéticas no front foram pesadas e a reputação internacional do país sofreu. [54] As forças soviéticas não realizaram seu objetivo de conquista total da Finlândia, mas conquistaram um território significativo ao longo do Lago Ladoga , Petsamo e Salla . Os finlandeses mantiveram sua soberania e melhoraram sua reputação internacional, o que elevou seu moral na Guerra de Continuação .

Segunda Guerra Mundial ("A Grande Guerra Patriótica")

Ícone da lupa mgx2.svg O mesmo tópico em detalhes: Grande Guerra Patriótica (termo) e Frente Oriental (1941-1945) .
Canhão soviético em ação durante o cerco de Odessa , julho de 1941

De acordo com o Pacto Molotov-Ribbentrop de 23 de agosto de 1939, o Exército Vermelho invadiu a Polônia em 17 de setembro de 1939, após a invasão nazista em 1 de setembro de 1939. Em 30 de novembro, o Exército Vermelho também atacou a Finlândia, na Guerra do Inverno (1939- 1940). No outono de 1940, após conquistar sua parte da Polônia, o Terceiro Reich compartilhava uma vasta fronteira com a União Soviética, com a qual permaneceu neutro sob a obrigação do pacto de não agressão e acordos comerciais . Outra consequência do Pacto Molotov-Ribbentrop foi a ocupação soviética da Bessarábia e da Bucovina do norte , realizada pela Frente Sul em junho-julho de 1940. Esta conquista também acrescentou à fronteira que a União Soviética compartilhava com as áreas controladas pelos nazistas. Para Adolf Hitler , a circunstância não era um dilema, pois [55] a política secreta Drang nach Osten ("Empurrão para o Leste") permaneceu em vigor, terminando em 18 de dezembro de 1940 com a Portaria nº 21, Operação Barbarossa , aprovada em 3 de fevereiro de 1941, e programado para meados de maio de 1941.

Quando a Alemanha invadiu a União Soviética em junho de 1941, na Operação Barbarossa, as forças terrestres do Exército Vermelho tinham 303 divisões e 22 brigadas separadas (6,8 milhões de soldados), incluindo 166 divisões e 9 brigadas (3,2 milhões de soldados).) De guarnição no oeste distritos militares. Le forze dell'Asse schierate sul fronte orientale consistevano in 181 divisioni e 18 brigate (3 milioni di soldati). Tre fronti, Nordoccidentale , Occidentale , e Meridionale conducevano la difesa dei confini occidentali dell'Urss. Nelle prime settimane della Grande Guerra Patriottica, la Wehrmacht sconfisse molte unità dell'Armata Rossa. L'Armata Rossa perse milioni di uomini prigionieri e gran parte del suo materiale d'anteguerra. Stalin aumentò la mobilitazione, e il 1º agosto 1941, a dispetto di 46 divisioni perse in combattimento, la forza dell'Armata Rossa era di 401 divisioni. [56]

Le forze sovietiche non erano apparentemente preparate, nonostante numerosi avvertimenti da varie fonti. [57] Esse soffrirono molti danni sul campo a causa di ufficiali mediocri, una mobilitazione parziale e una riorganizzazione incompleta. [58] La frettolosa espansione delle forze prima della guerra e l'eccessiva promozione di ufficiali inesperti (a causa della purga di ufficiali esperti) favorirono la Wehrmacht in combattimento. [59] [ senza fonte ] La superiorità numerica dell'Asse rese la forza divisionale dei combattenti approssimativamente uguale. [60] Una generazione di comandanti sovietici (in particolare Georgij Žukov ) apprese dalla sconfitta [61] e le vittorie sovietiche nella Battaglia di Mosca , a Stalingrado , Kursk e più tardi nell' Operazione Bagration risultarono decisive. Nel 1941, il governo sovietico sollevò l' esprit de corps insanguinato dell'Armata Rossa con la propaganda, sottolineando la difesa della Patria e della nazione, utilizzando esempi storici del coraggio russo e del coraggio contro gli aggressori stranieri. La Grande Guerra Patriottica anti-nazista venne paragonata alla Guerra Patriottica del 1812 contro Napoleone , e apparvero eroi militari russi storici, come Aleksandr Nevskij e Michail Kutuzov . La repressione della Chiesa ortodossa russa cessò temporaneamente, ei sacerdoti rivissero la tradizione di benedire le armi prima della battaglia.

Per incoraggiare l'iniziativa dei comandanti dell'Armata Rossa, il PCUS abolì temporaneamente i commissari politici , introdusse gradi militari e decorazioni formali ed introdusse il concetto delle unità della Guardia . Le unità eccezionalmente valorose ed efficienti in combattimento ottennero il titolo di reparti "della Guardia" (ad esempio il 1º Corpo Speciale Fucilieri della Guardia , la 6ª Armata corazzata della Guardia ), [62] una designazione d'élite che indicava un addestramento, un equipaggiamento ed una retribuzione migliore. Vennero utilizzati anche metodi coercitivi: i fannulloni, i lavativi, quelli tendenti ad evitare il combattimento con ferite autoinflitte [63] , i codardi, i ladri ed i disertori venivano disciplinati con percosse, retrocessioni, compiti indesiderabili/pericolosi e l'esecuzione sommaria dei distaccamenti punitivi del NKVD .

I marescialli Žukov e Rokossovskij , con il generale Sokolovskij , lasciano la Porta di Brandeburgo dopo essere stati decorati da Montgomery

Allo stesso tempo, gli osobist (ufficiali militari del controspionaggio del NKVD) divennero una figura chiave dell'Armata Rossa, con il potere di condannare a morte e di risparmiare la vita dei soldati e di quasi tutti gli ufficiali del gruppo presso il quale venivano distaccati. Nel 1942, Stalin istituì i battaglioni penali composti da detenuti dei gulag , prigionieri di guerra sovietici, soldati caduti in disgrazia e disertori, per compiti pericolosi di prima linea come camminare bonificando i campi minati tedeschi [64] [65] . Dati i pericoli, la pena massima era di tre mesi. Allo stesso modo, il trattamento sovietico dei soldati dell'Armata Rossa catturati dalla Wehrmacht era particolarmente duro. Una direttiva di Stalin del 1941 ordinò il suicidio di ogni ufficiale e soldato dell'Armata Rossa piuttosto che la resa; la legge sovietica considerava tutti i soldati dell'Armata Rossa catturati come traditori. [66] Durante e dopo la seconda guerra mondiale i prigionieri di guerra liberati andarono negli speciali " campi di filtrazione ". Di questi, nel 1944, oltre il 90% venne sgomberato e circa l'8% venne arrestato o condannato a prestare servizio nei battaglioni penali . Nel 1944, vennero inviati direttamente in formazioni militari di riserva per essere sgombrati dal NKVD . Inoltre, nel 1945, vennero allestiti circa 100 campi di filtrazione per prigionieri di guerra rimpatriati ed altri sfollati , che trattarono più di 4.000.000 di persone. Nel 1946 l'80% dei civili e il 20% dei prigionieri di guerra venne liberato, il 5% dei civili e il 43% dei prigionieri di guerra riarruolato, il 10% dei civili e il 22% dei prigionieri di guerra inviato ai battaglioni di lavoro e il 2% dei civili e Il 15% dei prigionieri di guerra (226.127 su 1.539.475 in totale) trasferito nei Gulag . [65] [67]

La Bandiera della Vittoria dell'Armata Rossa, sollevata sopra il Reichstag tedesco il 1º maggio 1945
Monumento all'Armata Rossa, Berlino est

Durante la Grande Guerra Patriottica, l'Armata Rossa coscrisse 29.574.900 uomini oltre ai 4.826.907 in servizio all'inizio della guerra. Di questo totale di 34.401.807 persero 6.329.600 uccisi in azione (UIA), 555.400 morti per malattia e 4.559.000 dispersi in azione (DIA) (più i catturati). Di questi, tuttavia, 939.700 rientrarono in fila nel territorio sovietico successivamente liberato, e altri 1.836.000 tornarono dalla prigionia tedesca. Così il totale complessivo delle perdite è pari a 8.668.400 uomini [68] [ senza fonte ] Questo è il totale dei morti ufficiali, ma altre stime danno il numero del totale dei morti fino a quasi 11 milioni di uomini, tra cui 7.7 milioni di morti e dispersi in azione e 2.6 milioni di prigionieri di guerra morti (su 5.2 milioni di prigionieri di guerra totale), oltre 400.000 perdite paramilitari e partigiani sovietici. [69] La maggior parte delle perdite, esclusi i prigionieri di guerra , erano di etnia russa (5.756.000), seguita dall'etnia ucraina (1.377.400). Tuttavia, ben 8 milioni del 34 milioni mobilitati erano soldati di minoranza non slava e circa 45 divisioni formate da minoranze nazionali servirono tra il 1941 ed il 1943. [70]

Le perdite tedesche sul fronte orientale consistettero in una stima di 3.604.800 UIA entro i confini del 1937 ed oltre 900.000 d'etnia tedesca ed austriaca al di fuori del confine del 1937 (inclusi in questi numeri vi sono uomini indicati come dispersi in azione o dispersi dopo la guerra) [71] [ senza fonte ] e 3.576.300 uomini segnalati catturati (totale 8.081.100); le perdite dei satelliti tedeschi sul fronte orientale approssimarono a 668.163 UIA/DIA e 799.982 prigionieri (totale 1.468.145). Di questi 9.549.245, i sovietici rilasciarono 3.572.600 soldati dalla prigionia dopo la guerra, in tal modo il totale delle perdite dell'Asse è stimato a 5.976.645. [72] [ senza fonte ] Per quanto riguarda i prigionieri di guerra , entrambi i lati ne catturarono un gran numero ed ebbero molti morti in cattività - una recente stima britannica [73] dice che 3,6 di 6 milioni di prigionieri di guerra sovietici morirono nei campi tedeschi, mentre 300.000 di 3 milioni di prigionieri di guerra tedeschi morirono in mani sovietiche. [74] Dalla caduta della Prussia orientale, i soldati sovietici effettuarono stupri su vasta scala in Germania, particolarmente notati a Berlino fino all'inizio del maggio 1945. [75] [76] [ senza fonte ]

Nel 1941 il rapido progresso degli attacchi iniziali aerei e terrestri tedeschi verso l'Unione Sovietica rese il supporto logistico dell'Armata Rossa difficile, perché molti depositi, e la maggior parte della base di produzione industriale dell'URSS, giacevano nelle aree occidentali invase del paese, costringendo il loro ristabilimento ad est degli Urali. Fino ad allora all'Armata Rossa fu spesso richiesto d'improvvisare o di andare senza armi, veicoli ed altre apparecchiature. La decisione del 1941 di spostare fisicamente la sua capacità di produzione ad est dei monti Urali mantenne il principale sistema di supporto sovietico fuori dalla portata tedesca. [77] Nelle fasi successive della guerra, l'Armata Rossa schierò alcune armi eccellenti, soprattutto artiglieria e carri armati. I carri armati pesanti KV-1 e medi T-34 dell'Armata Rossa surclassarono molti corazzati della Wehrmacht, [78] ma nel 1941 la maggior parte delle unità corazzate sovietiche usava modelli più vecchi e inferiori. [79]

Amministrazione

L'amministrazione militare dopo la Rivoluzione d'Ottobre venne rilevata dal Commissariato del Popolo della Guerra e degli Affari Marittimi, guidato da un comitato collettivo di Vladimir Antonov-Ovseenko , Pavel Dybenko , e Nikolaj Krylenko . Allo stesso tempo, Nikolaj Duchonin venne nominato Comandante in Capo Supremo dopo la fuga di Aleksandr Kerenskij dalla Russia. Il 12 novembre 1917 il governo sovietico nominò Krylenko come Comandante in Capo Supremo, e, a causa di un "incidente" durante lo spostamento forzato del comandante in capo, Duchonin venne ucciso il 20 novembre 1917. Nikolaj Podvojskij venne nominato Narkom degli Affari della Guerra, lasciando Dybenko Narkom degli Affari Marittimi e Ovseenko responsabile delle forze di spedizione nella Russia meridionale, il 28 novembre 1917. I bolscevichi inviarono anche i propri rappresentanti a sostituire i comandanti precedenti dell' esercito imperiale russo .

Dopo la firma del Trattato di Brest-Litovsk il 3 marzo 1918, avvenne un importante rimpasto nell'amministrazione militare sovietica. Il 13 marzo 1918 il governo sovietico accettò le dimissioni ufficiali di Krylenko e il posto di comandante in capo supremo venne liquidato. Il 14 marzo, 1918 Lev Trockij sostituì Podvojskij come Narkom degli Affari di Guerra. Il 16 marzo 1918 Pavel Dybenko fu sollevato dalla carica di Narkom degli Affari Marittimi. L'8 maggio 1918 venne creato il Quartier Generale Capo di Tutte le Russie, guidato da Nikolaj Stogov e poi da Aleksandr Svečin .

Il 2 settembre 1918 il Consiglio Militare Rivoluzionario (CMR) venne stabilito come principale amministrazione militare sotto Lev Trockij, il Narkom degli Affari della Guerra. Il 6 settembre 1918, a fianco del quartier generale principale, venne creato il Quartier Generale Campale del CMR, inizialmente guidato da Nikolaj Rattel . Lo stesso giorno venne creato l'ufficio del Comandante in Capo delle Forze Armate, e inizialmente assegnato a Jukums Vācietis (e dal luglio 1919 a Sergej Kamenev ). Il Comandante in Capo delle Forze Armate esistette fino all'aprile 1924, la fine della guerra civile russa .

A partire dal 1921 venne creato l'incarico di Capo di stato maggiore generale dell'Armata Rossa che da quel momento divenne il massimo responsabile tecnico dell'amministrazione, organizzazione e conduzione operativa delle forze armate dell'Unione Sovietica che sarebbe stata ufficialmente costituita l'anno seguente.

Nel novembre del 1923, dopo la creazione dell'Unione Sovietica, il Narkom russo degli Affari della Guerra venne trasformato nel Narkom sovietico della Guerra e degli Affari Marittimi.

Organizzazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Formazioni dell'Armata Rossa .

All'inizio della sua esistenza, l'Armata Rossa funzionava come una formazione volontaria, senza gradi o insegne. Le elezioni democratiche selezionavano gli ufficiali. Tuttavia, un decreto del 29 maggio 1918 impose il servizio militare obbligatorio per gli uomini di età dai 18 ai 40 anni. [80] Per la manutenzione dell'arruolamento di massa, i bolscevichi formarono commissariati militari regionali ( voeennyj komissarjat , abbr. Voeenkomat ), che a partire dal 2006 esistono ancora in Russia, in questa funzione e sotto questo nome. I commissariati militari, tuttavia, non devono essere confusi con l'istituzione dei commissari politici militari.

A metà degli anni '20 venne introdotto il principio territoriale di Composizione dell'Armata Rossa. In ogni regione vennero chiamati uomini validi per un periodo limitato di servizio attivo in unità territoriali, che costituiva la forza circa la metà dell'esercito, ogni anno, per cinque anni. [81] Il primo periodo di convocazione era di tre mesi, con un mese all'anno successivo. Un quadro normale forniva un nucleo stabile. Nel 1925 questo sistema fornì 46 delle 77 divisioni di fanteria e una delle undici divisioni di cavalleria. Il resto era costituito da ufficiali regolari e personale arruolato servente in termini biennali. Il sistema territoriale venne finalmente abolito, con tutte le formazioni rimanenti convertite in altri quadri di divisioni, nel 1937-1938. [82]

Meccanizzazione

L'esercito sovietico ricevette ampi finanziamenti ed era innovativo nella sua tecnologia. Un giornalista americano scrisse nel 1941: [83]

«Anche in termini americani il budget della difesa sovietica era grande. Nel 1940 era l'equivalente di $ 11.000.000.000 e rappresentava un terzo della spesa nazionale. Misurate ciò contro il fatto che gli Stati Uniti, infinitamente più ricchi, approssimheranno la spesa di quel tanto annuale solo nel 1942, dopo due anni del nostro più grande sforzo di difesa.

La maggior parte dei soldi spesi per l'Armata Rossa e l'Aeronautica vennero destinati a macchine da guerra. Ventitré anni fa, quando ebbe luogo la rivoluzione bolscevica, c'erano poche macchine in Russia. Marx disse che il comunismo deve entrare in una società altamente industrializzata. I bolscevichi identificarono i loro sogni di felicità socialista con macchine che avrebbero moltiplicato la produzione e ridotto le ore di lavoro, fino a quando tutti avrebbero avuto tutto ciò di cui avevano bisogno e avrebbero lavorato solo quanto desideravano. In qualche modo ciò non è avvenuto, ma i russi adorano ancora le macchine e ciò ha contribuito a rendere l'Armata Rossa la più altamente meccanizzata al mondo, tranne forse l'esercito tedesco attuale.

Come gli americani, i russi ammirano le dimensioni, la grandezza, i grandi numeri. Erano orgogliosi di costruire un vasto esercito di carri armati, alcuni dei quali i più grandi del mondo, autoblindo, aerei, cannoni motorizzati e ogni varietà di armi meccaniche.»

Sotto la campagna di meccanizzazione di Stalin, l'esercito formò la sua prima unità meccanizzata nel 1930. La 1ª Brigata meccanizzata consisteva in un reggimento di carri armati, un reggimento di fanteria motorizzato, nonché battaglioni di ricognizione e di artiglieria. [84] Da questo umile inizio, i sovietici avrebbero continuato a creare le prime formazioni corazzate a livello operativo nella storia, l'11 ° e il 45 ° Corpo meccanizzato, nel 1932. Queste erano formazioni pesanti di carri armati con forze di supporto di combattimento incluse in modo da poter sopravvivere mentre operavano in aree posteriori nemiche senza supporto da parte dei genitori. Da questo umile inizio, i sovietici avrebbero continuato a creare le prime formazioni corazzate di concezione moderna (cioè non solo come appoggio alla fanteria) a livello operativo, l' 11° e il 45º Corpo meccanizzato , nel 1932. Queste erano formazioni pesanti di carri armati con forze di supporto di combattimento incluse in modo da poter sopravvivere mentre operavano nelle retrovie nemiche senza supporto da un fronte principale.

Impressionato dalla campagna tedesca del 1940 contro la Francia, il Commissariato del Popolo della Difesa sovietico (Ministero della Difesa, sigla russa NKO) ordinò la creazione di nove divisioni meccanizzate, il 6 luglio 1940. Tra febbraio e marzo 1941, il NKO ne ordinò altre venti da creare. Tutte queste formazioni erano più grandi di quelle teorizzate da Tuchačevskij. Anche se 29 divisioni meccanizzate dell'Armata Rossa avevano una forza autorizzata di non meno di 29.899 carri armati nel 1941, dimostrarono di essere una tigre di carta. [85] C'erano in realtà solo 17.000 carri armati disponibili al momento, che significava che molte delle nuovi divisioni meccanizzate erano gravemente sotto forza. Anche la pressione esercitata sulle fabbriche e sui pianificatori militari per mostrare numeri di produzione portò a una situazione in cui la maggior parte dei veicoli blindati erano modelli obsoleti, in modo critico privi di parti di ricambio ed attrezzature di supporto, e quasi tre quarti erano in ritardo per le manutenzioni. [86] Entro il 22 giugno 1941 c'erano solo 1.475 dei moderni carri armati T-34 e serie KV a disposizione dell'Armata Rossa, e questi erano troppo dispersi lungo il fronte per fornire una massa sufficiente anche per il successo locale. [85] Per illustrare ciò, il 3º Corpo Meccanizzato in Lituania era formato da un totale di 460 carri armati; 109 di questi erano i più recenti KV-1 e T-34. Questo corpo risulterebbe essere uno dei pochi fortunati con un numero considerevole di nuovi carri armati. Tuttavia, la 4ª Armata era composta da 520 carri armati, tutti erano obsoleti T-26, in opposizione alla forza autorizzata di 1.031 recenti carri armati medi. [87] Questo problema era universale per tutta l'Armata Rossa, e avrebbe giocato un ruolo cruciale nelle sconfitte iniziali dell'Armata Rossa nel 1941 per mano delle forze armate tedesche. [88]

Tempo di guerra

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tattiche dell'Armata Rossa nella seconda guerra mondiale , Tankovaja armija , Tankovyj korpus e Mechanizirovannyj korpus .
La battaglia di Stalingrado è considerata da molti storici come una svolta decisiva della seconda guerra mondiale.

L'esperienza della guerra indusse cambiamenti al modo in cui le forze di prima linea erano organizzate. Dopo sei mesi di combattimento contro i tedeschi, la Stavka abolì temporaneamente il corpo fucilieri che era intermedio tra l'armata e la divisione perché, mentre era utile in teoria, nello stato dell'Armata Rossa nel 1941 si dimostrò inefficace nella pratica. [89] Dopo l'importante vittoria nella battaglia di Mosca nel gennaio 1942, l'alto comando iniziò a reintrodurre i corpi fucilieri nelle sue formazioni più esperte. Il numero totale di corpi fucilieri iniziò dai 62 del 22 giugno 1941, scese a sei il 1º gennaio 1942, ma poi aumentò a 34 entro il febbraio 1943 ea 161 nel capodanno 1944. La forza reale delle divisioni di fanteria in prima linea, con un effettivo di 11.000 uomini nel luglio 1941, raggiungeva circa il 50% della consistenza organica delle vecchie divisioni del 1941, distrutte i primi giorni dell'invasione tedesca [90] e le divisioni erano spesso logorate, a causa delle continue operazioni, per centinaia di uomini o anche meno.

Allo scoppio della guerra, l'Armata Rossa schierò corpi meccanizzati e divisioni corazzate il cui sviluppo è stato descritto in precedenza. L'attacco iniziale delle Panzer-Division tedesche distrusse molti di questi reparti e, nel corso del 1941, praticamente quasi tutti, salvo due nel Distretto Militare del Transbaikal . I resti vennero sciolti. [91] L'alto comando sovietico decise per il momento, soprattutto per l'inesperienza degli stati maggiori e le carenze di equipaggiamento dopo le enormi perdite iniziali, di costituire solo piccole brigate carri da impiegare in supporto delle unità di fanteria. Queste formazioni combatterono bene durante la battaglia di Mosca .

Fu tra la primavera del 1942 e l'inizio del 1943, che l'Armata Rossa mise in campo di nuovo formazioni mobili più grandi paragonabili alle Panzer-Division; i " Corpi carri " ( Tankovyj korpus ), equipaggiati con un numero variabile di carri tra 146 e 180, ei " Corpi meccanizzati " ( Mechanizirovannyj korpus ), equipaggiati da 175 a 224 carri [92] . Queste nuovi reparti motomeccanizzati, guidati da comandanti sempre più esperti e aggressivi, si dimostrarono con il tempo efficaci, mobili e in grado di affrontare con successo le famose divisioni corazzate tedesche. I corpi carri ei corpi meccanizzati nel corso della guerra elaborarono una serie di tattiche per contrastare le forze nemiche e per effettuare avanzate a grande distanza; ogni corpo generalmente impiegava una brigata di punta nel ruolo di "distaccamento avanzato" che penetrava, spesso isolato, alla massima profondità possibile aggirando eventuali punti di resistenza, per disorganizzare le retrovie nemiche e costituire un nucleo di aggregazione dietro il fronte tedesco che sarebbe stato rinforzato in un secondo momento [93] .

Nella primavera 1943, dopo alcuni tentativi non soddisfacenti nel 1942, vennero finalmente create anche le " Armate carri " ( Tankovaja armija ) formate in genere da due "Corpi carri" e un "Corpo meccanizzato"; equipaggiate con un numero di carri variabile tra 500 e 1000, le armate carri erano dotate di grande potenza d'urto per sfruttare in profondità gli sfondamenti e respingere i contrattacchi nemici. Nel corso della seconda guerra mondiale il "Direttorato centrale delle forze meccanizzate" dell'Armata Rossa, guidato dal maresciallo Jakov Nikolaevič Fedorenko , costituì sei "Armate carri" ( , , , , e ), 24 "Corpi carri", ognuno con tre brigate corazzate e una motorizzata, e 14 "Corpi meccanizzati", ognuno con tre brigate meccanizzate e una brigata corazzata [94] . I famosi comandanti della sei "Armate carri" furono i generali Michail Efimovič Katukov , Semën Il'ič Bogdanov , Pavel Semënovič Rybalko , Dmitrij Danilovič Leljušenko , Pavel Alekseevič Rotmistrov , Andrej Grigor'evič Kravčenko .

Integrati nelle forze mobili erano anche i "corpi di cavalleria" che, nella seconda parte della guerra, vennero spesso integrati, insieme ad alcuni corpi carri, nei cosiddetti "gruppi di cavalleria meccanizzata" che venivano impiegati con buoni risultati nelle regioni più impervie o disagevoli, dove la cavalleria poteva costituire un utile complemento delle forze motorizzate [95] .

Personale

Le autorità bolsceviche assegnarono ad ogni unità dell'Armata Rossa un commissario politico , o politruk , che aveva l'autorità di ignorare le decisioni dei comandanti di unità se andavano contro i principi del Partito Comunista. Anche se ciò a volte portò inefficienze al comando, secondo alcuni storici americani [ Chi? ] , la direzione del partito considerava il controllo politico sulle forze armate assolutamente necessario, mentre l'esercito era basato sempre più sugli ufficiali del periodo imperiale pre-rivoluzionario e comprensibilmente temeva un colpo di stato militare. Questo sistema venne abolito nel 1925, dato che in quel momento c'erano abbastanza ufficiali comunisti addestrati che non necessitavano più la contro-firma di tutti gli ordini. [96]

Gradi e titoli militari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gradi dell'Armata Rossa nella seconda guerra mondiale .
Bandiera non ufficiale dell'Armata Rossa, dal momento che le forze terrestri sovietiche non hanno mai avuto una bandiera ufficiale. [97]

All'inizio della sua storia, l'Armata Rossa, abbandonò ogni riferimento al grado di ufficiale professionista, per marcare il distacco dal vecchio esercito zarista. In particolare, i bolscevichi condannarono l'uso della parola ufficiale e usarono invece la parola comandante . Anche le spalline vennero abbandonate e al posto dei gradi "classici" si usarono termini come "comandante di divisione", "comandante di corpo d'armata" ed altri simili. [14] Esistevano insegne per questi titoli funzionali, composte da triangoli, quadrati e rombi (i cosiddetti "diamanti").

Nel 1924 (2 ottobre) vennero introdotte le categorie di personale, o di servizio, da K-1 (comandante di sezione, assistente comandante di squadra, fuciliere anziano, ecc.) a K-14 (comandante da campagna, comandante d'armata, comandante del distretto militare, commissario d'armata ed equivalenti). Le insegne di servizio delle categorie consistevano ancora di triangoli, quadrati e rombi, ma anche di rettangoli (1-3, per le categorie da K7 a K9).

Il 22 settembre 1935 l'Armata Rossa abbandonò il sistema delle categorie di servizio [ non chiaro ] , e introdusse i gradi personali; che tuttavia consistevano in un misto di titoli funzionali e gradi tradizionali. Per esempio i gradi includevano quelli di "tenente" e di Komdiv (Комдив, comandante di divisione). Inoltre sorsero alcune complicazioni riguardo ai gradi da assegnare agli ufficiali politici ("commissario di brigata", "2º commissario d'armata"), ai corpi tecnici ("3º ingegnere", "ingegnere di divisione"), ai corpi amministrativi, medici e altri ruoli non combattenti.

Il grado di maresciallo dell'Unione Sovietica (Маршал Советского Союза) venne introdotto il 22 settembre 1935. Il 7 maggio 1940 vennero apportate altre modifiche per razionalizzare il sistema dei gradi militari sulla proposta del maresciallo Vorošilov : i gradi di " generale " e di " ammiraglio " sostituirono i ranghi funzionali di Kombrig , Komdiv , Komkor , Komandarm nell'Armata Rossa e di 1° Alfiere , ecc., nella Marina rossa ; gli altri alti gradi funzionali ("commissario di divisione", "ingegnere di divisione", ecc.) rimasero inalterati. Le distinzioni d'arma o di servizio rimasero (ad esempio generale di cavalleria , maresciallo delle truppe corazzate) [98] Per la maggior parte il nuovo sistema ripristinava quello utilizzato dall' esercito imperiale russo a conclusione della sua partecipazione nella prima guerra mondiale.

Nel 1943 una riunificazione del sistema segnò l'abolizione di tutti i ranghi funzionali rimanenti. Venne introdotta ufficialmente la parola "ufficiale", insieme alle spalline che sostituirono le precedenti insegne sulle divise militari. I gradi e le insegne del 1943 non cambiarono molto fino agli ultimi giorni dell'URSS; l' esercito russo contemporaneo utilizza in gran parte lo stesso sistema.

Educazione militare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Accademie militari sovietiche .

Durante la guerra civile i quadri comandanti vennero addestrati presso l' Accademia di stato maggiore Nicola dell'Impero russo, che divenne l' Accademia militare Frunze negli anni '20. Gli alti comandanti ei comandanti supremi vennero addestrati nei corsi accademici militari superiori, ribattezzati corsi avanzati per il comando supremo nel 1925. L'istituzione nel 1931 di una facoltà operativa presso l'Accademia militare Frunze completò questi corsi. L' Accademia di stato maggiore venne ripristinata il 2 aprile 1936 e divenne la principale scuola militare per i comandanti supremi e supremi dell'Armata Rossa. [99]

Purghe

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Affare Tuchačevskij .
Il maresciallo dell'Armata Rossa Mikhail Tuchačevskij , che venne giustiziato durante la Grande Purga del 1937

La fine degli anni '30 vide le epurazioni della leadership dell'Armata Rossa avvenute contemporaneamente alla Grande Purga della società sovietica di Stalin. Nel 1936 e nel 1937, per ordine di Stalin, migliaia di alti ufficiali dell'Armata Rossa vennero dimessi dai loro comandi. Le purghe avevano l'obiettivo di ripulire l'Armata Rossa dagli "elementi politicamente inaffidabili", principalmente tra gli ufficiali di grado superiore. Ciò fornì inevitabilmente un comodo pretesto per l'insediamento di vendette personali o per eliminare la concorrenza da parte di ufficiali che cercavano lo stesso comando. Molti comandanti d'armata, di corpo d'armata e di divisione vennero dimessi: la maggior parte vennero imprigionati o inviati nei campi di lavoro; altri vennero giustiziati. Tra le vittime c'era il principale teorico militare dell'Armata Rossa, il maresciallo Mikhail Tuchačevskij , che venne percepito da Stalin come un potenziale rivale politico. [100] Gli ufficiali che rimasero scoprirono presto che tutte le loro decisioni venivano attentamente esaminate dagli ufficiali politici, anche in questioni banali come la tenuta dei registri e le esercitazioni di addestramento sul campo. [101] Un'atmosfera di paura e riluttanza a prendere l'iniziativa presto pervase l'Armata Rossa; i tassi di suicidio tra gli ufficiali più giovani salirono a livelli record. [101] Le epurazioni compromisero notevolmente le capacità di combattimento dell'Armata Rossa. Hoyt conclude che "il sistema di difesa sovietico è stato danneggiato fino all'incompetenza" e sottolinea "la paura in cui vivevano gli alti ufficiali". [102] Clark dice che "Stalin non ha solo asportato il cuore dall'esercito, ma gli ha anche commesso un danno cerebrale". [103] Lewin identifica tre seri effetti: la perdita di alti ufficiali esperti e ben addestrati; la sfiducia che causò nei potenziali alleati, in particolare nella Francia; e l'incoraggiamento che diede alla Germania. [104] [105]

Dati recentemente declassificati indicano che nel 1937, al culmine delle Purghe, l'Armata Rossa contava 114.300 ufficiali, di cui 11.034 vennero dimessi. Nel 1938, l'Armata Rossa contava 179.000 ufficiali, il 56% in più rispetto al 1937, di cui altri 6.742 vennero dimessi. Nei gradi più alti dell'Armata Rossa le Purghe rimossero 3 marescialli su 5, 13 generali d'armata su 15, 8 ammiragli su 8, 50 generali di corpo d'armata su 57, 154 generali di divisione su 186, tutti i 16 commissari d'armata e 25 commissari di corpo d'armata su 28. [106]

Il risultato fu che il corpo degli ufficiali dell'Armata Rossa, nel 1941, aveva molti alti ufficiali inesperti. Mentre, nel giugno 1941, il 60% dei comandanti di reggimento e quasi l'80% dei comandanti di divisione fucilieri aveva due o più anni di esperienza di comando, solo il 20% dei comandanti di corpo d'armata e il 5% o meno dei comandanti d'armata e di distretto militare avevano lo stesso livello di esperienza. [107]

La crescita significativa dell'Armata Rossa durante il culmine delle epurazioni potrebbe aver peggiorato le cose. Nel 1937, l'Armata Rossa contava circa 1.3 milioni di uomini, aumentando quasi tre volte quel numero entro giugno 1941. La rapida crescita dell'esercito rese necessaria a sua volta la rapida promozione degli ufficiali, indipendentemente dall'esperienza o dall'addestramento. Vennero nominati allievi ufficiali per ricoprire i gradi della leadership superiore, molti dei quali non avevano esperienza. Questa azione a sua volta portò a molti posti disponibili al livello inferiore del corpo degli ufficiali, che vennero riempiti da neodiplomati delle accademie di servizio. Nel 1937, l'intera classe allievi di un'accademia si era diplomata un anno prima per occupare i posti vacanti nell'Armata Rossa. Colpiti dall'inesperienza e dalla paura delle rappresaglie, molti di questi nuovi ufficiali non riuscirono a impressionare il gran numero di arruolati in arrivo tra i ranghi; le denunce d'insubordinazione salirono in cima alle offese punite nel 1941 e potrebbero aver esacerbato i casi di soldati dell'Armata Rossa che disertarono le loro unità durante le fasi iniziali dell'offensiva tedesca di quell'anno. [101]

Nel 1940, Stalin iniziò a cedere, ripristinando il servizio di circa un terzo degli ufficiali precedentemente dimessi. [101] Tuttavia, l'effetto delle purghe si sarebbe presto manifestato nella Guerra d'Inverno del 1940, dove le forze dell'Armata Rossa in genere si comportarono male contro l'esercito finlandese molto più piccolo, e successivamente durante l'invasione tedesca del 1941, in cui i tedeschi furono in grado di sconfiggere i difensori sovietici in parte a causa dell'inesperienza tra gli ufficiali sovietici. [108]

Crimini di guerra

In Lituania, il personale dell'Armata Rossa derubò i negozi locali. [109] In seguito alla caduta della Prussia orientale, i soldati sovietici compirono stupri su larga scala in Germania, particolarmente noti a Berlino fino all'inizio di maggio 1945. [110] [111] Erano spesso commessi da unità di retroguardia. [112]

Equipaggiamento

L'Unione Sovietica ampliò la propria industria bellica indigena come parte del programma di industrializzazione di Stalin negli anni '20 e '30. [ senza fonte ] All'inizio l'Armata Rossa era equipaggiata con i fucili Mosin-Nagant e le pistole Tokarev TT-33 . Le armi pesanti erano la mitragliatrice PM M1910 "Maxim" e vari mortai. Durante l'inizio della seconda guerra mondiale si era tentato di produrre un fucile semiautomatico che sostituisse i Mosin-Nagant a otturatore girevole-scorrevole , l' SVT-38 e il suo successore, l' SVT-40 ; ma l'inizio dell' Operazione Barbarossa fece interrompere la produzione per tornare al Mosin-Nagant. Vennero prodotti vari mitra lungo il conflitto; il più diffuso era il PPŠ-41 , che sostituiva il PPD-40 . Le mitragliatrici più usate furono laDP-28 , seguita dalla SG-43 Goryunov , la DŠK e l' RPD . Vi era bisogno di armi anticarro, quindi vennero costruiti i fucili anticarro PTRD-41 e PTRS-41 . Finito il conflitto, l'equipaggiamento standard divenne l' AK-47 , usato nelle sue infinite varianti, come il fucile da tiratore scelto: l' SVD Dragunov e la mitragliatrice RPK . In seguito vennero tutte le loro derivazioni.

Carri armati e mezzi corazzati

All'inizio della guerra civile l'Armata Rossa aveva in dotazione alcuni carri ippotrainati, ma subito si tentò di produrne di moderni, basandosi principalmente sui modelli francesi. Nacque così il T-18 . Ad esso seguirono il carro leggero T-26 , impiegato nella guerra civile spagnola, dove sortiva lo stesso effetto che avrebbe fatto il Tiger nella guerra successiva. Vi erano il tankette T-27 e il carro armato medio T-28 . C'erano poi i carri leggeri BT , le autoblindo BA-10 e BA-20 e insieme a loro il colosso multitorretta T-35 . Fu durante il secondo conflitto mondiale che l'Unione Sovietica divenne leader mondiale dei carri armati, grazie al carro medio T-34 , il carro pesante KV ei carri leggeri T-60 e T-70 . I cacciacarri erano i SU-85 e il SU-100 . Insieme a loro vi erano i semoventi SU-76 , SU-122 e SU-152 . Fu verso la fine della guerra che vennero sviluppati il carro medio T-34/85 e il carro pesante IS-2 , ideati per combattere i Panther e Tiger tedeschi.

Armamento dopo la seconda guerra mondiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sovetskaja Armija .

Alla fine della seconda guerra mondiale , nel febbraio 1946 la denominazione venne cambiata in Sovetskaja Armija . L'esperienza maturata nella guerra patriottica aveva dato ai sovietici grande fiducia nelle forze corazzate e nell'immediato dopoguerra vennero messi in produzione gli ottimi carri T-54/55 , che durarono per tutta la metà finale degli anni quaranta e gli anni cinquanta. Fu sostituito dal T-62 , a sua volta rimpiazzato dal T-64 , dal T-72 e dal T-80 . Nel 1957 l' Arma della fanteria venne sciolta e trasformata in fanteria motorizzata e le forze corazzate costituita da truppe meccanizzate e corazzate , con il corpo della fanteria meccanizzata che divenne il fulcro dell' Armata Sovietica . Per quanto riguarda i mezzi da trasporto truppe ei veicoli da combattimento della fanteria, durante la seconda guerra l'Unione Sovietica non aveva gli autocarri sufficienti per spostare le sue enormi truppe. Le vennero quindi forniti dagli Stati Uniti. Nel dopoguerra si cercò già dall'inizio di produrre mezzi da trasporto dal quale si potesse anche combattere senza scendere a terra. Vennero allora create le serie BRMD , BTR e BMP , tutte famiglie di mezzi da trasporto truppe, anche se potevano essere impiegati in molti altri ruoli. Dopo il 1956 , il premier Nikita Chruščёv ha ridotto le forze di terra per costruire le forze missilistiche strategiche , enfatizzando le capacità nucleari delle forze armate e nel 1957 , il maresciallo Žukov perse il suo posto al Politburo , per essersi opposto a queste riduzioni nelle forze terrestri. [113]

Cultura

Tra i canti popolari dedicati ai soldati sovietici c'è la Marcia dei carristi sovietici (in russo: Марш советских танкистов), canto popolare. Oppure katjuša un canto popolare sulla guerra dalla quale il lancia-missili katjuša prese il nome.

Altre "Armate Rosse"

Erano comunemente chiamati "Armata Rossa" anche gli eserciti, derivati dalla presa del potere politico da parte di forze rivoluzionarie guerrigliere e partigiane, della Baviera sovietica , della Cina maoista , della Jugoslavia titina e altre.

Nella resistenza rumena, prese il nome di "Armata Rossa" un gruppo di partigiani, che poco prima della fine della guerra confluì nell'altra formazione chiamata Bandiera Rossa , di assai più rilevante consistenza numerica.

Note

  1. ^ Secondo il calendario gregoriano.
  2. ^ Norman Davies, How we didn't win the war [...] but the Russians did , in Sunday Times , 25 novembre 2006.
    «Since 75%–80% of all German losses were inflicted on the eastern front it follows that the efforts of the western allies accounted for only 20%–25%» .
  3. ^ Glantz e House 2010 , pp. 430 e 451 .
  4. ^ ( EN ) Archives in Russia: B-8 , ArcheoBiblioBase .
  5. ^ Vladmir Ilich Lenin, Sui compiti del proletariato nella rivoluzione attuale , in Opere , vol. 24, Marx 2 Mao, pp. 55–91. URL consultato il 29 maggio 2010 .
  6. ^ Erich Wollenberg , The Red Army , Marxists FR. URL consultato il 28 maggio 2010 (archiviato dall' url originale l'8 marzo 2012) .
  7. ^ 15 gennaio 1918 ( Vecchio Stile ).
  8. ^ a b c Appendix 1 – The Scheme For A Socialist Army , in The Red Army (decree), The Council of People's Commissars, 15 gennaio 1918. URL consultato il 28 maggio 2010 (archiviato dall' url originale il 21 luglio 2011) .
  9. ^ Seventeen Moments , Soviet History (archiviato dall' url originale il 27 dicembre 2013) .
  10. ^ Lewis Siegelbaum, 1917: Red Guard into Army , su Seventeen Moments in Soviet History . URL consultato il 21 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 27 dicembre 2013) .
    «The Red Army's soldiers, overwhelmingly peasant in origin, received pay but more importantly, their families were guaranteed rations and assistance with farm work.» .
  11. ^ Shaw , pp. 86–87 .
  12. ^ Mikhail Bonch-Bruyevich, From Tsarist General to Red Army Commander , Vezey, Vladimir transl, Progress Publishers , 1966, p. 232.
  13. ^ Centro russo di Vessillogia ed Araldica, символы Красной Армии , su www.vexillographia.ru , Vexillographia. URL consultato il 18 giugno 2019 .
  14. ^ a b Erickson 1962 , pp. 72–3 .
  15. ^ ( RU ) Krasnov , RU , FST Anitsa (archiviato dall' url originale il 4 giugno 2008) .
  16. ^ SS Lototskiy, The Soviet Army , Moscow, Progress Publishers, 1971, p. 25. cited in Scott e Scott , p. 3 .
  17. ^ 8 February became "Soviet Army Day", a national holiday in the USSR.
  18. ^ a b Viktor Suvorov, Inside Soviet Military Intelligence , New York, Macmillan, 1984.
  19. ^ Scott, 1979, p. 8.
  20. ^ Christopher Read,From Tsar to Soviets , Oxford University Press, 1996, p. 137 .
    «By 1920, 77 per cent the enlisted ranks were peasants» .
  21. ^ Williams, 1987, ps =: 'Conscription-age (17–40) villagers hid from Red Army draft units; summary hostage executions brought the men out of hiding.'.
  22. ^ Chamberlain, 1957, p. 131.
  23. ^ Erickson 1962 , pp. 31–34 .
  24. ^ L'ORGANIZZAZIONE MILITARE DELL'ESERCITO DA TROCKIJ A STALIN , su storiauniversale.it . URL consultato il 17 giugno 2020 .
  25. ^ ( RU ) N Efimov, Grazhdanskaya Voina 1918–21 [ The Civil War 1918–21 ], Second, Moscow, c. 1928, p. 95. , citato in Erickson 1962 , p. 33 .
  26. ^ a b Williams .
  27. ^ a b Alberto Peruffo, I grandi eserciti della storia , ewton Compton Editori, 2019. URL consultato il 18 giugno 2020 .
  28. ^ Overy, 2004, p. 446, ps: 'at the end of the civil war, one-third of Red Army officers were ex-Tsarist voenspetsy .'.
  29. ^ Overy, 2004, p. 446.
  30. ^ Situating Central Asian review , vol. 16, London; Oxford, The Central Asian Research Centre in association with the Soviet Affairs Study Group, St. Antony's College, 1968, p. 250. URL consultato il 1º gennaio 2011 .
  31. ^ Mikhail Khvostov, The Russian Civil War (1): The Red Army , Men-at-arms series, vol. 1, Osprey Publishing, 1995, pp. 15–16, ISBN 978-1-85532-608-8 . URL consultato il 27 ottobre 2014 .
    «Only volunteers could join, thay had to be aged between 14 and 55 and of fanatic loyaly - communists, idealistic workers and peasants, trade union members and members of the Young Communist League ( Komsomol ). Chasti osobogo naznacheniya units fought in close co-operation with the Cheka and played an important part in the establishment of Soviet rule and the defeat of counter-revolution. They were always present at the most dangerous points on the battlefield, and were usually the last to withdraw. When retreat was the only option, many chonovtsi stayed behind in occupied areas to form clandestine networks and partisan detachments.» .
  32. ^ Chamberlain, 1957, p- 131.
  33. ^ Robert V Daniels, A Documentary History of Communism in Russia: From Lenin to Gorbachev , UPNE, 1993, p. 70, ISBN 978-0-87451-616-6 .
    «The Cheka Special Punitive Brigades also were charged with detecting sabotage and counter-revolution among Red Army soldiers and commanders» .
  34. ^ Vladimire Brovkin, Workers' Unrest and the Bolsheviks' Response in 1919 , in Slavic Review , vol. 49, n. 3, Autumn 1990, pp. 350–73, DOI : 10.2307/2499983 .
  35. ^ Erickson 1962 , pp. 38–39 .
  36. ^ Dmitri Volkogonov,Trotsky: The Eternal Revolutionary , a cura di Harold Shukman, London, HarperCollins, 1996, p. 180 .
  37. ^ Richard Pipes, The Formation of the Soviet Union, Communism and Nationalism, 1917–1923 ]
  38. ^ Erickson 1962 , p. 101 .
  39. ^ Erickson 1962 , pp. 102–7 .
  40. ^ Confronta: Russian Civil War , in Britannica Concise Encyclopedia , Chicago, Encyclopædia Britannica, Inc., 2008, p. 1655, ISBN 9781593394929 . URL consultato il 2 gennaio 2018 .
    «The last White stronghold in the Crimea under PYOTR WRANGEL, Denikin's successor, was defeated in November 1920 [...].» .
  41. ^ Erickson 1962 , p. 167 .
  42. ^ Mary R Habeck , Storm of Steel: The Development of Armor Doctrine in Germany and the Soviet Union, 1919–1939 , Cornell University Press, 2003, ISBN 0-8014-4074-2 .
  43. ^ Confronta: R. Kent Lauchbaum, Synchronizing Airpower And Firepower in the Deep Battle , Pickle Partners Publishing, 2015, ISBN 9781786256034 . URL consultato il 2 gennaio 2018 .
    «Marshal Mikhail N. Tukhachevski stated that aerial warfare should be 'employed against targets beyond the range of infantry, artillery, and other arms. For maximum tactical effect aircraft should be employed in mass, concentrated in time and space, against targets of the highest tactical importance.'» .
  44. ^ Hsiao-ting Lin, Modern China's Ethnic Frontiers: A Journey to the West , 2010, p. 58 .
  45. ^ I nomi "Guerra sovietico-finnica del 1939–1940" (( RU ) Сове́тско-финская война́ 1939–1940) e "Guerra Unione Sovietica-Finlandia del 1939–1940" ( Сове́тско-финляндская война́ 1939–1940 ) sono spesso usati nella storiografia russa.
  46. ^ ( RU ) ВН Барышников e Э Саломаа, Вовлечение Финляндии во Вторую Мировую войну: Крестовый поход на Россию , su militera.lib.ru , Военная Литература, 2005. URL consultato il 3 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 6 novembre 2008) .
  47. ^ ( RU ) Эрик Ковалев, Зимняя война балтийских подводных лодок (1939–1940 гг.): Короли подплава в море червонных валетов , su militera.lib.ru , Военная Литература, 2006. URL consultato il 3 novembre 2009 .
  48. ^ ( RU ) М. Коломиец, Танки в Зимней войне 1939–1940 [ Фронтовая иллюстрация ] , su otvaga2004.narod.ru , 2001. URL consultato il 3 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 20 luglio 2012) .
  49. ^ ( RU ) Александр Широкорад, Зимняя война 1939–1940 гг. [ Предыстория Зимней войны ] , su militera.lib.ru , Военная Литература, 2001. URL consultato il 3 novembre 2009 .
  50. ^ Expulsion of the USSR , su ibiblio.org , League of Nations, 14 dicembre 1939. URL consultato il 24 luglio 2009 .
  51. ^ Bullock 1993 , p. 489 .
  52. ^ Glantz 1998 , p. 58 .
  53. ^ a b Ries (1988) .
  54. ^ a b Edwards .
  55. ^ Adolf Hitler , Mein Kampf , Boston, 1943, p. 654. , citato in William L. Shirer, Storia del Terzo Reich , Torino, Einaudi, 1962, p. 796.
  56. ^ Glantz 1998 , p. 15 .
  57. ^ Patrick Jackson, Barbarossa Hitler Stalin: War warnings Stalin ignored , in BBC News , 21 giugno 2011. URL consultato il 27 gennaio 2017 .
  58. ^ John Hughes-Wilson, Military Intelligence Blunders and Cover-Ups 2nd ed. , Little Brown, 2012, p. 31, ISBN 9781472103840 .
  59. ^ Glantz, 1998.
  60. ^ Le forze dell'Asse possedevano una superiorità di 1:1.7 del personale, nonostante 174 divisioni dell'Armata Rossa contro 164 divisioni dell'Asse, un rapporto 1.1:1. Glantz 1998 , pp. 292–95 .
  61. ^ Glantz 2005 , pp. 61–62 .
  62. ^ Glantz 2005 , p. 181 .
  63. ^ Merridale, 2006, p. 157: 'Red Army soldiers who shot or injured themselves to avoid combat usually were summarily executed, to save the time and money of medical treatment and a court martial'.
  64. ^ Alfred Toppe, Night Combat , Diane, 1998, p. 28, ISBN 978-0-7881-7080-5 .
    «The Wehrmacht and the Soviet Army documented penal battalions tramplers clearing minefields; on 28 December 1942, Wehrmacht forces on the Kerch peninsula observed a Soviet penal battalion running through a minefield, detonating the mines and clearing a path for the Red Army.» .
  65. ^ a b Tolstoj, 1981: Stalin's Directive 227, about the Nazi use of the death penalty and penal units as punishment, ordered Soviet penal battalions established. .
  66. ^ Tolstoj, 1981
  67. ^ The Lesser Terror: Soviet State Security, 1939–1953
  68. ^ ( RU ) ГФ [Krivosheev, GF] Кривошеев, Россия и СССР в войнах XX века: потери вооруженных сил. Статистическое исследование [ Russia and the USSR in the wars of the 20th century: losses of the Armed Forces. A Statistical Study ].
  69. ^ ( RU ) Vadim Erlikman, Poteri narodonaseleniia v XX veke: spravochnik , Moscow, 2004, ISBN 5-93165-107-1 .
  70. ^ Glantz 2005 , pp. 600–2 .
  71. ^ Overmans, 2000: 'It seems entirely plausible, while not provable, that one half of the missing were killed in action, the other half however in fact died in Soviet custody.'.
  72. ^ Overmans, 2000.
  73. ^ Richard Overy, Stalin's Russia, Hitlers Germany .
  74. ^ German-Russian Berlin-Karlhorst museum , in Science , News from Russia, 13 giugno 2003 (archiviato dall' url originale l'11 ottobre 2009) .
  75. ^ Richard Bessel, Germany 1945: From War to Peace , Pocket Books, 2010, pp. 116–18, ISBN 978-1-4165-2619-3 .
  76. ^ Antony Beevor, Berlin .
  77. ^ G. Don Taylor, Introduction to Logistics Engineering , CRC Press, 2010, pp. 1–6.
  78. ^ Steven Zaloga, IS-2 Heavy Tank 1944-73 , Osprey Publishing, 2011, pp. 3–12.
  79. ^ Russel HS Stolfi, Hitler's Panzers East: World War II Reinterpreted , U. of Oklahoma Press, 1993, pp. 161–62.
  80. ^ Scott, 1979, p. 5.
  81. ^ Scott, 1979, p. 12.
  82. ^ Glantz 2005 , p. 717 nota 5 .
  83. ^ HR Knickerbocker, Is Tomorrow Hitler's? 200 Questions on the Battle of Mankind , Reynal & Hitchcock, 1941, p. 93, ISBN 9781417992775 .
  84. ^ Charles Sharp, Soviet Tank, Mechanized, Motorized Divisions and Tank Brigades of 1940–1942 , in Soviet Order of Battle World War II , I: The Deadly Beginning, George Nafziger , 1995, pp. 2-3. Citato in Red army studies , su redarmystudies.net (archiviato dall' url originale il 15 ottobre 2004) .
  85. ^ a b House, 1984, p. 96.
  86. ^ Zaloga, 1984, p. 126.
  87. ^ Glantz, p. 35.
  88. ^ Glantz 1998 , p. 117 .
  89. ^ Glantz 2005 , p. 179 .
  90. ^ Glantz 2005 , p. 189 .
  91. ^ Glantz 2005 , pp. 217–30 .
  92. ^ D. Glantz/J. House, To the gates of Stalingrad , pp. 34-35.
  93. ^ Glantz e House 2010 , p. 273 .
  94. ^ SJ Zaloga-LS Ness, Red Army Handbook , pp. 85-89.
  95. ^ Glantz e House 2010 , p. 272 .
  96. ^ Scott, 1979, p. 13.
  97. ^ ( RU ) флажные мистификации [ The flag Hoax ] , su vexillographia.ru , RU , Vexillographia. URL consultato l'11 settembre 2010 .
  98. ^ Erickson 1962 .
  99. ^ Schofield , pp. 67–70 .
  100. ^ ( EN ) Helen Rappaport, Joseph Stalin: A Biographical Companion , ABC-CLIO, 1° gennaio 1999, ISBN 9781576070840 .
  101. ^ a b c d Merridale, 2007, p. 70
  102. ^ Edwin P. Hoyt. 199 Days: The Battle for Stalingrad (1999) p. 20
  103. ^ Lloyd Clark, The Battle of the Tanks: Kursk, 1943 , Grove/Atlantic, Incorporated, 2011, p. 55, ISBN 9780802195104 .
  104. ^ Eyal Levin, National Resilience During War: Refining the Decision-making Model , Lexington Books, 2012, pp. 259-260, ISBN 9780739174586 .
  105. ^ Ilai Z. Saltzman, Securitizing Balance of Power Theory: A Polymorphic Reconceptualization , Lexington Books, 2012, pp. 85-86, ISBN 9780739170717 .
  106. ^ Allan Bullock,Hitler and Stalin: Parallel Lives , New York, Vintage Books, 1993, p. 489 .
  107. ^ Glantz, 1998, pag. 58
  108. ^ Drew Middleton, HITLER'S RUSSIAN BLUNDER , in New York Times Magazine , 21 giugno 1986, pp. 600-603 (archiviato dall' url originale il 25 gennaio 2018) .
  109. ^ ( LT ) Raudonosios armijos nusikaltimai Lietuvoje: žmogžudystės, prievartavimai, plėšimai , su 15min.lt . URL consultato il 12 agosto 2019 .
  110. ^ Richard Bessel, Germany 1945: From War to Peace , Pocket Books, 2010, pp. 116-118, ISBN 978-1-41652-619-3 .
  111. ^ Antony Beevor, Berlin .
  112. ^ Beevor, Antony, Berlin : the downfall 1945 , 4 ottobre 2007, pp. 326-327, ISBN 9780141032399 , OCLC 1106371018 .
  113. ^ Viktor Suvorov , Inside the Soviet Army ISBN 0-241-10889-6

Bibliografia

  • ( EN ) Alan Bullock, Hitler and Stalin: Parallel Lives , New York, Vintage Books, 1993.
  • ( EN ) John Erickson , The Soviet High Command 1918–41 – A Military-Political History , London, MacMillan, 1962, OCLC 569056 .
  • David M. Glantz e Jonathan House, La Grande guerra patriottica dell'Armata Rossa 1941-1945 , traduzione di G. Maini, M. Pagliano, Libreria Editrice Goriziana, 2010.
  • ( EN ) David M. Glantz, Stumbling Colossus: The Red Army on the Eve of World War , University Press of Kansas, 1998, ISBN 978-0-7006-0879-9 .
  • ( EN ) David M. Glantz, Colossus Reborn , University Press of Kansas, 2005, ISBN 978-0-7006-1353-3 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 164238356 · LCCN ( EN ) n80126258 · GND ( DE ) 130443-4 · NLA ( EN ) 36538496 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80126258